• Nostalgica
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Benvenuto su Lamoneta.it

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

gigetto13

Bisante ossidionale per Cipro

243 risposte in questa discussione
Supporter
8 ore fa, MARKOS SKOU dice:

Goodmorning new arrival with hole but im happy,double struck

lotaki 006.JPG

lotaki 004.JPG

I confirm.

Very interesting piece with double struck.

saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e a questo punto mi posso sbilanciare.

Ultima mia teoria (Fede non ne abbiamo ancora parlato!), che il pezzo di Markos non fa che confermare:

 

1) tutti i pezzi (senza eufemismi) di Bisanti con ribattiture come questa che ho rintracciato portano la sigla I . F, nessuno solo I. Ho anticipato che questo fatto potrebbe essere giustificato dalle estreme condizioni dei Veneziani negli ultimi tempi dell'assedio, quando anche queste ribattute potevano mantenere il loro valore di moneta di necessità così come le prime a Nicosia, quando forse Bragadin voleva solo mettere in mostra la sua autorità.

2) se, come pare ormai evidente e provato al di là di ogni ragionevole dubbio (anche per quanto si può dedurre dal punto 1), che i pezzi con I . F sono stati gli ultimi, come si spiega il fatto che il genio alato della moneta di Markos abbia le ali intatte? --> punzoni sostituiti spesso, e con grande professionalità.

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
9 ore fa, gigetto13 dice:

e a questo punto mi posso sbilanciare.

Ultima mia teoria (Fede non ne abbiamo ancora parlato!), che il pezzo di Markos non fa che confermare:

 

1) tutti i pezzi (senza eufemismi) di Bisanti con ribattiture come questa che ho rintracciato portano la sigla I . F, nessuno solo I. Ho anticipato che questo fatto potrebbe essere giustificato dalle estreme condizioni dei Veneziani negli ultimi tempi dell'assedio, quando anche queste ribattute potevano mantenere il loro valore di moneta di necessità così come le prime a Nicosia, quando forse Bragadin voleva solo mettere in mostra la sua autorità.

2) se, come pare ormai evidente e provato al di là di ogni ragionevole dubbio (anche per quanto si può dedurre dal punto 1), che i pezzi con I . F sono stati gli ultimi, come si spiega il fatto che il genio alato della moneta di Markos abbia le ali intatte? --> punzoni sostituiti spesso, e con grande professionalità.

 

Ciao!

Interessante e certamente condivisibile.

Altra cosa certa (evidenziata più volte) è che, pur essendo una moneta ossidionale, la fattura è molto accurata; ben superiore ad altri pezzi coniati in circostanze simili.

Sappiamo bene che, in generale, le monete ossidionali erano fatte in condizioni disagiate e spesso da persone che non possedevano esperienze specifiche, ovvero avevano capacità "metallurgiche", ma indirizzate in tutt'altri campi. Potevano essere fabbri o maniscalchi; persone che avevano dimestichezza con la trattazione dei metalli, ma che non posedevano particolari capacità incisorie.

Infatti le monete ossidionali che sono arrivate a noi sono per lo più dei semplici tondelli (spesso nemmeno rotondi), sui quali compare un numero che ne determina il valore, una semplice sigla o un nome o un'impronta che determina l'autorità. Non è il caso del bisante.

Il bisante è invece una bella moneta, ben ideata e che non sfigura se accostata ad altre monete dell'epoca fatte per la circolazione ordinaria; certo l'esecuzione denota talora frettolosità ed incertezze, difetti di esecuzione, ma non di progettazione; mali necessari, considerati i frangenti.

Saluti

luciano

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Thank you all for your good words,my friend gigetto13 in few days i send you the details because is celebrate helloween in Greece and im outside now

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

arrivato oggi da Lakatameia (località vicina a Nicosia) il frammento di cucchiaio / forchetta con un bel leoncino di cui vi parlavo pochi giorni fa.

Dubito si potrà capire la sua datazione, in ogni caso arriva direttamente da Cipro e in un certo senso dovrebbe aver fatto parte del "corredo" di qualcuno di importante, dato che la fattura è buona (sono presenti anche dei simboli e decorazioni) e il materiale mi pare a occhio contenere una buona parte di argento, perlomeno dal peso consistente nonostante le dimensioni (meno di 3 cm di lunghezza).

Vi allego una foto del particolare sopra una capasanta mangiata ieri, giusto per ricordare l'idea del mare...

il "rovescio" è liscio.

