Jump to content
Create New...

Search the Community

Showing results for tags 'Sicilia'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • La più grande community di numismatica
  • Comitato Scientifico
    • Antologia di Numismatica e Storia
    • Biblioteca Numismatica
  • Identifica le tue monete
    • Richiesta Identificazione/valutazione/autenticità
  • Mondo Numismatico
    • La piazzetta del numismatico
    • Bibliografia numismatica, riviste e novita' editoriali
    • Segnalazione mostre, convegni, incontri e altro
    • Contest, concorsi e premi
  • Sezioni Riservate
    • Le prossime aste numismatiche
    • Falsi numismatici
    • Questioni legali sulla numismatica
  • Monete Antiche (Fino al 700d.c.)
    • Monete Preromane
    • Monete Romane Repubblicane
    • Monete Romane Imperiali
    • Monete Romane Provinciali
    • Monete greche: Sicilia e Magna Grecia
    • Monete greche: Grecia
    • Altre monete antiche fino al medioevo
  • Monete Medioevali (dal 700 al 1500d.c.)
    • Monete Bizantine
    • Monete dei Regni Barbarici
    • Monete Medievali di Zecche Italiane
    • Altre Monete Medievali
  • Monete Moderne (dal 1500 al 1800d.c.)
    • Monete Moderne di Zecche Italiane
    • Zecche Straniere
  • Stati preunitari, Regno D'Italia e colonie e R.S.I. (1800-1945)
    • Monetazione degli Stati Preunitari (1800-1860)
    • Regno d'Italia: identificazioni, valutazioni e altro
    • Regno D'Italia: approfondimenti
  • Monete Contemporanee (dal 1800 a Oggi)
    • Repubblica (1946-2001)
    • Monete Estere
  • Euro monete
    • Monete a circolazione ordinaria di tutti i Paesi dell’Area Euro.
    • Euro Monete da collezione Italiane e delle altre Zecche Europee.
    • Altre discussioni relative alle monete in Euro
  • Rubriche speciali
    • Tecniche, varianti ed errori di coniazione
    • Monete e Medaglie Pontificie
    • Monete e Medaglie dei Savoia prima dell'unità d'Italia
    • Monete della Serenissima Repubblica di Venezia
    • Monete e Medaglie delle Due Sicilie, già Regno di Napoli e Sicilia
    • Medaglistica
    • Exonumia
    • Cartamoneta e Scripofilia
  • Altre sezioni
    • Araldica
    • Storia ed archeologia
    • Altre forme di collezionismo
    • English Numismatic Forum
  • Area Tecnica
    • Tecnologie produttive
    • Conservazione, restauro e fotografia
  • Lamoneta -Piazza Affari-
    • Annunci Numismatici
  • Tutto il resto
    • Agorà
    • Le Proposte
    • Supporto Tecnico
  • Discussioni
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO's Discussioni
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Discussioni
  • Circolo Numismatico Patavino's Discussioni
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Discussioni
  • Circolo Numismatico Asolano's Discussioni
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's SITO
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Discussioni
  • associazione numismatica giuliana's Discussioni
  • Circolo Numismatico Monzese's Discussioni

Calendars

  • Cultural Events
  • Eventi Commerciali
  • Eventi Misti
  • Eventi Lamoneta.it
  • Aste
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO's Eventi
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Eventi
  • Circolo Numismatico Patavino's Eventi
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Eventi
  • Circolo Culturale Castellani's La zecca di Fano
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's Collezionare.......non solo monete
  • Associazione Circolo "Tempo Libero"'s Eventi
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Eventi

Categories

  • Articoli
    • Manuali
    • Portale
  • Pages
  • Miscellaneous
    • Databases
    • Templates
    • Media

Product Groups

  • Editoria
  • Promozioni
  • Donazioni

Categories

  • Libri
    • Monete Antiche
    • Monete Medioevali
    • Monete Moderne
    • Monete Contemporanee
    • Monete Estere
    • Medaglistica e sfragistica
    • Numismatica Generale
  • Riviste e Articoli
    • Rivista Italiana di Numismatica
  • Decreti e Normative
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File 2
  • Cercle Numismatique Liegeois's File
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's VERNICE- MOSTRA
  • Circolo Numismatico Asolano's Documenti dal circolo
  • associazione numismatica giuliana's File

