Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'israele'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • La più grande community di numismatica
  • Identifica le tue monete
    • Richiesta Identificazione/valutazione/autenticità
  • Mondo Numismatico
    • La piazzetta del numismatico
    • Bibliografia numismatica, riviste e novita' editoriali
    • Segnalazione mostre, convegni, incontri e altro
    • Contest, concorsi e premi
  • Sezioni Riservate
    • Le prossime aste numismatiche
    • Falsi numismatici
    • Questioni legali sulla numismatica
  • Monete Antiche (Fino al 700d.c.)
    • Monete Preromane
    • Monete Romane Repubblicane
    • Monete Romane Imperiali
    • Monete Romane Provinciali
    • Monete greche: Sicilia e Magna Grecia
    • Monete greche: Grecia
    • Altre monete antiche fino al medioevo
  • Monete Medioevali (dal 700 al 1500d.c.)
    • Monete Bizantine
    • Monete dei Regni Barbarici
    • Monete Medievali di Zecche Italiane
    • Altre Monete Medievali
  • Monete Moderne (dal 1500 al 1800d.c.)
    • Monete Moderne di Zecche Italiane
    • Zecche Straniere
  • Stati preunitari, Regno D'Italia e colonie e R.S.I. (1800-1945)
    • Monetazione degli Stati Preunitari (1800-1860)
    • Regno d'Italia: identificazioni, valutazioni e altro
    • Regno D'Italia: approfondimenti
  • Monete Contemporanee (dal 1800 a Oggi)
    • Repubblica (1946-2001)
    • Monete Estere
  • Euro monete
    • Monete a circolazione ordinaria di tutti i Paesi dell’Area Euro.
    • Euro Monete da collezione Italiane e delle altre Zecche Europee.
    • Altre discussioni relative alle monete in Euro
  • Rubriche speciali
    • Monete e Medaglie Pontificie
    • Monete e Medaglie delle Due Sicilie, già Regno di Napoli e Sicilia
    • Monete e Medaglie dei Savoia prima dell'unità d'Italia
    • Monete della Serenissima Repubblica di Venezia
    • Medaglistica
    • Exonumia
    • Cartamoneta e Scripofilia
  • Altre sezioni
    • Araldica
    • Storia ed archeologia
    • Altre forme di collezionismo
    • English Numismatic Forum
  • Area Tecnica
    • Tecnologie produttive
    • Conservazione, restauro e fotografia
  • Lamoneta -Piazza Affari-
    • Annunci Numismatici
  • Tutto il resto
    • Agorà
    • Le Proposte
    • Supporto Tecnico
  • Circolo di esempio's Discussioni
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's Discussioni
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Discussioni
  • Circolo Numismatico Patavino's Discussioni
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Discussioni
  • Circolo Numismatico Asolano's Discussioni
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's SITO
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Discussioni
  • associazione numismatica giuliana's Discussioni

Calendars

  • Cultural Events
  • Eventi Commerciali
  • Eventi Misti
  • Eventi Lamoneta.it
  • Aste
  • Circolo di esempio's Calendario
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's Eventi
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Eventi
  • Circolo Numismatico Patavino's Eventi
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Eventi
  • Circolo Culturale Castellani's La zecca di Fano
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's Collezionare.......non solo monete
  • Associazione Circolo "Tempo Libero"'s Eventi
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Eventi

Categories

  • Articoli
    • Manuali
    • Portale
  • Pages
  • Miscellaneous
    • Databases
    • Templates
    • Media

Product Groups

  • Editoria
  • Promozioni
  • Donazioni

Categories

  • Libri
    • Monete Antiche
    • Monete Medioevali
    • Monete Moderne
    • Monete Contemporanee
    • Monete Estere
    • Medaglistica e sfragistica
    • Numismatica Generale
  • Riviste e Articoli
    • Rivista Italiana di Numismatica
  • Decreti e Normative
  • Circolo di esempio's Documenti
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File 2
  • Cercle Numismatique Liegeois's File
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's VERNICE- MOSTRA
  • Circolo Numismatico Asolano's Documenti dal circolo
  • associazione numismatica giuliana's File

Collections

  • Domande di interesse generale
  • Contenuti del forum
  • Messaggi
  • Allegati e Immagini
  • Registrazioni e Cancellazioni
  • Numismatica in generale
  • Monetazione Antica
  • Monetazione medioevale
  • Monetazione degli Stati italiani preunitari
  • Monetazione del Regno d'Italia
  • Monetazione in lire della Repubblica Italiana
  • Monetazione mondiale moderna
  • Monetazione mondiale contemporanea
  • Monetazione in Euro

Categories

  • Monete Italiane
    • Zecche italiane e Preunitarie
    • Regno D'Italia
    • Repubblica Italiana (Lire)
  • Eur
  • Monete mondiali
  • Gettoni
  • Medaglie
  • Banconote, miniassegni...
  • Cataloghi e libri
  • Accessori
  • Offerte dagli operatori
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Annunci
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's Interessante link

