Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
temujin79

Monete del periodo fra le due guerre

30 risposte in questa discussione

Dopo una lunga assenza dal forum, torno a scrivere per proporvi un po' di immagini di monete della mia collezione. Si tratta di monete comuni, ma che tutte assieme hanno una grande storia da raccontare. Il periodo fra le due guerre mondiali è uno dei miei periodi numismatici preferiti, proprio perchè i grandi mutamenti intercorsi in Europa e nel mondo hanno un riflesso nelle monetazioni dei vari paesi.

Ma andiamo con ordine: finita la prima guerra mondiale le potenze vincitrici imposero all'Austria e alla Germania trattati di pace estremamente punitivi, che prevedevano ingenti riparazioni economiche e lo smembramento territoriale a favore di nuovi stati: Polonia, Cecoslovacchia, Jugoslavia.

In Austria, dopo la fine dell'impero, nei territori di lingua tedesca fu proclamata la repubblica. Molti austriaci, privati dell'identità imperiale, propendevano  per l'unificazione con la Germania, sulla base della comune identità culturale e linguistica. Le potenze vincitrici si opposero a questa idea e fecero in modo di tenere i due paesi separati. La Germania divvene anch'essa repubblica, e dovette fronteggiare diversi disordini sociali provocati dagli estremisti di destra e di sinistra. Le economie dei due paesi soffrirono enormemente per le pesanti condizioni dei trattati di pace e per la situazione politica e sociale: in Austria la Corona

post-6069-0-04908700-1442429369_thumb.jp

che prima della guerra era una moneta d'argento, perse gran parte del suo valore, fino a dover essere sostituita da buoni emessi dai comuni o da altri enti locali, con corso limitato a determinate zone e per un certo periodo di tempo. Infine, quando nel 1924 venne riformata la valuta, isituendo lo Scellino austriaco, il valore di quest'ultimo sarà fissato a quota 10000 rispetto alla vecchia corona.

post-6069-0-64174900-1442429370_thumb.jppost-6069-0-63170400-1442429365_thumb.jppost-6069-0-20577800-1442429367_thumb.jp

 

In Germania la svalutazione assume proporzioni drammatiche nel 1923, le monete da 200 e da 500 marchi ebbero vita breve poichè ben presto furono necessari i milioni e i miliardi di marchi per comprare generi di prima necessità.

post-6069-0-23241600-1442429372_thumb.jppost-6069-0-73885600-1442429373_thumb.jp

 

 

 

continua

Piace a 7 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Germania pure divenne una repubblica, ma il nuovo governo dovette fin da subito fronteggiare una tremenda crisi politica oltre che economica, della quale cercarono ripetutamente di approfittare gli estremisti di sinistra e di destra. In Baviera per un breve periodo fu proclamata una repubblica di tipo sovietico, mentre poco tempo dopo vi fu il famoso tentativo di golpe da parte di Hitler.

La situazione economica si ristabilizzò verso il 1925, nel frattempo era stata necessaria una riforma della valuta, istituendo il Renten Mark, che poi verrà chiamato Reichsmark.

post-6069-0-03894800-1442433072_thumb.jppost-6069-0-68351900-1442433073_thumb.jppost-6069-0-08454800-1442433075_thumb.jp

Se Germania e Austria non se la passavano bene, non si può dire che la vittoria avesse portato grossi benefici ai vincitori. In Francia, Italia e in molti altri paesi vi fu una forte svalutazione. Questo fenomeno portò alla scomparsa delle monete in metallo prezioso dalla circolazione, poiché la gente se le teneva strette piuttosto che spenderle (valevano di più del loro nominale). In molti di questi paesi nella prima metà degli anni venti era comune vedere in circolazione dei "buoni" emessi direttamente dallo stato oppure emessi a nome di altri enti parastatali ma coniati dalla zecca di stato. Questi erano di fatto delle vere e proprie monete, in quanto non avevano validità limitata nel tempo o ristretta a un determinato territorio.

cleardot.gif

post-6069-0-03306100-1442433167_thumb.jppost-6069-0-10009200-1442433163_thumb.jppost-6069-0-86946600-1442433164_thumb.jp

 

Piace a 6 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un buon inizio...sicuramente la pena di leggere. Grazie. Spero che continuerete. O forse qualcun altro si aggiungerà alcune delle monete tra due guerre che sono state di particolare interesse per loro.

