Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 09/14/2019 in all areas

  1. Ogni tanto torno per farvi vedere qualche nuovo acquisto...oggi vi presento il mio primo Scudo collo lungo, per le foto già sapete [emoji23].
  2. Buonasera a tutti, visto che in questa sezione vengono postate generalmente monete della zecca di Napoli stasera voglio fare un'omaggio agli amici Siciliani postando un bel (almeno per me) 30 tarì del 1785, moneta dal grande fascino, ammetto di esserne rimasto colpito quando l'ho avuta in mano, è veramente una moneta maestosa... Nonostante le debolezze, i graffi e le evidenti tracce di circolazione credo sia un esemplare di tutto rispetto... Secondo me siamo oltre il BB, voi cosa ne pensate?
  3. Trovo molto particolare la storia di questo statere coniato nel 453-448 a.C. nella Sibari rifondata per la seconda volta. In particolare credo che sia semplicemente geniale l'espediente di celebrare tre diverse poleis per mezzo di tre diverse immagini riportate su una stessa moneta... https://www.academia.edu/38342474/F._De_Luca_Lo_statere_della_rifondazione_in_Il_Gazzettino_di_Quelli_del_Cordusio_Milano_Gennaio_2019_pagg.47-54
  4. Buon giorno. Volevo segnalare il prossimo IV^ convegno filatelico-numismatico di Venezia-Mestre nel giorno 19 ottobre p.v. dalle ore 9.00 alle 18.00 nella consueta collocazione del Novotel di Mestre, immediatamente adiacente all'uscita Castellana della Tangenziale di Mestre. Rispetto alle scorse edizioni io, con gli altri organizzatori (Circolo Numismatico di Padova e Circolo Filatelico Numismatico di Noale), abbiamo voluto abbinare una sessione culturale-divulgativa, incentrata sulla numismatica e sulla cartamoneta, per quest'anno, e che vede la partecipazione anche di cattedratici universitari, oltre che di appassionati (tra cui l'amico Alessio Busseni) e commercianti. Non nascondo la mia soddisfazione nel vedere che tante persone hanno dato l'adesione a questa sessione. Io ci sto mettendo tanta passione, impegno, risorse, pur se nelle difficoltà, oggettive, di questo tipo di manifestazioni, che non sto qui ad evidenziare. La rinnovata speranza è che il pubblico, Voi tutti, diate incentivo alla manifestazione, con la vostra partecipata presenza. Io, al di là di qualsiasi commento che c'è stato, anche su questo forum, ho la ferma intenzione ad andare avanti, convinto che la numismatica, il collezionismo in generale sia soprattutto questo, condivisa partecipazione personale, conoscenza, contatti, frequentazione, scambi di opinioni. E, perché no, anche piacevole convivialità attorno ad una tavola. Allego a tal proposito locandina dell'evento. Buona giornata. Stefano Palma (alias Sivis) 4^ConvVE_LocandinaWEB72_190924R0.pdf
  5. Salve a tutti ragazzi attendo pareri su questa 1795. Entrata in collezione qualche annetto fà. Attendo pareri.
  6. savoiardo