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Found 16 results

  1. ARES III

    Un uovo millenario

    Israele, trovato un uovo di gallina di 1000 anni La fantastica scoperta durante gli scavi in un pozzo nero d'epoca islamica Un uovo di gallina millenario, perfettamente intatto e conservato. La fantastica scoperta degli archeologi dell’Israel Antiquity Authority a Yavne – distretto centrale d’Israele – sta facendo il giro del Mondo. Durante gli scavi di un antico pozzo nero risalente al periodo islamico -circa 1.000 anni fa-, ecco spuntare l’uovo millenario. Elie Haddad, Liat Nadav-Ziv e Jon Seligman, che stavano dirigendo i lavori nel sito archeologico facente parte del progetto Israel Land Authority nella città, hanno scoperto un’area industriale estesa risalente al periodo bizantino. Alcuni frammenti di guscio d’uovo recedenti, erano già stati rinvenuti, come ad esempio nella città di Davide e a Cesarea e Apollonia, ma nessun uovo di gallina era mai stato recuperato in perfetto stato di conservazione e integro come questo. Una scoperta sensazionale, dunque, perché difficilmente i gusci fragili delle uova non si rompono. Come sia finito l’uovo in quel pozzo, resta un mistero. Nella stessa fossa del periodo islamico, infatti, si trovavano bambole in osso di 1000 anni fa, usate come giocattoli. Il recupero dell’uovo millenario Nonostante l’estrema cautela con cui l’uovo è stato rimosso, il guscio è stato rotto, ma nel laboratorio di prodotti organici dell’Autorità per le antichità israeliane, l’ambientalista Ilan Naor ha riportato l’uovo nello stato in cui è stato trovato. Un uovo di gallina difficilmente viene recuperato intatto, come sostengono gli esperti, è molto più semplice trovare integro un uovo di struzzo dal guscio più spesso e resistente. La conservazione dell’uovo scoperto in Israele è evidentemente dovuta al microclima caratteristico del pozzo nero in cui è stato trovato. “Sfortunatamente, l’uovo aveva una piccola crepa sul fondo, ha spiegato Lee Perry Gal, dell’Israel Antiquity Authority e uno dei maggiori esperti di pollame del mondo antico, quindi la maggior parte del contenuto era fuoriuscito. Rimaneva solo una parte del tuorlo, che è stato conservato per future analisi del DNA” Le uova, anche in epoca antichissima, erano considerate l’alimento proteico per eccellenza nel mondo ellenistico e romano antico. L’allevamento di pollame è stato introdotto in Israele 2.300 anni fa, ma nel periodo islamico, dal VII secolo d.C in poi, con il divieto di mangiare carne di maiale le famiglie avevano bisogno di un sostituto proteico che non richiedesse particolari tecniche di raffreddamento o conservazione, e queste caratteristiche le ritrovarono proprio nelle uova e nella carne di pollo. Uovo Millenario scoperto in Israele https://siviaggia.it/notizie/israele-trovato-uovo-millenario/333987/
  2. In Israele riemergono ‘pezzi’ di Bibbia: archeologi ritrovano un’antica fortezza dell’epoca del Re Davide Scavo archeologico in Israele riporta alla luce un antica fortezza biblica: civiltà delle quali si erano quasi perse le tracce riemergono dal passato Pezzi di storia e di Bibbia che riemergono dal passato. Di recente sulle alture del Golan, in Israele, durante scavi esplorativi prima della costruzione di un nuovo quartiere, è stato rinvenuto quello che potrebbe essere il più antico insediamento fortificato risalente all’epoca di Davide, secondo re di Israele, databile a circa 3.000 anni fa. All’interno dei resti del forte nel sito di Haspin, nel nord di Israele, datato all’XI-IX secolo a.C., sono state rinvenute le incisioni rupestri di due figure che tengono le braccia in alto, forse in preghiera e probabilmente rivolte verso la Luna. Non è ancora noto chi presidiasse la fortezza, costruita con grandi massi di basalto e muri larghi quasi un metro e mezzo. Come ha spiegato al “Times of Israel” Ron Be’eri, consulente scientifico della Israel Antiquities Authority, l’ipotesi è che la fortezza dell’era del re Davide (che rese gli israeliti, con loro capitale Gerusalemme, un popolo stanziale e organizzato) possa essere la prima prova della presenza dei geshuriti citati nella Bibbia. “Nel momento in cui gli imperi egiziano e ittita vengono distrutti si crea un grande vuoto. Non abbiamo resoconti scritti di quell’epoca e torniamo a una sorta di ‘preistoria’ in cui possiamo fare affidamento solo su manufatti fisici. Quindi si entra nel campo delle supposizioni”, ha spiegato l’archeologo israeliano. Il piccolo forte ritrovato ora venne costruito su una collina che poteva servire come punto d’osservazione in una posizione strategica, sopra il canyon del fiume El-Al. Secondo Be’eri, il forte testimonia l’era di conflitti e della lotta per il controllo iniziata dopo la caduta dell’impero ittita settentrionale intorno al 1180 a.C. Tra i popoli che si battevano c’erano i geshuriti, ovvero un gruppo di aramei la cui capitale si trovava nell’odierna Betsaida, a nord del Mar di Galilea. Come ha spiegato Be’eri, è altamente probabile che il forte di Haspin (o Hispin) appartenesse al popolo geshurita o a un altro gruppo arameo. Le testimonianze fisiche di questi popoli giunte fino a noi sono poche e nessuna documentazione testuale esterna a parte alcune citazioni nella Bibbia. I manufatti israeliti dell’epoca visibili ancora oggi sono tanti, ma vi sono molti meno resti lasciati dai popoli aramei. Gli esempi più vicini ai reperti del forte si trovano nel sito archeologico di Tel Bethsaida. Come è spiegato dalla della Israel Antiquities Authority, lo scavo archeologico del sito è stato eseguito principalmente da residenti e giovani locali. “È possibile che il forte fosse presidiato dai geshuriti, che secondo la Bibbia, governarono nel Golan meridionale e intrattenevano