Collections

  • Domande di interesse generale
  • Contenuti del forum
  • Messaggi
  • Allegati e Immagini
  • Registrazioni e Cancellazioni
  • Numismatica in generale
  • Monetazione Antica
  • Monetazione medioevale
  • Monetazione degli Stati italiani preunitari
  • Monetazione del Regno d'Italia
  • Monetazione in lire della Repubblica Italiana
  • Monetazione mondiale moderna
  • Monetazione mondiale contemporanea
  • Monetazione in Euro

Categories

  • Monete Italiane
    • Zecche italiane e Preunitarie
    • Regno D'Italia
    • Repubblica Italiana (Lire)
  • Eur
  • Monete mondiali
  • Gettoni
  • Medaglie
  • Banconote, miniassegni...
  • Cataloghi e libri
  • Accessori
  • Offerte dagli operatori
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Annunci
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's Interessante link
  • Circolo Culturale Castellani's AnnunciRaccolta di medagliette devozionali

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

  1. Buonasera a tutti, era da tempo che meditavo di cimentarmi in una nuova monetazione, in qualcosa di diverso da quello che seguo. Devo dire che trovo molto stimolante allo studio il filone delle monete Siciliane dei Normanni. Inizio questo percorso da un piccolo nominale, delle cui dimensioni mi sono reso conto solo all'arrivo nelle mie mani. Un grazioso Follaro di Guglielmo Il, ho cercato delle notizie al riguardo di questo sovrano, come al solito mi sono avvalso del web e riporto uno stralcio di wikipedia. Non riporto tutto quello che ho trovato per non appesantire la lettura. Guglielmo II di Sicilia, detto il Buono (Palermo, dicembre 1153 – Palermo, 18 novembre 1189), discendente della famiglia degli Altavilla, fu Re di Sicilia dal 1166 alla morte; era figlio di Guglielmo I il Malo e di Margherita di Navarra. Viene ricordato come uno dei monarchi siciliani che godette di maggiore popolarità. «E quel che vedi ne l'arco declivo, Guglielmo fu, cui quella terra plora che piagne Carlo e Federigo vivo: ora conosce come s'innamora lo ciel del giusto rege, e al sembiante del suo fulgore il fa vedere ancora.» (Dante, Paradiso, canto XX, linee 61-66). La testa Leonina che dovrebbe essere una maschera, è un chiaro richiamo agli Altavilla . La scritta in cufico al rovescio sta a significare '' Re Guglielmo il Secondo'' @Numi 62 correggimi per favore se sbaglio, e se puoi aggiungi qualcosa che io possa così imparare. Ovviamente chiunque segua questa monetazione è ben accolto in discussione, postate i vostri esemplari. Posto foto della casa d'aste e quelle fatte da me. Saluti Alberto
  2. Buongiorno a tutti, vorrei sottoporre alla vostra attenzione tre monetine (qui troverete la seconda) trovate in un lotto di denari siciliani (Manfredi, Carlo d’Angió…). Ho provato a sfogliare i cataloghi di monete arano/normanne o con legenda cufica (tipo kharrube etc) ma senza successo. Potrebbero a questo punto essere semplicemente arabe, ma la mia conoscenza di questa monetazione è proprio a zero…per questo mi affido a voi e vi ringrazio anticipatamente! 18x11,4 mm 2,57 g
  3. Buongiorno a tutti, vorrei sottoporre alla vostra attenzione tre monetine (qui troverete la terza e ultima) trovate in un lotto di denari siciliani (Manfredi, Carlo d’Angió…). Ho provato a sfogliare i cataloghi di monete arano/normanne o con legenda cufica (tipo kharrube etc) ma senza successo. Potrebbero a questo punto essere semplicemente arabe, ma la mia conoscenza di questa monetazione è proprio a zero…per questo mi affido a voi e vi ringrazio anticipatamente! N.B.: su un lato di questa mi sembra di scorgere al centro tre lettere in alfabeto latino (TAR?). 14 mm 2,63 g
  4. Buongiorno a tutti, vorrei sottoporre alla vostra attenzione tre monetine (qui troverete la prima) trovate in un lotto di denari siciliani (Manfredi, Carlo d’Angió…). Ho provato a sfogliare i cataloghi di monete arano/normanne o con legenda cufica (tipo kharrube etc) ma senza successo. Potrebbero a questo punto essere semplicemente arabe, ma la mia conoscenza di questa monetazione è proprio a zero…per questo mi affido a voi e vi ringrazio anticipatamente! 13,6 mm 2,61 g
