Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Georg

approfondimento Zecca Reale e M.IB: altre differenze in 5 e 10l ?

Risposte migliori

Georg

...Immagino già la risposta, ma lo considero comunque un "approfondimento" sperando che chiunque voglia porre la stessa domanda sia facilitato nella ricerca.

 

Tutti sanno che il 5 lire aquilino e il 10 lire biga furono coniati con tondelli sia della zecca Reale sia della Società Metallurgica Italiana.

 

L'elemento fondamentale che contraddistingue i MIB dai "romani" è la presenza delle due stellette, o rosette, sul contorno, accanto a uno dei tre Fert:

 

                           ** FERT **

 

Domanda:

 

oltre a questa caratteristica così evidente, che comunque non è un elemento casuale ma è stata fatta appositamente,

 

e a parte le differenze nello spessore del bordo (che comunque riguardano solo quelle del 26, romane),

 

ci sono...o sono state notate (e magari documentate) altre differenze tra i MIB e i romani,

per quanto riguarda le figure, le legende...o altro?..

 

Oppure sono perfettamente uguali in tutto?

 

Grazie a chi vorrà rispondere.

Modificato da Georg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Marfir
Supporter

Se non ricordo male sono stati forniti solo i tondelli alla Regia Zecca, quindi altre differenze, soprattutto nel conio, non ci dovrebbero essere.

Saluti Marfir

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Georg

@@Marfir Ok, quindi la coniazione vera e propria è stata fatta solo a Roma, con un unico modello?..

 

E anche il contorno (coi Fert e le rosette) è stato fatto solo a Roma?.. So bene che l'unica zecca attiva in quel momento fosse quella di Roma,

ma non conoscendo bene tutte le dinamiche relative alla Società Metallurgica, ho voluto ugualmente approfondire...

Modificato da Georg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Marfir
Supporter

@@Marfir Ok, quindi la coniazione vera e propria è stata fatta solo a Roma, con un unico modello?..

 

E anche il contorno (coi Fert e le rosette) è stato fatto solo a Roma?.. So bene che l'unica zecca attiva in quel momento fosse quella di Roma,

ma non conoscendo bene tutte le dinamiche relative alla Società Metallurgica, ho voluto ugualmente approfondire...

Alcune note tratte dal Simonetti

10 Lire I tipo (biga)

Venne emesso a norma del R. Decreto n.1651 del 30/IX/1926.

I modelli sono dello scultore G. 

Romagnoli , e A. Motti incise i coni.

Negli esemplari dal 1927 al 1929 il FERT incuso sul taglio puo’ avere ai lati una o due stelle (rosette) per parte 

Gli esemplari dal 1931 al 1934 sono stati coniati in numero limitato per numismatici

Nel Dicembre del 1926 l’ amministrazione del Tesoro stipulo’ un contratto con la societa’ metallurgica italiana di Brescia per la trasformazione di 660 tonnellate di vecchie monete d’ argento da 2 e 1 lira in tondelli per monete da 10 e 5 lire

Infatti il Governo voleva procedere al ritiro del quantitativo stabilito dei buoni cartacei da 5 e 10 lire entro il settembre del 1927 sostituendoli con monete d’ argento di taglio uguale e dato chela produttivita’ delle presse della zecca era molto alta, per alimentarle si ricorse alla industria privata per la fornitura dei tondelli

Per contraddistinguere i tondelli forniti dalla societa’ metallurgica italiana da quelli della zecca , quest’ ultima contrassegno’ il taglio dei suoi tondelli con una sola rosetta mentre i pezzi da 5 e 10 lire fatti con i tondelli della MIB furono contrassegnati nel taglio con due rosette

Unitamente ai pezzi da 5 lire I tipo (aquilotti) vennero ritirati dalla circolazione secondo le norme impartite dalla Gazzetta Ufficiale del 15/VI/1935

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Georg

Grazie! ;)

 

...Mettendo insieme i pezzi, quindi, la questione si può riassumere così:

 

la Mib ha preparato unicamente i tondelli d'argento senza intervenire minimamente nella coniazione e neppure nell'impressione dei Fert e delle rosette sul contorno,

operazioni che vennero fatte tutte dalla regia Zecca sia sui "suoi" tondelli che su quelli della Mib.

 

I tondelli della Mib, ovviamente, dovevano essere perfettamente identici a quelli romani, in diametro, peso e composizione della lega,

 

e, dato che la coniazione è avvenuta solo a Roma con un unico modello, le monete Mib e quelle romane sono perfettamente identiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×