Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
pedro_88

Un rovescio piuttosto che un altro

Buongiorno a tutti!

Ho una domanda che mi frulla per la testa, probabilmente banale o già trattata, ma non riesco a trovare una risposta che mi convinca per cui mi rivolgo direttamente a voi..

Parlando di rovesci nei bronzi (li chiamerei folles anche se so che ci sono divergenze sul nome più appropriato, li chiamo così per far capire a cosa mi riferisco), ogni imperatore ha un rovescio più comune di altri mi pare. Questo a cosa è dovuto? L'imperatore sceglieva uno o più rovesci "base" che lo rappresentavano e poi commissionava rovesci diversi a seconda di particolari eventi accaduti, dopodiché si tornava al rovescio tradizionale? O la quantità di varianti dipende dal fatto che periodicamente l'imperatore faceva variare il rovescio e questo veniva coniato per un certo periodo fino al giungere della nuova commissione, per cui l'abbondanza del rovescio sulle monete dipendeva da quanto tempo durava la "commissione"?

Infine, le differenti zecche coniavano tutte contemporaneamente lo stesso rovescio secondo voi oppure ognuna aveva il suo rovescio caratteristico in base alla posizione geografica all'interno dell'impero e di conseguenza lo stato "sociale" di quella zona? Considerando che ci sono rovesci più comuni per certe zecche e meno per altre propenderei per la seconda ipotesi forse..

Spero non siano domande troppo vaghe o troppo ingenue..

Grazie in anticipo a chi vorrà dirmi la sua!! :)

Federico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'erano delle iconografie "di base" comuni a quasi tutti gli imperatori nei secoli: gli dei, la vittoria, la salus, la fortuna e così via, che si ripetevano pressoché inalterati e che erano il grosso delle coniazioni standardizzate per una continuità iconografica.

Poi c'erano le coniazioni dedicate: monumenti, vittorie militari, viaggi e così via, che erano, giocoforza, emesse in un numero più ristretto rispetto alle iconografie di rovescio "manieristiche" di cui dicevamo prima che rimanevano inalterate, da un imperatore all'altro, per dare un senso di continuità all'istituto di potere.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Aggiungerei che le cose sono molto cambiate dal primo impero (diciamo pure: da Augusto) al V secolo. Sono radicalmente mutate le tipologie: nel 1° secolo prevalevano le "personificazioni" (Fides,Moneta,Aequitas,ecc.), le divinità, alcune scritte standard (grande SC, OB CIVES SERVATOS) e alcuni contenuti religiosi (altare con PROVIDENT, ecc.) Tutto questo è evoluto lentamente verso immagini di diretta "propaganda" imperiale: dalla Fides Militum alla Aequitas Augusta ecc., fino poi alle varie immagini della FELICITATIS TEMPORUM REPARATIO,ai VOTA, GLORIA EXERCITUS e così via. Parlo soprattutto dei bronzi, ma per i metalli nobili non è molto diverso. Alcuni di questi rovesci sono più comuni di altri,e prodotti da tutte o quasi tutte le zecche. Alcuni rovesci (ti cito solo il POPULUS ROMANUS di epoca costatiniana) sono più rari perché prodotti solo da alcune zecche. Puoi vedere alcune discussioni in merito, es. "Le emissioni più comuni del IV secolo" e tante altre. La tua domanda sulle zecche è comunque complessa e richiederebbe una lunga risposta.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Grazie mille ad entrambi, per ora va benissimo così, mi avete già tolto un po' di dubbi! Avevo già visto l' "articolo" di Illyricum sulle emissioni del IV secolo, ed ho dato un'occhiata per vedere se trovavo qualcosa di più incentrato sulle zecche e sulla "variabilità" dei rovesci ma non ho trovato nulla, forse non ho cercato abbastanza! :)

Poi ovviamente capisco che non sia un discorso liquidabile in poche righe, ma già qualche indicazione mi fa piacere!

Grazie ancora per avermi dedicato un po' del vostro tempo!

Federico

Modificato da pedro_88

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

@@pedro_88: puoi cercare comunque in: "Rovesci imperiali".

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Trovato, grazie mille! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Qual e il vostro preferito? Io non saprei decidere me ne vengono in mente tanti...molti anche che non ho...sigh...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh sui sesterzi ci sarebbe da impazzire, ci sono delle opere d'arte vere e proprie!

Per i bronzetti a me piacciono particolarmente Iovi Conservatori e Gloria Exercitus, niente di particolare ma mi attirano!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?