Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Guest Eurosabre

Quali requisiti

Risposte migliori

Guest Eurosabre

Vorrei porre l'interrogativo di una ipotesi fin troppo frequente dopo l'avvento di E-bay :

Se compro in rete una moneta antica , diciamo ad es. 1) denario in mistura di Manfredino di svevia , 2 ) Sesterzio di Britannico , quali requisiti dovrà avere la ricevuta-fattura o dichiarazione del venditore perchè possa soddisfare la lecita provenienza ?

Cioè , non penso sia sufficiente che il venditore o commerciante dichiari la lecita provenienza a suo rischio e pericolo ;

immagino che sia necessaria una '' rintracciabilita' retrogada '' della moneta per essere in regola .

In ogni caso, esistono delle linee guida o dei modelli pre-stampati debitamente compilati dal venditore per essere certi di poter rispettare la legge ?

In ultimo , se il venditore ci fornisce una rintracciabilita' retrograda nel tempo e poi questa si riverla errata in qualche passaggio , siamo comunque a rischio di reato ?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
caiuspliniussecundus

se vai in un negozio normale e compri un televisore, lo paghi e tieni lo scontrino, e poi si scopre che il televisore era stato rubato, hai commesso un reato??

risponditi e ti sei risposto alla tua domanda.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

LUCIO

No, no, attenzione.

Qui non si tratta di beni in libera vendita, bensì di beni per i quali il passaggio di proprietà è normato.

Quindi NON si tratta di una operazione paragonabile all'acquisto di un elettrodomestico, non voglio esagerare a dire che si tratti di un aquisto paragonabile a quello di un'arma (non siamo a questo livello), diciamo che si tratta di qualcosa di simile alla compravendita di una apparecchiatura sottoposta per legge alla immatricolazione in un pubblico registro.

Purtroppo gli oggetti di antichità non sono (più) in libera vendita fra privati, ma si tratta di oggetti i cui passaggi di proprietà sono sotto obbligo di denuncia.

Comunque stai buono a fare l'esempio del televisore perché sulle comunicazioni che i commercianti di televisori fanno a vantaggio dell'URAR (spesso all'insaputa del cliente, magari recuperandone i dati dalla carta di credito senza dirglielo, nonostante le normative sulla privacy ed una specifica delibera del Garante mi pare del 2002) direi che seppure non siamo più ai livelli scandalosi di qualche anno fa ancora oggi c'è del marcio :blink: .

In ogni caso non sono sicuro di saper rispondere alla domanda iniziale di "Eurosabre".

Modificato da LUCIO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest Eurosabre

Si , in effetti mi ero appunto posto la questione proprio perchè i bene mobili di consumo possono essere di tutti , le monete sono delle stato ma con diverse eccezioni possono anche essere dei privati .

E sono proprio queste eccezioni che a mio avviso dovrebbero essere molto chiare e senza equivoci .

Cioè se genericamente si indica '' Sesterzio di Britannico comprato in Virginia '' non credo che il funzionario che possa controllare la nostra collezione si limiti ad accettare tale dichiarazione . Come minimo dovremmo rendere facile il compito a chi ce le sta controllando .

E' chiaro che non si puo' pretendere la foto di un generico lotto di 200 scheletri di quattrini ma forse per un sesterzio raro sarebbe bene accompagnare un pedigee .

A parte qualche raro caso in importanti aste , non mi risulta che cio' accada , ecco perchè chiedevo se ci potessero essere altri requisiti da dover assolvere e poter pretendere dal venditore . In caso contrario io penserei che la moneta '' potrebbe '' essere stata rubata o comunque possa aver avuto qualche passaggio anomalo e quindi a rischio ...

Scusatemi , non voglio sembrare un guastafeste , ma ho una certa confusione in merito .

Grazie dell'attenzione

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovenaledavetralla

Nelle aste di una ditta di Roma dove io compravo le monete sul libretto di asta c'era scritto che le monete erano di cittadini europei con lecita provenienza e ogni pezzo era stato fotografato e mandato per conoscenza alla sopraintendenza.

Poi se trovo il libretto vi faccio una scanzione della pagina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×