Jump to content
IGNORED

Statere di Sybaris, orrendamente ritoccato


Τaras
 Share

Recommended Posts

Sfogliando il catalogo online della prossima asta Lanz mi sono imbattuto, con dolore, nel seguente lotto:

http://www.sixbid.com/browse.html?auction=776&category=17087&lot=772872

772872l_zps108c9da9.jpeg

L'ennesima moneta antica scempiata, da buttare, vittima di un ottuso "principio di novità" anacronistico e deturpante, che sembra aver contagiato inesorabilmente il mercato tedesco di monete antiche.

Gli autori di queste idiozie dovrebbero essere denunciati per atti di vandalismo.

Link to comment
Share on other sites


Sfogliando il catalogo online della prossima asta Lanz mi sono imbattuto, con dolore, nel seguente lotto:

http://www.sixbid.com/browse.html?auction=776&category=17087&lot=772872

772872l_zps108c9da9.jpeg

L'ennesima moneta antica scempiata, da buttare, vittima di un ottuso "principio di novità" anacronistico e deturpante, che sembra aver contagiato inesorabilmente il mercato tedesco di monete antiche.

Gli autori di queste idiozie dovrebbero essere denunciati per atti di vandalismo.

ciao, ma ancora piu incredibile è che venga definita "Sehr schön" e proposta a 1200 € di base (da 2000 € di stima).

mah ..

ciao

skuby

Link to comment
Share on other sites


ciao skuby

voglio allargarmi un pò.

Penso che il problema sia un pochino più indietro in una legislazione italiana in materia che spinge le monete trovate nel nostro suolo ai mercati esteri accondiscendenti dai quali poi, noi italiani cultori del classico numismatico, ci rivolgiamo e comperiamo, col giustificativo della lecita provenienza dal suolo tedesco, inglese, frqancese, svizzero, s. marino, ecc., le monete recuperate sotto casa, e per la legge italiana ci sentiamo in regola.

Non sarebbe più facile far si che si possa mantenere e perchè no sviluppare questo mercato in Italia??? con regole chiare facilmente comprensibili con l'obiettivo (sacrosanto) possibile, raggiungibile e realizzabile della salvaguardia e della conservazione del beni culturali (numismatici) sul suolo italiano.

a chi giova il perdurare attuale; rispondo come pierino alla maestra: io lo sò ma non lo dico.

ciao

pietro

Edited by corzanopietro
Link to comment
Share on other sites


ciao skuby

voglio allargarmi un pò.

Penso che il problema sia un pochino più indietro in una legislazione italiana in materia che spinge le monete trovate nel nostro suolo ai mercati esteri accondiscendenti dai quali poi, noi italiani cultori del classico numismatico, ci rivolgiamo e comperiamo, col giustificativo della lecita provenienza dal suolo tedesco, inglese, frqancese, svizzero, s. marino, ecc., le monete recuperate sotto casa, e per la legge italiana ci sentiamo in regola.

Non sarebbe più facile far si che si possa mantenere e perchè no sviluppare questo mercato in Italia??? con regole chiare facilmente comprensibili con l'obiettivo (sacrosanto) possibile, raggiungibile e realizzabile della salvaguardia e della conservazione del beni culturali (numismatici) sul suolo italiano.

a chi giova il perdurare attuale; rispondo come pierino alla maestra: io lo sò ma non lo dico.

ciao

pietro

Ciao Pietro, i problemi ci sono e non dobbiamo certo fare come gli struzzi.

Dei problemi che hai indicato tu se ne è discusso, se ne sta discutendo in altra sezione, e se ne discuterà....

Limitandomi alla moneta, e a quello che ho sempre sostenuto, credo sia corretto riportare nelle descrizione gli interventi che un pezzo puo avere subito, e un grado di conservazione il piu possibile attinente alla realtà...

ciao

skuby

Link to comment
Share on other sites


caro skuby

con l'allargare il tiro intendevo dire, giustamente, e mi è parso di capire che la moneta postata è di bassa conservazione ad un prezzo elevato, che ha subito interventi deturpanti.

( penso agli arnesi usati per lo scempio/aggiustature, che penso tu conosca)

riporto quanto scritto da taras

moneta antica scempiata, da buttare, vittima di un ottuso "principio di novità" anacronistico e deturpante, che sembra aver contagiato inesorabilmente il mercato tedesco di monete antiche.

Gli autori di queste idiozie dovrebbero essere denunciati per atti di vandalismo.

condivido in toto quanto ha scritto.

il mio ragionamento è semplice; la moneta trovata in Italia passa da più mani per arrivare ad un'asta di uno stato estrero per poi ritornare magari ad un collezionista italiano, questi passaggi aumentano il prezzo finale.

per sostenere poi il prezzo ecco gli interventi di restauro/abbellimento i camuffamenti dei difetti, gli aggiustamenti necessari al venditore/asta per sostenere un prezzo di vendita.

(spesso chi effettua questi lavori non è molto abile e capace, e, il risultato è appunto lo scempio)

la rarità del prodotto i vari passaggi fanno si che il prezzo va alle stelle anche se il prodotto è alle stalle.

intendevo anche questo (mi ero forse spiegato male !?)

ciao

Pietro

Edited by corzanopietro
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.