Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
dracma76

Lombardia moneta per conto di Carlo II

Risposte migliori

dracma76

Ciao
qualcuno potrebbe darmi maggiori informazioni?
La moneta misura 40,5 millimetri. diametro massimo
pesa 27,5 grammi.
Puoi dire chi sono i tester?

53mx6u.jpg

j11tef.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Caro Dramma, si tratta di un filippo in argento del 1666 coniato nella zecca di Milano durante il regno di Carlo II di Spagna (con la reggenza della madre Marianna, con velo vedovile sul capo), la conservazione è di poco superiore a MB. Il valore commerciale intorno ai 200 euro, il Crippa lo riporta al n. 2 della sue opera se non erro, lo ricordo a memoria perchè il 1666 è un millesimo molto comune per il tipo di moneta ed apparendo in quasi tutte le aste l'ho dovuto per forza memorizzare :rofl: . Sposto la discussione nella sezione appropriata, vedrai che Dabbene saprà darti molte più info sulla moneta. A presto!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Ciao,

come ti ha già detto Francesco siamo nel periodo di Carlo II con la reggenza della madre Maria Anna d'Austria ( 1663 -1675 ), la moneta ha come sola data il 1666, data di inizio delle emissioni che continuarono fino al 1675 con la interruzione del solo anno 1672.

Carlo II all'epoca aveva solo cinque anni ed era già re da uno, essendo rimasto orfano del padre Filippo IV.

I due ritratti abbinati di madre e figlio minore sono suggestivi e di grande impatto, la madre con velo vedovile e il figlio col manto annodato dietro la spalla.

Sul rovescio lo stemma reale di Spagna coronato e con al centro le armi di Milano.

Moneta che il Crippa cataloga al N°.2, comune, in argento, ma difficile da trovare in grande conservazione ; la moneta denominata filippo all'epoca veniva anche chiamata carlo in onore del nuovo sovrano Carlo II diventato probabilmente nel marzo del 1666.

buona giornata,

Mario

Modificato da dabbene
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Anche per offrire un confronto sono andato a riprendere le immagini dall'asta Cronos 6, 2012, lotto 356, in cui viene rappresentato un filippo o carlo del 1666, che Crippa considera " il più bello in assoluto incontrato durante le sue lunghe ricerche presso le collezioni pubbliche e private " .

Non a caso questo esemplare è pubblicato nella sua opera come Crippa 2.

Vediamo il diritto, con i ritratti straordinariamente definiti e un bel tondello largo.

post-18626-0-42581100-1365603877_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Segue da post precedente il rovescio e anche un particolare degli straordinari ritratti come risulta nello stesso catalogo d'asta Cronos 6, 2012, lotto 356,

post-18626-0-03308100-1365604008_thumb.j

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Grazie Fabrizio, il merito è della moneta ovviamente, però visto che abbiamo iniziato a parlarne e a vederne due di queste monete si potrebbe approfittare quasi di continuare lo spunto vedendone altri di pezzi o da aste o se ne avete voi, appena possibile farò la mia parte per proseguire :blum: ,

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dracma76

Grazie per l'informazione, ma è possibile sapere chi è il zecchiere?.

Qualcuno mi potrebbe dare la casa d'aste LIAISON dove all'asta questo pezzo?

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto

raccolgo l'invito di Dabbene e posto il mio filippo, con patina originale...

post-23152-0-68915300-1365620944_thumb.j

post-23152-0-52184400-1365620983_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Non male Profausto un bel modulo largo, due bei ritratti, nel complesso è un bel pezzo, vedo in leggenda stellette e punti, complimenti ! se qualcuno vuole provarci con altri anche di aste ; che peso ha se riesci a farcelo avere, grazie e buona serata,

Mario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto

Non male Profausto un bel modulo largo, due bei ritratti, nel complesso è un bel pezzo, vedo in leggenda stellette e punti, complimenti ! se qualcuno vuole provarci con altri anche di aste ; che peso ha se riesci a farcelo avere, grazie e buona serata,

Mario

grazie Mario ! (acquistato in via Armorari ... un tot di anni orsono.... :nea: )

Il peso è gr 27,7

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eligio

Grazie per l'informazione, ma è possibile sapere chi è il zecchiere?.

Qualcuno mi potrebbe dare la casa d'aste LIAISON dove all'asta questo pezzo?

Saluti

Il maestro di zecca nel 1666 era un tale Francesco Burrone.

Nel mio archivio ho questi dati:

- Maestro di zecca 14 ottobre 1654 - ante 23 aprile 1655

- Maestro di zecca 16 gennaio 1660 - ante 30 agosto 1666

- Amministratore 30 agosto 1666 - ante 31 gennaio 1667

- Maestro di zecca 31 gennaio 1667 - ante 22 dicembre 1673

Il ruolo di "amministratore" lo riporta il Biondelli nella prefazione del volume dei f.lli Gnecchi su Milano. Considerando che in quel periodo non risulta alcun "maestro di zecca" a Milano è ragionevole pensare che fosse proprio lui il "maestro".

