Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Illyricum65

Sesterzio Antonio Pio comune (?)

Inviato (modificato)

Ciao,

sul web ho visto un esemplare di questo sesterzio di Antonino Pio.

 

post-3754-0-44635700-1446237522_thumb.jp

Antoninus Pius. AD 138-161. Æ Sestertius (30mm, 27.40 g, 11h). Struck circa AD 141-143. Laureate and draped bust right / Concordia standing left, holding Victory and vexillum. RIC III 600b; Banti 59. Good VF, dark green patina. Bold portrait.

(http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=98296)

 

MI pare una bella iconografia, con la Concordia che regge uno stendardo ovvero i signa legionari (sui quali spesso compare l'aquila) e una Vittoria alata, a rappresentare la forza dell'esercito romano, cui è dedicata appunto l'emissione (CONCORDIA MILITVVM).

Francamente non mi pare una moneta molto frequente, sono andato sul RIC e me la sono trovata indicata come "comune".

 

  • Prima domanda per gli amici della Sezione: di solito i rating del RIC sono superati e non corrispondono alla realtà attuale (e questo è noto) ma è una mia lacuna conoscitiva o questi esemplari sono stati segnalati troppo generosamente come ben diffusi?
  • Seconda domanda: non ho notizie storiche di disordini nell'esercito durante il regno di Antonino Pio. Se non erro (sempre mettersi in dubbio) si tratta quindi di un omaggio alla fedeltà dell'esercito o viceversa vi furono tensioni?

 

Ciao

Illyricum

;)

Modificato da Illyricum65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Illyricum....io ho il dupondio con lo stesso rovescio,per cui sono spettatore interessato alla eventuale discussione che si potrà sviluppare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

Ciao Illyricum....io ho il dupondio con lo stesso rovescio,per cui sono spettatore interessato alla eventuale discussione che si potrà sviluppare...

nella descrizione di un esemplare venduto ho trovato l'indicazione del sesterzio come "scarce" ... ma su che base? Dell'effettiva presenza sul mercato? O semplicemente con un occhio ad invogliarne l'acquisto ;) ?

 

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mmmmh,ti dirò...propenderei quasi per la seconda.Peró a mio avviso ci sono tipologie di imperatori,seppure comuni,che non si vedono spesso o non si vedono punto;a fronte di tipologie come i sesterzi di Agrippina maggiore,che seppur visibili con buona frequenza sui vari listini cartacei ed on-line,vengono definiti rari...c'avete fatto caso?

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mmmmh,ti dirò...propenderei quasi per la seconda.Peró a mio avviso ci sono tipologie di imperatori,seppure comuni,che non si vedono spesso o non si vedono punto;a fronte di tipologie come i sesterzi di Agrippina maggiore,che seppur visibili con buona frequenza sui vari listini cartacei ed on-line,vengono definiti rari...c'avete fatto caso?

Si, ma è, credo, solo la conseguenza delle richieste del mercato...in ogni asta che si rispetti non possono mancare i "must", come l'Agrippina, mente alcuni rovesci, decisamente di rara apparizione, magari poi sono censiti in maggior numero di esemplari...quindi, in effetti ,sarebbero più comuni, ma di più difficile reperibilità in quanto sacrificati , spesso, sull'altare della maggior vendibilità.
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Esco un po' dal seminato del post di Illyricum..(non me ne vogliate)...oppure ci sono monete che sarebbero comuni ma rare da trovarsi in buona conservazione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anche....vedi gli assi di Agrippa, comunissimi, ma rari in alta conservazione...

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

sul web ho visto un esemplare di questo sesterzio di Antonino Pio.

 

attachicon.gifantonino pio concordia exercitus.jpg

Antoninus Pius. AD 138-161. Æ Sestertius (30mm, 27.40 g, 11h). Struck circa AD 141-143. Laureate and draped bust right / Concordia standing left, holding Victory and vexillum. RIC III 600b; Banti 59. Good VF, dark green patina. Bold portrait.

(http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=98296)

 

MI pare una bella iconografia, con la Concordia che regge uno stendardo ovvero i signa legionari (sui quali spesso compare l'aquila) e una Vittoria alata, a rappresentare la forza dell'esercito romano, cui è dedicata appunto l'emissione (CONCORDIA MILITVVM).

