Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Tutte le attività

Questo elenco si aggiorna automaticamente     

  1. Ultima ora
  2. Corbiniano

    Che moneta e'?

    Grazie a te e a @fablau!
  3. eccomi!!!! allora, vado per ordine.... il medaglione d'argento è stato oggetto di numerosi articoli, e dovrei ricostruire la bibliografia, ma su lamoneta si trova tutto, comunque il mio personale parere, dato qua tra amici, è che ci siano punti sospetti come sostiene qualcuno... non ne ho mai avuto in mano uno e a definirlo un falso sarei pretenzioso, ma di certo chi ha sollevato alcune questioni, non lo ha fatto a mio avviso a sproposito....diciamo...non tutto torna... o almeno i dubbi sono leciti... il medaglione d'oro racchiudeva molte significatività, il volto frontale, la vittoria che lo precede e lo guida, insomma, uno spot in piena regola.... e poi...cosa cambia nella rappresentazione... io vedo il tardoantico come un mondo di continuità, fatto di piccole rotture... i bizantini come sappiamo si chiamavano "romani"... e già questo ci parla di una rottura "inventata" dalla storiografia moderna già nei termini.... l'imperatore non era certamente più l'uomo con il quale potevi aver combattuto sul campo di battaglia, come furono Massimino il Trace o molti altri, ma era ormai una figura ieratica che doveva apparire lontana e immersa in un aura "distante"...volutamente questo non avvenne in un lustro, ricordiamo che in Aureliano si legge già "dominus et deus" ... insomma, fu un cammino così come un "cammino" è quello dell'arte nell'esprimere i volti... dire "non erano più in grado" è riduttivo.... quando faccio qualche seminario presento sempre un'immagine di un bell'aureo di Pertinace, poi un solido di VIII secolo... e spiego che dire che gli incisori non erano più in grado di rendere quella forza espressiva, è come dire che Picasso dipinse Guernica perché non era più in grado di dipingere come Caravaggio... il simbolo del potere e il modo in cui il popolo lo recepisce, cambia nel tempo.... inoltre... il messaggio di questo medaglione era di certo rivolto a pochi "eletti", capaci di leggere un messaggio diverso ancora... qua il messaggio non era "di massa" , ma "d'elite"...per forza.... quel volto di Giustiniano sarà poi ripreso da Costantino IV e in parte da Tiberio III questo retro è ispirato a molte monete del passato, anche "vili" come gli ae4 di Teodosio II che dire della legenda al retro... quasi "scontata e banale" nel suo essere in continuità nel grande collo del busto forse c'è anche una reminiscenza di Costantino I...perché no... insomma... io vedo sempre continuità, e piccoli balzi saltuari, raramente vere rotture, che sono proprie della storiografia più che della storia... ovviamente parliamo di un parere strettamente personale... saluti Alain
  4. sandokan

    Che moneta e'?

    Che sia brutta quella mensola con i relativi pendenti non ci piove. Poiché è ingombrante e ben evidente e gli stemmi comunali in genere tendono ad essere stilizzati, semplici (o semplificati), pensavo dovesse avere un qualche significato. Grazie, alla prossima !
  5. buonasera, ho comprato questa moneta un pò di tempo fa ma il venditore non sapeva nazione di provenienza ma diceva che la fattura è medievale. qualcuno mi aiuta a capirci qualcosa? grazie
  6. eracle62

    Vassoi Alberto zecchi

    Mah..tutta questa smania del super velluto delle super ditte.. Una volta i medaglieri e io ne ho visto qualcuno non avevano bisogno di nulla..e i tondelli sono arrivato a noi con delle patina straordinarie.. Io studio patina da quarant'anni e i tondelli che hanno accompagnato me i i miei avi, non hanno avuto bisogno di tutte queste raffinatezze... Risultati? Patine meravigliose.... Legno..anni..il resto il tempo dipingerà il tondello nel modo piu sempmice e naturale come sempre è stato e come sempre sarà..
  7. gigetto13

    Peso nominale ducato d'oro

    vi amo...
  8. Oggi
  9. Quel matto di @gennydbmoney, addirittura si è messo a contare gli acini, nel grappolo d'una del 4 cavalli....e @Rocco68 il fogliame nel 5 Tornesi di Ferdinando IV.... Che passione ragazzi !!
  10. Andreas