 

Alcune delle monete dell'epoca che personalmente trovo più struggenti sono i "Feriti Belgio" 50-centime e 1- e 2-franc pezzi. Per me, l'aggiunta per il crepacuore intrinseco di queste monete, è il triste fatto che la serie ha continuato così a lungo e non fu infine sostituita fino l'anno che è arrivata la nuova guerra.

 

Mi dispiace che non ho un'immagine delle monete belghe disponibili di questo momento, ma forse qualcuno ci può dare una buona immagine?

 

:) v.

 

-----------------------------------------------------------

 

A good start…definitely worth reading. Thanks. I hope maybe you’ll continue. Or maybe someone else will add some of the between-the-wars coins that have been of special interest to them.

 

Some of the coins of that period that I personally find the most poignant are the “Wounded Belgium” 50-centimes, and 1- and 2-franc pieces. For me, adding to the heartbreak intrinsic to these coins, is the sad fact that the series continued so long, and was not finally replaced until the very year that the new war arrived.

 

I’m sorry I don’t have an image of the Belgian coins available this moment, but maybe someone can give us a good picture?

 

:) v.

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-12167-0-34775600-1442822567.jpgpost-12167-0-66284100-1442822580.jpg

 

Uno dei "Feriti Belgio" 1-franc pezzi del 1922-35, quest'una varietà di lingua fiamminga. Con il tempo che questo 1929 franc fu coniato, purtroppo, ricordi di guerra sono svanendo un po '. Che ha reso una nuova guerra ancora più probabile.

 

Una serie in cui il messaggio cambia radicalmente, credo, il più tardi alla data della moneta.

 

v.

 

--------------------------------------------------------------

 

One of the “Wounded Belgium” 1-franc pieces of 1922-35, this one a Flemish language variety. By the time this 1929 franc was coined, unfortunately, memories of the war were fading somewhat. Which made a new war all the more likely.

 

A series whose message changes radically, I think, the later the date of the coin.

 

v.

Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-12167-0-68371800-1442822705.jpgpost-12167-0-89136800-1442822718.jpg

 

Ed ecco un'altra moneta di tra due guerre con una data particolarmente significativa, un 1921 UK penny ha coniato l'anno che ha cominciata la Conferenza Navale di Washington. Un inizio promettente per il dopoguerra e più di semplice speranza—risultati, troppo. Britannia con il suo tridente distrutto 24 navi da guerra a seguito della conferenza, e l'host americani distrutti 26 in più. Giappone distrutto 16, e la gara tra le principali marine del mondo a costruire navi da battaglia più e più grande...è stata rinviata.

 

Ma non annullata.

 

v.

 

-------------------------------------------------

 

And here is another between-the-wars coin with a particularly meaningful date, a 1921 UK penny coined the year the Washington Naval Conference began. A hopeful beginning to the postwar, and more than simple hope—results, too. Britannia with her trident destroyed 24 warships as a result of the conference, and the host Americans destroyed 26 more. Japan destroyed 16, and the race among the major navies of the world to build more and bigger battleships was…postponed.

 

But not cancelled.

 

v.   

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Villa66 per il contributo, a breve continuo con la storia (e le monete)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Con la sparizione dei grandi imperi centro-europei e il tracollo dell'impero russo a seguito della rivoluzione, l'Europa vede la nascita di molti nuovi stati, come la Polonia, la Jugoslavia, la Cecoslovacchia e le tre repubbliche baltiche di Estonia, Lettonia e Lituania. La definizione dei confini di questi nuovi stati è quasi sempre problematica, poichè comprendono territori che nel corso della storia hanno cambiato più volte dominazione, pertanto vengono reclamati da più stati.