relazioni diplomatiche con il re Davide e la dinastia davidica. Il complesso che abbiamo esposto è stato costruito in una posizione strategica sulla piccola collina, sopra il canyon El-Al, che domina la regione, in un punto in cui era possibile attraversare il fiume – spiegano i direttori degli scavi, Barak Zin ed Enno Bron -. Durante lo scavo è stato scoperto un altro raro ed emozionante ritrovamento, una grande pietra di basalto con incisione schematica di figure a due corna con braccia aperte. Potrebbe esserci anche un altro oggetto accanto a loro. È interessante notare che nel 2019, una figura scolpita su una stele di pietra cultuale è stata trovata nel progetto di spedizione di Bethsaida, diretto dal dottor Rami Arav della Nebraska University, a Betsaida appena a nord del Mare di Galilea. La stele, raffigurante una figura cornuta con le braccia aperte, è stata eretta accanto a una piattaforma rialzata (bama) adiacente alla porta della città. Questa scena è stata identificata da Arav come rappresentante del culto del dio della luna. La pietra di Hispin si trovava su uno scaffale vicino all’ingresso e non una, ma vi erano raffigurate due figure. Secondo gli archeologi, è possibile che una persona che ha visto l’imponente stele di Betsaida, abbia deciso di creare una copia locale della stele reale. La città fortificata di Betsaida è considerata dagli studiosi la capitale del regno arameo di Geshur, che governò il Golan centrale e meridionale 3000 anni fa . Le città del Regno di Geshur sono conosciute lungo la costa del Mar di Galilea, tra cui Tel En Gev, Tel Hadar e Tel Sorag, ma i siti sono poco conosciuti nel Golan. Questo complesso fortificato unico solleva nuovi problemi di ricerca sull’insediamento del Golan nell’età del ferro. A seguito di questa scoperta, verranno apportate modifiche ai piani di sviluppo insieme al Ministero dell’edilizia abitativa e delle costruzioni, in modo che l’unico complesso fortificato non venga danneggiato. Il complesso si svilupperà come un’area aperta lungo la riva del fiume El-Al, dove si svolgeranno attività didattico-archeologiche, come parte del patrimonio culturale e di legame con il passato. Siamo sbalorditi da questi rari risultati e grati per l’opportunità di sperimentare il lavoro sul campo e rafforzare i legami delle giovani generazioni con le loro radici”. http://www.meteoweb.eu/2020/11/israele-scoperta-archeologica-fortezza-bibbia-re-davide-foto-video/1506743/
  3. Israele, ritrovate 425 monete d’oro risalenti a circa 1100 anni fa Una scoperta sensazionale durante degli scavi in un sito nei pressi della città di Yavne, Ritrovato in Israele un tesoro di più di 1000 anni. Si tratta di 425 monete d'oro. Liat Nadav-Ziv e Elie Haddad, direttori degli scavi, hanno affermato che probabilmente si tratta di un tesoro che qualcuno aveva seppellito nella speranza di poterlo poi recuperare in un secondo momento. Secondo le prime ricostruzioni, le monete risalirebbero al IX secolo, periodo di massimo splendore del califfato degli Abassidi. https://it.euronews.com/amp/2020/08/24/israele-ritrovate-425-monete-d-oro-risalenti-a-circa-1100-anni-fa
  4. Israele: trovata una fortezza che aiuterà a ricostruire eventi biblici Si tratta di una struttura in buono stato di conservazione e dunque sarà aperta al pubblico nei prossimi giorni Il Medio Oriente, e in particolare il suo sottosuolo, continua a riservare scoperte sorprendenti. Una fortezza di 3200 anni fa utilizzata dai canaanei per fronteggiare gli attacchi di filistei, da un lato, e di israeliti, dall’altro, è tornata alla luce grazie ad un gruppo di archeologi israeliani , che l’hanno scoperta nei pressi della località di Kiryat Gat, nelle vicinanze della storica Lakish. Si tratta di una struttura in buono stato di conservazione e dunque sarà aperta al pubblico nei prossimi giorni. Lo ha reso noto la Autorità israeliana per le antichità. La fortezza di circa 20 metri quadrati – che aveva torri di guardia – era situata su una elevazione strategica da dove si controllava il transito su una arteria di collegamento fra la fascia costiera (dove si trovavano gli insediamenti filistei di Ashkelon, Ashdod e Gat) ed il deserto di Giudea, nei pressi del quale vi era invece la presenza di israeliti. Nei locali sono stati rinvenuti utensili dell’epoca, per lo più di fattura egizia. “Questa fortezza – hanno commentato gli archeologi Saar Ganor e Itamar Weissbein – ci consente di dare un’occhiata ravvicinata ad eventi descritti nella Bibbia nel Libro dei Giudici, ed in particolare alle lotte infuriate quando la terra di Canaan era ancora sotto dominio egizio”. http://www.meteoweb.eu/2020/08/scoperta-archeologia-israele-fortezza/1469818/
  5. Nell’area archeologica di Hippos, nel nord di Israele, i ricercatori dell’Università di Haifa hanno portato alla luce un mosaico di 1.500 anni raffigurante uno dei più noti miracoli compiuti da Gesù. Cinque pani e due pesci, proprio come raccontano gli evangelisti nel Nuovo Testamento. Si tratta della pavimentazione, perfettamente conservata, di una chiesa costruita vicino al lago di Tiberiade, noto anche come Mar di Galilea, distrutta da un incendio nel 700 d.C https://it.businessinsider.com/israele-scoperta-mosaico-gesu-pani-pesci/amp/