    Peso nominale ducato d'oro

    Gent.mi @malikakamil e @fabry malikakamil: no, non preoccuparti, non me la sono presa per niente, figurati. Era evidente che la tua era una facezia. Poi un sito di discussione o è un sito di discussione 'libera', dove tutto è ammesso (se non contiene offese dirette e chiaramente rivolte ad un persona specifica), o non è. Ci mancherebbe che anche nei forum 'tutti' fossero obbligati a dire cose assolutamente corrette e documentate, sai che ...., ehm, che noia. Non sarei neppure intervenuto, in verità, se in quella tua battuta ironica su chi non ha controllato quel dato non mi fosse sembrato di cogliere una generica sfiducia sui risultati che la ricerca scientifica in campo umanistico può raggiungere, al punto da dover essere sempre puntigliosaente controllata. Non è così, quando un autore si occupa di un argomento, che so la circolazione monetaria in Emilia o in Toscana, è normale che per la cronologia di una zecca che non ha studiato direttamente, magari Genova, si affidi ad un testo riconosciuto da tutti come degno di fiducia (oppure dallo stesso autore riconosciuto come il migliore, ma in quel caso deve essere lui stesso sufficientemente esperto di quella monetazione), senza controllarne ogni singolo punto (hai idea quanti anni ci vorrebbero a controllare tutte le novità proposte da Stahl? Più o meno quanti ne ha impiegati lui per prepararlo). E' chiaro che un eventuale refuso in queste condizioni rischia di essere ribadito molte volte, senza che si possa imputare alcuna colpa a chi lo ha ribadito. Ci pensaranno eventualmente gli esperti di quella specifica monetazione, nelle recensioni o nei contributi successivi, a rilevarlo, se no le recensioni a cosa servirebbero? Sul libro di Stahl ne conosco varie (una anche mia sulla Rivista Italiana di Numismatica del 2003, ma mi pare che in nessuna sia stata solevata la questione del peso del ducato). E' proprio questa fiducia in ciò che fanno altri autori, questa lenta integrazione, l'affermarsi di un dibattito che comunque tiene sempre conto di ciò che di buono è stato scritto prima, che consentono ad una disciplina umanistica (che purtroppo non può godere della prova sperimentale) di crescere e consolidarsi, e di far sì, per rimanere nel nostro campo, che la numismatica di oggi sia incommensurabilmente più ricca di certezze che non quella di un secolo fa. E' un argomento a cui sono piuttosto sensibile, perché ho l'impressione che l'attuale fase di notevole allargamento della ricerca numismatica anche al di fuori dal settore accademico (cosa normalissima fuori dall'Europa, da decenni), possa trovare pesante ostacolo anche nelle nette prese di posizione di certi homines novi (ne potrei citare alcuni ) contro tutto ciò che è stato fatto in precedenza. Sarebbe un peccato, sinceramente, perché ci farebbe perdere una ottima occasione di crescere insieme. Così quando sento questo sento di sfiducia, mi scappa il ditino sulla tastiera, magari del tutto a sproposito, come in questo caso. fabry: grazie della precisazione. Per il resto è evidente che Stahl ha commesso un errore, cioè, forse è partito con un' ipotesi immaginando di documentarla più tardi, e quando è arrivato al 'più tardi' non se lo è più ricordato, ed ha ribadito il dato del Papadopoli. Vi assicuro che succede, anche a studiosi eccezionali come lui. L'idea che quel valore di 3,545 si riferisse al documento riportato in Lane Mueller, che darebbe un valore di 3,546 era venuta a me leggendo il suo testo, ma non so se fosse l'ipotesi sua (a meno che ne abbiamo parlato, ed io mi sia poi dimenticato che me lo aveva detto lui. Cosa possibilissima, visto che io avuto le oltre duemila cartelle dattiloscritte del suo libro - allora il peso dei bagagli non influiva sul costo dei voli - in anteprima nel 1996, quando mi invitò a New York per un seminario, e dopo ovviamente ne abbiamo discusso). Il problema in ogni caso non è questo, è che non si dovrebbero usare cifre così precise, rispetto ai dati pondometrici, a meno che non si premetta la frasetta usuale: qui viene convenzionalemente accettato il valore di 238,5 g per la marca di Venezia (immagino che Stahl lo abbia fatto, ma non saprei dire dove). Cordiali saluti, Andreas
  11. saturnus83