La Juogoslavia nasce su impulso della Serbia, col nome ufficiale di "Regno dei Serbi, Croati e Sloveni", come federazione dei popoli slavi del sud.

post-6069-0-78343600-1442931752_thumb.jp

 

Di fatto in breve tempo il centralismo serbo della famiglia regnante Karadgeorgevich esaspererà i patrioti delle altre nazionalità, causando tensioni che portarono prima all'instaurazione di una dittatura personale del re Alessandro I, poi all'omicidio di quest'ultimo durante una visita ufficiale in Francia.

La nascita della Jugoslavia non fu vista di buon occhio dall'Italia, che vide attribuire al neonato regno diversi territori costieri popolati da italiani. Tra i due stati per tutto il periodo tra le due guerre vi fu una certa tensione.

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A est invece nel mezzo della grande guerra la Russia venne travolta dalla rivoluzione. Purtroppo non ho monete di questo paese da mostrare, ma magari qualcuno può provvedere;)

Il caos che ne seguì permise a diversi territori sotto la dominazione russa di rendersi indipendenti: dall'Ucraina alle diverse regioni dell'asia centrale, nonchè all'area del baltico. Soltanto per questi ultimi paesi in realtà l'indipendenza sarà duratura, infatti Finlandia, Estonia ,Lettonia e Lituania si costituiranno in repubbliche indipendenti.

post-6069-0-53514400-1443119782_thumb.jppost-6069-0-21041100-1443119784_thumb.jp

 

Gli altri territori invece, col rafforzarsi del potere sovietico e con la vittoria dei bolscevichi contro le armate bianche, verranno mano a mano riconquistati dalla Russia, che li trasformerà in repubbliche sovietiche creando l'Unione delle repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) nel 1922.

Gli stati del baltico si trovarono subito a doversi tutelare contro i desideri di riconquista russi. Questi appoggiarono in tutta Europa la nascita di partiti comunisti filo URSS che sostenevano la rivoluzione contro i governi nazionali. Ben presto per combattere l'influenza russa questi paesi si trasformeranno in regimi più o meno autoritari, basati sul nazionalismo, ispirandosi al fascismo di Mussolini

Infatti in Italia nell'ottobre del 1922 vi era stata la marcia su Roma. Mussolini aveva fondato un movimento di reduci basandolo su idee vaghe e populiste, ma sfruttando le tante occasioni create dalle tensioni del dopoguerra  per inserivisi e far divenire il suo piccolo partito una forza decisiva. Di fronte alle dimostrazioni contadine per il diritto alla terra e la riforma agraria, i proprietari terrieri chiedevano l'intervento dei fascisti per reprimere i braccianti. Tutta la prassi di governo liberale dell'Italia prebellica venne inquinata dall'ultranazionalismo e dal mito della "Vittoria mutilata". I governi liberali non reagirono o peggio, lasciarono fare, fino a quando non fu lo stesso re Vittorio Emanuele III a chiedere a Mussolini di formare un governo. Anno dopo anno l'autoritarismo si fece strada, abolendo o svuotando di significato le precedenti istituzioni, soprattutto quella parlamentare. Dopo le alterene fasi iniziali, nel 1925 Mussolini può considerarsi padrone del paese, tanto da assumersi pubblicamente la paternità del delitto Matteotti.

post-6069-0-50139800-1443120437_thumb.jp

 

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-12167-0-65284100-1443252155.jpgpost-12167-0-99762600-1443252168.jpg

 

Tra le guerre. Un quarter-dollar americano un po' scarse dalla zecca di Denver, datata 1927d. Il paese (e gran parte del mondo) è andato selvaggi per Lindbergh ed il suo volo solo attraverso l'Atlantico quell'anno.

 

WWI aveva stimolato lo sviluppo del velivolo e dell'aviazione in generale, e nel dopoguerra i grandi numeri dei surplus militari aerei trovato diffuso uso civile. (Molti di questi quarters 1927, infatti, avrebbe trovato loro modo nelle tasche dei "barnstormers" dando persone aeroplano giostre a dichiari e le fiere locali, e in molti altri, occasioni spesso improvvisati.)

