Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
dario1caso

dramma padana

Inviato (modificato)

Allego foto di quella che secondo me è una dramma padana è corretto?peso 2,2 grammi diam 15 mm

Modificato da dario1caso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa tipologia non la conosco proprio.

 

Il retro con il leone sembrerebbe assomigliare alle dracme dei Paleoveneti ma ho qualche perplessità sia per la testa della fiera che per quelle bolle così evidenti.

Ti allego le foto di una dracma veneta così potrai confrontarla con la tua.

 

Ti consiglio però di ripostare le foto perché sono troppo luminose (diciamo così) ma soprattutto il volto di Artemide non è visibile.

post-35490-0-44946200-1432128228.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai ragione scusa ma ho fatto le foto in velocità.

Io però ho dei dubbi sull autenticità in quanto il leone lo ho sempre visto rivolto verso dx!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È' buona e abbastanza rara.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ovviamente mi riferisco al tipo. Per la moneta in particolare servirebbe qualche foto un po' più definita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ho mai visto il leone/scorpione verso sx.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Prima volta anche per me di vedere la "bestia" a sx, forse è l'effetto della foto ma mi sembra che sia stata eccessivamente pulita, forse immersa per ore nel succo di limone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena posso faccio nuove foto ma il leone è verso sinistra per questo non so cosa pensare inoltre non ci sono scritte!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Potrebbe essere forse del tipo gruppo 8E del Pautasso dove il leone è rivolto verso sinistra, ne elenca 4 in realtà abbastanza rozzi e sembra di varia provenienza e di stile, magari anche il peso e il diametro potrebbero essere utili, sembrano decisamente rari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il peso è 2,2grammi e il diametro è 15 mm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Pautasso mette per questo mini gruppo un peso medio di 2,30 gr. circa, diametro 13 mm.

Una di queste monete la trovate al Medagliere di Milano, una al Museo Nazionale di Trento, due sono state rinvenute nei pressi di Oderzo, si tratterebbe di imitazioni secondarie del tipo veneto dove l'incisore non ha tenuto conto della naturale inversione dei conii, il dritto però curiosamente mantiene il tipo principale senza inversione, è direi una anomalia per un conio rovesciato .

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ecco nuove foto

post-39699-0-14398800-1432141012_thumb.j

post-39699-0-24294800-1432141041_thumb.j

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confermo trattarsi del tipo 8E del Pautasso, alias tipo XX dell'Arslan. Quanto ai rinvenimenti ne sono conosciuti parecchi (fortunatamente non tutto è ancora finito nei cartoni): Caverzano, Aquileia, Quarto d'Altino, Asolo, Cordignano, Cavaso del Tomba, Feltre, Trento, Villadose, San Fior, Treviso, Vicenza... È meno consueta del tipo più comune (8C) ma non si puó dire rarissima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie infinite quindi è autentica vale i 200 che mi chiedono secondo voi? Grazie in anticipo per la risposta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non é possibile dare giudizi senza vedere il pezzo in mano, ed anche in quel caso sono opinioni. Vista cosi' non vedo nulla che tenda ad una non genuinità (ma si vede francamente troppo poco). Rispetto al prezzo di mercato non mi esprimo: "vale" quanto uno é disposto a pagarla. La cosa che mi auguro é che sia di legittima provenienza, che non é una mera formula burocratica, é qualcosa di sostanziale, specie per queste monetazioni:  

 

"Chi disperde un tesoretto monetale si comporta come un rozzo barbaro che distrugge un prezioso mosaico per impossessarsi delle minute tessere luccicanti che lo compongono. Come il barbaro saccheggiatore, egli soddisfa la sua ottusa cupidigia di possesso, ma distrugge senza rimedio il valore più importante che di gran lunga trascende quello materiale dei singoli esemplari: egli cancella senza neppure curarsi di conoscere e far conoscere quello che, varcando due millenni, il tesoretto ci era venuto a recare."

 

A. Pautasso, Lineamenti e problemi della monetazione preromana delle regioni padane, 1972

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le puntuali risposte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non é possibile dare giudizi senza vedere il pezzo in mano, ed anche in quel caso sono opinioni. Vista cosi' non vedo nulla che tenda ad una non genuinità (ma si vede francamente troppo poco). Rispetto al prezzo di mercato non mi esprimo: "vale" quanto uno é disposto a pagarla. La cosa che mi auguro é che sia di legittima provenienza, che non é una mera formula burocratica, é qualcosa di sostanziale, specie per queste monetazioni:

"Chi disperde un tesoretto monetale si comporta come un rozzo barbaro che distrugge un prezioso mosaico per impossessarsi delle minute tessere luccicanti che lo compongono. Come il barbaro saccheggiatore, egli soddisfa la sua ottusa cupidigia di possesso, ma distrugge senza rimedio il valore più importante che di gran lunga trascende quello materiale dei singoli esemplari: egli cancella senza neppure curarsi di conoscere e far conoscere quello che, varcando due millenni, il tesoretto ci era venuto a recare."

A. Pautasso, Lineamenti e problemi della monetazione preromana delle regioni padane, 1972

Bellissima citazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?