    Aiuto id monetina

    Eh si sembra proprio lei! Hai un riferimento su catalogo RIC col quale poterli identificare? Grazie mille.
  12. Lifonzo

    Collezione Euro PROOF

    Colleziona come vuoi cosa vuoi e conservale come ti pare, l'importante e che appaghi il tuo animo. Se l'appagamento dell'animo comporta anche chiedere informazione senza impegno di precisione, posso risponderti così Le mie proof le tengo nella confezione originale e nei momenti di relax le apro e me le ammiro, sono proprio belle e tralasciando l'aspetto tecnico e artistico alcune rappresentano qualcosa di estremamente personale. Le divisionali non le conservo in album ma in contenitori da riporre in cassetti, altrimenti mi tocca comprare una libreria nuova e lo spazio non ci sarebbe. Per quanto riguarda le circolate ognuno le colleziona secondo propri parametri, certo se mi capita un 2 euro portogallo 2004 , 2005 o 2006 non le spendo perchè sono proprio difficili da trovare e rivederle sarebbe forse improbabile, qui subentra il gioco la curiosità del bambino presente in noi più che aspetti tecnico/artistici.
  13. Lifonzo

    Osservatorio Rarità

    Taglio: 20 Centesimi Paese: Italia Anno: 2017 Tiratura: 5.000.000 condizioni: BB Città: Torino
  14. Lifonzo

    Osservatorio Rarità

    Taglio: 2 euro CC Paese: Germania D Anno: 2012 Tiratura: 6.300.000 condizioni: SPL Città: Brunico (BZ)
  15. adelchi

    Arco di Augusto a Susa

    Consiglio la visione,soprattutto la parte conclusiva relativa alle ricostruzioni di Francesco Corni.
  16. babelone

    Secondo voi, è buona?

    in questa foto modificata, si nota meglio la corrosione dovuta in parte anche alla pulitura
  17. fabry61

    Peso nominale ducato d'oro

    Ed in special modo divertendoci, caro Giuseppe
  18. Malikalkamil

    Peso nominale ducato d'oro

    Ecco, è esattamente questo che volevo sottolineare con la mia facezia sull'emofilia della regina Vittoria (il clima estivo mi mette di buonumore). Del resto "quandoque bonus dormitat Homerus" (riferito alla discrepanza nello Stahl). Lungi da me mettere in discussione la serietà di un'analisi piuttosto che di un'altra, sono qui per imparare!
  19. babelone

    Secondo voi, è buona?

    Questa, è cristallizzazione e pulitura dagli ossidi e non fusione, le bolle di fusione non affogano mai nei piani Ho chiesto foto migliori a @grignolino proprio per far notare questo, comunque, in attesa allego questa, più avanti magari spiegherò quale può essere l' origine di questa moneta
  20. nerolupo

    probabile acquisto

    Buonasera , 30-35 euro
  21. Si è scritto, anche io: [...] l'abbondanza nell'atto di spargere monete .... se ne contano otto; ma devo essere sincero, non mi sono mai applicato a contarle su tutti gli esemplari ..... non voglio sminuire, figuriamoci, gli studiosi e/o i collezionisti di Piastre di Ferdinando II, ma credo che l'operazione di contare i dettagli sulle monete, ove ritenuti validi per eleggerli a varianti importanti, si dovrebbe applicare a tutta la monetazione borbonica. La mia è solo una considerazione, e forse un incentivo in più a mettere sotto la lente, un pò tutta la monetazione, e non solo le Piastre di Ferdinando II.
  22. gpittini

