Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Mirko

20 lire 1970

Ieri ho avuto modo di osservare vari esemplari di 20 lire del 1970, e mi sono accorto che tutte avevano il segno di zecca ® con l'astina debole e quasi assente.
Mi chiedo a questo punto se ciò è normale (anche per le monete in questione presenti in altre città :)).
La variante con la P prevede quindi l'assoluta mancanza dell'astina, oppure la vera variante è quella con la R piena e ben marcata? :confused:
Spero di essere stato chiaro, i postumi del pranzo si fanno sentire solo adesso :silly:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

[color="blue"]Ciao Mirko
La variante da quanto leggo è la P invece di R data come NC (Non Comune)!
Ho un bel gruzzoletto di 20 lire ed anche nelle mie la maggior parte hanno la stanghetta molto sottile rispetto alle altre degli altri anni.
Forse è stato un conio riuscito male già dall'inizio e con l'usura è andata pian piano a sparire del tutto la stanghetta.
Quello che credo è che sarà molto difficile vendere 20 lire P in MB e BB perchè, per vedere bene la differenza fra una stanghetta consumata o una assente,ci vuole almeno da SPL in sù.
Ciao
F.[/color]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Favaldar ha pienamente ragione :)
La variante con la P e' ricercata in FDC e SPL poiche' in condizioni minori e' facilmente taroccabile

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il discorso è analogo a quello dell'euro italiano del 2002 senza la firma dell'incisore.
A fronte di pochi esemplari totalmente privi del gambo della R, ne esiste un buon numero in cui questo è più sottile ed evanescente, a causa di un maggior accumulo di materiale sui punzoni. Gli esemplari coniati da punzoni perfettamente integri hanno invece la R normale.

Ciao,
[b]Alberto[/b]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

[i]Sentite io non ho ben capito.[/i]

[font="Optima"][font="Geneva"]Ho anch'io notato che le monete da 20 £ hanno la stanghetta del segno di zecca R molto sottile. Quello che mi lascia più perplesso e che queste non sono circolate ma bensì contenute in serie divisionali. Chiedo allora se la variante con la P è intesa come R con asta sottile oppure è a tutti gli effetti una P.[/font][/font]


Saluti ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' proprio una P.
L'astina della R si è tanto consumata da non essere più visibile. Il risultato è... una P.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Esistono diversi gradi di usura della stanghettina, le R con la stanghettina del conio maggiormente usurata sono diventate vere e proprie P...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?