Jump to content
  • 0
IGNORED

Non la solita imitativa.....


Sator

Question

Buonasera,

vorrei proporvi ora questa particolare moneta che ho acquistato alla fiera di Montichiari. Inizialmente l'ho presa come "moneta da studio", poi a casa ho notato il carattere direi insolito delle lettere e del volto..... che ne dite? Un'imitativa o un falso d'epoca? Escluderei un falso moderno vista la conservazione. Non si tratta del "solito" follis o antoniniano, è qualcosa di un po' più grande. Perdonatemi le pessime foto, ho voluto sperimentare una diversa illuminazione.... nel caso servissero posso sempre scattare nuove foto.

Il peso è di 12,56 g, il diametro di 27 mm.

Grazie

Link to post
Share on other sites

Recommended Posts

  • 0
AlfaOmega

moneta del Koinon di Macedonia, al dritto Alexandroc con pelle di leopardo? Al rovescio una dea seduta, se cerchi trovi esempi simili.

Roberto

Link to post
Share on other sites

  • 0

moneta del Koinon di Macedonia, al dritto Alexandroc con pelle di leopardo? Al rovescio una dea seduta, se cerchi trovi esempi simili.

Roberto

Buonasera Roberto,

mmmhhh, anche questa mi è nuova come le monete vandale.... me la sapresti inquadrare dal punto di vista storico, per favore? Intanto vedo se riesco a trovare qualcosa di simile...

Grazie

Link to post
Share on other sites

  • 0
numizmo

http://www.acsearch.info/record.html?id=651267

Description
blank.gif

GRIECHISCHE MÜNZEN
GRIECHISCHES MUTTERLAND
MAKEDONIEN UNTER RÖMISCHER HERRSCHAFT
KOINON DER MAKEDONEN
AE-28 mm. 3. Jh. n. Chr. Alexanderkopf mit Löwenfell r. Rs: Athena thront l. mit Nike und Schild. AMNG 715/ 717 var. Dunkle Patina.
ss


Edited by numizmo
Link to post
Share on other sites

  • 0

http://www.acsearch.info/record.html?id=651267

Description

blank.gif

GRIECHISCHE MÜNZEN

GRIECHISCHES MUTTERLAND

MAKEDONIEN UNTER RÖMISCHER HERRSCHAFT

KOINON DER MAKEDONEN

AE-28 mm. 3. Jh. n. Chr. Alexanderkopf mit Löwenfell r. Rs: Athena thront l. mit Nike und Schild. AMNG 715/ 717 var. Dunkle Patina.

ss

Buonasera Numizmo,

grazie per il link! Purtroppo non conosco il tedesco e il traduttore non rende decisamente una buona traduzione.... leggo Macedonia romana......

Link to post
Share on other sites

  • 0
numizmo

monete greche

grecia continentale

macedonia sotto il dominio romano

regni macedoniAE 28 mm 3° SecoloAC

Testa di Alessandro con pelle di leone

Atena seduta su trono a sinistra, con statuetta della Nike e scudo.

AMNG 715/717 variante

Link to post
Share on other sites

  • 0

monete greche

grecia continentale

macedonia sotto il dominio romano

regni macedoniAE 28 mm 3° SecoloAC

Testa di Alessandro con pelle di leone

Atena seduta su trono a sinistra, con statuetta della Nike e scudo.

AMNG 715/717 variante

Ah grazie! Quindi si tratta di una moneta provinciale?

Link to post
Share on other sites

  • 0

ai ai ai ai ai ai

quelle non sono lettere da imitazioni

sono lettere greche e scritte in greco

sulla tua si legge chiaramente MAKEDOINON e ALESANDROY

le lettere a cui ti riferisci , sono quelle simili a IIIII IIIII e per me son qualcosa di celtico , ma le trovi sulle monete del IV secolo , non su queste

Link to post
Share on other sites

  • 0

ai ai ai ai ai ai

quelle non sono lettere da imitazioni

sono lettere greche e scritte in greco

sulla tua si legge chiaramente MAKEDOINON e ALESANDROY

le lettere a cui ti riferisci , sono quelle simili a IIIII IIIII e per me son qualcosa di celtico , ma le trovi sulle monete del IV secolo , non su queste

:bash: Chiedo venia, studio latino ma non greco.....

Link to post
Share on other sites

  • 0
gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Rick carissimo, questa volta devo darti torto in pieno. Ovvio che il latino e il greco non ti riempiono il piatto, ma (tanto per fare un esempio) per capire le monete romane e greche qualcuno dovrà ben studiarle queste "lingue morte".

E anche semplicemente per collezionare le romane, e non per fare il docente di numismatica o l'archeologo, se uno il latino lo conosce è notevolmente avvantaggiato.