002.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

domanda: le linee sotto il leone le possiamo considerare come "mare" stilizzato , analogamente ad alcune monete veneziane? mi vengono in mente i ducati in argento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
12 ore fa, gigetto13 dice:

domanda: le linee sotto il leone le possiamo considerare come "mare" stilizzato , analogamente ad alcune monete veneziane? mi vengono in mente i ducati in argento.

Ciao!

Ci può stare ... in quelli la base era divisa tra terra e mare ed il leone aveva le zampe anteriori sulla terra e le posteriori sul mare.

Sul pezzo di posata che hai postato, mi sembra di vedere un sole sopra il leone e delle righe sotto; si potrebbe dire che il leone sta tra cielo e terra.

saluti

luciano

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Per te Luigi ( @gigetto13 ) dalla prossima asta Rauch lotto 3663, peso non indicato.

 

2800450l.jpg

Modificato da mfalier

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grazie Fede! subito in database

bel pezzo con il genio cicciottello e ala rotta... altro punzone? peraltro il punzone del triscele dopo la I è ben evidente. da quanto parte?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
9 ore fa, gigetto13 dice:

grazie Fede! subito in database

bel pezzo con il genio cicciottello e ala rotta... altro punzone? peraltro il punzone del triscele dopo la I è ben evidente. da quanto parte?

Ciao!

Non solo cicciottello, ma anche perpendicolare alle scritte; il più delle volte è un po' inclinato verso sinistra!

Una relazione c'è con il punzone "I" e "IF"; quelli con la "I" hanno più spesso il genio diritto (non sempre però); quelli con "IF" è più spesso inclinato. Uno dei tanti conii differenti?

Piuttosto ho notato che le immagini postate nelle prime discussioni sono ..... evaporate. :o

saluti

luciano

saluti

luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in che senso evaporate?? forse c'era qualche link ad aste ormai passate, non ricordo. se hai bisogno comunque luciano ho la cartella con tutte le immagini raccolte. sull'inclinazione del genio, avevo gia notato il fenomeno anche nel mio lavoretto, sinceramente non ho fatto caso se ci sia una correlazione con I e I F... grazie per lo spunto. ps - ho quasi terminato la traduzione per Pitsillides, grazie anche agli aiuti sui termini tecnici (che non sempre si trovano nei vari traduttori online) da parte degli utenti del forum in una discussione che avevo aperto giorni fa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
8 minuti fa, gigetto13 dice:

in che senso evaporate?? forse c'era qualche link ad aste ormai passate, non ricordo. se hai bisogno comunque luciano ho la cartella con tutte le immagini raccolte. sull'inclinazione del genio, avevo gia notato il fenomeno anche nel mio lavoretto, sinceramente non ho fatto caso se ci sia una correlazione con I e I F... grazie per lo spunto. ps - ho quasi terminato la traduzione per Pitsillides, grazie anche agli aiuti sui termini tecnici (che non sempre si trovano nei vari traduttori online) da parte degli utenti del forum in una discussione che avevo aperto giorni fa.

Evaporate perché non ci sono piu', c'è al loro posto l'icona di una busta che indica la presenza di un allegato che però non c'è piu' ........nessun bisogno comunque, solo constatazione!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

peccato... si vede che avevano una data di scadenza, boh.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cari amici, dopo aver avuto la fortuna di conoscere un altro nostro "collega" collezionista, @Varnavas Nicolaou che abita a Cipro, egli mi ha fatto il regalo di mandarmi le immagini e i dati ponderali dei suoi Bisanti. Mi ha dato il permesso di condividere con voi le foto in particolare di uno dei suoi numerosi pezzi in collezione.

Diciamo che grazie a lui abbiamo ormai la conferma dell'elevato numero di conii di dritto e rovescio che avevo ipotizzato nel mio articolo.

Ora vi propongo tre monete: la sua, quella di una recente asta Varesi, ed una presente nella mia collezione. La particolarità del punzone della E di PRAESIDIO che, perso un trattino, diventa PRAFSIDIO, diciamo che è stata una delle motivazioni che mi hanno spinto a scrivere. Nell'articolo su Panorama Numismatico non avevo ancora avuto modo di approfondire la questione (direttamente legata all'alta variabilità dei conii, per chi si ricorda), così lo faccio ora ringraziando nuovamente il buon Nicolau.

