• Nostalgica
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Benvenuto su Lamoneta.it

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
paolobs

insubri?

buonasera...come vi sembra questa? dovrebbe essere degli insubri, però nell'articolo del Pautasso sul tesoro di Manerbio sembrano più nello stile dei libui

insubri r.png

insubri d.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusami, ma non ho capito

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel senso che ti sei già risposto ,è dei Libui.:)

Ciau.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ok.grazie  mille...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ri-cito parte quanto scritto qualche tempo fa:

Pautasso tipo 7a, Arslaan tipo XVII   (al rovescio simboli <<      --> MA<<A degradato)

Così come è stato detto imitazione cisalpina della dracma massaliota. E' evidente la latenizzazione del dritto oltre che del rovescio dove l'animale non ha nulla a che vedere con il leone originale. Arslaan attribusce il tipo ai Libui Salluvi , Pautasso la attribuisce a Insubri, mentre in uno studio Gorini, che riduce sensibilmente le attribuzioni di Pautasso e Arslaan , la attribuisce in area cenomane. Tipologia del dritto mi sembrerebbe ad "occhi pesti" (come definisce Arslaan) doppia coda del lupo e quindi considerata di conio più antico rispetto alla raffigurazione con coda semplice.

Nel ripostiglio di Manerbio la tipologia ad "occhi pesti" è meno frequente della tipologia cosiddetta ad "occhi aperti" tipo Arslaan XVI.

Caratteristica di questo tipologia è il taglio grezzo del tondello (cesoie?)

PS a quale articolo di Pautasso su Manerbio ti riferisci?

 

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vediamo di fare un po' di chiarezza: l'Arslan nel suo intervento,Gli oboli celtici padani di Garlasco in "Multas per gentes et multa per aequora,Culture antiche in provincia di Pavia:Lomellina,Pavese,Oltrepò."dice:"Un semplice calcolo delle probabilità...indica come fortemente probabile che ci si trovi nell'area di circolazione preponderante(se non esclusiva)dei tipi XVI eXVII, con il cosiddetto"leone lupo",in passato visti come "insubri".Oggi le emissioni "insubri"sono state riconosciute con sicurezza,grazie agli scavi nella città di Milano,che ha restituito un quadro preponderante di moneta con legenda "leponzia"e mai con monete con il "leone lupo",se non in un ripostiglio."

E ancora:  "...siamo infine nell'area di emissione con i ritrovamenti di Garlasco,trattati in questa sede,e con quello di Scaldasole(PV).

Questi ultimi ritrovamenti ci permettono di individuare ... un'area nella quale i tipi XVI e XVII appaiono "locali".Il dato viene ulteriormente confermato dalla definizione ormai sicura dell'area di circolazione della moneta insubre ( attuale Lombardia centrale ) e di quella cenomane ( attuali province di Brescia,Verona,forse Mantova ).

Anche se l'area di circolazione di una specie monetaria può non coincidere con l'area di produzione,la concordanza delle prove,positive ed ex silentio,permette di considerare altamente probabile una emissione dei tipi XVI e XVII, con il "leone lupo",presso uno dei gruppi celtici che occupavano la pianura del Piemonte orientale e la Lombardia occidental attuali,cioe Libici o Libui (attuale vercellese ).Vertamocori (attuale novarese),Laevi e Marici (attuale Lomellina e Pavese ).

Tra tutti i più visibili nelle fonti scritte,appaiono i Libici.

A loro possiamo quindi ,probabilmente,attribuire l'emissione dei tipi XVI e XVII e dei divisionali a loro collegati."

Direi che alla luce di questi dati possiamo definire con sufficiente precisione  sia l'etnico che l'areale della moneta postata da @paolobs

Saluti.

ADELCHI.

Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

9 ore fa, adelchi dice:

Vediamo di fare un po' di chiarezza: l'Arslan nel suo intervento,Gli oboli celtici padani di Garlasco in "Multas per gentes et multa per aequora,Culture antiche in provincia di Pavia:Lomellina,Pavese,Oltrepò."dice:"Un semplice calcolo delle probabilità...indica come fortemente probabile che ci si trovi nell'area di circolazione preponderante(se non esclusiva)dei tipi XVI eXVII, con il cosiddetto"leone lupo",in passato visti come "insubri".Oggi le emissioni "insubri"sono state riconosciute con sicurezza,grazie agli scavi nella città di Milano,che ha restituito un quadro preponderante di moneta con legenda "leponzia"e mai con monete con il "leone lupo",se non in un ripostiglio."