  5. buongiorno a tutti questa volta prometto che entrerò in discorsi un pelo meno tecnici e potranno partecipare più persone raggiunto quota 1100 piastre medicee mi sono deciso di estendere lo studio anche ai testoni , ho saltato alessandro e mi sono concentrato su cosimo I , sono al terzo periodo e trovo un enorme difficoltà a trovare testoni , sono a quota 61 pezzi comporese le collezioni private e trovo solo doppioni , vi risulta che siano così rari tanto che si trovano meno delle piastre ? o ci sono altri motivi .
  6. Archeologia, Sicilia: la vasca sacra di Baal che si pensava fosse un porto fenicio Inizialmente si pensava che il kothon di Mozia, nella Sicilia meridionale, fosse un porto artificiale. Non lo era, lo dimostra l'archeologo Lorenzo Nigro della Sapienza Il grande Baal, il cui nome significa “proprietario” o “padrone”, il cui feudo dipendeva da quando e dove veniva adorato: re degli dei, dio delle stagioni e della tempesta, dio della fertilità, dio della pioggia e del tuono, il cui nome era legione; adorato da Ugarit al Nord Africa e attraverso il Mediterraneo migliaia di anni fa, e anatema per i sacerdoti di Yahweh, Baal sarebbe diventato Bel per gli Aramei e Belos o Belios per gli antichi greci, che è un punto cruciale di questa storia. Il “porto artificiale” scoperto nel porto fenicio di Mozia, nella Sicilia meridionale, all’inizio del XX secolo non era nulla del genere, a differenza di quanto si pensasse. La monumentale vasca rettangolare era stata male interpretata. Ora ha dimostrato di essere stata una gigantesca vasca sacra in onore di Baal che operò durante il periodo fenicio della città, dall’VIII al V secolo a.C., come spiega sulla rivista Antichità l’archeologo Prof. Lorenzo Nigro dell’Università La Sapienza di Roma. Nel 2014 ha scritto della natura della struttura come piscina e non come porto, ma ora Nigro spiega che la piscina probabilmente svolgeva anche un ruolo astronomico e nuovi ritrovamenti ad essa associati sottolineano la natura multiculturale della città. Infatti la vasca d’acqua dolce era il centro di un monumentale complesso religioso con tre templi, circondato da una cinta muraria circolare. Il sito di Motya (o Motye o Mozzia) è stato occupato fin dalla preistoria, come si addice a un luogo incantevole del Mediterraneo. La città sorse sulla sponda occidentale dell’isola di San Pantaleo circa 2.800 anni fa, dopo che i Fenici in partenza dal Libano scoprirono l’isola, stabilirono una presenza e convivevano con gli abitanti preistorici, gli Elimi. Il risultato fu una nuova, distintiva identità culturale “fenicia occidentale“, deduce Nigro. La città fenicia di Mozia fu fondata circa un secolo dopo la fondazione della grande e terribile città fenicio-cananea di Cartagine in Tunisia, e quella città non se ne divertiva. Con la crescita dell’influenza di Mozia nella regione del Mediterraneo, le due città entrarono in conflitto. Verso la metà del VI secolo a.C., l’invidiosa Cartagine avrebbe cancellato dalla mappa la città nata e le sue mura difensive. Eppure questa città “fenicia occidentale” sarebbe risorta, con un nuovo muro difensivo esterno e complessi religiosi monumentali, uno a nord dell’isola (in onore del dio Melqart) e uno a sud. Intorno al 400 a.C. sarebbe stata nuovamente distrutta, questa volta da Dioniso Siracusa. Questa storia parla del complesso religioso meridionale durante la fase fenicia della città, prima di Dioniso, da circa 2.800 a 2.500 anni fa, prima della sua seconda distruzione. Incombe su tutto, Baal Con il senno di poi, è chiaro il motivo per cui lo scopo del monumentale bacino rettangolare è stato frainteso quando scoperto per la prima volta nel 1906 dall’archeologo anglo-siciliano Joseph Whitaker, che pensava fosse un porto artificiale chiamato kothon. Kothon (o cothon) è una parola greca per un recipiente per bere in argilla o metallo dalla bocca tonda usata dai soldati spartani, e nei documenti classici