Link to post
Share on other sites

  • 0

completamente in disaccordo !

studiare le varie declinazioni e i vari casi e` inutile , ti bastano poche parole

d altronde anche le monete islamiche le identifichi senza sapere l arabo o il cufico

Link to post
Share on other sites

  • 0
gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Già, magari le identifichi, però non sai un accidente di quel che le legende riportano. Quindi, almeno qualcuno dovrà pure studiarsi l'arabo e leggerlo. Non credo che classificare semplicemente una moneta avendo davanti un catalogo o una foto sia una grande soddisfazione numismatica; o almeno, non lo è per me. Sarebbe come classificare un rovescio con la Vittoria senza capire che è una vittoria, o senza sapere che cosa significava per i romani l'immagine della Vittoria.

Link to post
Share on other sites

  • 0

Oh signur, qui basta assentarsi un attimo.... !!!
Allora allora, la mia voleva essere una semplice osservazione dato che domani mi aspetta proprio una verifica di latino. Comunque....... penso che qui si debba fare una distinzione!

Il latino nella vita quotidiana e lavorativa, a mio avviso, incide poco (lasciamo stare i lavori "ad hoc"). Se tuttavia vogliamo andare oltre il semplice aspetto esteriore e guardare "dentro" ad una persona, ecco che a mio avviso il latino gioca un ruolo non irrilevante... ma specifichiamo ancora!

Io non parlo del latino scolastico, a mio avviso vittima di una tecnica di insegnamento obsoleta e controproducente (non conosco neanche una persona che, dal SOLO studio scolastico, mi dica "che bello il latino"). Accanto a queste noiose traduzioni fini a se stesse, si deve accostare un interesse e uno studio extra-scolastico (vedi le monete, l'archeologia, ....)... ma è necessario che vadano oltre quella vecchia megera che per tre ore a settimana scalda la sedia imprecandoti a dietro se non sai cos'è il participio congiunto (speriamo domani non lo chieda!!!). È solo così che per me il latino diventa tramite di cultura. Dedicarsi solo al latino delle declinazioni? Una pura follia...... è come mangiare il pane di mattina senza burro e marmellata (scusate la metafora, ma penso renda bene l'idea). Il latino degli schemi, quello che studiamo a scuola, è la base, la sostanza (inteso come "cosa che sta sotto"), il burro e la marmellata (la parte migliore!!) la cultura latina.....

Link to post
Share on other sites

  • 0
Afranio_Burro

se dicessi tutto quello che avrei da dire, andrei OT e probabilmente non riuscirei ad esprimermi chiaramente usando un semplice post... ad ogni modo, non può esistere affermazione più sbagliata di quella che ho letto poco sopra: "il latino e il greco sono inutili". al di là ricchezza culturale che deriva dalla conoscenza di queste lingue, posso portare una piccola esperienza personale: da studente di medicina, è IMPRESSIONANTE l' aiuto che può portare la conoscenza della lingua greca nello studio di praticamente TUTTE le materie di mio interesse...

certo, dà un aiuto, non "mette il pane sulla tavola"... ma le materie fondamentali non esistono, ogni cosa è come una tessera di mosaico: sta a noi mettere tutto insieme per costruire qualcosa di importante... la matematica, la biologia, la chimicha prese da sole non fanno un granchè...

che poi l' insegnamento non sia il massimo, siamo d' accordo... specie considerando i molti Scaldacattedre che popolano le nostre scuole... ma purtroppo una buona conoscenza della grammatica è fondamentale per poter tradurre un brano... e la traduzione dei brani è l' unico modo per poter imparare queste lingue...

un' ultima cosa, poi torno a parlare di monete: questo è un forum di numismatica.. qui si parla di monete, ma anche di storia, di archeologia, di geografia, di economia, persino di metallurgia... nel suo piccolo, questo forum è uno scrigno di conoscenze.... vi prego, teniamo a bada le affermazioni becere... già un (ex) ministro disse: "con la cultura non si mangia"... per favore, non fatemi raggelare il sangue di nuovo

Edited by Afranio_Burro
Link to post
Share on other sites

  • 0

se dicessi tutto quello che avrei da dire, andrei OT e probabilmente non riuscirei ad esprimermi chiaramente usando un semplice post... ad ogni modo, non può esistere affermazione più sbagliata di quella che ho letto poco sopra: "il latino e il greco sono inutili". al di là ricchezza culturale che deriva dalla conoscenza di queste lingue, posso portare una piccola esperienza personale: da studente di medicina, è IMPRESSIONANTE l' aiuto che può portare la conoscenza della lingua greca nello studio di praticamente TUTTE le materie di mio interesse...

certo, dà un aiuto, non "mette il pane sulla tavola"... ma le materie fondamentali non esistono, ogni cosa è come una tessera di mosaico: sta a noi mettere tutto insieme per costruire qualcosa di importante... la matematica, la biologia, la chimicha prese da sole non fanno un granchè...