  6. Scoperta di 5 anni fa: Maschera in bronzo del dio Pan ritrovata in Israele: la scoperta presso il lago Tiberiade Una grande maschera di bronzo raffigurante il dio Pan è stata ritrovata in Israele, nei pressi del lago Tiberiade, durante una campagna di scavi condotta dall’Università di Haifa. Una scoperta inaspettata quanto eccezionale avvenuta nel Parco Nazionale di Hippos-Sussita a circa 2 chilometri dal lago, nel nord del Paese. La maschera, rarissima secondo gli archeologi, è diversa da ogni altro reperto simile poiché, come ha spiegato Michael Eisenberg, direttore degli scavi, ‘gran parte delle maschere di bronzo del periodo ellenistico o romano sono delle miniature‘, questa, invece, è a grandezza naturale, caratteristica principale che conferma la straordinarietà della scoperta. Una maschera in bronzo del dio Pan, che la mitologia greca rappresenta mezzo uomo e mezzo caprone, è stata scoperta durante un’operazione di scavo condotta dagli archeologi dell’Università di Haifa nel sito di Sussita, in Israele. Il prezioso reperto presenta, nascosti tra i capelli, due piccoli corni, un particolare che ha indotto gli studiosi a ritenere la maschera come una raffigurazione di Pan, figlio di Ermes e dio dei pastori, della musica e del divertimento. ‘Corni come quelli, ha infatti spiegato ancora Eisenberg, di norma sono associati appunto al dio della musica e dei piaceri. Inoltre, analisi di laboratorio hanno rivelato trecce di una barba da caprone, lunghe orecchie appuntite e altre caratteristiche tipiche del satiro‘. Non solo. L’eccezionalità della scoperta fatta in Israele sta anche nel fatto che la maschera è interamente di bronzo, visto che la maggior parte dei manufatti utilizzati nel teatro antico sono fatti di pietra o al massimo di terracotta. Come dicevamo, la scoperta è avvenuta in una località nei dintorni del lago Tiberiade, precisamente nello scavo archeologico di Sussita. Qui un tempo sorgeva la città romana di Antiochia Hippos, antica ‘polis‘ a est del Mare di Galilea, situata sulle montagne che sovrastano la città ebraica di Tiberiade. Sul luogo del ritrovamento, ritenuto al di fuori della città di Hippos, gli archeologi hanno riscontrato anche i segni di una grande struttura di basalto che, insieme alla maschera, li ha indotti a pensare che il sito doveva aver ospitato un altare dedicato proprio a Pan: con molta probabilità, infatti, i riti e le offerte sacrificali venivano effettuati non solo dentro le mura della città, ma anche fuori, nei boschi e nelle grotte. Del resto, un altare all’aperto simile dedicato al dio ‘pastore’ era già stato rinvenuto a nord dello stesso sito. L’eccezionale scoperta della maschera in bronzo, dunque, conferma l’enorme valore storico e archeologico di questa zona, che è stata teatro, tra il 2011 e il 2012, di altri due importanti ritrovamenti: una statua di Ercole e una stele funeraria di basalto. https://www.nanopress.it/articolo/maschera-in-bronzo-del-dio-pan-ritrovata-in-israele-la-scoperta-presso-il-lago-tiberiade/73945/amp/
  7. ISRAELE: CHIESA DI 1.300 ANNI FA SCOPERTA IN GALILEA VICINO AL MONTE TABOR, NEL VILLAGGIO DI KFAR KAMA Un ritrovamento eccezionale: così viene presentato al mondo il ritrovamento nel villaggio di Kfar Kama, nella zona del Monte Tabor, di una chiesa di 1.300 anni fa. Gli scavi sono condotti dalla Israel Antiquity Authority sotto la guida della dottoressa Nurit Feig, in collaborazione con il Kinneret Academic College, diretto da Moti Aviram. Un ringraziamento speciale è andato anche ai volontari locali. La scoperta, avvenuta in Galilea, ha entusiasmato il capo della Chiesa cattolica greca in Israele, l'arcivescovo Youssef Matta, che è andato personalmente a visitare il sito. Lo scavo è stato condotto prima della costruzione di un parco giochi, su iniziativa del Consiglio locale di Kfar Kama e del Fondo Nazionale Ebraico. Secondo la dottoressa Feig, "la chiesa, che misura 12 × 36 metri, comprende un ampio cortile, un foyer in nartece e una sala centrale. Particolare di questa chiesa è l'esistenza di tre absidi (nicchie di preghiera), mentre la maggior parte delle chiese della medesima epoca erano caratterizzate da un'unica abside. La navata centrale e le navate laterali erano pavimentate con mosaici parzialmente ritrovati. La loro decorazione policroma si distingue dall'incorporare motivi geometrici e motivi floreali blu, neri e rossi. Una scoperta speciale è stata quella relativa al piccolo reliquiario, una scatola di pietra usata per conservare le reliquie sacre”. Un'ulteriore serie di ambienti adiacenti alla chiesa è stata parzialmente portata alla luce. Secondo un'ispezione radar a penetrazione nel terreno operata dal dottor Shani Libbi, ci sono stanze aggiuntive nel sito ancora da scavare. All'inizio degli anni '60, una chiesa più piccola con due cappelle fu scavata all'interno del villaggio di Kfar Kama e fu datata dai ritrovamenti alla prima metà del VI secolo d.C. Secondo il professor Moti Aviam, "questa era probabilmente la chiesa del villaggio, mentre la chiesa ora scoperta era probabilmente parte di un monastero contemporaneo alla periferia del villaggio. La nuova scoperta allude all'apparente importanza del villaggio cristiano insediato in epoca bizantina a ridosso del monte Tabor, sito di primaria importanza religiosa per la cristianità, identificato come sito della Trasfigurazione. Nel 1876, quando la tribù Circassa Shapsug si stabilì per la prima volta a Kfar Kama, usò le pietre dell'antico villaggio per costruire le loro case. La scoperta della chiesa a Kfar Kama contribuirà al vasto progetto di ricerca sull'insediamento cristiano in Galilea che viene condotto dal professor Moti Aviam e dal dottor Jacob Ashkenazi del Kinneret Institute of Galilean Archaeology nel Kinneret Academic College. La Galilea, regione a nord di Israele che si snoda intorno al lago che della regione stessa porta il nome, è caratterizza da un paesaggio verde e ricco di vegetazione, regione ideale per ogni tipologia di turismo, dal turismo spirituale ad esperienze outdoor, alla scoperta di inediti siti archeologici, ricchissima di storia e tradizione. http://www.turismoitalianews.it/tradizioni/4993-israele-chiesa-di-1-300-anni-fa-scoperta-in-galilea-vicino-al-monte-tabor-nel-villaggio-di-kfar-kama
  8. ARES III

