Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
conrad59

Tremisse di desiderio

Risposte migliori

conrad59

Esposo al museo di anta Giulia di Brescia si tova un tremisse dei re Desiderio, considerato la prima emissione di Brescia dopo la monetazione dei Celti. So che tal monete è stata acquistata presso un'asta dalla Fondazione della banca di brescia e poi donata. Qualcuno può aggiungere altre notizie?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand
Supporter

Si tratta del famoso tremisse "stellato" di Desiderio per la zecca di Brescia, per chi ne volesse saper di più:

Arslan, E.A., Il Tremisse "Stellato" di Desiderio per Brescia: la moneta tra Longobardi e Carolingi. In Il futuro dei Longobardi. L’Italia e la costruzione dell’Europa di Carlo Magno, a cura di BERTELLI-BROGIOLO. Milano 2000, pp. 197-209.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giollo2

Se può interessare:

asta Astarte II, 5/3/1999 lotto 348, stima 35.000 FSv, aggiudicazione 45.000 FSv

post-7879-0-84317800-1368447804_thumb.jp

post-7879-0-64449800-1368447815_thumb.jp

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

conrad59

grazie per la risposta e per le immagini davvero molto utili

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

che ne pensate di questo tremisse , e l'étimo "brexia" è coerente co n la nomenclatura geografica coeva ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

che ne pensate di questo tremisse , e l'étimo "brexia" è coerente co n la nomenclatura geografica coeva ?

Ci sono fieri dubbi sull'autenticità della moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teofrasto

Buongiorno Vitellio,

che io sappia, finora la moneta è stata ritenuta autentica da tutti gli studiosi che si sono interessati ad essa (ma forse a questo punto è meglio dire "da quasi tutti gli studiosi"). Io stesso (ammesso e non concesso che mi si possa annoverare tra essi) ho ritenuto e ritengo tuttora autentico questo esemplare.

Tuttavia, dal momento che capita spesso di non accorgersi di particolari che invece agli occhi di altri sono evidenti, le sarei molto grato se mi potesse indicare chi invece ritiene che il tremisse sia "fieramente" falso e soprattutto i motivi che lo spingono a tale opinione. Questo non per spirito di polemica, ma sempre e solo per imparare (cosa che non si finisce mai di fare).

@@numa numa:

si l'etimo è corretto. Il nome della città si trova riportato in questo modo (Brexia) in diversi documenti rogati in Brescia proprio in età longobarda, mentre il nome Brixia compare in documenti rogati in altri centri del Regnum Langobardorum, per esempio a Ticinum . Questo fatto potrebbe giocare a favore della tesi che vede nelle emissioni di monete flavie coniazioni decentrate e non localizzate in un unico luogo, generalmente identificato nella capitale del Regnum stesso.

Cordialmente, Teofrasto

Modificato da teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Ringrazio Teofrasto per le utili precisazioni e per i chiarimenti sull'étimo per i quali nutrivo dei dubbi, ora chiariti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×