E ancora:  "...siamo infine nell'area di emissione con i ritrovamenti di Garlasco,trattati in questa sede,e con quello di Scaldasole(PV).

Questi ultimi ritrovamenti ci permettono di individuare ... un'area nella quale i tipi XVI e XVII appaiono "locali".Il dato viene ulteriormente confermato dalla definizione ormai sicura dell'area di circolazione della moneta insubre ( attuale Lombardia centrale ) e di quella cenomane ( attuali province di Brescia,Verona,forse Mantova ).

Anche se l'area di circolazione di una specie monetaria può non coincidere con l'area di produzione,la concordanza delle prove,positive ed ex silentio,permette di considerare altamente probabile una emissione dei tipi XVI e XVII, con il "leone lupo",presso uno dei gruppi celtici che occupavano la pianura del Piemonte orientale e la Lombardia occidental attuali,cioe Libici o Libui (attuale vercellese ).Vertamocori (attuale novarese),Laevi e Marici (attuale Lomellina e Pavese ).

Tra tutti i più visibili nelle fonti scritte,appaiono i Libici.

A loro possiamo quindi ,probabilmente,attribuire l'emissione dei tipi XVI e XVII e dei divisionali a loro collegati."

Direi che alla luce di questi dati possiamo definire con sufficiente precisione  sia l'etnico che l'areale della moneta postata da @paolobs

Saluti.

ADELCHI.

Complimenti per l'analisi,  @adelchi

Modificato da King John

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter
9 ore fa, adelchi dice:

Vediamo di fare un po' di chiarezza: l'Arslan nel suo intervento,Gli oboli celtici padani di Garlasco in "Multas per gentes et multa per aequora,Culture antiche in provincia di Pavia:Lomellina,Pavese,Oltrepò."dice:"Un semplice calcolo delle probabilità...indica come fortemente probabile che ci si trovi nell'area di circolazione preponderante(se non esclusiva)dei tipi XVI eXVII, con il cosiddetto"leone lupo",in passato visti come "insubri".Oggi le emissioni "insubri"sono state riconosciute con sicurezza,grazie agli scavi nella città di Milano,che ha restituito un quadro preponderante di moneta con legenda "leponzia"e mai con monete con il "leone lupo",se non in un ripostiglio."

E ancora:  "...siamo infine nell'area di emissione con i ritrovamenti di Garlasco,trattati in questa sede,e con quello di Scaldasole(PV).

Questi ultimi ritrovamenti ci permettono di individuare ... un'area nella quale i tipi XVI e XVII appaiono "locali".Il dato viene ulteriormente confermato dalla definizione ormai sicura dell'area di circolazione della moneta insubre ( attuale Lombardia centrale ) e di quella cenomane ( attuali province di Brescia,Verona,forse Mantova ).

Anche se l'area di circolazione di una specie monetaria può non coincidere con l'area di produzione,la concordanza delle prove,positive ed ex silentio,permette di considerare altamente probabile una emissione dei tipi XVI e XVII, con il "leone lupo",presso uno dei gruppi celtici che occupavano la pianura del Piemonte orientale e la Lombardia occidental attuali,cioe Libici o Libui (attuale vercellese ).Vertamocori (attuale novarese),Laevi e Marici (attuale Lomellina e Pavese ).

Tra tutti i più visibili nelle fonti scritte,appaiono i Libici.

A loro possiamo quindi ,probabilmente,attribuire l'emissione dei tipi XVI e XVII e dei divisionali a loro collegati."

Direi che alla luce di questi dati possiamo definire con sufficiente precisione  sia l'etnico che l'areale della moneta postata da @paolobs

Saluti.

ADELCHI.

Complimenti per l'analisi,  @adelchi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie @King John,ma purtroppo non è farina del mio sacco,io mi sono limitato a riportare parte di uno studio dell'Arslan che a mio avviso era pertinente ed esaustivo riguardo le problematiche sollevate da @paolobs.

Ciao e ancora grazie per l'apprezzamento.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

che bella discussione che ne è scaturita. mi sono schiarito le idee su questa tipologia di moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?