arrivò a indicare il nome del gigantesco porto artificiale a forma di anello di Cartagine. Pensando di aver trovato un porto chiuso, Whitaker ha soprannominato il bacino rettangolare di Motya “cotone“. In onore di Whitaker, la prima persona a indagare sul bacino di Motya, Nigro ha continuato a chiamare la struttura rettangolare un kothon anche se non lo è, spiega. Torna a Whitaker all’inizio del XX secolo: aveva notato un canale tra il bacino e il mare e pensava che fosse stato scavato per consentire alle barche di navigare. Ha quindi ipotizzato che la struttura fosse un porto artificiale per scopi militari, simile al kothon di Cartagine. Nel 1971, Benedikt Isserlin dell’Università di Leeds, scrivendo anche sulla rivista Antiquity, descrisse lo scavo di un bacino di carenaggio a Motya, ma come sottolinea Nigro, quella struttura non coinvolgeva il bacino stesso. Perché non poteva essere un kothon? Per molte ragioni. Come ha fatto notare Nigro, in epoca fenicia il Mediterraneo era 80 centimetri più basso di oggi (cambiamento climatico in atto). Con un’area di 37 per 52,5 metri, la piscina è sul lato piccolo per un porto; Il kothon cartaginese, in confronto, era immenso, con un’area esterna destinata ai mercanti e un’area interna per le imbarcazioni militari. Anche alcuni altri porti fenici, come Mahdia e Kition, avevano kothon. Ma in difesa di Whitaker, per quanto riguarda le piscine sacre, questo era grosso. (Più tardi, i romani usarono il kothos di Mozia per allevare pesci; e secoli dopo, dal XVI al XVIII secolo d.C., la piscina fungeva da salina.) L’interpretazione che si trattasse di una vasca sacra è corroborata dal fatto che i luoghi di culto dei Fenici in tutto il loro regno erano caratterizzati da sorgenti d’acqua naturali o artificiali per abluzioni e scopi rituali. “I santuari [fenici] costruiti nelle vicinanze indicano che alcune sorgenti furono monumentalizzate e venerate“, scrisse Elvira Groenewoud nel 2001 . E allora, la sacra piscina di Mozia era alimentata non da una, ma da almeno tre sorgenti sotterranee originate da una falda acquifera sotterranea, ha dimostrato Nigro. Queste sorgenti d’acqua dolce sono state scoperte dopo che il kothos era stato drenato per scopi di scavo. Fu allora che fu dimostrato che in nessun momento del periodo fenicio il kothos era stato collegato al mare, spiega Nigro. Quindi un porto artificiale, sicuramente non avrebbe potuto essere. Era anche poco profondo, essendo profondo da 80 centimetri a 1,5 metri, difficilmente il biglietto per manovrare le barche da guerra. Anche scomoda per la navigazione, ma adatta alla venerazione, proprio nel mezzo di questa sacra piscina d’acqua dolce c’era una statua di pietra di Baal che avrebbe raggiunto un’altezza di 2,4 metri, dice Nigro, anche se non c’è più – torneremo a questo punto. Il dio era su un podio alto 1,5 metri, suggerisce. In vista del nuovo documento, il team ha allestito una replica della statua di Baal nella piscina, che ha reso “tutto più chiaro” e ha anche scavato più “temenos”, il muro circolare che circonda il complesso religioso con i tre templi, l’archeologo dice. Salpando dal Libano tra le stelle I grandiosi templi furono scoperti durante i rinnovati scavi iniziati nel 2002. Uno era un grande tempio a Baal che operò dall’800 a.C. circa al 397 a.C. circa, ha dedotto Nigro, scrivendo in un documento precedente che la natura delle strutture mostra i segni distintivi delle radici dei Mozia Fenici nella loro patria di Canaan (Libano). Gli scavi dal 2009 al 2021 hanno svelato il muro “temenos” che aveva circondato il sacro recinto e un tempo era alto circa tre metri. Gli archeologi hanno anche rinvenuto un tempio dedicato alla dea Astarte e un edificio cultuale che Nigro ha soprannominato il “Santuario delle Acque Sante” per le sue strutture idrauliche e cultuali: il santuario comprende tra l’altro un santuario e un’area per i sacrifici animali. Ma soprattutto, crede che la piscina al centro del complesso possa essere servita anche da superficie per osservare e mappare le