Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Sono iniziati i lavori di aggiornamento della piattaforma, potrebbero verificarsi problemi sia sul forum che nei cataloghi.

Sign in to follow this  
gpittini

Macchie nerastre

Recommended Posts

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ho notato che su alcune monete con patina verde si trovano frequentemente delle chiazze nerastre, o color marrone scuro, piuttosto irregolari. Secondo voi, a che cosa sono dovute? Contatto prolungato o sfregamento con altre monete? La irregolarità della superficie interessata mi fa pensare ad una azione molto localizzata. Come esempio vi mostro questo sesterzio di Traiano Decio (VICTORIA AUG), che presenta anche dei sedimenti calcarei specie intorno alle parti più in rilievo; per ora non l'ho trattato in alcun modo, neppure con acqua demineralizzata. Per la cronaca: 16,0 g.

Ma forse avrei dovuto premettere la domanda: vi pare autentica?

post-4948-0-65780000-1382381084_thumb.jp

Edited by gpittini

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

Rovescio.

post-4948-0-58979800-1382381188_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Illyricum65

Ciao Gianfranco,

le macchie nere potrebbero essere:

- calchocite (un solfuro )

o

- tenorite, un ossido (CuO) [così come la cuprite (Cu2O) che però come sappiamo è rosso/bruna].

entrambi neri.

Dei due, ritengo più probabile il secondo.

... presenta anche dei sedimenti calcarei specie intorno alle parti più in rilievo

Sarebbe interessante vederla al microscopio...

Ma forse avrei dovuto premettere la domanda: vi pare autentica?

... Perchè no? Che dubbi hai?

Ciao

Illyricum

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

palpi62
Supporter

Secondo me è una moneta da scavo, con ex patina nerastra, pulita pesantemente (vedi tutta la scritta del diritto, che era marcia ed è stata tolta meccanicamente) e forse ripatinata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko8710

Secondo me è una moneta da scavo

Quale non lo è? :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

numizmo

DE GREGE EPICURI

Ho notato che su alcune monete con patina verde si trovano frequentemente delle chiazze nerastre, o color marrone scuro, piuttosto irregolari. Secondo voi, a che cosa sono dovute? Contatto prolungato o sfregamento con altre monete? La irregolarità della superficie interessata mi fa pensare ad una azione molto localizzata. Come esempio vi mostro questo sesterzio di Traiano Decio (VICTORIA AUG), che presenta anche dei sedimenti calcarei specie intorno alle parti più in rilievo; per ora non l'ho trattato in alcun modo, neppure con acqua demineralizzata. Per la cronaca: 16,0 g.

Ma forse avrei dovuto premettere la domanda: vi pare autentica?

Cuprossido rameico ( credo si chiami "melaconite"), inerte e non aggredibile se non da acidi forti.

Edited by numizmo

Share this post


Link to post
Share on other sites

palpi62
Supporter

@@Mirko8710 intendevo dire da CAMPO, scusate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ad Illyricum: mah, le mie perplessità venivano dalla notevole rugosità (quasi a bolle, ma non proprio) soprattutto dei campi del D, e dall'aspetto "danneggiato" della legenda. Riflettendoci, penso possano essere le tracce di intense lesioni chimiche dovute all'ambiente di giacitura, o forse anche meccaniche. In questo caso però si spiegano poco i residui calcarei, che a me sembrano originali e non sovrapposti ad arte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Illyricum65

Ciao,

se non sbaglio tenorite e melaconite sono in pratica lo stesso minerale (ossido di rame+2 --> CuO), giusto?

TENORITE: Minerale, di colore grigio acciaio o nero, con lucentezza metallica; è ossido di rame, CuO, monoclino. In lamelle flessibili ed elastiche è stata reperita come prodotto di sublimazione sulle lave del Vesuvio e dell’Etna; nella varietà terrosa (melaconite) è un comune minerale delle zone di ossidazione dei giacimenti cupriferi ed è stata rinvenuta in Vestfalia, Boemia, Spagna. (Treccani)

Ciao

Illyricum

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

pier67

ciao. per quanto riguarda le vostre opinioni sulla composizione chimica sono daccordo, ma un risultato cosi si ottiene solo con un forte sfregamento della moneta su un panno, se notate bene le macchie si sono fatte solo sui rilievi piu sporgenti. ciao pier

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.