Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
petronius arbiter

Scripofilia

Risposte migliori

arrgianf

quindi non c'entrano niente i miniassegni? ( Li ho quasi tutti) oppure le cambiali?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

I miniassegni sono classificabili come monetazione d'emergenza, per le cambiali (e le marche da bollo) esiste una branca specializzata di collezionismo, che si chiama fiscalfilia e che forse ha più a che vedere con la filatelia che con la numsimatica.

 

petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrgianf

si si ok, infatti io colleziono prevalentemente francobolli e tutto ciò che riguardano i francobolli e la storia postale; in questo campo ne so molto di più che di monete e banconote.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Faberius62

Salve a tutti, un quesito per qwuanto riguarda le cedole di lire due e cent. 50 pagabile nel regno dell africa orientale italiana......etcetc, io sono in possesso di Cento di queste cedole e volevo sapere se fossero ancora esigibili oppure se hanno solo un valore per collezionisti e quindi il relativo costo a Cedola oppure a foglio visto che sono se non erro 20 per ogni foglio

 

vi ringrazio infinitamente ed aspetto una vostra risposta, allego foto

 

Fabio

post-48118-0-36070600-1455882705_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare

Buongiorno a tutti, sono da poco iscritto e ho finalmente trovato un forum nel quale si parla di Scripofilia. Evviva! Sono un collezionista scripofilo da qualche anno e collaboro con una importante realtà italiana di questo settore, sono quindi a disposizione se avete bisogno. Tenete conto che come diceva @petronius arbiter In Italia questo tipo di collezionismo è appena nato, ma ha dei margini di crescita direi incredibili. Tanto per darvi due dati veloci, in USA e in Germania sono tanti anni che si lavora in questo settore, se però pensiamo che da noi ci sono documenti con valore storico e artistico molto più importanti, siamo la culla della cultura,  iniziamo a sfregarci le mani! Vi faccio un esempio lampante: La Banca Monte De' Paschi di Siena. Probabilmente la più vecchia banca europea (o una delle più vecchie) ha una quotazione in borsa che fa ridere (guardatevi gli andamenti dal 2011 ad oggi), mentre i titoli storici di questa banca posso arrivare a qualche migliaio di euro, visto che si tratta di pezzi rari o unici! Naturalmente questo è un esempio, non tutti i documenti hanno questi prezzi, ma era per farvi capire quale sia la direzione. In Italia abbiamo documenti di Stati Preunitari, Regno d'Italia, banche, aziende storiche, pensate alla ricchezza dei particolari di certi documenti. Se guardo le azioni ed obbligazioni americane, sembrano tutte uguali... Ecco perchè sono fiducioso di questo tipo di collezionismo.

 Vi ho allegato un documento incredibile, si tratta di un Monte di Pietà della Città di Firenze, dell'inizio del 1700. Cosa ne dite? 

 

1734-XX-MONTE-DELLA-PIETA-DI-FIRENZE_mini.jpg

Modificato da Uccellincheviendalmare
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare
Il 19/2/2016 at 12:52, Faberius62 dice:

Ciao @Faberius62 secondo me questo documento, può valere intorno ai 15/20 euro...

 

Salve a tutti, un quesito per quanto riguarda le cedole di lire due e cent. 50 pagabile nel regno dell africa orientale italiana......etcetc, io sono in possesso di Cento di queste cedole e volevo sapere se fossero ancora esigibili oppure se hanno solo un valore per collezionisti e quindi il relativo costo a Cedola oppure a foglio visto che sono se non erro 20 per ogni foglio

 

vi ringrazio infinitamente ed aspetto una vostra risposta, allego foto

 

Fabio

IMG_3554.JPG

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter
4 ore fa, Uccellincheviendalmare dice:

Buongiorno a tutti, sono da poco iscritto e ho finalmente trovato un forum nel quale si parla di Scripofilia. Evviva! Sono un collezionista scripofilo da qualche anno e collaboro con una importante realtà italiana di questo settore, sono quindi a disposizione se avete bisogno.