stelle. La superficie dell’acqua avrebbe rispecchiato il cielo, come fa l’acqua – nientemeno che Leonardo da Vinci ha sottolineato gli attributi dell’acqua stagnante inerte durante lo studio del cielo notturno. Per prima cosa, le stelle erano adorate dai Fenici, sia come dèi che come antenati defunti; e la posizione delle costellazioni era di vivo interesse per i marinai tra di loro ai fini della navigazione, sottolinea Nigro. Ha scoperto che le posizioni delle costellazioni nel cielo notturno in date significative, come solstizi ed equinozi, si rispecchiano negli allineamenti delle strutture principali del complesso. Le stele sono state “posizionate con cura all’interno del temenos per contrassegnare il sorgere, lo zenit o il tramonto delle stelle sull’orizzonte“, scrive. “Il Tempio di Ba’al, i suoi propilei (porta di accesso) e un certo numero di stele allineate sono tutti orientati verso il punto dell’orizzonte in cui sorge Orione subito dopo il tramonto al solstizio d’inverno“, specifica. Gli orientamenti si basano sulla ricostruzione archeoastronomica del cielo notturno quando fu costruito il tempio, intorno al 550 a.C., spiega Nigro in un documento separato. Il che ci riporta a Baal e alla statua scomparsa nel mezzo della sacra piscina. Se la statua è sparita (tutti tranne un piede scolpito su un blocco di pietra), perché pensare che fosse di Baal? Perché, spiega Nigro, gli archeologi hanno scoperto un’iscrizione con una dedica greca a “Belios” in una fossa votiva accanto all’angolo sud-est della vasca. Greco? Non scrittura fenicia? Sì, Mozia era una città multiculturale e questa iscrizione greca è di fondamentale importanza, spiega Nigro, aggiungendo: “È datata alla metà del VI secolo a.C., su basi paleografiche e anche grazie ai piccoli aryballos su cui è iscritta“. C’era ancora una statua, non di Baal, ma apparentemente di un dio con la testa di babbuino dalle orecchie di cane, il rappresentante del dio Thoth, che dà credito alla teoria astronomica della funzione della piscina, dice Nigro. I Fenici adoravano non solo Baal e Thoth, ma anche elementi cosmici. Baal, per esempio, era rappresentato dalla costellazione di Orione , dice Nigro, e a Mozia, il Tempio di Ba’al, le porte e diverse stele allineate sono orientate verso il punto dell’orizzonte dove sorge Orione subito dopo il tramonto in inverno, basato sulla ricostruzione archeoastronomica del cielo intorno al 550 a.C. Baal era anche adorato dai cananei e divenne lo spauracchio dei seguaci di Yahweh, sebbene i primi israeliti non fossero chiaramente i monoteisti irriducibili che gli ebrei moderni tendono ad assumere. Apparentemente adoravano il pantheon , incluso Baal. Ma Baal era particolarmente fastidioso, a quanto pare; il suo nome compare decine di volte nella Bibbia, mai in senso positivo; fino ad oggi Israele ha città intitolate al dio. Eppure prevalse, Baal no; le città dell’Israele biblico a lui intitolate sono scomparse, mentre le città che prendono il nome da altri dei, tra cui Shamash, il dio della luna Yarekh ed El, sono ovunque . Il punto di svolta potrebbe essere stato l’impulso riportato dalla regina Jezebel (figlia del re Ithobaal di Tiro!) di costringere Israele ad adorare Baal epurando i profeti di Yahweh, come descritto in I Re 18. Non ha funzionato. https://www.meteoweb.eu/2022/04/archeologia-sicilia-vasca-sacra-baal/1780984/?amp=1
  7. Salve a tutti pongo alla vostra attenzione un mio grano ut commodius. Acquistato da poco sulla baia per un Filippo IV (IP). Peso g 3,22 misure 1,2cm x 1,9 cm Non ho grandissima esperienza ma la mancanza delle cerchiature attorno all’aquila e al campo sul verso mi fa pensare più a un Filippo III (sempre IP). Anche i caratteri utilizzati mi sembrano un po’ insoliti. Insomma come la cataloghereste? Grazie a tutti in anticipo
  8. Ho acquistato in un'asta numismatica la moneta di cui allego l'immagine che mi è stata descritta come Follaro di Tancredi. Vedo che presenta caratteri arabi; è possibile avere notizie più in dettaglio del mio esemplare e delle coniazioni di tale tipo nel regno normanno?.
