Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Illyricum65

Marco Aurelio Divo

Risposte migliori

Illyricum65

Ciao,

passato in questi giorni sulla "baia francese".

 

Piacevole a mio avviso (come dettagli del diritto, un po' meno a rovescio, senza una evidente patina, impreziosito da due concrezioni malachitiche e un po' di cuprite diffusa.

 

Vi posto solo il diritto e i dettagli delle concrezioni dello stesso (il significato lo capirete perchè in seguito).

 

post-3754-0-25065700-1461686960.jpg post-3754-0-70471500-1461686959.jpg

 

Dati fisici:

sesterce marc aurele la consecration cohen 94
avers : DIVVS M ANTONINVS PIVS .
revers : CONSECRATIO// SC .
poids:22.42 grammes
diametre:30mm

 

Nell'insieme nessun dubbio sulla genuinità. Ma allarghiamo la visione:

 

post-3754-0-35329700-1461687026_thumb.jp post-3754-0-06520200-1461687025_thumb.jp

 

La cosa che mi ha incuriosito è la legenda terminale al diritto e in particolare di DIVVS MAN-TONINVS P[iV]S il monterozzo che si "magna" la IV terminale.

Che sta ad indicare? Che il conio di incudine era danneggiato magari in seguito ad un colpo fortuito e appiattito a livello di P-IV-S ?

Se il monterozzo è positivo, allora sul conio era negativo... aveva preso una martellata fortuita che ha appiattito i rilievi?

 

Giusto per scambiarci su qualche opinione...

 

Illyricum

;)

 

 

Modificato da Illyricum65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vitellio

Caro Illyricum,

 

per come la vedo io credo che quel " monterozzo" sia una semplice rottura di conio, in zona lettere e vicino al bordo può capitare, se ci pensi è una zona che è già stata indebolita dalle incisioni delle lettere e la zona del bordo ha meno materiale attorno da fare massa e forza.

Direi che il 99 % delle rotture parziali di conio avvengono proprio in queste condizioni...

 

Cordialmente,

Enrico

 

P.S.  Per caso, che dove c'è la malachite c'era attaccata un'altra moneta o comunque qualcos'altro di metallico? 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Salve , a mio parere sembra uno traboccamento di metallo fuso dal bordo in fase di battitura quando il tondello e' ancora non perfettamente solidificato e che ha coperto le lettere IV , infatti dalla foto pare di notare che il metallo che copre le due lettere sia a rilievo rispetto alle lettere circostanti .

Per quanto riguarda i punti in malachite in verde smeraldo , per altro molto belli che davvero impreziosiscono la moneta , non si verificano per contatto con altre monete ma sono una semplice alterazione del rame in carbonato , non tanto comune nelle monete in bronzo .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mazzarello silvio
Supporter

Ciao

quel monterozzo a mio avviso si è formato dallo stappo netto del blocco delle lettere dal conio , mi spiego meglio, se guardate bene si vede un quadrato in positivo  che nel conio ovviamente era in negativo, probabilmente quando hanno fuso il metallo per produrre il conio in quella zona ci sono stati dei problemi che successivamente ne hanno causato lo strappo, le cause possono essere molte, mi viene in mente una inclusione di ossido, una intrusione di materiale refrattario o una bolla d'aria nel metallo del conio sita in profondità che ha indebolito solo quella zona, e dopo varie sollecitazioni ne ha causato il distacco,   sta di fatto che con quel conio di dritto non hanno prodotto molte monete.

Silvio 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao Silvio , @@mazzarello silvio , non esistono molti esempi di questa anomala tipologia , uno noto e' nel sito di numismatica varesina ma non e' riproducibile in foto quindi occorre entrare nel sito alla voce : monete imperiali , Lucio Vero n° 14825 , al rovescio trovi un esempio uguale alla moneta di Marco Aurelio , forse qui il problema e' piu' evidente e sembra proprio un "versamento" di metallo che copre le lettere .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mazzarello silvio
Supporter

Ciao

@@Legio II Italica ho visto la moneta di L. Vero ma il problema è lo stesso, non è possibile un versamento di metallo visto che stiamo parlando di monete coniate e non fuse, i tondelli una volta prodotti venivano solo scaldati e nemmeno troppo e poi coniati, perciò non vedo come  poteva aver luogo uno sversamento di metallo fuso.

Silvio

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Salve , a mio parere sembra uno traboccamento di metallo fuso dal bordo in fase di battitura quando il tondello e' ancora non perfettamente solidificato e che ha coperto le lettere IV , infatti dalla foto pare di notare che il metallo che copre le due lettere sia a rilievo rispetto alle lettere circostanti .

Per quanto riguarda i punti in malachite in verde smeraldo , per altro molto belli che davvero impreziosiscono la moneta , non si verificano per contatto con altre monete ma sono una semplice alterazione del rame in carbonato , non tanto comune nelle monete in bronzo .

Ehm....ma anche no. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

giusto per capire di cosa si parla ecco il lotto 14825 nominato precedentemente:

post-3754-0-18936700-1461769672.jpg

Non penso ne abbia da ridire alcuno se utilizzata per scopo "didattico".

 

La foto è quella che è come dimensioni ma almeno chi legge ha un'idea... vedasi a ore 10-11.

 

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

Ciao

@@Legio II Italica ho visto la moneta di L. Vero ma il problema è lo stesso, non è possibile un versamento di metallo visto che stiamo parlando di monete coniate e non fuse, i tondelli una volta prodotti venivano solo scaldati e nemmeno troppo e poi coniati, perciò non vedo come  poteva aver luogo uno sversamento di metallo fuso.

Silvio

questo me lo chiedevo anch'io ma ritenevo di aver capito male quanto espresso. Il conto non torna. Forse è stato espresso un concetto in modo errato.

 

Ciao

Illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Beh, mi pare che il discorso sul "monterozzo" si sia arenato per... insufficienza di prove.

 

Riprendo però la discussione tornando sulle concrezioni.

 

Stesso venditore, altro sesterzio di Commodo, stesso aspetto generale, stesse concrezioni.

Malachite e cuprite, quest'ultima presente al diritto mentre a rovescio si nota solo della malachite in quantità ridotta.

 

post-3754-0-78198500-1461949826_thumb.jp post-3754-0-19930300-1461949828.jpg

 

Verrebbe da supporre uno stato chimico-fisico di giacitura pressochè identico.

 

Ciao

Illyricum

;)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mazzarello silvio
Supporter

Ciao

oppure una pulizia identica!!

Silvio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×