 

Entro un decennio, però, dell'aviazione civile sarebbe spinto nei precedenti. Aerei militari avrebbero richiesto ancora una volta l'attenzione di tutti.

 

v.

 

----------------------------------------------------------

 

post-12167-0-65284100-1443252155.jpgpost-12167-0-99762600-1443252168.jpg

 

Between-the-wars. A somewhat scarce American quarter-dollar from the Denver mint, dated 1927d. The country (and much of the world) went wild for Lindbergh and his solo flight across the Atlantic that year.

 

WWI had spurred the development of aircraft and of aviation in general, and in the postwar the large numbers of surplus military planes found widespread civilian use. (Many of these 1927 quarters, in fact, would have found their way into the pockets of “barnstormers” giving people airplane rides at state and local fairs, and on many other, often impromptu occasions.)

 

Within a decade, though, civil aviation would be pushed into the background. Military aircraft would again demand everyone’s attention.

 

v.

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-12167-0-34687900-1443252505.jpgpost-12167-0-33169600-1443252520.jpg

 

Tra le guerre. Un 1929 quarter-dollar dall'anno dello stock market crash e l'inizio della grande depressione. Come le altre nazioni, America rivolta verso l'interno. Soldi...e la mancanza di esso. Come il denaro è diventato più scarso, i debiti di guerra dovuti agli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna e dalla Francia sembravano sempre più importanti. Gli americani sono sentito ingannati. Quindi sarebbe "Cash-and-Carry" quando la guerra è venuto ancora.

 

Fino a quando è diventato troppo disperata, e poi, quasi all'ultimo minuto, è stato "Lend-Lease."

 

Da allora, naturalmente, la libertà in piedi di questo 1929 quarter era andata lungo, sostituito da Washington sui quarters del 1941.

 

v.

 

--------------------------------------------------------

 

post-12167-0-34687900-1443252505.jpgpost-12167-0-33169600-1443252520.jpg

 

Between-the-wars. A 1929 quarter-dollar from the year of the stock market crash and the beginning of the Great Depression. Like the other nations, America turned inward. Money…and the lack of it. As money became scarcer, the war debts owed to the U.S. by Britain and by France seemed increasingly important. The Americans felt cheated. So it would be “Cash-and-Carry” when war came again.

 

Until it became too desperate, and then, at almost the last minute, it was “Lend-Lease.”

 

By then, of course, the Standing Liberty of this 1929 quarter was long gone, replaced by Washington on the quarters of 1941.

 

v.

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A est invece nel mezzo della grande guerra la Russia venne travolta dalla rivoluzione. Purtroppo non ho monete di questo paese da

mostrare, ma magari qualcuno può provvedere;)

 

Beard1961, forse?

 

;) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

villa66, grazie per l'invito.

Anche a me piacciono molto le monete di questo periodo.

Tipi di monete unione SOVIETICA tra le due guerre.

 

Modifica:

villa66, il fatto è che non posso nemmeno valutare comica di traduzione online.
Fino al 1924 in un paese trattasse di un enorme quantità di soldi di carta. La riforma del 1924, ha completato la stabilizzazione monetario del paese. Sono stati rilasciati in circolazione le monete erano in armonia completamente дореволюционным reale coin. Monete d'argento con le date di conio 1921-23 avuto il simbolismo della RSFSR, 1924 - URSS. Dal 1926 moneta di rame sono stati sostituiti bronzo, stesso disegno, e dal 1931 argento - rame-nichel. Nel 1935 il design di rame-nichel è stato modificato, così come il design di aversa monete di bronzo. Questo design è stato utilizzato fino al 1957, è cambiato solo il numero di nastri il cui stemma in base al numero di repubbliche dell'unione.
Le monete "ПОЛКОПЕЙКИ" coniate solo nel 1925 e 27-28 anni, con la scritta "СССР".

post-44602-0-21015100-1443280529_thumb.j

post-44602-0-73936700-1443280534_thumb.j

Modificato da Beard1961
Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per favore, si prega di condividere i vostri commenti..--ogni punto di vista è prezioso. Inoltre, il traduttore online rende sempre un idiota di me, e si può vedere che non mi impedisce di blaterare!