  9. Buonasera a tutti, ho bisogno del vostro aiuto per la corretta identificazione, o almeno qualche chiarimento, su questa medaglia. D/ Aquila coronata ad ali spiegate. MUNICIPIO DI PALERMO * R/ Corona di rami di palma e alloro. SCUOLE ELEMENTARI * III PREMIO 1868 Di per sé l'oggetto sembra essere una medaglia premio assegnata dalle scuole elementari di Palermo, simile come iconografia e dimensioni a questa del 1887: https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-ME57G/76 Tuttavia ci sono alcune stranezze che non riesco a spiegarmi: 1) Lo stile dei disegni e delle legende sembra molto approssimativo e grossolano rispetto alla medaglia del 1887, quasi da "fatto in casa". Vi risultano medaglie di questo periodo storico/area geografica/destinazione d'uso con un aspetto simile? 2) D'altro canto che senso avrebbe produrre privatamente un oggetto del genere? Non è come una moneta, che può essere falsificata per motivi economici. Un premio o lo si è vinto, oppure no. Dall'aspetto e dalla specificità dell'evento commemorato pensare a una produzione più recente mi sembrerebbe ancora più strano. 3) La medaglia sembra essere costituita da due parti, credo entrambe d'argento: una lamina centrale molto sottile (<1mm) e un bordo rialzato molto più spesso (~2mm), al quale penso sia attaccata la perlinatura. Conoscete esempi di medaglie fatte con questo sistema produttivo? Purtroppo me ne intendo poco di medaglistica. 4) Sul taglio è presente in incuso la scritta "PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS" che se non erro dovrebbe essere associabile ai sovrani borbonici del Regno delle Due Sicilie. Però l'anno del premio è il 1868... Qualcosa non mi torna 🤔. Inoltre la scritta sul taglio non sembra avere lo stesso stile "artigianale" del resto della medaglia. Cosa ne pensate? Ringrazio in anticipo chiunque interverrà per chiarirmi un po' le idee 😅 saluti Magus
  10. Tratto da: “Della Storia economico-civile di Sicilia” del CAV. Lodovico Bianchini Napoli dalla stamperia reale 1841
  11. Buonasera lorsignori! Vorrei stasera presentarvi l'ultima entrata in collezione. Un 2 tari del 1539, Regno di Sicilia sotto Carlo V (Mir 291/2, Spahr 189/A) Opinioni e pareri sono sempre ben accetti, grazie!
  12. Cosa ne pensate di questo trifollaro di Mileto in vendita sulla Baya? Il tondello ed il peso sono completamente insoliti : 21,75 grammi . Mileto, Ruggero I (1072-1101), Trifollaro, c. 1085-1101; AE (g 21,75 mm 32,10 ); ROQ E RIVS COME + S, horseman seated on horseback l., Rv. + MARIA MATER DNI, the Virgin seated r., holding child. MEC XIV, n. 96.Very rare. Green patina. Extremely fine
  13. Salute quest'oggi ,da collezione privata,abbiamo : 3 Piccioli:VITTORIO AMEDEO II(1713-1718)Zecca di Palermo 1717, Æ D/VICT – AME – DG – SIC Aquila coronata ad ali spiegate e volta a s; ai lati, A – C R/Data e sotto valore entro cartella Riferimenti: --Salutoni -odjob
  14. Buondì ragazzi, Spero di postare nella sezione giusta... Vorrei capire se questa banconota da 1000 lire di G. Verdi ha un valore (considerate che è mai circolata). Grazie per chi potrà aiutarmi
  15. Già che siamo in tema di Sicilia, vi posto un acquisto di novembre. In sala da Bolaffi c’è stata un po’ di bagarre, ho dovuto superare la base non di poco per potermela aggiudicare. Vittorio Amedeo II grano 1719 ex coll. Denina, asta Bolaffi 29 nov. 2018 MIR 902 Vi lascio alle foto di Bolaffi e ai commenti, sono curioso di sapere la vostra in merito a questa controversa coniazione. N.