    Il volto di Dio ?

    Israele, statue con la faccia di Dio: la teoria di un archeologo fa discutere Quelle piccole figure maschili rappresenterebbero, in realtà, la faccia di Dio. È la clamorosa teoria di Yosef Garfinkel, professore all'università Ebraica, raccontata in un articolo inserito nel numero di ottobre 2020 della rivista Biblical Archaeology Review. Le statuette risalgono al X-IX secolo a.C., sono associate ad altre raffiguranti dei cavalli ed erano state ritrovate nell'antico regno di Giuda. «Credo proprio che la gente anticamente ritenesse che quelle statuette rappresentassero Yahweh», ha rivelato al The Times of Israel nei giorni scorsi il professor Garfinkel. In molti, però, nell'ambiente sembrano non essere persuasi da una simile teoria. Non sarebbe un caso, a detta dei colleghi dell'accademico, che la notizia sia stata pubblicata su una rivista generalista e non su un testo accademico. «Parliamo di puro sensazionalismo, rivolto alla grande distribuzione, con l'unico scopo di generare denaro», hanno dichiarato senza mezzi termini i condirettori degli scavi di Tel Motza Shua Kisilevitz (Israel Antiquities Authority e Università di Tel Aviv) e Oded Lipschits (Università di Tel Aviv). Che poi hanno aggiunto «Sono stati ignorati autorevoli studi per dare una spiegazione migliore di quella vera». A dare manforte alle toerie di Garfinkel, però, ci sarebbero dei versetti biblici tratti dal libro di Abacuc, in cui si parlerebbe della presenza statuette raffiguranti divinità, ma della difficoltà di reperire le stesse, almeno fino agli scavi di Khirbet Qeiyafa, trenta chilometri a sud-ovest di Gerusalemme, condotti dal professore circa dieci anni fa. In questi, era stata rinvenuta una testa maschile risalente, dalle analisi effettuate, al decimo secolo avanti Cristo. E quindi la descrizione del professore: «La fronte piatta, le orecchie il naso e gli occhi sporgenti, che sembrebbero essere stati fatti in due fasi. Prima attaccati al viso, poi forati per creare l'iride. Le orecchie bucate sembrerebbero essere dovute alla presenza di orecchini, mentre in testa dei piccoli solchi lascerebbero pensare a un copricapo, magari una corona». La notizia, se conformata, sarebbe sconvolgente per due ordini di ragioni. Innanzitutto, a fronte delle tante statuette di donne rinvenute, quelle delle divinità maschili nell'antichità sono rarissime. Nelle credenze del Regno di Giuda, inoltre, erano assolutamente vietate. Questo non impedisce, tuttavia, che in concreto delle statuette siano state effettivamente create. Se secondo il professore, nell'iconografia tradizionale, Dio sarebbe rappresentato come un anziano simile a Zeus e seduto su un trono con uno scettro, quello della statuetta in questione sarebbe diverso, perché, appunto, andrebbe a cavallo. Spiegazione possibile, in quanto nel regno di Giuda e Israele ogni popolo aveva una divinità rappresentata in modo differente. Il dubbio è stato alimentato dalle successive scoperte, che nella stessa zona portarono al rinvenimento di altre statuette simili, oltre a quella un tempo custodita dall'ex ministro della difesa Moshe Dayan e ora al museo di Israele. Da lì il dubbio che potessero raffigurare un dio. A sostegno, anche i luoghi in cui furono trovate: non una casa, bensì il tempio di Motza. Alle teorie, secondo cui, invece si tratterebbe di sculture eccessivamente rudimentali per una divinità, Garfinkel ha risposto che si discute di una società contadina, differente dai regni di Egitto e Mesopotamia, dove esistevano già artisti affermati. Naturalmente folto il coro dei critici e, se diversi archeologi hanno preferito non commentare, i direttori degni scavi si sono espressi in termini piuttosto netti: «L'articolo è pieno di inesattezze e anche l'approccio metodologico è discutibile». Tra le critiche anche inesattezze temporali, in quanto le figure sarebbero antecedenti alla comparsa di Yahweh. Sebbene, poi, niente dica con certezza che non sono figure divine, altrettanto vero è che non si sono mai viste divinità cavalcare animali nell'iconografia tradizionale di quei luoghi e di quei popoli. Ci sarebbero, infine, le dimensioni del cavallo e della divinità, fra loro incompatibili. https://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/dio_statuette_figura_studio_israele-5380675.html
