Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Horben Tumblebelly

Soluzione di natura basica

Una soluzione basica se, volontariamente o involontariamente, investisse una moneta l'eventuale patina ne subirebbe effetti dannosi?

Inoltre il comune sapone di "grasso animale", indistintamente dalle differenze di pH di natura commerciale e non, se sciolto in acqua dà vita ad una soluzione basica?A me pare generalmente di si!

Illuminatemi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una soluzione basica se, volontariamente o involontariamente, investisse una moneta l'eventuale patina ne subirebbe effetti dannosi?

Dipende ovviamente dal metallo e dalla forza della soluzione basica (ammoniaca, bicarbonato o soda caustica, tanto per citarne qualcuno, hanno effetti diversi e non solo per la forza basica); alluminio e zinco (e loro leghe) non ne uscirebbero bene se il trattamento è prolungato. In generale comunque sono sconsigliabili tranne per brevi trattamenti in casi particolari (aiutano a volte a togliere lo sporco) ma è meglio sapere cosa si sta facendo.

Una soluzione di ammoniaca e clururo d'ammonio è ottima per pulire anche rame ed argento ma tolgono completamente la patina, cioè la solubilizzano (quindi non la userei in generale per le monete, esistono anche altri sistemi meno drastici riportati anche da altri in post precedenti).

Inoltre il comune sapone di "grasso animale", indistintamente dalle differenze di pH di natura commerciale e non, se sciolto in acqua dà vita ad una soluzione basica?A me pare generalmente di si!

Sembra che una volta il sapone lo si facesse "in casa" bollendo grassi ed oli (anche olio oliva andato a male) con la soda, separando lo strato acquoso contenente il sapone da quello di glicerina (e simili) ed usandolo, magari dopo averlo concentrato.

In questo caso il sapone era ovviamente molto basico.

Oggi credo che la stragrande maggior parte dei saponi sia prodotto con oli vegetali ed il sapone ottenuto comunque neutralizzato con acido: dipende dal pH al quale viene portato il sapone se poi ne risulta un pH acido o basico.

Può darsi che sia acido o basico ma in genere non dovrebbe essere molto lontano dalla neutralità.

Se fosse particolarmente basico forse funzionerebbe anche meglio ma ti saponificherebbe anche la pelle :lol:

Mi perdonino gli esperti se sono stato un pò approssimativo, eventualmente potranno correggermi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la risposta, in effetti era quella che mi aspettavo.

Generalmente la soluzione di cui tu mi parli è usata per la pulizia degli ingranaggi degli orologi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?