  16. Scavi a Selinunte: scoperto un monumentale edificio di culto di fronte al tempio R La campagna dell'Università di New York e della Statale di Milano: trovata un'immensa piattaforma di pietra Un santuario di fronte al Tempio R sull’agorà di Selinunte. Gli archeologi avevano ragione: a ridosso del monumentale edificio templare della città greca c’era un luogo di culto – forse dedicato a divinità femminili – dove gli antichi abitanti dedicavano preghiere e offerte sin dal momento della costruzione del tempio. La scoperta più importante della campagna di scavi italo-americana in corso è una immensa piattaforma di pietra addossata alla facciata principale del tempio R: un altare, secondo gli studiosi. In campo, ancora una volta, docenti e studenti della New York University e della Università Statale di Milano che hanno indagato l’area davanti al tempio datato oggi, con certezza, al 570 avanti Cristo. Qui, poco lontano, è stata trovata anche la testimonianza della sacralità del sito: si tratta di due punte di lancia e un corno di capra che, secondo gli archeologi, erano deposizioni votive databili all’epoca della costruzione del tempio R. Davanti agli occhi degli esperti, in mezzo al terrapieno attorno al tempio, è venuto alla luce un braccio in marmo di grandezza naturale, appartenente a una statua di circa 1 metro e 80 che può essere associato a un frammento di avambraccio trovato quattro anni fa e realizzato nello stesso materiale e con le stesse proporzioni. I due frammenti sono riferibili a una statua di kouros: il tipo statuario maschile principale della scultura greca arcaica. La statua, che con ogni probabilità aveva funzione votiva nell’ambito del grande santuario urbano potrebbe essere stata danneggiata in occasione della presa cartaginese di Selinunte nel 409. La scultura, verosimilmente, è stata smembrata e riutilizzata come materiale di riempimento e riciclo in età ellenistica. I ritrovamenti concludono la grande campagna di indagini archeologiche e di scavi condotta nell'area archeologica dall’Institute of Fine Arts della New York University e dall’Università Statale di Milano con il coordinamento scientifico della direzione del Parco che sta puntando sul recupero dell'attività di studio e ricerca, rafforzando molto i rapporti con le Università italiane ed estere. Un progetto che mira a fare di Selinunte un modello di ricerca “aperto”. https://palermo.repubblica.it/cronaca/2021/07/26/news/scavi_a_selinunte_scoperto_un_monumentale_edificio_di_culto_di_fronte_al_tempio_r-311796816/amp/
  17. Buon pomeriggio. Allego immagine della banconota da 500 euro usata di cui sono in possesso e chiedo ancora una volta il vostro aiuto per capire se ha un valore più alto del nominale. Che libro posso acquistare per caprne un pò di più sulle banconote euro in generale (ad esempio codice corto/lungo, ecc). Grazie sempre.
  18. Buona sera e buon pomeriggio. Premetto che non sono una collezionista di banconote e quindi non capiscoproprio nulla Di questo cgiedo scusa. Ho trovato questa banconota di 50 (sciupata) di cui allego immagine con un errore (stampa di una linea a rettangolo aperto. Vorreila vostra valutazione. Grazie
  19. Ciao. Ho il dinero siciliano di King John. Tipo MEC14: 883-887B. Ma la leggenda sul retro termina con la lettera D, non la lettera I. Cioè, "Rex Sicilie D". In MEC e in Google, non ho trovato un'opzione del genere. Solo a Monete del medio evo e moderne (Museo nazionale di Napoli) nel 1872 trovò una menzione (moneta numero 4227). Per favore dimmi cosa significa l'ultima lettera della leggenda in questo caso e quanto sia rara questa versione della leggenda.
  20. Ciao. Dimmi, questo è Dinero Giacomo I o Federico III?
  21. gentili amici vorrei sapere come mai la coniazione di monete dal grosso modulo come i 30 tarì del 1785 1791 1793, coniate appunto sotto il regno di Ferdinando III, non hanno avuto corrispettivi anche sulla parte continentale del regno. erano monete emesse per qualche motivo particolare? inoltre da cosa era dovuta la marcata differenza stilistica tra i volti del sovrano presenti su queste monete, inclusi i 12 tarì, che sembrano quasi caricaturiali rispetto ai busti finemente cesellati di quelle coniate a Napoli, tranne l'oncia del 1791, che è sicuramente tra le più belle monete in assoluto create sul territorio italiano. come mai c'era questa enorme differenza tra la maestria delle due zecche, Napoli e Palermo? chi sa se il re Ferdinando era contento di vedersi raffigurato in quel modo.
  22. Time Left: 8 months and 15 days