Al di là delle conservazioni differenti, mi pare evidente che tutte e tre provengano dallo stesso conio.

A parte la E diventata F, che non ho trovato in altri pezzi finora, bisogna considerare la distanza dell'1 dal 5 nella data (anch'essa non censita in altri conii), la forma peculiare della coppia di lettere IO di prafsidIO (O "piccola" e vicinissima alla I), la posizione dei due trisceli della data, e molte altre caratteristiche spingono verso questa ipotesi. Certo per i "non addetti" forse queste non sarebbero sufficienti, ma se si considera l'elevatissima variabilità di queste emissioni, anche per soli pochi millimetri, la somiglianza tra le tre è rilevante e rivelante.

Dato il grandissimo numero di conii, possiamo quindi supporre che con una buona probabilità queste tre siano sorelle di conio. Almeno per questo lato della moneta.

 

_6.jpg

11 varesi2.jpg

243.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché il bello arriva con l'altro lato, dove invece le monete ex Varesi e di Nicolau sono compatibili per conio e sovrapponibili (basta vedere le F di FIDFS, la distanza tra i vari punzoni, l'asimmetria tra i due trisceli a lato della I in esergo e la "corpulenza" del genio alato), mentre la mia no. Quindi, un conio per il lato col leone, e almeno due conii per l'altro.

Si deduce (almeno teoreticamente) che la mia, l'ultima delle tre, possa ritenersi di poco precedente per la presenza del punzone E ancora intonso.

_6b.jpg

111varesi.jpg

244.JPG

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
8 ore fa, gigetto13 dice:

Perché il bello arriva con l'altro lato, dove invece le monete ex Varesi e di Nicolau sono compatibili per conio e sovrapponibili (basta vedere le F di FIDFS, la distanza tra i vari punzoni, l'asimmetria tra i due trisceli a lato della I in esergo e la "corpulenza" del genio alato), mentre la mia no. Quindi, un conio per il lato col leone, e almeno due conii per l'altro.

Si deduce (almeno teoreticamente) che la mia, l'ultima delle tre, possa ritenersi di poco precedente per la presenza del punzone E ancora intonso.

_6b.jpg

111varesi.jpg

244.JPG

Ciao!

Assolutamente si; la tua ha un'altro conio.

Non solo per il fatto che la "E" è ancora integra, ma le differenze sono molte; dal genio alato meno inclinato rispetto a quello nelle precedenti; dalla posizione della "I" che è posta proprio sotto la "A" di BISANTE, mentre nelle altre due sta a metà tra la "A" e la "N"; la stessa "I" , nella tua, ha accantonato due bisanti, mentre nelle altre due dei triscele; dallo stesso triscele che è presente nelle prime due e che divide FIDES da INVI sostituito, nella tua, da un bisante e in genere la tua presenta tutta la scritta con lettere più larghe delle due precedenti; questo fa si che la composizione della scritta abbia un allineamento differente.

Non resta che fare uno studio dei conii....

Esercizio difficile considerate le condizioni nelle quali versano queste monete, però stimolante.

saluti

luciano

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dimenticavo quella riportata sul Traina, che vi allego anche se in immagini di bassa risoluzione. Mi pare che i conii siano ben compatibili con le altre monete e, per il solo conio con leone, con la mia.

prafs_traina.jpg

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il ‎21‎/‎03‎/‎2017 at 07:40, 417sonia dice:

Ciao!

Assolutamente si; la tua ha un'altro conio.

Non solo per il fatto che la "E" è ancora integra, ma le differenze sono molte; dal genio alato meno inclinato rispetto a quello nelle precedenti; dalla posizione della "I" che è posta proprio sotto la "A" di BISANTE, mentre nelle altre due sta a metà tra la "A" e la "N"; la stessa "I" , nella tua, ha accantonato due bisanti, mentre nelle altre due dei triscele; dallo stesso triscele che è presente nelle prime due e che divide FIDES da INVI sostituito, nella tua, da un bisante e in genere la tua presenta tutta la scritta con lettere più larghe delle due precedenti; questo fa si che la composizione della scritta abbia un allineamento differente.

Non resta che fare uno studio dei conii....

Esercizio difficile considerate le condizioni nelle quali versano queste monete, però stimolante.

saluti

luciano

Non avevo mai pensato alla curiosa coincidenza tra i bisanti ai lati della I di BISANTE  I del bisante !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?