Francamente non mi pare una moneta molto frequente, sono andato sul RIC e me la sono trovata indicata come "comune".

 

  • Prima domanda per gli amici della Sezione: di solito i rating del RIC sono superati e non corrispondono alla realtà attuale (e questo è noto) ma è una mia lacuna conoscitiva o questi esemplari sono stati segnalati troppo generosamente come ben diffusi?
  • Seconda domanda: non ho notizie storiche di disordini nell'esercito durante il regno di Antonino Pio. Se non erro (sempre mettersi in dubbio) si tratta quindi di un omaggio alla fedeltà dell'esercito o viceversa vi furono tensioni?

 

Ciao

Illyricum

;)

 

Ciao @@Illyricum65 , rispondo prima alla tua ultima domanda : da quanto ci tramandano le fonti antiche non ci furono tensioni interne all' avvento al potere di Antonino Pio , tranne un fatto di aspirante al trono da parte di un certo Atilio Tiziano durante il suo lungo regno , che gia' al tempo di Adriano aveva tentato l' impresa , questo fatto non giustifica pero' una emissione della Concordia Exerciti non essendoci stata alcuna guerra civile .

Forse l' emissione di questa moneta si riferisce ad alcune guerre avvenute durante l' impero di Antonino contro i Mauri , i Germani , i Daci , i Giudei ed anche gli Alani , nelle quali tutto l' esercito romano dislocato per diverse Legioni nelle zone operative combatte' Concorde .

Oppure la moneta rientra nelle normali emissioni di "rappresentanza imperiale" atte ad esaltare il Principato e l' Esercito , del quale , l' Imperatore ne e' anche il capo supremo .

Per quanto riguarda la rarita' del RIC , piu' volte discusse , le reputo come parere personale , piuttosto approssimative e "vecchie" , non aggiornate , in quanto i gradi di rarita' segnalate si riferiscono al numero degli esemplari conservati nei piu' importanti Musei mondiali dell' epoca .

Un saluto

Claudio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sí, anch'io ritengo sia piú probabilmente omaggiante la Concordia tra l'Imperatore e l'esercito e in particolare la fedeltá di quest'ultimo verso il primo. Interessante quello spunto su Attilio Tiziano di cui non ero a conoscenza.

Altri pareri sulla questione relativa alla frequenza di questo sesterzio sui mercati?

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La figura di Atilio (non Attilio) Tiziano , personaggio di difficile identificazione , viene citata nella Storia Augusta relativamente alle Vite di Adriano , dove Tiziano venne proscritto ma non ucciso e nella Vita di Antonino Pio dove fu di nuovo proscritto e forse eliminato , ma Antonino salvaguardo' i figli anche aiutandoli , in entrambi i casi per avere Tiziano aspirato all' Impero .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao,

La figura di Atilio (non Attilio) Tiziano , personaggio di difficile identificazione , viene citata nella Storia Augusta relativamente alle Vite di Adriano , dove Tiziano venne proscritto ma non ucciso e nella Vita di Antonino Pio dove fu di nuovo proscritto e forse eliminato , ma Antonino salvaguardo' i figli anche aiutandoli , in entrambi i casi per avere Tiziano aspirato all' Impero .

il nome latino completo dovrebbe essere Titus Atilius Rufus Titianus che agì assieme a tale Cornelius Priscianus. Purtroppo come già scritto sopra non si conosco i dettagli della cospirazione.

 

post-3754-0-66967600-1446299126_thumb.jp

da Lives of the Caesars

a cura di Anthony A. Barrett

 

Traslato in italiano a rigore dovrebbe essere Tito Attilio Rufo Tiziano. Tiziano in quanto appartenente alla gens Titia. Non lo scrivo per spirito polemico ma solo a titolo di chiarimento in quanto anni fa ebbi uno scambio di MP con un utente che mi segnalava (giustamente) che Julia, a dispetto di quanto si scrive correntemente (es. Divisione Julia) in latino era Iulia e alla peggio è riportato erroneamente in questa forma quando avvengono traduzioni di testi o brani dall'inglese, dove esiste invece la forma Julia. Al limite è corretto Giulia, riferendo in un testo scritto in lingua italiana.

So che in termini pratici equivale a discutere de lana caprina ... ma negli anni ho acquisito una certa maniacalità verso la forma scritta :D .

 

Ciao

Illyricum

:)

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?