che poi l' insegnamento non sia il massimo, siamo d' accordo... specie considerando i molti Scaldacattedre che popolano le nostre scuole... ma purtroppo una buona conoscenza della grammatica è fondamentale per poter tradurre un brano... e la traduzione dei brani è l' unico modo per poter imparare queste lingue...

un' ultima cosa, poi torno a parlare di monete: questo è un forum di numismatica.. qui si parla di monete, ma anche di storia, di archeologia, di geografia, di economia, persino di metallurgia... nel suo piccolo, questo forum è uno scrigno di conoscenze.... vi prego, teniamo a bada le affermazioni becere... già un (ex) ministro disse: "con la cultura non si mangia"... per favore, non fatemi raggelare il sangue di nuovo

la realta` dei fatti ti sta dando torto

guarda i tassi di crescita italiani e confrontali con quelli asiatici

e` inutile avere gente che parla il greco e il latino e poi non sa come funziona un frigorifero o un computer o un app

voi in italia vivete col passato , convinti che il mondo vi deva mantenere. ma non e` cosi

Link to post
Share on other sites

  • 0
Afranio_Burro

come detto, non voglio entrare nel merito della questione....

ma guardo alla realtà dei fatti, al mondo che mi (ci) circonda... guardo ai paesi asiatici -dove sono stato-, agli stati uniti -dove ho vissuto-, alle realtà dove il "tasso di crescita" (crescita, ma di cosa??) la fa da padrone... guardo al mondo che mi circonda, imbevuto di quel mostruoso pragmatismo che ha sacrificato l' uomo in nome dell' utile... lo guardo, e francamente mi disgusta. purtroppo non sarò mai in grado di sviluppare un' app, ma potrò sedermi sul divano di casa ed apprezzare intimamente un buon libro.. non potrò aggiustare un frigorifero, ma quando avrò davanti una persona che soffre saprò ancora guardarla e trattarla come un mio simile, e non come una fonte di guadagno.. purtroppo non saprò spippolare alla grande con un pc, ma se qualcuno dovesse guardarmi negli occhi non scorgerà il vuoto spaventoso che ho trovato nei volti degli uomini asiatici.....

come ragazzo che vive col passato, mi affaccio al mio futuro sperando che l' unico tasso di crescita che mi spingerà a lavorare e a vivere possa essere quello del mio miglioramento come persona. non quello del mio portafogli.

Edited by Afranio_Burro
Link to post
Share on other sites

  • 0
grigioviola

visto l'OT proseguo! :D

io sono il RE, che dico... il SIRE assoluto di quello che apparentemente è "studio inutile" :D :D :D

latino? fatto!

letteratura? fatta!

arte? fatta!

storia dell'architettura? fatta!

matematica? fatta!

scienza delle costruzioni? fatta!

tecniche di restauro? fatta!

disegno tecnico? fatto!

impiantistica? fatta!

fisica? fatta!

chimica? fatta!

urbanistica? fatta!

statica? fatta!

estetica? fatta!

...potrei continuare, ma mi fermo.

ho un percorso studi che ha spaziato dal campo umanistico a quello scientifico con una discreta formazione architettonica. il tutto direzionato nell'ottica di una professione che, teoricamente, avrebbe dovuto farmi approdare al mondo del restauro architettonico (di beni culturali).

che faccio? tutt'altro!!!

la mia "vita" lavorativa, ciò che mi riempie (e mica tanto! :P ) il piatto, ha a che fare con il diritto societario, amministrativo e tributario. l'ho appreso all'università? no! al liceo? nemmeno? alle medie? naaaa! all'asilo? men che meno.... me lo sono fatto da me, da pieno autodidatta e mi ha permesso di arrivare a fare, bene, una professione in cui i miei colleghi sono quasi tutti laureati in giurisprudenza, economia e/o scienze politiche... io sono il bucolico! :) ho quella che definisco "laurea in muffe e detriti".

mi è servita per la mia vita lavorativa? no!

tornassi indietro la rifarei? no, sebbene mi sia piaciuta. farei archeologia però, che sarebbe stata la mia prima scelta poi sfumata. ;)

questo per dire che lo studio, nella vita, serve sempre e mai. mi spiego ancora, lo studio nella vita serve sempre se vissuto in primis come occasione di conoscenza, di apertura mentale, di crescita personale.

poi, per riempire il piatto, ci sono studi che si concretizzano in professioni e professioni che richiedono studi estemporanei, successivi, indipendenti... mi sembra un po' forzato dire che il latino nella vita non serve nulla.

del resto, nonostante tutto, grande merito a rick perché, e credo siano in pochi ad accorgersene, sempre e comunque dà il via a dibattiti che sono occasioni di approfondimento e scambio di reciproche vedute a volte convergenti altre divergenti... ma tant'è... è il bello della vita e del forum!

PS a proposito di "non la solita imitativa"... rick... quando mi posti qualche rottamino imitativo di quelli che piacciono a me?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Answer this question...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.