    Tetrico II - PRINCIPI IVVENT

    DE GREGE EPICURI Come già detto da @Legio II Italica, credo anch'io che debba esserci una ragione particolare all'origine di questa emissione. Nel Regno Gallico, non mi pare esistano altri bronzi con ritratto frontale (e di eccezionale qualità!) mentre si trovano degli aurei, e forse anche qualche raro denario di Postumo. P.S.Ho cercato un po', ma non ho trovato nè aurei nè denari: eppure, mi pareva proprio...
  23. Integro questa bellissima e sempre all'avanguardia discussione con qualche moneta di Carlo di Borbone.....forse un pò trascurato, o perchè pochi collezionisti ne hanno. Ma mi preme ricordare che senza Carlo, e i suoi ufficiali in zecca, tutta la sequenza delle monete della zecca di Napoli, da lui in poi, non sarebbe mai esistita. Conio isolato del mezzo carlino del 1759: lettere C e C del mastro di zecca Cesare Coppola. Rif. Magliocca 160
  24. Corbiniano

    Che moneta e'?

    Caro @sandokan, mi pare che fra questi due "basamenti" non si possano trovare rapporti diretti. Quello del disegno è un genericissimo ornamento all'antica, estremamente schematico e piuttosto arzigogolato (oserei dire brutto, almeno a mio gusto...). Quello del tondello è invece ben nitido, una porzione di ruota dentata. Del resto, nel 1874, l'idea del progresso e della modernità trovava facile espressione proprio negli ingranaggi, raffigurati interi o in sezioni: una moda che si protrarrà nei decenni seguenti, e che porterà fra l'altro alla ruota dentata (intera) che è alla base dell'emblema della Repubblica Italiana. Nel merito del tondello con lo stemma che al 99,9% è di Vigone, non mi è riuscito di trovare nulla che ci aiuti a motivare la data e la ruota dentata. Nè un'industria locale, nè un'inaugurazione di un bene pubblico, nè altro di simile... ...ho solo trovato che in quegli anni diversi comuni fra Torino e Cuneo vennero fatti oggetto di studi e lavori a soggetto ferroviario: in particolare, nel 1873 venne pubblicato un opuscolo inerente a un tratto di un'ipotizzata ferrovia Torino-Marsiglia che sarebbe passata da Dronero e da Saluzzo (quindi su un percorso che andando a Torino poteva forse passare per Vigone), mentre nel 1874 entrò in funzione almeno una tratta incentrata sulla non lontana cittadina di Bra. Magari il tondello è estraneo a tutto ciò. Ma una ruota dentata di grandi dimensioni, della quale la porzione coniata nel tondello fa parte, mi sembra un eccellente geroglifico a indicare ferrovie, locomitive, e simili.
  25. Meleto

    Osservatorio Rarità

    Taglio: 1€ Nazione: Malta Anno: 2017 Tiratura: ?? solo in divisionale (?) Condizioni: qSPL Città: Cava Manara (PV) Non sono riuscito a trovare la tiratura di questa moneta.. secondo molti siti è disponibile solo in divisionale ma mi viene qualche dubbio.. che voi sappiate qual è l'esatta tiratura?
  26. gpittini

    Neonata collezione e criteri base

    DE GREGE EPICURI Anch'io in passato ho collezionato monete repubblicane, e per un discreto periodo di tempo. Però non sono ordinato come te, e probabilmente avevo una eccessiva "ingordigia" numismatica, per cui non mi sono mai limitato alle repubblicane; inoltre ho accumulato molto materiale, anche di qualità abbastanza scadente. C'è da dire che, specie per i bronzi, trovare esemplari BB è a volte impossibile o troppo costoso; a me i bronzi interessavano particolarmente, e quindi a volte ho chiuso gli occhi sulla qualità. Devo dire che, maneggiando molte monete, e ovviamente leggendo almeno quanto basta, ci si fa l'occhio, e si acquista notevole esperienza. A parte il Crawford, mi sono serviti lo Zehnacker, anche se sicuramente è superato per moltissimi aspetti, e il volume di G.Belloni sulla collezione di monete repubblicane del Comune di Milano. Aggiungo: in Italia oggi non mi pare che, fra i commercianti, siano molti gli esperti in monetazione repubblicana. Ho trovato invece molto utili il sito ed i lavori di Andrew Mc Cabe.
  27. simonesrt

    Secondo voi, è buona?

    Non penso ci sia alcun problema ad indicare il nome
  1. Mostra più attività

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×