    stimamoneta

    Io non voglio sapere... Questa non è la sezione giusta per chiedere una identificazione! Oltretutto mancano i dati della moneta, il peso, il diametro... Solo perché amo le sabaude posso dirti cosa è, un viennese di Ludovico d'Acacia, adesso però non chiedere il valore... vai a studiarti qualcosa sulla storia di questa moneta...
  7. Ma vi siete resi conto che questo lunghissimo thread è composto da quasi 3.600 posts e che contiene una carrellata straordinaria di foto di monete spesso rarissime e in alta conservazione che probabilmente nessuna pubblicazione anche quelle specializzate riuscirebbe mai a mettere insieme?? Questa è la forza di tutti noi e la potenza del Forum, che consente questi incredibili risultati. Mi si consenta di invitare tutti, neofiti e non, appassionati di monete napoletane e non, arrivo a dire numismatici e non, a leggerla, magari un po’ ogni sera. Non ve ne pentirete 👌
  8. Carissimi tutti Con piacere vi posto l'ultimo pezzo entrato in collezione : come da titolo si tratta di un soldino del 1577. Moneta comune ma difficile da trovare in buona conservazione
  9. Buon pomeriggio a tutti, oggi posto un bellissimo, almeno per me, Tarì di Ferdinando IV anno 1796 Collezione Litra68, vi riporto alcune note storiche che riguardano proprio Ferdinando IV e avvenimenti del 1796 che interessarono tutta la penisola e parte dell'Europa di allora. Fonte come al solito Web. Si parte con le operazioni militari degli anni 1796-97 da parte di Napoleone e l'esercito Napoletano, e cenni riguardo alla stesura del Diario segreto di Ferdinando IV e uno spaccato delle sue vicissitudini proprio in quel trambusto storico. Buona lettura. La campagna d'Italia del 1796-1797 fu la serie d'operazioni militari guidate da Napoleone Bonaparte alla testa dell'Armata d'Italia durante la guerra della prima coalizione combattuta dalla Francia rivoluzionaria contro le potenze monarchiche europee dell'Antico regime, nello specifico rappresentate dal Regno di Sardegna, dal Sacro Romano Impero e dallo Stato Pontificio. Il generale Bonaparte dimostrò per la prima volta le sue grandi capacità di stratega e di condottiero raggiungendo, nonostante la limitatezza dei suoi mezzi, una serie di brillanti vittorie che consentirono di instaurare il dominio francese su gran parte dell'Italia settentrionale e centrale. Il generale ottenne grande prestigio e una vasta popolarità, esercitando autonomamente l'autorità sul territorio conquistato e organizzando una serie di stati strettamente collegati alla Francia. Dopo aver agito spesso in contrasto con le direttive del Direttorio, il generale Bonaparte concluse vittoriosamente la campagna firmando personalmente il trattato di Campoformio, che sancì la sconfitta dell'Impero d'Austria e della prima coalizione e confermò la predominante influenza francese in Italia, specie sulle elites peninsulari. Lo stesso giorno in cui diventò comandante dell'armata d'Italia, il 27 marzo 1796, Napoleone convocò al suo quartier generale, per mezzo del capo di stato maggiore Louis Alexandre Berthier, i tre più anziani generali di divisione per impartire loro gli ordini circa l'imminente campagna. Si presentarono Jean Mathieu Philibert Sérurier, Pierre