Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

attila650

Vorrei scrivere un manuale sul peso specifico

26 posts in this topic

Salve,

in questa discussione ho fatto un esperimento che mi ha permesso di calcolare il peso specifico di una moneta.

Mi è stato suggerito di scrivere un manuale, io già avevo pensato di fare un tutorial in italiano ed inglese per il mio sito ma mi piacerebbe scrivere anche il manuale,

che ne pensate? può essere utile?

Grazie, alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me può essere utile, soprattutto se redatto stile "come fare per..."

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto è sempre utile !

Saluti,

Giuseppe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si sarebbebbe senz'altro interessante, almeno per gli appassionati dell' argomento.

Si potrebbe fare la anche la pesatura in liquido diverso dall'acqua (ad esempio xilolo)

per evitare l'errore (seppur minimo) della "tensione superficiale" dell' acqua.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà sicuramente utile, se vuoi una mano o pareri io ci sono =)

Saluti

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si potrebbe fare la anche la pesatura in liquido diverso dall'acqua (ad esempio xilolo)

per evitare l'errore (seppur minimo) della "tensione superficiale" dell' acqua.

Quando avevo visitato il monetiere di Firenze c'era appunto una persona che ci raccontò che usava alcool (mi sembra) proprio per il problema della tensione superficiale. Aveva però il problema della rapida evaporazione del liquido ;)

Tra le altre cose utilizzava una bilancina apposita con supporto integrato per la sospensione; al convegno di Parma ne ho anche vista la pubblicità ma non ricordo il nome esatto (sebbene richiamasse Archimede, chissà perché poi :lol:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si posono usare molte soluzioni per fare questa prova, l'ideale sarebbe qualcosa che tenda a essere piu denso ma nn intacchi la moneta, per intenderci un olio che nn unge.

Domani il laboratorio provo con la glicerina, se si sciacqua bene dalle monete con acqua distillita allora non sarebbe male

Saluti

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si posono usare molte soluzioni per fare questa prova, l'ideale sarebbe qualcosa che tenda a essere piu denso ma nn intacchi la moneta, per intenderci un olio che nn unge.

Domani il laboratorio provo con la glicerina, se si sciacqua bene dalle monete con acqua distillita allora non sarebbe male

Saluti

Marco

perfetto, l'uso di un olio è sicuramente preferibile rispetto allo xilolo

questo perchè secondo me l'esperimento dovrebbe essere facilemnte riproducibile e usare materiali che non intaccano la moneta.

La migliore cosa srebbe calcolare per via analitica quanto incide la tensione superficiale e poi magare inserire nel calcolo un parametro correttico che dipende la diametro del recipiente e dal materiale di cui è costituito.

Altro termine da considerare è la temperatura dell'aqua o del liquido che influisce sul peso specifico. 0,05% circa di errore.

Quando hai i risultati postali che uniamo i nostri sforzi :)

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un momento,

ripensandoci bene la tensione superficiale dell'acqua non influisce nella misura assolutamente, questo metodo è una variante del metodo tradizionale proposta da alcuni laboratori, ci sono meno passaggi e meno misure gli errori possono essere ridotti.

Ho già scritto l'articolo

Questo è l'articolo pubblicato sul mio sito che può essere considerato una bozza per il manuiale di LaMoneta

Ho aggihnto alcune considerazioni e aggiunto alcuni calcoli sugli errori.

per la pubblicazione attendo l'esperimento di marco e i suoi risultati.

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la tensione superficiale fa sì che negli interstizi rimanga l'aria direi che influisce ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la tensione superficiale fa sì che negli interstizi rimanga l'aria direi che influisce ;)

Certo, infatti nelle istruzioni indico che "bisogna avere cura che non si formino delle bolle d'aria sotto la moneta" questo è sicuramente molto importante perchè la spinta delle bolle invaliderebbe la misura.

Quella che non influisce è la spinta idrostatice che si genera fra il liquido e le pareti del barattolo.

Attenzione: se non sbaglio stai calcolando la Gravità Specifica, che se usi l'acqua distillata ha lo stesso valore della Densità (gt/cm3)

Se usi un altro liquido, ciò non è più valido.

http://it.wikipedia.org/wiki/Gravit%C3%A0_specifica

http://it.wikipedia.org/wiki/Galileo_Galilei#La_bilancia_idrostatica

Si, infatti quando si usa un'altro liquido è meglio ragionare in termini di densità :)

Grazie della precisazione sarà meglio che metta una nota!