E.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fratelupo

Partecipo anch'io con un esemplare che, vi assicuro, non ottiene giustizia dalla foto che ho fatto.

F

post-7082-0-62554300-1365676249_thumb.jp

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giancarlone

post-13397-0-90441300-1365676126_thumb.j

Peso gr. 27,74

La mancanza nel tondello, riscontrata in diverse monete di questo periodo, mi fa pensare che lo zecchiere per portare il tondello in peso usasse una particolare pinza per togliere argento.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Interessante osservazione Giancarlone, in effetti in questa moneta si vedono spesso mancanze nel tondello più o meno evidenti.

Due splendide monete comunque sia quella di Fratelupo che la tua, si vede che la moneta ha attirato nel tempo diversi.

Ne posto ora due, si differenziamo essenzialmente per la punteggiatura della leggenda del diritto, nella prima moneta abbiamo delle stellette, nella seconda dei globetti e una sola stelletta.

Differente è anche lo stile delle lettere delle leggende ; la prima pesa 27, 75 gr.

post-18626-0-94664600-1365693069_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Rovescio del primo filippo o carlo,

post-18626-0-06072800-1365693152_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

In questo secondo, del peso di gr. 27, 50, si nota una piccola mancanza nel tondello nella parte bassa,

post-18626-0-59501800-1365693289_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Rovescio del secondo, indubbiamente stiamo facendo insieme una bella divulgazione su questa moneta di Milano,

post-18626-0-90110800-1365693408_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fratelupo

Una domanda: si tratta di una moneta affascinante, con una coppia ritratta che non è così frequente da trovare (madre tutrice e figlio minore re), ma anche qui, come spesso capita per le monete della Milano spagnola il conio è affrettato, sembra quasi che si volesse a malapena dare figurazioni a grossi pezzi di argento e finita lì. Non c'era l'ambizione di mostrare anche in funzione propagandistica le figure dei sovrani, vi erano dei limiti tecnologici o dobbiamo pensare alla circolazione? Sarò grato a chi vorrà rispondere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

La produzione di moneta in quegli anni fu copiosa, certamente c'era un gran bisogno di denaro, nel contempo queste necessità penso produssero una certa fretta nel fare nuovi conii con la conseguenza di limiti degli stessi, ma anche di errori grossolani nelle leggende.

A volte si vedono leggende con la mancanza di una lettera e l'inserimento nella stessa di una piccola lettera per supplire all'errore ; fretta, grossolanità, bisogno di produzione, credo che in tutto questo si debba cercare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

In questo esempio, a riprova di quanto detto, abbiamo una leggenda con lettere sfalsate e ripetute, da Asta Cronos 1, 2008, lotto 416,

post-18626-0-23688100-1365696784_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dracma76

Il maestro di zecca nel 1666 era un tale Francesco Burrone.

Nel mio archivio ho questi dati:

- Maestro di zecca 14 ottobre 1654 - ante 23 aprile 1655

- Maestro di zecca 16 gennaio 1660 - ante 30 agosto 1666

- Amministratore 30 agosto 1666 - ante 31 gennaio 1667

- Maestro di zecca 31 gennaio 1667 - ante 22 dicembre 1673

Il ruolo di "amministratore" lo riporta il Biondelli nella prefazione del volume dei f.lli Gnecchi su Milano. Considerando che in quel periodo non risulta alcun "maestro di zecca" a Milano è ragionevole pensare che fosse proprio lui il "maestro".

E.

eletto, grazie per le tue informazioni.

con i commenti di colleghi hanno imparato molto oltre a vedere alcune monete molto belle.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ambidestro
Supporter

cosa ne dite di questo falso d'epoca in ottone pesa gr.20,16 e diam.mm.40 ? come dice giancarlone con la mancanza nel tondello e la risposta di dabbene,anche il mio falso d'epoca rispetta quel requisito,(nella mostra il vero e il falso era presente un esemplare analogo)

post-14651-0-80854600-1365748146_thumb.j

post-14651-0-28344600-1365748160_thumb.j

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Bello il falso d'epoca in ottone Ambidestro, è comunque una moneta che veniva falsificata, ci sono anche falsi in rame.

Tornando a quanto diceva Giancarlone, posto una moneta con la stessa problematatica, una mancanza di tondello ben evidente in alto e che avvalora che ce sono diverse così e che probabilmente il motivo è quello sopra detto.

Da Asta Cronos 1, 2008, lotto 418, particolare della mancanza di tondello.

post-18626-0-61059400-1365776411_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

providentiaoptimiprincipis

:O Bellissime tutte!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×