 

Sono sicuro che ci arriveremo il significato....

 

;) v.

 

-------------------------------------------------------

 

Please, please do share your comments--every perspective is valuable. Besides, the online translator is constantly making an idiot of me, and you can see that doesn’t stop me from yakking!

 

I’m sure we’ll get your meaning….

 

;) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buona serata

 

Non seguo la monetazione di altri Stati (io colleziono monete di Venezia) ma, come ogni buon numismatico che si rispetta, abbiamo tante scatole e bustine piene di monete che non collezioniamo, ma che abbiamo conservato perché ci hanno trasmesso una emozione.

 

Anch'io ho una moneta da 1/2 Rublo del 1922 .... troppo bella e l'ho conservata; come ho conservato questa che segue:

 

50 dinari della Jugoslavia

 

post-21005-0-09933200-1443286291.jpg

 

post-21005-0-63529400-1443286313.jpg

 

Con questa moneta siamo al limite .... 1938

 

saluti

luciano

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

villa66, grazie per l'invito.

Anche a me piacciono molto le monete di questo periodo.

Tipi di monete unione SOVIETICA tra le due guerre.

Il traduttore non è in grado di trasmettere il mio commento, quindi non vi far ridere.

 

Belle monete Beard1961, vedo che c'è anche un pezzo da 1 rublo emesso a nome della RSFSR (Repubblica Socialista federativa Sovietica di Russia), vale a dire una moneta coniata in piena guerra civile, prima della proclamazione dell'Unione Sovietica.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

post-12167-0-23886700-1443678240.jpgpost-12167-0-31028800-1443678283.jpg

 

Tra le guerre. Da ottomano relitto emerse la nuova Repubblica di Turchia, molto più piccolo, naturalmente, ma incredibilmente energico. Questa "1922" (AH1341) 10-piastre è un esempio del secondo anno della sua prima serie di monetazione—anche se sembra più corretto chiamare questa una "Transizione alla Repubblica" pezzo. (Il Sultanato non è stata formalmente abolito fino al novembre 1922, e la Repubblica non è stata dichiarata formalmente fino al ottobre 1923).

 

Gone è il Toughra degli ottomani; appena arrivati è la stella e mezzaluna.

 

v.

 

---------------------------------------------------------------

 

post-12167-0-23886700-1443678240.jpgpost-12167-0-31028800-1443678283.jpg

 

Between-the-wars. Out of the Ottoman wreckage emerged the new Republic of Turkey, much smaller of course, but amazingly energetic. This “1922” (AH1341) 10-piastre is a second-year example of its first coinage series—although it seems more correct to call this a “Transition to the Republic” piece. (The Sultanate was not formally abolished until November 1922, and the Republic was not formally declared until October 1923.)

 

Gone is the Toughra of the Ottomans; newly-arrived is the Star and Crescent.

 

v.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buona serata

 

Dalla mia scatola di monete varie, che contiene tante monete che mi regalò una delle mie zie quando ero un bambino (lei le teneva in una confezione vuota di detersivo Kop, come quello della foto che segue), ho trovato qualche moneta del periodo.

 

post-21005-0-15643500-1443724970_thumb.j

 

 

Comincio .....

 

post-21005-0-02835600-1443725025.jpg

 

post-21005-0-30290500-1443725062.jpg

 

 

post-21005-0-36784800-1443725085.jpg

 

post-21005-0-37786600-1443725105.jpg

 

segue ....

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Inviato (modificato)

Ricordo che ero tutto contento di poter frugare nella confezione di detersivo; insieme a queste, belle, grosse e d'argento, ce n'erano tantissime del regno, soprattutto di Vittorio Emanuele III .... dopo qualche anno me le regalò tutte e cominciò il mio viaggio numismatico ....

