Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Caio153

Die Matches That Should Not Exist...errori romani

Risposte migliori

Caio153

Ciao a tutti,

leggendo questa pagina su internet mi ha incuriosito un passaggio....

http://www.calgarycoin.com/reference/fakes/fakesgiveaways.htm

"As discussed elsewhere, most ancient Roman dies were probably used up in only for a few days or possibly a few weeks. There are rare instances of the same reverse die used by two different emperors, but always where it was logical to happen. An example would be co-emperors striking coins in the same mint at the same time. Another example would be if a die was used for both the last coin type of one Emperor, and the first issued by his successor. Now look at these two reverses.

elagabmaxim02.jpg
ENLARGEMENT

They are clearly struck from the same reverse die. Now click on the enlargement to see the obverse and reverse of both coins. The coin on the left is a Maximinus I that should have to have been struck after AD 235, while that on the right is Elagabalus that should have been struck prior to AD 222. That spread of a at least 13 years is very unlikely if these were genuine Roman coins struck in an official mint. Such matches occasionally are seen on ancient coins struck by ancient counterfeiters, for exactly the same reason they turn up on modern fakes, but are more common on modern fakes. The few exceptions to this are so rare, than the average collector is unlike to ever encounter them."

 

Per la mia tesi ho dovuto studiare alcune sepolture romane, per lo più databili tra il I sec. a.C. e primo d.C.. Allora non ero così appassionato di numismtica, ma mi incuriosì particolarmente una moneta. Non posso postare ne foto, ne dati precisi, dato che si tratta di materiale della soprintendenza. Ad ogni modo spero che mi crediate sulla parola e che questo possa essere un interessante spunto di riflessione per tutti voi.

Posto le foto (prese altrove) del dritto e del rovescio che aveva questa moneta.

Il rovescio è questo:

post-43481-0-64735900-1436916404.jpg

Ascinius Gallus, Æ as, (11.19g) as moneyer under Augustus, c. 16 BCTRIBVNIC POTEST , CAESAR AVGVSTVS Bare head of Augustus right. / C ASINIVSC F GALLVS III VIR AAAFF around large SC. RIC 373.

Il dritto invece questo:

post-43481-0-23906000-1436917019_thumb.j

Augustus AE As. 7 BC, moneyer P Lurius Agrippa. CAESAR AVGVST PONT MAX TRIBVNIC POT, bare head left / P LVRIVS AGRIPPA IIIVIR AAAFF around large SC. Cohen 446. RIC 428

 

Moneta sicuramente vera. Da contesto chiuso... immaginate che emozione. Asinio Gallo monetale del 16 a.C..... dall'altro lato leggo augustus PONT MAX... Augusto pontefice massimo nel 16?????? Lo diventa solo nel 12 dopo la morte di Lepido. Tutto contento della mia scoperta faccio vedere la moneta alla soprintendente, che a sua volta la da in visione ad alcuni studiosi...

Vi riporto parte del responso... non si tratta di riscrivere la storia, ma comunque è un fatto interessante.

"...dice che il ritratto dell'asse è quello delle monete di Lurio Agrippa, al quale è stato accoppiato un rovescio di C.Asinio Gallo. L'errore è stato commesso in zecca: hanno preso il conio di R. sbagliato. Si tratta di uno dei cosidetti ibridi, per i quali si deve andare a consulatre la vecchia bibliografia, come Cohen ecc..Dimostra una volta di più che in zecca si tenevano i coni vecchi".

Qui lo scarto annuale è di soli 9 anni, ma dimostra 2 cose:

A-quanto riportato ad inizio discussione non è esatto.

B-anche i Romani sbagliavano... :nono:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao, ti rispondo in estrema sintesi:

- sí, talvolta nelle officine di zecca "i romani sbagliavano" accoppiando dritti a rovesci inconsueti. Nel caso di Augusto non avrebbero controllato il monetiere... ma non allontanavano/distruggevano i conii vecchi?

- la foto è quella che è come definizione. Ma quelle due monete di Calgarycoins ti paiono autentiche? ;)

Ciao

Illyricum

:)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

elettro-matic

Salve a tutti. Vorrei fare una domanda che credo sia attinente. In particolare volevo sapere quante monete potevano essere battute al massimo con un coppia di conii tenuto conto che, evidentemente, conservavano anche i vecchi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pedro_88

Pochi giorni fa in un'altra discussione si è detto che i conii venivano sistematicamente distrutti per evitare che finissero in mano ai falsari.. Se il fatto che questo sia stato riutilizzato a distanza di anni è confermato, che cu*o fare un ritrovamento del genere, considerando che credo sia già difficile trovare due monete battute dallo stesso conio, figuriamoci lo stesso conio a distanza di anni! Se invece non è un caso ma era una prassi, forse andrebbero riviste le considerazioni sulla distruzione sistematica dei conii.. :)

Modificato da pedro_88

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

la domanda di @@elettro-matic è una delle "domande delle domande"

 

molto probabilmente i conii usati per l'Oro duravano di più di quelli usati per Ag o Ae..... per il resto, si è scritto di tutto e di più.... temo non troverai risposte univoche, anzi...

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio153

Tenterò di dare una risposta a tutti, più una mia interpretazione che altro dato che non sono un esperto del settore...

@Illyricum65: le monete di calgarycoin non sono ovviamente autentiche, ma rientrano nella casistica "comune" descritta nel sito. Di per sè quelle monete  non mi interessavano... ho fatto copia incolla del passaggio ed ho evidenziato i punti legati al mio discorso (che almeno in questo caso si dimostrano errati).

@elettro-matic: i conii utilizzati permettevano di produrre migliaia di pezzi prima di rompersi o deteriorarsi e il conio di rovescio aveva in genere vita più breve perchè era quello che riceveva il colpo diretto del malleator.

 

Per quanto riguarda la questione in generale non ho una risposta definitiva: comunque non si tratta di un caso isolato dato che l'esperto mi disse che non era una cosa poi così rara e che degli inglesi stavano facendo uno studio sull'argomento...

Forse distruggevano la gran parte dei conii, ma ne tenevano qualcuno come documentazione? Forse è stato un errore o forse la precisa volontà di un triumviro monetale mattacchione? Forse era la vendetta di un impiegato della zecca contro il suo capo? Chi lo sa è bravo.... :pardon:

 

Comunque a riprova dell'autenticità delle mie parole metto una foto della mia tesi...

post-43481-0-78959600-1436948150_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×