François Charles Augereau ed Andrea Massena, personaggi destinati ad avere un importante ruolo nella campagna d'Italia. Alla riunione erano presenti anche l'aiutante di campo Gioacchino Murat, il maggiore Jean-Andoche Junot, il fratello di Napoleone Luigi Bonaparte e Auguste Marmont.Venne annunciata come data di inizio delle operazioni il 15 aprile, in quello che per il ministero della guerra a Parigi era un fronte secondario rispetto a quello del Reno, vera colonna portante dell'avanzata verso l'obiettivo ultimo, Vienna. Gli eserciti del Regno di Napoli Con lo scoppio della Rivoluzione Francese e le relative conseguenze, grandi cambiamenti avvennero in seno alle armate napoletane. Avendo il governo del regno aderito alla Prima Coalizione contro la Francia, ben 6 mila soldati napoletani parteciparono, insieme a quelli piemontesi, all’occupazione di Tolone, al fianco delle forze inglesi. La città fu successivamente liberata dai Francesi. Proprio nel marzo 1796 - due mesi prima che Ferdinando cominciasse a scrivere il suo Diario - Napoleone intraprese la campagna Durante la Campagna d’Italia del 1796, ben quattro reggimenti di cavalleria napoletani, denominati "Re", "Regina" "Principe" e “Napoli”, per una forza totale di circa duemila uomini agli ordini del generale Alessandro Filangieri, compirono gesta tali da attirare le attenzioni dello stesso Napoleone che li definì i “Diavoli Bianchi". In particolare, il 10 maggio del 1796, i suddetti reggimenti riuscirono a coprire la ritirata delle armate austriache dopo la sconfitta subita nella Battaglia di Lodi. Diario Segreto di Ferdinando IV. Proprio nel marzo 1796 - due mesi prima che Ferdinando cominciasse a scrivere il suo Diario - Napoleone intraprese la campagna d'Italia. Il regno di Napoli - oscillante tra velleitari propositi di offesa e disperati rimedi di difesa - si arma, provvede alla leva, raduna volontari. Ferdinando si reca in Terra di Lavoro ed in Abruzzo ad ispezionare, talvolta con la moglie, gli accantonamenti delle truppe ed i preparativi bellici; ma nello stesso tempo cerca la pace con Napoleone. Quando questa sarà faticosamente conclusa, il sovrano potrà occuparsi quasi esclusivamente della caccia e della pesca, di S. Leucio e di altri svaghi, tutte cose del resto alle quali non rinunzia neppure nei momenti più gravi. E potrà anche recarsi in Puglia per il matrimonio del primogenito Francesco, percorrendo in largo ed in lungo per qualche mese quella contrada. Ma l'occupazione francese di Roma torna a turbare la tranquillità del Re; finché si arriva alla breve ed ingloriosa campagna di Roma del 1798, alla facile rotta dell'armata napoletana, alla fuga dello stesso Ferdinando da Roma a Napoli e poi da Napoli a Palermo. Scusate per le foto non perfette, la moneta è molto più bella dal vivo. 😊 Saluti Alberto
  10. Ciao a tutti ecco il mio nuovo acquisto😊 spero vi piaccia 😄 emozionante poco più grande di un rivetto e storicamente importante. un saluto 🤗
  11. No, nessuna circolazione. Della più grande rarità. Pur essendo stato coniato a Roma, fa comunque parte della monetazione del re lazzarone. Allego foto tratta dalla loro vendita: asta nac 16, collezione pannuti, Zurigo, 28 e 29 Ottobre 1999.
  12. dux-sab