 

post-21005-0-31139800-1443725364.jpg

 

post-21005-0-28223100-1443725385.jpg

 

 

ed ecco il mio 1/2 rublo del 1922

 

post-21005-0-69304500-1443725421.jpg

 

post-21005-0-39406200-1443725443.jpg

 

 

saluti

luciano

Modificato da 417sonia
Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buona serata

 

Dalla mia scatola di monete varie, che contiene tante monete che mi regalò una delle mie zie quando ero un bambino (lei le teneva in una confezione vuota di detersivo Kop, come quello della foto che segue), ho trovato qualche moneta del periodo.

 

attachicon.gifDetersivo Kop.jpg

 

 

Comincio .....

 

attachicon.gifMezzo Dollaro A.jpg

 

attachicon.gifMezzo Dollaro B.jpg

 

 

attachicon.gif5 Marchi Tedeschi A.jpg

 

attachicon.gif5 Marchi Tedeschi B.jpg

 

segue ....

 

Ops!

 

Mi accorgo ora che ho scannerizzato il 1/2 dollaro del 1942, invece del 1937 :pardon:

Sorry.

 

Dovrei avere anche un dollaro "Peace" del 1923, ma non è tre queste monete ... domani lo recupero.

 

Luciano

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vale la pena di approfondire il discorso sulla nascita della Repubblica Turca. Mustafa Kemal, ufficiale e personaggio di spicco fra i "Giovani Turchi" (movimento che sosteneva la modernizzazione e la riforma costituzionale del vecchio impero Ottomano), insorse contro le forze di occupazione straniere di stanza in Turchia dopo la sconfitta di quest'ultima nella Grande Guerra, in particolare contro l'esercito greco. Nello stesso tempo il movimento nazionalista si oppose al sultanato, costituendo la Grande Assemblea Nazionale. Kemal si oppose strenuamente al trattato di Sevres, recuperando diversi territori passati in mano greca, stipulando nuovi trattati sulla definizione dei confini con le grandi potenze, trattati molto più favorevoli del precedente Trattato di Sevres, che prevedeva una Turchia debole e divisa. La Repubblica di turchia nasce nell'ottobre del 1923 e Kemal viene eletto subito presidente. La sua politica sarà caratterizzata dal laicismo e dalla modernizzazione (occidentalizzazione) del paese. Dall'alfabeto arabo si passa ai caratteri latini, viene faborita l'alfabetizzazione e lo sviluppo industriale. La politica estera sarà caratterizzata dalla difesa dell'integrità territoriale dello stato, per questo verranno firmati numerosi trattati coi paesi confinanti. Feroce e spietata sarà invece la politica contro la minoranza curda, cosa che continua ancora oggi. Kemal assumerà il cognome Ataturk (padre dei turchi) in base alla nuova legge sui cognomi entrata in vigore nel 1934, con la quale i turchi adotteranno regolari cognomi di famiglia, prima assenti.

 

attachicon.gif100_7691.JPGattachicon.gif100_7696.JPG

 

 

Tra le guerre. Da ottomano relitto emerse la nuova Repubblica di Turchia, molto più piccolo, naturalmente, ma incredibilmente energico. Questa "1922" (AH1341) 10-piastre è un esempio del secondo anno della sua prima serie di monetazione—anche se sembra più corretto chiamare questa una "Transizione alla Repubblica" pezzo. (Il Sultanato non è stata formalmente abolito fino al novembre 1922, e la Repubblica non è stata dichiarata formalmente fino al ottobre 1923).

 

Gone è il Toughra degli ottomani; appena arrivati è la stella e mezzaluna.

 

v.

 

---------------------------------------------------------------

 

 

attachicon.gif100_7691.JPGattachicon.gif100_7696.JPG

 

 

Between-the-wars. Out of the Ottoman wreckage emerged the new Republic of Turkey, much smaller of course, but amazingly energetic. This “1922” (AH1341) 10-piastre is a second-year example of its first coinage series—although it seems more correct to call this a “Transition to the Republic” piece. (The Sultanate was not formally abolished until November 1922, and the Republic was not formally declared until October 1923.)

 

Gone is the Toughra of the Ottomans; newly-arrived is the Star and Crescent.

 

v.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vale la pena di approfondire il discorso sulla nascita della Repubblica Turca.

 

Molto bene!

 

;) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei contribuire alla discussione condividendo questa moneta cilena da 100 pesos/10 condores

 

 

post-34862-0-84805500-1443787330_thumb.j

 

Giusto per leggere cosa avveniva oltre oceano....

( cenni di storia cilena tratti da Wikipedia del periodo trattato )

Nel 1891, il conflitto tra il Presidente José Manuel Balmaceda ed il Congresso causò una Guerra Civile: i membri del Congresso ottennero la vittoria e stabilirono una Repubblica Parlamentare. Questi anni si caratterizzarono, nonostante la crescita economica, per l'instabilità politica e la nascita del movimento proletario che portava l'attenzione sulla Questione Sociale. Dopo anni di dominio delle oligarchie, nel 1920 fu eletto Arturo Alessandri con l'appoggio dei movimenti popolari. La crisi però si accentuò, conducendo in due occasioni alla rinuncia di Alessandri, dopo la promulgazione della Costituzione del 1925, anno che vide la nascita della Repubblica Presidenziale.

150px-JoseManuelBalmaceda.jpg
 

 

Carlos Ibáñez del Campo assunse il governo nel 1927 con un grande sostegno popolare, ma la fine della prima guerra mondiale [9] e la Grande depressione ridussero drasticamente il commercio del nitrato di potassio, producendo una forte crisi economica nel paese: il Cile fu infatti tra le nazioni più colpite dalla recessione a livello mondiale. Ibáñez rinunciò nel 1932 e l'instabilità politica dopo il colpo di Stato militare diede vita alla Repubblica Socialista del Cile, che durerà soltanto 3 mesi, finché Alessandri riassunse il potere e rimise in sesto l'economia, ma senza ridurre la tensione tra i partiti. Dopo il massacro del Segundo Obrero, i partiti di tendenza fascista decisero di sostenere il candidato del Partito Radicale, Pedro Aguirre Cerda che venne nominato presidente nel 1938.

Il mandato di Aguirre Cerda dà inizio ad un periodo di governi fascisti, realizzando diverse riforme e rivendicando il territorio antartico antistante la nazione. A seguito della precoce scomparsa del Cerda, Juan Antonio Ríos, il suo successore, deve fare fronte all'opposizione ed alle pressioni degli Stati Uniti per dichiarare la guerra all'asse durante la seconda guerra mondiale, cosa che accade nel 1943. Dopo essere stato sostenuto dal Partito Comunista del Cile, il radicale Gabriel González Videla viene eletto presidente nel 1946.

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Vorrei contribuire alla discussione condividendo questa moneta cilena da 100 pesos/10 condores

 

 

attachicon.gifImmagine.jpg

 

Giusto per leggere cosa avveniva oltre oceano....

( cenni di storia cilena tratti da Wikipedia del periodo trattato )

Nel 1891, il conflitto tra il Presidente José Manuel Balmaceda ed il Congresso causò una Guerra Civile: i membri del Congresso ottennero la vittoria e stabilirono una Repubblica Parlamentare. Questi anni si caratterizzarono, nonostante la crescita economica, per l'instabilità politica e la nascita del movimento proletario che portava l'attenzione sulla Questione Sociale. Dopo anni di dominio delle oligarchie, nel 1920 fu eletto Arturo Alessandri con l'appoggio dei movimenti popolari. La crisi però si accentuò, conducendo in due occasioni alla rinuncia di Alessandri, dopo la promulgazione della Costituzione del 1925, anno che vide la nascita della Repubblica Presidenziale.

