Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
legionario

Vittoriato C/MA

Risposte migliori

legionario

Moneta presentata per il Catalogo Monete Romano Repubblicane e in attesa di essere caricata.

gr. 2,87 – mm. 17

post-4217-0-54371900-1413118712_thumb.jp

La serie denominata “ C/M “ è composta solamente dal Vittoriato, a sua volta distinto in tre varianti:

71/1a con la lettera C al dritto e la lettera M al rovescio;

71/1b con la sola lettera C al dritto (mancante della M al rovescio)

71/1c senza le lettere C e M (quindi per lo stile attribuita a questa emissione)

questa è la scheda nel catalogo: http://numismatica-classica.lamoneta.it/moneta/R-A5/7

All’apparenza la moneta postata sembrerebbe il comune vittoriato 71/1a.

Al dritto si vede la lettera C (dietro la testa di Giove); al rovescio però c’è qualcosa di differente: invece della sola lettera M sembrano esserci le lettere MA (legate insieme).

post-4217-0-63452800-1413118951_thumb.jp

Modificato da legionario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Il Crawford (pag. 555 nota 137) non ha inserito nel suo Corpus questa variante con C/MA in quanto il vittoriato riportato nel ripostiglio di Caltrano Vicentino (ripreso e accettato dal Thomsen in Early Roman Coinage), è un errore di lettura di un vittoriato con C/M

Dal modo in cui si esprime il Crawford sembrerebbe che abbia visionato il pezzo.

“Victoriati with C/MA, reported from the Caltrano Vicentino hoard, are misread pieces with C/M”

Il Thomsen in Early Roman Coinage (vol. 2 pag. 335 nota 120) riporta: “According to the find-report (Not. Scav. 1894 pag. 264), the first of these speciments is marked MA on the reverse. It can scarcely be doubted that the coin originates from the C/M mint” . A pag. 340, si fa riferimento al Sydenham.

Il Sydenham in “The Victoriate” in Numismatic Chronicle serie 5 volume 12 (1932) pagg. 73-95 . ipotizza a pag. 87 che le iniziali C e MA (escludendo l’ipotesi di un errore dell’incisore) possano essere dei marchi di zecca, in tal caso attribuibili alla Sardegna.

Poi però il Sydenham non riporta questo vittoriato con C/MA nel suo successivo e più importante lavoro “The Coinage of the Roman Republic” del 1952 .

Nel Roman Republican Coin Hoards (Crawford) il ripostiglio di “Caltrano Vicentino” è al n. 113:

nel 1893 in un vaso di bronzo, su circa 1000 pezzi, ….. 351 vittoriati di cui: 272 anonimi – 51 con simboli – 28 con lettere o monogrammi”.

Modificato da legionario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Allego altre foto più dettagliate:

post-4217-0-64800400-1413119548_thumb.jp post-4217-0-05816400-1413119566_thumb.jp

post-4217-0-15804200-1413119601_thumb.jp post-4217-0-99332800-1413119612_thumb.jp

post-4217-0-75947300-1413119639_thumb.jp post-4217-0-74706400-1413119665_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Allego le prime tre pagine del Ripostiglio di Vittoriati di Caltrano Vicentino (rinvenuto nel 1893), pubblicato in:

Atti della Reale Accademia dei Lincei: Memorie della Classe di scienze morali, storiche e filologiche (1894 - vol. 2, serie 5)

Interessante sono i termini usati per la suddivisione delle monete: freschi, freschissimi, usati, molto usati, ecc.

Al n. 58 della pag. 264 c’è la descrizione del vittoriato con al dritto “C” e al rovescio “MA”

post-4217-0-34253900-1413119797_thumb.jp

post-4217-0-54296400-1413119823_thumb.jp

post-4217-0-31201500-1413119841_thumb.jp

post-4217-0-87805500-1413119860_thumb.jp

Modificato da legionario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

In conclusione, dalle foto e dagli ottimi ingrandimenti che su richiesta mi sono stati inviati, direi che non sembrerebbe esserci dubbi che questo vittoriato ha le lettere MA legate insieme.

Inoltre pare che la stanghetta della lettera A sia obliqua così come riportato nell'articolo al n. 58

post-4217-0-10676500-1413120520_thumb.jp

Modificato da legionario
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Mi piace molto l'attenzione che poni nell'analisi di una possibile variante.

Sicuramente bisogna tenere conto delle vecchie letture, che talvolta non vanno sottovalutate. Sembra che qualcuno abbia letto C/MA.

Io ho una ipotesi alternativa.

La lettera che sembra essere una A legata in monogramma ad M potrebbe essere frutto di una rottura di conio, con creazione di una apparente barra orizzontale.

Se si guarda nell'insieme, notiamo che esiste in effetti una grave rottura che parte dalla base del trofeo e si estende a punta verso la lettera M. Ho provato a ricostruire questa frattura di conio:

post-7204-0-32258200-1413136436_thumb.jp

post-7204-0-83826700-1413136444_thumb.jp

e invece vediamo un normale esemplare C/M, si altri conii, senza fratture:

post-7204-0-52709900-1413136483_thumb.jp

Non posso escludere che ad esempio nel ripostiglio di Caltrano Vicentino possa esistere un esemplare (poi definito molto consunto), che possa avere lo stesso conio con simile frattura (magari più iniziale), indicendo in errore la lettura della lettera M come un monogramma MA.

Sarebbe utile vedere dal vivo questo ripostiglio…..

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario

Interessante ipotesi Acraf.

Posto di nuovo una delle immagini inserite tagliandola in modo da vedere la metà inferiore della moneta.

Effettivamente è anomala quella "bozza" alla base del trofeo.

post-4217-0-53708000-1413220652_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

E' importante vedere la moneta con diverse prospettive di luce, per meglio cogliere particolari.

Ottima l'ultima foto, che mostra chiaramente due prolungamenti di rotture di conio verso sia la punta inferiore della M sia verso la sua asta di destra, facendo sembrare la barra orizzontale di una A, che però risulta essere invece irregolare….

Provo a ricostruire l'eccesso di metallo derivante dalla frattura del conio:

post-7204-0-15407200-1413239970_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×