Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Sono iniziati i lavori di aggiornamento della piattaforma, potrebbero verificarsi problemi sia sul forum che nei cataloghi.

Sign in to follow this  
L. Licinio Lucullo

Denario di Coelius Caldus

Recommended Posts

L. Licinio Lucullo
Supporter
http://numismatica-classica.lamoneta.it/moneta/R-G200/1

post-13865-0-09496700-1357164348_thumb.j

Edited by L. Licinio Lucullo

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

Notevole, nel tempo intercorso fra le successive emissioni della gens (RRC 318 e RRC 437), il mutamento del dittongo del nomen da -oi- a -oe-.

Si ritiene che il monetiere possa identificarsi con il questore del 50, ed è per questo gli si attribuisce il praenomen Gaio (Belloni).

Discende dal console del 94, definito homo novus da Cicerone, che probabilmente era suo nonno (Grueber) o padre (Belloni) e potrebbe, a sua volta, aver firmato l’emissione RRC 318/1. Quando era tribuno della plebe nel 107 propose una lex tabellaria. Sappiamo dalle legende sulle emissioni RRC 437/2, 3 e 4 che fu anche augure, decemvir sacris faciundis e imperator (per vittorie ottenute combattendo in Spagna Ulteriore, durante il consolato o successivamente, da proconsole).

Al D/ compare il ritratto del console, caratterizzato dalla fronte ampia e segnata da rughe, il naso lungo e diritto, le labbra piene; è uno fra i più efficaci per realismo e vivezza psicologica (Belloni). Rimarchevole il fatto che il progressivo accentuarsi della personalizzazione della propaganda gentilizia abbia condotto a commemorare, sulle monete, antenati così prossimi come addirittura il padre (o nonno). La tavoletta con le lettere L.D. (libero - damno) conferma l’attribuzione rievocando la lex tabellaria.

Al R/ la raffigurazione di Sol era ritenuta, un tempo, un tipo parlante, per l’allusione al caldo. Sebbene questa interpretazione non sia necessariamente da escludere (Belloni), Eckhel ha spiegato il tipo ricorrendo a un passo di Varrone: “Comitiis cum sole caldo ego et Q. Axius senator tribulis suffragium tulissemus”. Più recentemente si è pensato, vista anche la presenza dello scudo macedone (riproposto peraltro su un trofeo dell’emissione RRC 437/2), a una rievocazione di successi militari in Macedonia ormai ignoti, forse conseguiti da Luicio Coilio (probabile autore dell’emissione RRC 154/1)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.