  9. Per gli amanti di Equitalia e delle tasse, ecco un articolo fatto apposta per voi, che vi dedico di cuore. Gerusalemme, scoperti i resti di un palazzo delle tasse del Regno di Giuda L'edificio, rinvenuto non lontano dalla nuova sede dell'ambasciata Usa, è eccezionale sia per dimensioni che per stile architettonico. Lo scavo ha portato inoltre alla luce 120 maniglie di anfore di 2.700 anni fa con i calchi di sigilli che attestano l'uso del sito come deposito e centro fiscale Straordinaria scoperta a Gerusalemme, dove un team di archeologi, diretto da Neri Sapir della Israel Antiquities Authority, ha rinvenuto i resti di un imponente palazzo pubblico del Regno di Giuda, utilizzato come magazzino e sede degli uffici per la riscossione delle tasse. Gli archeologi, spiega il sito Israele.net, ritengono che il complesso, che sorgeva tra Talpiot e Ramat Rachel, a 3 km dall'attuale Città Vecchia, sia stato un centro amministrativo durante i regni di Ezechia e Manasse (dall'VIII secolo alla metà del VII secolo a.C). Lo scavo ha inoltre riportato alla luce, nei sotterranei del complesso, 120 maniglie di anfore di 2.700 anni fa, con i calchi di sigilli che attestano l'uso del sito come deposito e centro fiscale. Le piccole lettere ebraiche sono ancora visibili sulla terracotta e sono accompagnate da simboli diversi, come un'aquila in volo o un disco solare. E' inoltre riportato il nome delle quattro città di Giuda: Hebron, Ziph, Socho e Memshat. Mentre le prime tre sono ben identificate, gli archeologi discutono sull'identità di Memshat. Un’ipotesi è che corrispondesse a Ramat Rachel, situata dall'altra parte della valle. Ci sono poi sigilli che portano il nome di alti funzionari del Regno di Giuda del periodo del Primo Tempio. Si tratta di una delle scoperte più significative fatte negli ultimi anni relative al periodo dei re di Gerusalemme. Come spiegano i direttori degli scavi: “Abbiamo la testimonianza che l'attività governativa gestiva e distribuiva scorte di cibo e amministrava il surplus agricolo accumulando derrate e beni". Le giare venivano usate per raccogliere in modo ordinato le tasse per prodotti agricoli come vino e olio d'oliva, ma potevano anche essere inviate dal re in diverse città per altri scopi, come finanziare campagne militari. L’archeologo Benyamin Storchan ha inoltre spiegato al "Jerusalem Post" che, fino ad oggi, in oltre un secolo di scavi, “sono stati trovati in Israele solo 1.000 oggetti analoghi, il che dà un'idea dell'importanza di questo sito”. http://www.artemagazine.it/attualita/item/11513-archeologia-gerusalemme-scoperti-i-resti-di-un-palazzo-delle-tasse-del-regno-di-giuda
  10. Sigilli di 2.500 anni fa parlerebbero di ebrei che ricostruiscono Gerusalemme nel periodo persiano Un’impronta di sigillo e un separato sigillo-matrice di argilla grezza, rinvenuti nella Città di Davide appena fuori le antiche mura della città vecchia, potrebbero testimoniare uno snodo significativo della storia di Gerusalemme dopo la distruzione del Primo Tempio. La scoperta è avvenuta negli scavi archeologici condotti dall’Autorità israeliana per le antichità e dall’Università Tel-Aviv. La notizia è riportata dal Times of Israel e dal Jerusalem Post. “La scoperta dell’impronta del timbro e del sigillo nella Città di Davide indica che, nonostante la terribile situazione della città dopo la distruzione [babilonese], furono fatti degli sforzi per riportare alla normalità le autorità amministrative e i suoi residenti continuarono a utilizzare in parte le strutture prima distrutte”, hanno detto al Times of Israel Yuval Gadot dell’Università di Tel Aviv e Yiftah Shalev dell’Autorità per le antichità di Israele. Risalenti a circa 2.500 anni fa, al periodo persiano, i manufatti potrebbero così provare secondo gli archeologi che la città fu un centro amministrativo anche dopo la distruzione del 586 a.C. avvenuta per mano babilonese. Gli antichi sigilli indicano quindi che gli abitanti di Gerusalemme stavano in quei tempi ricostruendo la città, compreso il suo apparato burocratico. Si pensa infatti che gli ebrei abbiano compiuto un ‘ritorno a Sion’ dopo l’esodo che seguì alla distruzione del Primo Tempio, proprio come descritto nei libri biblici di Esdra e Neemia. “Il periodo persiano è un buco nero in archeologia – ha dichiarato Yiftah Shalev -. Ogni volta che troviamo qualcosa è come accendere una nuova candela che dà una nuova luce”. L’archeologo ha spiegato che l’impronta di sigillo misura 4,5 centimetri e sembra essere stata fatta con un sigillo ufficiale in stile babilonese. A causa delle sue dimensioni, fu probabilmente utilizzata per sigillare un grande contenitore. Raffigura l’immagine di una persona seduta su una grande sedia con una o due colonne davanti a sé, probabilmente un re, mentre le colonne simboleggiano gli dei Nabu e Marduk. Il sigillo di argilla fu invece realizzato con un frammento di ceramica riutilizzato di 8 cm di diametro, e la sua fattura sembrerebbe di tipo locale. Il prossimo passo è condurre un’analisi petrografica dei due manufatti rinvenuti, ha detto Yuval Gadot al Jerusalem Post, per poter accertare la loro fonte geologica, che aiuta a identificare la loro origine geografica. Obiettivo, comprendere se gli oggetti siano stati realizzati a Gerusalemme oppure altrove e successivamente portati in città. https://www.mosaico-cem.it/cultura-e-societa/arte/sigilli-di-2-500-anni-fa-parlerebbero-di-ebrei-che-ricostruiscono-gerusalemme-nel-periodo-persiano