Grazie ragazzi delle vostre osservazioni, citerò tutti nel manuale ovviamente.

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tensione superficiale esiste dove vi è una superficie di separazione tra due o più fasi diverse e,

la sua intensità dipende dalla natura delle fasi a contatto (in particolare la tensione superficiale

quando è riferita a due o più fasi prende il nome di tensione interfacciale).

Alcool etilico - tens. sup. 0,0223

Glicerina - tens. sup. 0,0320

acqua a 0° - tens. sup. 0,0756

acqua a 20° tens. sup. 0,0728

acqua a 60° tens. sup. 0,0589

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tensione superficiale esiste dove vi è una superficie di separazione tra due o più fasi diverse e,

la sua intensità dipende dalla natura delle fasi a contatto (in particolare la tensione superficiale

quando è riferita a due o più fasi prende il nome di tensione interfacciale).

Alcool etilico - tens. sup. 0,0223

Glicerina - tens. sup. 0,0320

acqua a 0° - tens. sup. 0,0756

acqua a 20° tens. sup. 0,0728

acqua a 60° tens. sup. 0,0589

Infatti :rolleyes:

In questo caso ci è di grande aiuto la forma della moneta che è cilindrica.

La tensione superficiale che è una forza specifica lineare agisce su tutte le faccie della moneta e quindi genera delle forze esattamente contrapposte (a parità di temperatura e di rugosità)

certo la moneta ha dei rilievi differenti sulle faccie ma insomma..... la superfice coperta dalle due faccie è praticamente la solita!!!

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si posono usare molte soluzioni per fare questa prova, l'ideale sarebbe qualcosa che tenda a essere piu denso ma nn intacchi la moneta, per intenderci un olio che nn unge.

Domani il laboratorio provo con la glicerina, se si sciacqua bene dalle monete con acqua distillita allora non sarebbe male

Saluti

Marco

Hai provato?

;)

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti,

ho appena postato il manuale, vediamo cosa ne pensano i ragazzi dello staff. :lol:

Spero di aver citato tutti (Marco B non è stato messo dato che non sono più riuscito ad avere da lui alcuna notizia)

Volevo ringraziarvi per il vostro prezioso supporto, :rolleyes:

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho appena postato il manuale

Scusa, dove posso trovarlo?

Mi sembra molto interessante quello che hai fatto e vorrei provarlo anch'io quando avrò un po' di tempo libero magari dopo l'esame di maturità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In sezione articoli, appena approvato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

In sezione articoli, appena approvato ;)

Trovato, grazie ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi scuso ma ero a praga . . . e con gli aeri in questi giorni è stato davvero un casino.

Cmq i miei esperimeni non sono andati piu oltre la glicerina che ha ottenuto buoni risultati su pearecchi materiali tranne che sull'argento.

Saluti

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

mino male che ci sei (Ho aggiunto l tuo nome alla lista dei collaboratori).!

le tue informazioni sono molto interessanti.

Io ho fatto altre prove trovando che la difficoltà maggiore sta nel far andare via tutte le bolle anche quelle più piccole da sotto la moneta.

Risultati migliori li ottengo tenendo immerso un piattino, tarndo e immergendo una moneta sopra questo.

Tu che difficoltà hai avuto?

In ogni caso amplierò il testo con altre considerazioni sulla precisione.

Nell'immagine che vedete qua sotto ho fatto il test con degli aquilotti e simo veramente al limite se usiamo una bilancia di precisione 0,01, se voglio misurare il peso specifico di uno zecchino o di un denaro romano devo usare una bilancia con passo 0,001 per avere buoni risultati.

Alessandro

post-3782-1271943152,56_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per evitare le bolliccine sui bordi se usci un fluido molto viscoso basta che avvini il contenitore, ovvero metti un po di fluido nell recipiente e lo fai passare bene su tutte le pareti in questo modo elimini quasi del tutto la formazione di bollicine.

Saluti

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma cambil la gravità specifica del liquido nel quale immergo la moneta, questo è un valore che dovrei avere con precisione assoluta....

Potrei pesare i due liquidi e mischiarli poi.. diventa diffioltoso, ma tu lavori in un laboratorio?

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io uso il laboratorio della mia scuola xD . . . cmq usa un solo liquido !!!

Saluti

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti,

ho aggiornato il manuale con alcune considerazioni sulla precisione della bilancia in relazione alle monete da pesare.

per chi avesse scaricato il manuale consiglio di scaricare questa versione aggiornata.

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites