Jump to content
IGNORED

Vota la più bella d'America...da 100 dollari


petronius arbiter
 Share

La più bella Americana  

32 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Ed eccoci dunque giunti al settimo sondaggio, l'ultimo dei sondaggi preliminari, dedicato alla banconota da 100 dollari.

Permettetemi, prima di tutto, di ringraziare quanti hanno partecipato finora, ed espresso apprezzamento per la nostra iniziativa, decretandole un successo che va oltre le nostre migliori aspettative (di @@poseidon e mie)...GRAZIE! :)

Questo sondaggio, come i precedenti, avrà una durata di 5 giorni, e terminerà alle ore 20:00 di Martedì 10 Dicembre.

In caso di due o più banconote ex-aequo al primo posto, verrà formulato, solo per esse, un nuovo sondaggio, della durata di 3 giorni.

Seguiranno ora sette post, ognuno dedicato a una banconota, che saranno tenuti nascosti fino al compimento dell'opera: vi chiedo di non intervenire nella discussione, e naturalmente di non votare, fino a quando non sarà stata postata l'ultima banconota.

Petronius & Poseidon :)

post-206-0-63414700-1386267796_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 United States Note “Spread Eagle” 1863

Le United States Notes, chiamate anche Legal Tender Notes, rappresentano l’emissione cartacea statunitense più longeva, essendo state emesse per la prima volta nel 1862, ed essendo tuttora in corso legale, sebbene le ultime emissioni risalgano al 1969.

La “Spread Eagle Note” del 1863 mostra quella che è probabilmente la più bella e potente raffigurazione dell’aquila americana mai apparsa su una banconota. L’uccello domina il lato sinistro del fronte, con il valore e gli altri dettagli in posizione chiaramente sussidiaria.

Bello anche il disegno greenback del retro.

post-206-0-76716000-1386268146_thumb.jpg

post-206-0-65029800-1386268168_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 Interest Bearing Notes 1864

Le Interest Bearing Notes sono probabilmente la più rara tipologia di banconote statunitensi.

Emesse per finanziare le necessità della Guerra Civile, la prima serie del 1863 a cui questa banconota (emessa il 17 febbraio 1864) fa riferimento, pagava il 5% di interesse per un anno (conosciute anche come One-Year Notes).

Sul fronte di questa banconota un’iscrizione recita:

“Un anno dopo la data gli Stati Uniti pagheranno al portatore (cento dollari) con un interesse del 5%”

Al retro si legge:

“Questa nota ha valore legale al suo valore facciale, esclusi gli interessi, per tutti i debiti pubblici e privati, con l’esclusione dei dazi sulle importazioni e degli interessi del debito pubblico.”

Ma è forse più interessante quel che segue ;)

“La contraffazione o alterazione di questa banconota, o lo spaccio di qualsiasi contraffazione o alterazione di essa, o l’essere in possesso di qualunque falsificazione o contraffazione di stampi e lastre, o di qualunque carta fatta in imitazione della carta su cui è stampata è un crimine punibile con 1.000 dollari ammenda, o 15 anni di reclusione ai lavori forzati, o entrambi.”

Chi solo avesse provato a stampare o spacciare falsi, se la sarebbe dovuta vedere con l’America, che con fucili e cannone, fa buona guardia sulla sinistra, coadiuvata dalla Giustizia sulla destra, e da un impassibile George Washington in piedi al centro del biglietto.

post-206-0-66171800-1386268377_thumb.jpg

post-206-0-18633300-1386268396_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 “Rainbow Note” 1869

E’ conosciuta come “Rainbow Note” per il suo arcobaleno di colori al fronte, questa Legal Tender Note (o United States Note) da 100 dollari del 1869.

A sinistra, un bel ritratto di Lincoln, inciso da Charles Burt da una foto di Anthony Berger, scattata il 9 febbraio 1864.

A destra, una scena allegorica dal titolo “Reconstruction” , chiaro riferimento alla ricostruzione post-Guerra Civile, con la quale però Lincoln, per ovvi motivi, non ha avuto nulla a che fare.

Una divinità femminile è in piedi, come un architetto della ricostruzione post-bellica, con una squadra da carpentiere sul tavolo difronte a lei. Seduto lì vicino, un bambino con in mano un rotolo illustrato con un pergolato a cupola, con un cerchio di dodici stelle attorno a un oggetto centrale, probabilmente la 13a stella.

post-206-0-40680300-1386268650_thumb.jpg

post-206-0-37366700-1386268669_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 National Bank Note “Brown Back” 1882

Le National Bank Notes, istituite dal Presidente Lincoln il 25 febbraio 1863, avevano il duplice obiettivo di fornire un mercato pronto e costante per la vendita de titoli degli Stati Uniti emessi per finanziare le necessità della Guerra Civile, e creare una solida valuta bancaria che sostituisse le generalmente insicure emissioni delle numerose banche private allora in circolazione. Soltanto le più solide e solvibili di dette banche private, ottennero l’autorizzazione per trasformarsi in National Bank, e poter così continuare a emettere valuta.

Emesse per 50 anni, dall’entrata in vigore del National Currency Act nel 1863, alla creazione della Federal Reserve Bank nel 1914, le National Bank Notes hanno rappresentato una parte importante del sistema monetario cartaceo americano.

La Series of of 1882 delle National Bank Notes, si segnala prima di tutto per il suo brown back, il bel colore marrone del retro, invece del solito greenback, con il numero di serie ripetuto in grande al centro.

Al fronte di questo biglietto, emesso dalla Union National Bank di Philadelphia, si può vedere sulla sinistra un’animata vignetta ufficialmente chiamata Commodore Perry’s Victory. Si tratta di Oliver Hazard Perry, e non del più famoso Matthew Calbraith Perry, il Commodoro che convinse il Giappone all’apertura verso l’occidente, ma la vignetta è più comunemente nota come The Battle of Lake Erie, battaglia della Guerra del 1812 combattuta sul lago Erie, Ohio, nel corso della quale nove navi americane, al comando di Perry, sconfissero e catturarono sei navi inglesi, assicurando così agli americani il controllo del lago per il resto della guerra.

La vignetta è stata incisa da Louis Delnoce (origini italiane?), da un dipinto di William Henry Powell.

Sulla destra, personificazione di America e Libertà, rappresentate dalla divinità femminile Union con l’iscrizione THE UNION su un fascio in primo piano (nulla a che vedere, ovviamente, con il fascio littorio del fascismo).

La dea Union appare con le ali sulla schiena, uno stile inusuale per la rappresentazione della divinità nazionale.

post-206-0-17123500-1386269011_thumb.jpg

post-206-0-68775400-1386269042_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 Treasury Note “Watermelon” 1890

Le Treasury Notes vennero autorizzate dal Congresso con Atto del 14 luglio 1890.

Sotto la spinta dell’industria mineraria dell’argento, il Congresso autorizzò queste banconote, per le quali la legge non specificava espressamente che erano redimibili in argento o oro: si diceva solo che erano emesse per pagare l’argento acquistato dal Tesoro, e pagabili “in coin” (da qui il nome comunemente usato di Coin Notes).

Con questa legge, e la collaborazione dei funzionari del Tesoro, i produttori di argento erano in pratica autorizzati a vendere a un prezzo ufficiale artificiosamente gonfiato, e ad essere pagati in Coin Notes, che venivano poi immediatamente cambiate in monete d’oro, consentendo così un facile ed elevato profitto.

La banconota da 100 dollari è conosciuta come “Watermelon”, cocomero, per via dei grandi, verdi zeri del retro, che somigliano appunto a un cocomero. Della stessa serie, la banconota da 1.000 dollari conosciuta come “Grand Watermelon”, il Grande Cocomero, per lungo tempo la più costosa banconota al mondo (poi spodestata, per poche migliaia di dollari, da un altro biglietto da 1.000 :rolleyes:).