  11. Gli archeologi potrebbero aver identificato la famosa vigna di Izreel descritta nella Bibbia (1 Re 21,1-16). Scoperta per la prima volta nel 2013 nel nord di Israele, la vigna è stata esplorata in diverse stagioni di scavi negli anni successivi. Presenta diverse strutture scavate nella roccia e una serie di elementi che la rendono compatibile con la narrazione biblica, stando a un articolo pubblicato nell’ultimo numero del Journal of Eastern Mediterranean Archaeology and Heritage Studies. “Sebbene allo stato attuale sia impossibile datare con certezza i resti dell’antico vigneto scoperto non lontano da Izreel, un insediamento continuativamente abitato per migliaia di anni – ha spiegato al Jerusalem Post l’autrice principale dello studio, Norma Franklin, dell’Istituto Zinman di archeologia presso l’Università di Haifa – tuttavia diversi fattori supportano l’idea che chiunque abbia narrato la storia riferita nelle Scritture, costui fosse a conoscenza dell’esistenza di questa vigna”. https://www.israele.net/9-giugno-2020-2
  12. Bambino fortunato o molto attento? Tavoletta dell’età del bronzo trovata in Israele da bambino di sei anni Va in gita con i genitori e trova una tavoletta illustrata di 3.500 anni fa. Protagonista della vicenda è un bambino israeliano di sei anni, Imri Elya, residente nel Kibbutz Nirim, non lontano dalla Striscia di Gaza. Lo scorso marzo, come riporta il Jewish Press, il bambino è andato a visitare il sito archeologico di Tel Jemmeh, dove ha rinvenuto una tavoletta di argilla che i genitori hanno poi consegnato all’Autorità israeliana per le antichità. Secondo gli archeologi Saar Ganor, Itamar Weissbein e Oren Shmueli, il manufatto potrebbe risalire alla tarda età del bronzo, tra il XII e il XV secolo a.C. L’oggetto mostra un uomo potente e importante che porta con sé un prigioniero con le mani legate. L’immagine è stata impressa con un modello, e alcune impronte digitali dell’antico artigiano sono rimaste segnate sul retro della tavola. “L’artista che ha creato questa tavoletta sembra essere stato influenzato da rappresentazioni simili [che si trovano] nell’arte del Vicino Oriente antico – spiegano i tre archeologi dell’Autorità israeliana per le antichità -. Il modo in cui il prigioniero è legato è già stato visto in rilievi e reperti trovati in Egitto e nel Sinai settentrionale”. Poiché il sito archeologico di Tel Jemmeh è identificato con la città cananea di Yurza, la scena raffigurata sul manufatto potrebbe simboleggiare le lotte di potere tra la città di Yurza e una delle città vicine, probabilmente Gaza, Ashkelon o Lachish, ma anche la lotta di una popolazione nomade del Negev. I ricercatori ritengono infatti che la scena “sia presa dalle descrizioni di parate di vittoria” e che mostri “il potere di un sovrano sui suoi nemici; ciò apre una finestra utile a comprendere la lotta per il dominio nel sud del paese durante il periodo cananeo”. In quel tempo, la terra di Canaan era governata dall’Impero egiziano e divisa in stati cittadini governati da re locali. Al piccolo Imri Elya, artefice del prezioso ritrovamento, è stata consegnata una pergamena con le lodi dell’Autorità israeliana per le antichità. https://www.mosaico-cem.it/cultura-e-societa/personaggi-e-storie/tavoletta-delleta-del-bronzo-trovata-in-israele-da-bambino-di-sei-anni
  13. Scoperta in Israele: gli ebrei facevano uso di cannabis già 2700 anni fa durante le cerimonie rituali Un'équipe di ricercatori ha trovato residui su due altari del santuario di Tel Arad, uno dei siti archeologici più importanti del Paese, a sud del Mar Morto Gli ebrei facevano uso di cannabis durante le cerimonie rituali all'epoca del Primo Tempio di Gerusalemme, 2700 anni fa. È la curiosa scoperta di uno studio pubblicato venerdì sulla rivista dell'Istituto di archeologia dell'università di Tel Aviv da Eran Arie, curatore dell'area archeologica del Museo d'Israele e da Dvory Namdar, chimica e archeologa dell'Istituto Volcani, specializzato nella ricerca agricola e botanica. I ricercatori hanno esaminato dei residui trovati su due altari del santuario di Tel Arad, uno dei siti archeologici più importanti di Israele, a sud del Mar Morto, risalente intorno al 750 a.C. e rinvenuto negli anni '60 nel corso degli scavi condotti dall’archeologo Yohanan Aharoni. Usando la gascromatografia e la spettrometria di massa, i ricercatori hanno potuto identificare oggi ciò che non era riuscito ai loro predecessori nel 1963: i residui trovati sull'altare minore presentano tracce di Thc, cannabidiolo e cannabinolo, i principi attivi della cannabis. E insieme a essi anche residui