Ti rinnovo il benvenuto :)

petronius

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

masal1159

Ciao

"vivo " la scripofilia da circa trent'anni.....interesse di derivazione professionale visto che lavoro nel settore finanziario. E' una "passione" un po' intimistica, i collezionisti sistematici (per intenderci quelli che hanno titoli non solo da appendere al parete come abbellimento) ci sono (pochi) e tendenzialmente sono molto "riservati" , tant'è che non esiste una vera e propria Associazione che ci raccoglie (vi lascio immaginare anche perchè.....riservatezza) Qualcuno si "ritrova" attorno alla International Bond and Share Society inglese (http://scripophily.org/) un altro mondo rispetto la realtà nazionale. Non essendoci una realtà che aggreghi i collezionisti italiani, il mercato è "fatto" dai vari commercianti che periodicamente propongono i loro cataloghi o pubblicazioni a tema.......con tutto ciò che ne comporta

Ciò non toglie che l'hobby sia interessante per chi abbia voglia di approfondire la realtà economica e finanziaria del nostro paese e non solo......certo che, come tutte le collezioni, presenta i suoi aspetti di fascino e ......di costo. Ma prima di tutto è il motore della curiosità e della voglia di conoscere che deve generare la molla per iniziare.....diciamo che, forse, in questo settore del collezionismo bisogna essere particolarmente motivati perchè essendo particolarmente "illiquido" non si "esce" facilmente e a buon mercato!

Per quanto riguarda i certificati "postati" il titolo di stato si "vede" con una certa frequenza sulle bancarelle (d'altro canto il nostro Debito Pubblico mica è "esploso" solo in questi anni) è però in buono stato.....occorre stare attenti solo a non confondere le "cedole" (o "manto cedole" tecnicamente) con l'obbligazione vera e propria (il "corpo"). Le cedole da sole non valgono molto (anzi di norma quasi niente) mentre il "corpo" con o senza le cedole ha un valore che oscilla poco ....è più una questione di avere un certificato "in ordine" tant'è che, di norma, viene incorniciato senza evidenziare la presenza delle cedole..... è una questione di gusti

Il Monte è un documento molto importante dal punto di vista "storico" (i primi certificati noti sono del XV secolo) a cui corrisponde un valore commerciale su cui preferirei non espormi in questo contesto......tenete presente che, a differenza delle altre nazioni, noi italiani di norma non buttiamo via mai niente....si sà mai che un domani..... e quindi è frequente che ogni tanto qualcuno apra un baule o "sgomberi" un archivio (notarile o non) e vi lascio immaginare cosa possa succedere

Comunque se qualcuno volesse qualche info in più fatemi sapere.....ciao

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter

Benvenuto :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Teone

Buongiorno a tutti, sono un nuovo iscritto al forum e sono molto felice di aver trovato anche questa sezione!!! Infatti oltre ad essere un amante e collezionista di monete, l'altra mia "enorme" passione è la Scripofilia... Con un vero amore per la collezione di documenti del debito pubblico, dalle origini del Granducato di Toscana con la famiglia dei Medici fino al regno d'Italia e poi Repubblica!

Purtroppo fino ad oggi ho visto che a parte i soliti nomi, tra i collezionisti non ci sono troppi giovani e quindi spero di trovare nuovi colleghi qui nel forum...