    guanti per monete?

    io uso i guanti da pilota, quelli con le dita tagliate.
  13. Ecco le brutte foto fatte da me...😱😱😱
  14. Discussione per me interessantissima, rimpiango di non aver sottomano la mia collezione per potervi mostrare i miei X reales rispettivamente di Filippo II (Piras 119) e di Filippo IV (Piras 146). Ogni volta che li metto a confronto mi sembra di vedere una lezione di storia sulla decadenza della Spagna/Sardegna in quel periodo, in quanto il pezzo di Filippo IV è un maltagliato particolarmente rozzo e "tosato"... eppure sono più affezionato a quest'ultimo forse perché la acquistai tanti anni fa al mercatino delle pulci di Nuoro. Appena potrò condividerò le loro foto, anche perché l'esemplare di Filippo II presenta sul ritratto una corrosione per me particolare... Saluti
  15. Il sedere rotondo e la zampa anteriore sinistra poggiata a terra non costituiscono parametri significativi per un giudizio. In ogni caso da fotografia l'aspetto generale del metallo non mi esalta e non la prenderei. Tuttavia non posso escludere che sia autentica. Non sono dello stesso conioma lo stile del toro è coerente. Dal British Museum:
  16. alcune immagini prese dalla rete del comune.
  17. Buonasera a tutti, direttamente dal convegno di Bologna di oggi 05/10/2019... Come la classifichiamo?...
  18. Archivio

    La Nostra Raccolta, cosa ne sarà ?

    Più che essere preoccupato a chi andrà la mia collezione penso a trasmettere e condividere la passione adesso che sono in vita. Le monete sono solo oggetti da cui è meglio mantenere un certo distacco affettivo, badando bene di non dare loro la precedenza sugli individui. Quel che conta è usarle come strumento di condivisone tra le persone. Una volta deceduto le monete passeranno a chi avrò trasmesso la passione altrimenti poco male.
  19. lorluke

    Scarica la tensione numismatica...

