Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
demonetis

La prima moneta in Magna Grecia: il caso di Sibari

Risposte migliori

demonetis
Supporter

Segnalo il libro di Emanuela Spagnoli, edito da Diogene Edizioni, intitolato:

La prima moneta in Magna Grecia: Il caso di Sibari

Per informazioni: http://www.diogeneedizioni.it/home-catalogo/collane-per-la-ricerca-universitaria/la-prima-moneta-in-magna-grecia/#cc-m-product-5422126959

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand

Grazie per la segnalazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

delboyd

Interessante, grazie. :good:

Anche il sito è molto semplice da approcciare. Appena ordinato il libro, attendiamo e vediamo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

TARAS

Ho ricevuto il volume nei giorni scorsi.

Sui contenuti niente da eccepire, sembra uno studio davvero eccellente, ma....

...perplessità infinita sulla scelta editoriale assurda di non pubblicare tavole. Mi chiedo che senso abbia nel 2014 pubblicare uno studio su sequenza dei conii, cronologia relativa, epigrafia, bordi monetali, varianti iconografiche della tipologia, imitazioni barbariche ecc. .... senza fotografie!!! :confused:

Questo rende lo studio di scarsa o nulla utilità per il fruitore.

Ad esempio, mi fa piacere sapere che a Zurigo in una collezione privata c'è l'esemplare D169/R218, peccato che non saprò mai come è fatto il D169, oppure, per avere una idea di come appaiano i conii D4/R4, basta fare un salto al Museo Archeologico di Madrid, giusto dietro l'angolo.

Allo stesso modo, leggere nei capitoli successivi che una data epigrafia è riscontrabile solo sul D158 mi servirà a poco, se me lo devo solo immaginare.

Davvero un peccato, perché è chiaro che l'autrice ha fatto un lavoro immenso per catalogare centinaia di conii e le relative sequenze e accoppiamenti, ma senza immagini diventa tutto un lavoro autoreferenziale, non comunicabile ad altri, non usufruibile da altri.

Guardando uno statere di Sybaris tra le mie mani non sarò mai in grado di classificarne i conii basandomi su questo lavoro.

Se lo avessi saputo prima forse ci avrei pensato due volte prima di acquistarlo.

Saluti

Nico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Ringrazio di cuore per la segnalazione, che non conoscevo.

Sapevo (e credo di avere segnalato diverse volte nella sezione della Magna Grecia) che la Spagnoli aveva fatto una tesi di dottorato sulla monetazione di Sibari.

Evidentemente alla fine (dopo circa 8 anni) ha dato alle stampe una versione aggiornata della sua tesi.

Provvederò subito ad acquistare il libro, ma mi sembra gravissimo che non si riporti le tavole fotografiche (allora che Corpus è !).

Prima debbo leggere il libro, ma, a mio modesto parere, c'erano stati problemi di diritti di riproduzione, per cui la Spagnoli ha forse "tagliato la testa al toro" pubblicando i risultati della sua ricerca, che altrimenti non avrebbe mai potuto vedere la luce al sole, ma senza le foto…… Meglio un libro senza foto che nessuna pubblicazione (e quindi senza punti per una carriera accademica).

Se è così, siamo proprio alla frutta !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azaad
Supporter

Ringrazio di cuore per la segnalazione, che non conoscevo.

Sapevo (e credo di avere segnalato diverse volte nella sezione della Magna Grecia) che la Spagnoli aveva fatto una tesi di dottorato sulla monetazione di Sibari.

Evidentemente alla fine (dopo circa 8 anni) ha dato alle stampe una versione aggiornata della sua tesi.

Provvederò subito ad acquistare il libro, ma mi sembra gravissimo che non si riporti le tavole fotografiche (allora che Corpus è !).

Prima debbo leggere il libro, ma, a mio modesto parere, c'erano stati problemi di diritti di riproduzione, per cui la Spagnoli ha forse "tagliato la testa al toro" pubblicando i risultati della sua ricerca, che altrimenti non avrebbe mai potuto vedere la luce al sole, ma senza le foto…… Meglio un libro senza foto che nessuna pubblicazione (e quindi senza punti per una carriera accademica).

Se è così, siamo proprio alla frutta !

Ad occhio e croce la spiegazione è proprio questa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×