Grazie

Modificato da Teone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare
Il 8/10/2016 at 20:59, masal1159 dice:

Ciao

"vivo " la scripofilia da circa trent'anni.....interesse di derivazione professionale visto che lavoro nel settore finanziario. E' una "passione" un po' intimistica, i collezionisti sistematici (per intenderci quelli che hanno titoli non solo da appendere al parete come abbellimento) ci sono (pochi) e tendenzialmente sono molto "riservati" , tant'è che non esiste una vera e propria Associazione che ci raccoglie (vi lascio immaginare anche perchè.....riservatezza) Qualcuno si "ritrova" attorno alla International Bond and Share Society inglese (http://scripophily.org/) un altro mondo rispetto la realtà nazionale. Non essendoci una realtà che aggreghi i collezionisti italiani, il mercato è "fatto" dai vari commercianti che periodicamente propongono i loro cataloghi o pubblicazioni a tema.......con tutto ciò che ne comporta

Ciò non toglie che l'hobby sia interessante per chi abbia voglia di approfondire la realtà economica e finanziaria del nostro paese e non solo......certo che, come tutte le collezioni, presenta i suoi aspetti di fascino e ......di costo. Ma prima di tutto è il motore della curiosità e della voglia di conoscere che deve generare la molla per iniziare.....diciamo che, forse, in questo settore del collezionismo bisogna essere particolarmente motivati perchè essendo particolarmente "illiquido" non si "esce" facilmente e a buon mercato!

Per quanto riguarda i certificati "postati" il titolo di stato si "vede" con una certa frequenza sulle bancarelle (d'altro canto il nostro Debito Pubblico mica è "esploso" solo in questi anni) è però in buono stato.....occorre stare attenti solo a non confondere le "cedole" (o "manto cedole" tecnicamente) con l'obbligazione vera e propria (il "corpo"). Le cedole da sole non valgono molto (anzi di norma quasi niente) mentre il "corpo" con o senza le cedole ha un valore che oscilla poco ....è più una questione di avere un certificato "in ordine" tant'è che, di norma, viene incorniciato senza evidenziare la presenza delle cedole..... è una questione di gusti

Il Monte è un documento molto importante dal punto di vista "storico" (i primi certificati noti sono del XV secolo) a cui corrisponde un valore commerciale su cui preferirei non espormi in questo contesto......tenete presente che, a differenza delle altre nazioni, noi italiani di norma non buttiamo via mai niente....si sà mai che un domani..... e quindi è frequente che ogni tanto qualcuno apra un baule o "sgomberi" un archivio (notarile o non) e vi lascio immaginare cosa possa succedere

Comunque se qualcuno volesse qualche info in più fatemi sapere.....ciao

Ciao, io ho trovato un sito italiano che ne parla: www.scripofilia.com

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare

Volevo ufficiosamente presentarvi un libro che uscirà a breve: IL COLLEZIONISMO DI TITOLI FINANZIARI - ITALIA DAGLI STATI PREUNITARI ALLA REPUBBLICA, opera alla quale ho partecipato. I numeri in sintesi: 

Opera museale da collezione prodotta in soli 100 esemplari numerati con certificazione di autentica firmata dall'autore, realizzata dopo 20 anni di ricerca e catalogazione.

Pubblicazione collegata ad un archivio online con approfondimenti storici e quotazioni in tempo reale. 

Caratteristiche:
1200 pagine, grande formato XL 33,5x48 cm, peso 15,4 Kg. Libro in doppia lingua, italiano-inglese.

Contenuto:
Opera numerata con certificato di autentica autografato, documentazione, leggio in legno e confezione.

Tutto realizzato a mano con materiali di alta qualità. 100% Made in Italy.

Vi piace?

Schermata 2017-07-06 alle 10.49.04.jpg

IMG_8299.JPG

copertina.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Teone

Molto interessante, come si fa ad avere ulteriori informazioni in merito a questo volume?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare

Per @Teone domani sono in ufficio, qui se ti va posso rispondere di persona. Mandami una mail a officemanager@scripo.it. Se lo vorrai ti potrò dare tutto le info che vorrai anche telefonicamente. 

Grazie.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Polemarco
Il 5/9/2006 at 14:25, petronius arbiter dice:

Ad esempio, io colleziono titoli ferroviari, in prevalenza italiani ed americani, e in questo campo, tra i pezzi più ricercati ci sono i certificati della "Ferrovia Tornavento a Sesto Calende" anni 1854-1858 valutati un miglialio di euro.

E allora ecco a te !