    Cerco allora di aggiungere anch'io un personaggio a questo universo fantastico. Premetto che, purtroppo, non sono riuscito mettere l'immagine "fake" per il profilo... Mi sarebbe piaciuta mettere la seguente. Spero che, in qualche modo, @nikita_ potrà sistemarla quando farà un sunto totale di tutti i nostri amati personaggioni 👍 Parto ora con la descrizione Renata@Sfortunata Di professione tabaccaia, maneggia tutti i giorni una serie di monetine e spiccioli e ogni tanto le capita di trovare qualcosa di "curioso" (solo per lei, ovviamente). Siccome ha sentito da Facebook e da altri siti "altamente specializzati" in materia che esistono degli euro che valgono una fortuna, pensa sempre di aver trovato un tesoro che possa dare una svolta alla propria vita. Purtroppo, però, la botta di c... non arriva mai ma lei non demorde! La speranza è l'ultima a morire ed è sicura che un giorno le pioverà in mano la moneta tanto desiderata. Forza Renata, siamo tutti con te!!! 😂
  20. Salute una nuova pubblicazione da parte di Edizioni D'ANDREA: KALKAS Rivista sulla Preistoria, Storia, Archeologia, Numismatica, Storia dell'Arte,Scienze del Paesaggio, Storia Agraria e Forestale del Gargano e del Mezzogiorno d'Italia. Rivista annuale. Disponibile presso: - EDIZIONI D'ANDREA sas mail: info@edizionidandrea.it Per coloro che andranno a Bologna: Stand HATRIA NUMISMATICA Convegno Numismatico di Bologna 4 e 5 ottobre 2019 Salutoni odjob
  21. Per tranquillità di tutti i nipoti d'Italia, devo dire che la mia esperienza su questo Forum mi dice che negli armadi e nei cassetti dei nonni non so perché ma si trovano quasi sempre monete false o riproduzioni. Mah ! HIRPINI
  22. Riguardo agli assi dei coni, ti confermo che Venezia adottò quelli incavigliati per la coniazione dei grossi "Matapan" e dei ducati d'oro fino alla metà del XIV secolo, poi proseguì la coniazione con conii semplici o liberi. Esempio di conio semplice (a) e incavigliato (b) Altro tipo di conio incavigliato (c)
  23. Questa è autentica 1902  Regno d'Italia - Vittorio Emanuele III° - 25 Centesimi in nickel
  24. 3) Belgio - 10 cent 1902 Colgo l'occasione per lodare l'iniziativa di queste discussioni che a mio avviso han grande ricchezza proprio nell'occasione di vedere un gran numero di monete diverse omogeneamente e perfettamente inquadrate nel loro periodo storico a cui a mio avviso sono sempre profondamente avvinte. Della numismatica apprezzo molto soprattutto la Storia e queste discussioni col loro succedersi di anni e monete secondo me ne valorizzano al massimo proprio questo aspetto riportando ogni moneta al suo periodo storico esatto.
  25. @Vincenzo 1974 Mi scusi se mi intrometto in fatti che non sono miei, ma lei continua a postare foto di monete greche, repubblicane e imperiali e mi pare che non abbia conoscenze di nessun tipo di nessuna di esse. Invece di comprare “monetine” alla cieca ( peraltro a prezzi elevati) perchè non inizia ad informarsi su uno di questi settori con qualche lettura? Se consulta le sezioni del forum troverá libri adatti anche per iniziare. Se compra qualche libro di sicuro non butta i suoi soldi.
  26. Queste monete in MB hanno un fascino che nessun MS70 del novecento mai avrà.... P.S. La foto del millesimo 1717 manca pure al nostro catalogo; se vuoi contribuire... https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-MORI/10
  27. L'Attica è una regione della Grecia e in italiano si dovrebbe usare l'articolo determinativo ("l'Attica", "dell'Attica"). Il contario per i nomi di città : ("Atene", "di Atene", "Egina", "di Egina"), tranne alcune: ("Il Cairo"). L'uso, mutuato dal Nordamerica, di specificare la regione di appartenenza anche per città universalmente note come Atene ("Atene, Attica" o "Rodi, Peloponneso"), essendo indice di scarsa conoscenza della Storia e della Geografia è, ai miei occhi, deprecabile. Ed altrettanto per l'abitudine di scrivere "Aegina" anzichè "Egina" o "Athene" anziché "Atene".
  28. Ho scoperto da pochi mesi questo Forum e ritengo estremamente gratificante scambiare delle opinioni, acquisire conoscenze da chi ne sa più di me, condividere la storia e le immagini di monete che altrimenti sarebbero niente di più che dei pezzi di metallo giacenti in album o nei monetieri. Sono un collezionista appassionato, ma purtroppo vivo in una realtà di provincia che ti porta ad essere "una persona un pò strana", che invece di andare alla "Sagra della Gnocca" ( esiste veramente, organizzata a pochi Km da dove vivo, incentrata sulle ricette a base di gnocchi e coniugata al femminile per attirare le persone 😞 ) passa il tempo libero tra libri e vecchie monete. Le occasioni di confronto "locali" sono veramente poche ed allora frequento assiduamente le discussioni di "Lamoneta". Cerco anche di dare un modesto contributo, ma non ho mai pensato di imporre il mio punto di vista e posso dire di aver imparato di più in questi pochi mesi che nei precedenti anni. Perchè nel Forum esistono dei veri "Maestri": persone, non solo dotate di grande competenza, ma soprattutto di correttezza ed umiltà che ti sanno trasmettere la loro passione, che non si "accendono come un cerino" ma, con buona educazione, ti fanno capire che puoi avere sbagliato una valutazione o che non sono d'accordo con il tuo giudizio. Non posso far nomi, ma li ringrazio veramente. Secondo me, è questo l'insegnamento da seguire, nella vita, come nella nostra bellissima passione. Scusate " l'off topic" ...
  29. gigetto13