Il personaggio raffigurato al fronte è un eroe della Guerra di Secessione, l'Ammiraglio David G. Farragut, il primo a raggiungere questo grado nella Marina degli Stati Uniti.
L'impresa per cui viene ricordato fu l'attacco, con 50 navi, contro le navi e i fortini Confederati lungo il corso del Mississippi, al disotto di New Orleans. Non riuscendo ad ottenere la resa dei fortini, risalì il fiume fino a New Orleans, e riconquistò la città, che era stata nelle mani dei Confederati per circa un anno.

post-206-0-69631900-1386269285_thumb.jpg

post-206-0-62909000-1386269308_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 Federal Reserve Note 1914

Autorizzate con il Federal Reserve Act del 23 dicembre 1913, ed emesse per la prima volta nel 1914, le Federal Reserve Notes sono la sola tipologia di banconote statunitensi che continua a essere prodotta ancora oggi.

Questo biglietto Series of 1914, abbina al tradizionale ritratto di Franklin, un retro davvero particolare con le figure che sembrano solo abbozzate, quasi un effetto di “non finito” comunque di grande fascino. Merito di una particolare tecnica di incisione su lastre d’acciaio, opera di G.F.C. Smillie.

Le cinque figure allegoriche stanno a rappresentare, da sinistra verso destra, il Lavoro, l’Abbondanza, l’America, la Pace e il Commercio.

post-206-0-95212300-1386269558_thumb.jpg

post-206-0-62554900-1386269586_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


$ 100 Federal Reserve Note 2013

Questa non ve l’aspettavate, eh? :D

Beh, a dire il vero non ce l’aspettavamo neppure noi, poseidon e io, infatti se andate a rileggervi il post introduttivo dei primi sondaggi troverete che la banconota più recente avrebbe dovuto essere del 1976, i 2 dollari del Bicentenario.

Ma poi, man mano che i sondaggi procedevano, si è fatta strada l’idea che, dopo tante banconote d’antan, sarebbe stato simpatico e simbolico concludere con l’ultima arrivata...gettare uno sguardo sul presente e proiettarsi nel futuro :)

Ed ecco allora il bel ritratto di Benjamin Franklin, “il Primo Americano” accoppiato a una veduta della Independence Hall, l’edificio in mattoni rossi costruito in stile Georgiano tra il 1732 e il 1753 a Philadelphia, dove venne discussa e ratificata la Dichiarazione d’Indipendenza.

Dopo tante immagini legate alla storia degli Stati Uniti, credo non si potesse chiudere meglio che con il luogo dove quella storia ha avuto inizio post-206-0-23652900-1386269951_thumb.gif

post-206-0-40253700-1386270003_thumb.jpg

post-206-0-03940700-1386270089_thumb.jpg

A partire da questo momento è ufficialmente aperto il sondaggio che, lo ricordo terminerà alle ore 20:00 di martedì 10 dicembre.

Votate, votate, votate :clapping:

petronius oo)

Link to comment
Share on other sites


Non è la più bella per me, ma neanche la più brutta, però curiosa e con una storia che mi è piaciuta fin da subito. Il voto alla "Watermelon"..

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Io ho votato per la rainbow note del 1869, tanta storia dietro a questo pezzo di carta.

Il ritratto di Lincoln, l'uomo che abolì la schiavitù e i riferimenti alla ricostruzione post guerra civile

ne fanno per me una grande, grandissima banconota.

Link to comment
Share on other sites


La nuova 100 dollari non mi dispiace, ma è lungi dall'essere la più bella :blum:

Comunque ho votato la banconota da $100 Treasury Note “Watermelon” del 1890.

Mi piace troppo: è curiosissima!

Link to comment
Share on other sites


Ho votato i 100 dollari nuovi, probabilmente non sono la banconota più bella, ma dopo averla fortemente voluta a conclusione dei sondaggi, darle il mio voto era il minimo che potessi fare :D

Sono stato l'unico finora (qualcuno vuol farmi compagnia?) e posso dire che, grazie al mio voto, per la prima volta in questi sondaggi, tutte le banconote sono state votate :)

Ricordo che questo sondaggio terminerà alle 20:00 di stasera e qualora non lo abbiate fatto, invito ancora una volta tutti a votare, votare, votare :clapping:

petronius oo)

post-206-0-40138200-1386676055_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.