Anche bilingue.

Un interesse del 3% dal 1984.

Saluti da Polemarco

596d2522f15e3_image(12)-min.thumb.jpeg.44107941f7f3d1fd680f6dcc4e9d984c.jpeg

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare

Ce l'ho! Se vuoi azioni e obbligazioni ferroviarie italiane e americane, ne ho in quantità industriale! Parliamone... 

image_2015 2.jpg

image_762 2.jpg

image_5641 2.jpg

image_3056 2.jpg

image_2760 2.jpg

image_1342 2.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Polemarco

Ringrazio Uccellincheviendalmare, ma le obbligazioni da me postate erano solo un regalo e non l'inizio di una collezione.

Polemarco

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare
Il 19/9/2006 at 20:07, amir dice:

opss l'immagine... <_< ... ;)

post-1305-1158689240_thumb.jpg

Bel documento, l'ho visto in vendita a 125 euro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lele1976

buongiorno e grazie dell 'ammissione al forum chiedo scusa se non è la sezione giusta dove scrivere ,
mi chiedevo se fra voi ce qualcuno esperto in notgeld della Germania ,ho ereditato una grossa collezione circa (1000 pezzi ) e vorrei capirne il valore so che è impossibile valutarli in base al numero,  quindi la domanda è se qualche numismatico o appassionato mi può aiutare  ..anticipatamente ringrazio e saluto tutti ...P.S.allego qualche foto per mostrare lo stato di conservazione

22291669_10212269835794488_839978339_n.jpg

22345578_10212269835514481_1113099966_o.jpg

22359334_10212269836354502_58608906_n.jpg

22369010_10212269835554482_18884227_o.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uccellincheviendalmare

Tanto per raccontare un po' di storia dell'Italia... LA MILANO CENTRALE, storica società immobiliare.

La storia presa da La Repubblica: 

La Caboto Milano Centrale è la società nata sul finire del 1984 dalla fusione della Milano Centrale con la controllata Caboto. La Milano Centrale, costituita nel 1920 aveva una tradizione prevalentemente immobiliare. Il suo patrimonio è rappresentato da una serie di edifici con una superficie coperta di circa 30 mila metri quadri, distribuiti tra via Meravigli, via Negri e via Santa Maria Segreta, tutti al centro di Milano nelle immediate vicinanze di Piazza degli Affari. La redditività di questi immobili, per molto tempo assai bassa, è cresciuta notevolmente negli ultimi anni poichè quasi tutti gli appartamenti sono effittati a uffici. Dal 1979, con l' ingresso della Hambro' s Investment Company di Zurigo nel capitale, con il pacchetto di maggioranza relativa (20,5%), la Milano Centrale ha avviato anche un' attività finanziaria dedicandosi in particolare alla concessione di mutui cambiari. Successivamente la società ha acquistato la Caboto che negli ultimi anni è diventata leader tra le società private che svolgono intermediazione finanziaria. La Caboto deve gran parte dei suoi profitti all' attività sul mercato monetario, alla quale si aggiungono la gestione di patrimoni, la finanza aziendale, il leasing (è stata costituita recentemente la Milano Centrale Leasing). Nel 1984 la Caboto Milano Centrale, che è presieduta da Maurizio Mattioli, ha realizzato un utile netto di 4,5 miliardi contro i 2,7 del 1983. Ieri il consiglio di amministrazione che ha approvato la fusione con la Pirelli & C. ha esaminato anche i conti del primo semestre. L' utile netto è di 7,7 miliardi contro i 6,5 dello stesso periodo dell' esercizio precedente. I proventi lordi, tutti di natura ordinaria, hanno raggiunto 25,7 miliardi. Il patrimonio netto al 30 giugno, senza gli utili del semestre, ammonta a 34,4 miliardi contro i 24,9 del 30 giugno 1984.

Documento bellissimo, ne ho uno da vendere se volete...

image_1612.jpg

Modificato da Uccellincheviendalmare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×