di letame, che i ricercatori riconducono al combustibile che permetteva alla cannabis di bruciare alla temperatura necessaria per attivare i composti psicoattivi della sostanza. Questo a differenza dei residui rinvenuti sull'altare maggiore: franchincenso, un incenso pregiato proveniente dalla penisola arabica, e grasso, che porta la materia a raggiungere temperature più elevate necessarie affinché rilasci il suo aroma. "Per portare a uno 'stato di alterazione' con la cannabis è necessaria una temperatura non troppo alta, per non rischiare di bruciarla, e la differenza tra i combustibili utilizzati dimostra una certa competenza in materia", spiega Dvory Namdar in un'intervista al quotidiano Haaretz. Altro elemento significativo della ricerca è che, siccome entrambe le sostanze erano importate con costi molto elevati, e dal momento che il santuario di Tel Arad era costruito sul modello del grande Tempio di Gerusalemme – distrutto nel 586 a.C. con la conquista babilonese – gli archeologi ipotizzano che se il rituale era utilizzato in una zona periferica del Regno di Giudea, probabilmente era una pratica di culto istituzionalizzata dal governo centrale che ne sovvenzionava i costi e certificava la legittimità. L'utilizzo di sostanze allucinogene per ragioni di culto è attestato nelle culture umane dal Neolitico", dice Arie. "Ma questa è al momento la più antica evidenza dell’uso di cannabis nel Medio Oriente antico". Gli abitanti del Regno di Giudea nell’VIII secolo a.C. entrano ora a far parte di questo 'club'. https://www.repubblica.it/esteri/2020/06/03/news/scoperta_in_israele_gli_ebrei_facevano_uso_di_cannabis_2700_anni_fa-258320098/amp/
  14. Israele, scoperta megalopoli di 5 mila anni fa: "È la New York dell'età del Bronzo, e riscriverà la storia" Trovata scavando a nord di Tel Aviv, l'antica En Esur sarebbe il più grande insediamento mai riportato alla luce del Paese e destinato a "cambiare per sempre ciò che sappiamo delle prime urbanizzazioni in tutta l'area" Una città antica 5 mila anni, della prima età del Bronzo, perfettamente urbanizzata. L'antica città di En Esur, è stata portata alla luce dagli archeologi israeliani durante gli scavi per un progetto autostradale vicino a Harish, città a 50 chilometri a nord di Tel Aviv. Secondo quanto è stato anticipato, si tratta di una "città cosmopolita e pianificata" che risale alla prima età del Bronzo (fine del quarto millennio a.C.). Copriva 65 ettari e ospitava circa seimila persone. I ricercatori dicono di aver scoperto anche un insolito tempio rituale, con ossa carbonizzate di animali, offerte sacrificali, la riproduzione di un volto, frammenti di ceramica, strumenti di selce e vasi di pietra. È una scoperta che potrebbe cambiare tutto quello che sappiamo sul primo periodo in cui le popolazioni rurali iniziarono ad organizzarsi in contesti urbani. "È molto più grande di qualsiasi altro sito noto nella terra di Israele e fuori, in Giordania, Libano, Siria meridionale", ha dichiarato il co-direttore dello scavo dr. Yitzhak Paz. "Questa è una città enorme, una megalopoli della prima età del Bronzo, dove migliaia di abitanti si guadagnavano da vivere con l'agricoltura e commerciavano con regioni diverse, persino con culture e regni diversi della stessa area... Questa è la prima New York del Bronzo della nostra regione, una città cosmopolita e pianificata", hanno dichiarato i direttori degli scavi Itai Elad, Paz e la dottoressa Dina Shalem, si legge sul Times Of Israel. Gli scavi sono stati effettuati negli ultimi due anni e mezzo, finanziati da Netivei Israel - la National Transport Infrastructure Company Ltd. Hanno partecipato oltre 5 mila studenti delle scuole superiori e volontari della zona. Situata vicino a Wadi Ara, vicino a due sorgenti d'acqua, nel distretto di Haifa, nel nord di Israele, secondo Paz, la città sorgeva su un terreno fertile e adatto all'agricoltura e vicina a importanti rotte commerciali centrali. L'antico insediamento conteneva edifici e aree pubbliche e private, strade e vicoli ed era circondato da un muro di fortificazione. "Lo scavo in questo sito ha rivelato due insediamenti principali", ha spiegato Shalem. "Il primo ha circa 7mila anni. È un insediamento agricolo molto grande. Duemila anni dopo, un altro insediamento divenne una delle prime città conosciute in questa zona del mondo". https://www.repubblica.it/esteri/2019/10/06/news/israele_scoperta_citta_antica_5000_anni-237840912/
  15. CARATTERISTICHE PRINCIPALI Peso: Diametro: Metallo Presunto: Buongiorno! Ho bisogno di un aiuto nella datazione di questa moneta da 10 agorot israeliani Grazie!
  16. Buongiorno potete darmi un parere su questa prutah di antonio felice e un parere sul valore ? grazie mille @@roth37 @@Claudio I
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.