Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
maurineg

Lombardia Pezzi d' oro da 20 franchi a Mantova

Risposte migliori

maurineg

Distinti esperti di numismatica preunitaria, studio e colleziono monete romane ed in questa sezione mi sento un po' come un pesce fuor d' acqua. Mi rivolgo a voi per un quesito. Come sapete Mantova è stata annessa al Regno d' Italia nel 1866; bene, in un documento riguardante una compravendita eseguita a Mantova nel 1862, regnante Francesco Giuseppe I, si nominano monete o "pezzi d' oro da 20 franchi l' uno".

Sarei curioso di vedere una immagine di una di queste monete e di chiarirmi un po' le idee sulla monetazione di Mantova in quel periodo.

Ringrazio chi vorrà rispondermi. Cordiali saluti a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Viribus Unitis

La zecca di Mantova chiuse alle fine del '700 (tranne sparute coniazioni ossidionali nel 1848) e le monete cui si riferisce l'atto sono comuni pezzi da 20 lire, detti anche «marenghi» in Italia o «Napoleoni d'oro», del tutto simili per titolo, peso e dimensioni agli omologhi pezzi francesi che circolavano insieme ai pezzi italiani. Le monete italiane in metallo prezioso erano tariffate anche nel Lombardo-Veneto (e viceversa in Italia erano tariffate Sovrane, Mezze sovrane e Ducati asburgici) e non c'era alcun problema a pagare un corrispettivo nell'una o nell'altra valuta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azaad
Supporter

Credo si riferiscano al franco oro, la valuta dell'unione monetaria latina, comprendente Italia, Francia, Grecia, Belgio e alte nazioni, le cui valute erano coniate in un ben determinate standard ponderale. La valuta di riferimento era il franco (o lira) oro, il cui controvalore in oro era ben definito

La moneta circolante in Austria, il fiorino di valuta austriaca, era esso stesso ragguagliato (almeno nell'oro) agli standard del'unione monetaria.

il pezzo da 8 fiorini d'oro equivaleva a 20 franchi oro (o 20 lire d'oro che erano la stessa cosa) dell'unione monetaria.

Il fiorino quindi valeva 2 franchi oro e mezzo.

Non è detto che la somma fosse citata fosse forzatamente da 8 fiorini da 20 franchi l'uno; in quel periodo inoltre vi era la libera intercircolazione delle varie monete, è probabile, che a Mantova, oltre alla valuta austriaca circolasse l'Italiana e la francese,

e che la somma fosse costituita sia da veri 20 franchi oro che da valuta austriaca equivalente ad essa.

non sò se sono stato sufficientemente chiaro. In tal caso cercherò (o qualche altro utente più abile di me) di spiegare meglio.

Buona serata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ramossen

Tutto vero per quanto riguarda la ben nota intercambiabilità di valuta sotto l'UML, a cio' va aggiunto il fatto che in quelle province la Lira veniva chiamata "Franco" dunque sicuramente il documento si riferisce ai marenghi d'oro da 20 Lire o monete equivalenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurineg

Grazie per i competenti contributi che hanno dato piena risposta alla mia domanda. Mi viene da pensare che l' unione monetaria, allora come oggi, precede ed è indipendente da quella politica.

Buona domenica a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×