    100L minerva in FDC ???

    Vabbe, coi filtri anche io sembro un fdc 😂
  30. Taglio: 2€ CC Nazione: Lituania Anno: 2015 Tiratura: 990.000 Condizioni: BB Località: Bibione (Ve)
  31. Buonasera, mi scuso per il ritardo, ecco tutte le informazioni a riguardo. Vi aspettiamo numerosi e carichi di entusiasmo venerdì 20 e sabato 21 settembre 2019, a breve sarà pubblicata la lista completa degli espositori presenti. Ringraziamo per l'ospitalità e visibilità concessa dall'amministratore di La Moneta.it e il carissimo Mario Limido che spero presto di poter riabbracciare calorosamente, un saluto affettuoso a tutti da Attilio Maglio dell'Associazione Circolo " Tempo Libero " di Castellammare di Stabia. Il Circolo Numismatico Partenopeo é lieto di annunciare il settimo evento Numismatico Filatelico e Antiquario che avrà luogo nei giorni venerdì 20 e sabato 21 settembre 2019, dalle ore 10,00 alle 18,00, nelle sale al piano terra dell'Hotel Ristorante del Sole in una posizione estremamente strategica, situato a soli 50 mt dall'uscita del casello autostradale di Capua (CE) sull'autostrada Roma-Napoli a poco più di un'ora di viaggio da Roma Sud e a circa 20 minuti da Napoli. Un appuntamento da non mancare per collezionisti, studiosi o semplici curiosi, tra oggetti rari senza tempo, in esposizione all’interno di ampie sale luminose, monete, francobolli, cartoline, medaglie, libri, accessori e oggettistica varia, la struttura offre oltre 1000 posti auto gratuiti, sala ristorante convenzionata, servizio di security. Dove Sito: www.hotelristorantedelsole.com Email: info@hotelristorantedelsole.com - prenotazioni@hotelristorantedelsole.com Area sorvegliata e grande professionalità. Il convegno commerciale aprirà al pubblico all'Hotel Ristorante Del Sole venerdì 20 e sabato 21 settembre 2019 alle ore 10,00 e terminerà alle 18,00. Come per la precedente edizione in aggiunta saranno presenti alcuni espositori nel campo dell'oggettistica e dell'antiquariato. Vi aspettiamo numerosi e carichi di entusiasmo L'evento è in collaborazione con la ditta Neacoins - aste ACM di Napoli e della'Angolo dell'Antico di Sparanise (Caserta) Di seguito la locandina Per ulteriori informazioni: Email : circolopartenopeo@libero.it Telefono: 335-1438404 Francesco Di Rauso Telefono: 389-9484414 Gianfranco Merola (titolare della ditta L'Angolo dell'Antico - Sparanise - CE) Telefono: 349-8901963 Antonio Cava (titolare della ditta Neacoins di Napoli e della casa d'aste ACM)
  32. Certamente! Lascio in allegato. Ringrazio tutti per i complimenti
  33. Se fosse per 300€ alla fine non sono una grande perdita, considerando l'importo complessivo speso. Piuttosto, avrebbe dovuto essere in grado di giudicare meglio la reale conservazione in fase di acquisto, dettaglio questo di fondamentale importanza davanti a spese consistenti. 2300€ non sarebbero neppure tanti per un esemplare in alta conservazione, con pregi qualitativi come segni di contatto contenuti ed assenza di difetti tecnici (ad esempio, in questo mi pare di vedere una leggere debolezza nella parte sx della legenda al R/) Le foto poi sono troppo piccole per giudicare con cognizione di causa l'effettiva qualità della moneta. Dovrebbe rifarle ad una maggiore risoluzione e meglio illuminate per capire anche il grado di lucentezza del metallo. Buona serata
  34. Arka

    guanti per monete?

    Ma se pensate che la moneta è stata creata per passare di mano in mano e, anzi, da ragazzo, tenendone una in mano (rigorosamente senza guanti), pensavo a chi l'avesse toccata, magari una persona famosa dell'epoca, continuo a chiedermi cosa c'entrano i guanti con la Numismatica..? Ovviamente ho capito che il tema interessa solo a chi colleziona monete coniate meccanicamente e in FDC... Arka Diligite iustitiam
  35. Si possono vedere gli esemplari di Vittorio Emanuele III sul Bollettino di Numismatica on line n. 24 di Giannazza-Toffanin dedicato alle monete di G.G.Visconti. Arka Diligite iustitiam
  36. 1907 per me, quella parte inclinata è la stanghetta anterrore del 7
  37. talmente chic che l'anno scorso se c'erano 13 banchetti è molto.... in 13 minuti ero già uscito
  38. 1904 Germania EST Africa 1 Heller Wilhelm II Bronzo, g. 4,5, mm.20,2
  39. Malikalkamil

    Toscana Denari di Lucca

    Buongiorno a tutti, mi permetto di inserirmi in questa leggendaria discussione per chiedere lumi riguardo la classificazione di un denaro enriciano lucchese che ho acquistato di recente per inserirlo nella mia raccolta di monete "internazionali" (assieme a un ottoniano pavese che ho già postato nell'apposito topic). La classificazione della casa d'aste si limita al solito "Enrico III, IV o V", MIR 107/110. Io invece, forte della lettura di questo topic e della tabella sinottica riportata a p. 119 (nonché sul bell'articolo firmato da alcuni dei più eccellenti contributori di questo forum), ho provato ad andare più a fondo. A mio parere il denaro in questione dovrebbe essere un "Enrico IV/V imperatore" (fine XI secolo-primo quarto XII). Vorrei sapere se sono in errore e, qualora non lo fossi, se si tratta di un Matzke H3a oppure H3b (io avrei azzardato il secondo, ma non ne sono affatto sicuro). Ringrazio davvero tanto coloro che vorranno rispondermi. Mi rincresce scrivere sul forum quasi esclusivamente per chiedere, però il livello è così alto che prima di poter restituire qualcosa a qualcuno ne ho di strada da fare! PS dimenticavo: il diametro della moneta è di 15-16 mm, mentre il peso è di 0,81 g. Le foto sono della casa d'aste.
  40. Litra68

    ATTENZIONE!