    • FOR SALE
    • SPL

    Oncia d'oro 1751 variante Rare riportata solo dall'Attardi senza x di REX con la C al posto della G in D.G. e le A rovesciate,perizia fotografica Moruzzi,SPL. Valuto proposte,serie. Pagamento preferito Bonifico e spedizione in assicurata €.8,00 o altro da concordare.

    900.00 EUR

    - IT

  23. Minosse sepolto nel Monte Guastanella? La tesi rivoluzionaria Secondo la teoria avanzata dall'archeologa Rosamaria Rita Lombardo, Minosse, il Re di Creta, sarebbe sepolto nel Monte Guastanella in Sicilia Il Re Minosse che secondo la mitologia greca fece costruire il labirinto sull’isola di Creta per rinchiudervi il Minotauro, sarebbe sepolto in Sicilia, nel suggestivo Monte Guastanella in provincia di Agrigento. La tesi rivoluzionaria è stata avanzata dall’archeologa Rosamaria Rita Lombardo: secondo la sua ipotesi, il Monte Guastanella, situato a circa venti chilometri di distanza dalla Valle dei Templi di Agrigento, sarebbe il sito dell’antica città di Camico e sede della tomba-tempio di Minosse. Il Re di Creta sarebbe stato regolarmente sepolto con grande fasto, secondo le usanze del tempo. Le ricerche dell’archeologa Rosamaria Rita Lombardo sono avvalorate da studi scientifici e archeologi su tutte le fonti esistenti, comprese quelle di Erodoto e Aristotele che citano Camico. L’enigma del Re Minosse sepolto nel Monte Guastanella Durante il lungo lavoro di ricerca, l’archeologa nata a Palermo, ha incrociato anche gli studi del grande archeologo Paolo Orsi. La studiosa ha scoperto che Orsi si era messo sulle tracce di un sito protostorico, considerando le varie stratificazioni rinvenibili sul Monte Guastanella. Per Rosamaria Rita Lombardo, le diverse stratificazioni del monte testimoniano che quello è un insediamento molto più antico di quanto si pensasse e ritiene si tratti di un santuario-sepolcro come quelli che costruivano a Creta. Secondo il racconto ripreso da Diodoro Siculo nella “Bibliotheca historica“, le vicende del Re Minosse, dopo il mito del Minotauro e le gesta di Dedalo, Teseo, Arianna e Icaro, si sarebbero concluse proprio in Sicilia, dove si era recato come ospite del re sicano Cocalo. Adesso solo gli scavi nel Monte Guastanella potranno avvalorare o smentire la tesi di Rosamaria Rita Lombardo. Qualora la teoria fosse confermata, sarebbe una scoperta eccezionale, in grado di riscrivere la storia: sarebbe la testimonianza del fatto che i primi contatti tra il mondo egeo e quello dell’Italia meridionale siano avvenuti molto prima rispetto a quanto si pensasse. Alla scoperta del Monte Guastanella Il Monte Guastanella si trova tra Raffadali e Santa Elisabetta, in provincia di Agrigento. Situato a 609 metri sul livello del mare, ha una prominenza di circa 250 metri: è formato da scisto gessoso bianco e vetroso, una roccia ruvida e dura ma abbastanza semplice da scavare. In cima al rilievo si trova un sito archeologico che comprende una necropoli e un castello arabo dove venne imprigionato Ursone, il vescovo di Agrigento. https://initalia.virgilio.it/minosse-sepolto-monte-guastanella-46212
  24. marley69

    Sicilia Votiva

    Chiedo lumi per questa votiva grazie
  25. Medaglietta votiva bronzo

Problemi con la nuova grafica?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.

Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Write what you are looking for and press enter or click the search icon to begin your search