150px-JoseManuelBalmaceda.jpg
 

 

Carlos Ibáñez del Campo assunse il governo nel 1927 con un grande sostegno popolare, ma la fine della prima guerra mondiale [9] e la Grande depressione ridussero drasticamente il commercio del nitrato di potassio, producendo una forte crisi economica nel paese: il Cile fu infatti tra le nazioni più colpite dalla recessione a livello mondiale. Ibáñez rinunciò nel 1932 e l'instabilità politica dopo il colpo di Stato militare diede vita alla Repubblica Socialista del Cile, che durerà soltanto 3 mesi, finché Alessandri riassunse il potere e rimise in sesto l'economia, ma senza ridurre la tensione tra i partiti. Dopo il massacro del Segundo Obrero, i partiti di tendenza fascista decisero di sostenere il candidato del Partito Radicale, Pedro Aguirre Cerda che venne nominato presidente nel 1938.

Il mandato di Aguirre Cerda dà inizio ad un periodo di governi fascisti, realizzando diverse riforme e rivendicando il territorio antartico antistante la nazione. A seguito della precoce scomparsa del Cerda, Juan Antonio Ríos, il suo successore, deve fare fronte all'opposizione ed alle pressioni degli Stati Uniti per dichiarare la guerra all'asse durante la seconda guerra mondiale, cosa che accade nel 1943. Dopo essere stato sostenuto dal Partito Comunista del Cile, il radicale Gabriel González Videla viene eletto presidente nel 1946.

Buon pomeriggio

 

Bella moneta e importante; credo che di tasche, questa, ne abbia girate poche :nea: :)

 

saluti

luciano

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Buona giornata

 

ecco il "Peace" dollaro americano del 1923

 

 

post-21005-0-49109200-1443871006.jpg

 

post-21005-0-85411800-1443871024.jpg

 

saluti

luciano

Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Condivido altra monetina in mio possesso coniata fra le due guerre.

Svizzera 20 Franchi 1930

 

post-34862-0-93540500-1444062337_thumb.j

 

Qualche cenno storico tratto da wikipedia:

 

Come durante la Guerra franco-prussiana (1870-1871), la Svizzera si mantenne neutrale anche durante la prima guerra mondiale (1914-1918), ma il degrado delle condizioni di vita di gran parte della popolazione a causa della guerra condusse le organizzazioni operaie (riunite nel Comitato di Olten) a lanciare il primo sciopero generale nel 1918: le principali rivendicazioni (la settimana lavorativa di 48 ore e l'istituzione di un'assicurazione sulla vecchiaia) vennero rifiutate, ma l'anno seguente il Consiglio nazionale venne eletto con il sistema proporzionale e fecero il loro ingresso nel parlamento elvetico esponenti delle organizzazioni operaie, segnando la fine dell'egemonia del partito Liberale Radicale.

Nel 1920 il Paese aderì alla Società delle Nazioni che aveva posto la sua sede proprio in Svizzera, a Ginevra. La Società riconobbe la neutralità permanente della Svizzera e la esonerò dalla partecipazione alle azioni militari. La crisi economica del 1929 determinò un aumento massiccio della disoccupazione in Svizzera e nel 1936 il franco venne svalutato per aiutare le esportazioni; l'anno successivo fu quindi possibile siglare la pace del lavoro nell'industria metallurgica (allora la più importante del paese).[29] Il riconoscimento del Romancio come lingua nazionale (1938), la costruzione di un sistema di fortificazioni nelle Alpi (→ Ridotto nazionale, 1940) e l'entrata del primo esponente socialista nel Consiglio federale (1943) rafforzarono la coesione nazionale durante gli anni della seconda guerra mondiale. Tuttavia la neutralità elvetica venne messa a dura prova dagli eventi bellici: se durante i precedenti conflitti la Svizzera confinava con entrambi gli schieramenti, dopo il crollo della Francia nel giugno del 1940, la Svizzera si trovava circondata dalle forze dell'Asse.[30] Il commercio aereo era all'epoca poco sviluppato e il Paese finì per intrattenere relazioni economiche principalmente con i paesi confinanti e segnatamente con la Germania.

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?