    Buonasera, pensavo a quanti di noi hanno una patacca in collezione senza saperlo , magari anche certificata, mi si raggela il sangue, custodire ed amare una moneta per anni, e realizzare che non è autentica.. Ecco che viene fuori grazie ad un post come questo del nostro Fratello @Rocco68, e di quanti stanno contribuendo con il proprio contributo, l'utilità ed il valore aggiunto di un posto dove poter divulgare e confrontarsi, il nostro Forum. 😊 Saluti Alberto
  41. Masiserafino

    Il mio denaro di Milano 😍

    Ma è bellissimo complimenti mi sembra anche con ottimi rilievi. Saluti
  42. È ciò che vedo io e mi fa molto piacere a non essere il solo! Eccolo nella nota monetazione di Pergamo In verità l'ho sempre dato per scontato, ma così scontato non è. Crawford, Grueber, Babelon... nessuno menziona l'Onfalo ma forniscono un generica descrizione di serpente attorcigliato alla sommità della colonna. In arrivo dunque qualche altra considerazione...
  43. ambidestro

    ID peso monetale

    il peso pesava una doppia di Pisa, esso era contenuto in una scatola lionese, la sigla IB sta per Jacques Blanc e le lettere V D per cinque denari
  44. pippo78

    quale buttare nella discarica?

    Grazie ricambio la mia stima nei tuoi confronti.Sei uno dei pochi utenti che ha visto e dato un giudizio giusto alle mie monete in passato insieme a cembruno:scusate se ho reagito male non era mia vera intenzione è che alle volte sono permaloso e irascibile anch'io ho dei difetti e nessuno è perfetto
  45. Buonasera, premesso che i denari di "Caligola" (Gaius Iulius Caesar Germanicus) vanno davvero visti al microscopio, devo dire che i suoi aurei, quinari d'oro e denari coniati a Roma portano al diritto la legenda C CAESAR AVG PON M TR POT III (o IIII) COS III (o IIII) e per quanto ne so nessuna con "PONT" invece che "PON". Anche su questo mio dubbio e comunque sulla incerta autenticità, aspetterei necessariamente il parere dei più esperti. Saluti HIRPINI A proposito, grazie mille per il "ragazzo"!
  46. Paolino67

    Ducatone della pioggia

    Qui: https://catalogo-mantova.lamoneta.it/moneta/MN-CII/24 trovi qualche informazione (e diversi passaggi in asta) in più su questo ducatone, datato 1649 (e non 1628, quando al potere era ancora il nonno Carlo I). Generalmente è classificata R4, rarità che ci può stare. Viene quasi sempre chiamato "ducatone della pioggia", perché più sbrigativo, ma questo nomignolo non è corretto dal punto di vista della simbologia; come è evidente guardando la moneta, la simbologia mostra un sole raggiante che domina su nubi dalle quali scendono pioggia e grandine. Non c'è quindi alcun auspicio di fertilità, bensì l'allegoria mostra il sole simbolo dei Gonzaga che risplende sopra la tempesta che aveva avvolto il ducato negli anni precedenti, con l'assedio e il sacco di Mantova, seguiti del terribile flagello della peste.
  47. Avercene di questi mucchietti di monete @gennydbmoney come i tuoi, io purtroppo non li ho... Comunque i pochi doppioni che ho, li regalo ai figli dei miei amici. Saluti
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.