Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
ART

I simboli europei sulle monete

Inviato (modificato)

Il 9 maggio , Giorno d'Europa

 

 

9-maggio1.gif
 

 

9-may-2-euro.jpg

 

 

Anche se non esistono ancora emissioni dedicate a questo argomento, ma solo alcuni bei bozzetti di @@annovi.frizio come questi, non potevo non parlarne: l'ho fatto volutamente oggi, 9 maggio. Questo è un giorno fondamentale per l'Europa intera, di cui scriverò in modo più dettagliato di come ho fatto in altre occasioni qui sul forum, perchè se ne possa conoscere bene e apprezzare la portata.

Nell'immediato dopoguerra la situazione politica ed economica in Europa era statica, con distruzioni estese, povertà diffusa e con unica forma d'integrazione in un progetto di unione doganale italo-francese avviato nel 1948, destinata secondo le previsioni all'estensione graduale ad altri paesi, che procedeva lentamente e con difficoltà.
La svolta avvenne il 9 maggio 1950, giorno che dal 1985 è celebrato ufficialmente ogni anno come "Festa dell'Europa" o "Giorno d'Europa", il corrispondente europeo di una festa nazionale: si commemora l'inizio del processo d'integrazione europea, avviato con la Dichiarazione Schuman. Questo documento fu ideato da Jean Monnet, che lo sviluppò insieme a i suoi collaboratori Pierre Uri, Etienne Hirsch e Paul Reuter a partire dal 17 aprile, informando inizialmente solo pochi membri del governo francese per evitare eventuali sabotaggi politici all'iniziativa. Già il 1° maggio, durante l'elaborazione del piano che vide 9 bozze prima della stesura definitiva, Robert Schuman fece sua la proposta decidendo di presentarla direttamente a suo nome. Se Monnet è il vero "padre fondatore d'Europa", essendo sua la paternità del progetto, è comunque indubbio che Schuman non si limitò solo a metterci la faccia ma fu fondamentale per la riuscita dell'impresa in quanto in ogni caso nulla sarebbe potuto partire senza l'approvazione del governo.

La Dichiarazione è ufficialmente una proposta del governo francese a quello tedesco per l'istituzione a breve termine di quella che nel 1951 sarebbe diventata la CECA (Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio): la messa in comune delle riserve di carbone e acciaio dei due paesi ed altri eventuali membri aderenti, sotto la gestione di un'autorità che è il primo esempio di organismo sovranazionale europeo, e la loro progressiva unione sempre più stretta in campo economico, in modo da gettare le basi concrete per una futura federazione fra gli stati coinvolti.
E' dunque sbagliato affermare come si fa spesso che "l'Europa è nata per motivi economici", perchè la finalità di tutto il progetto era politica e di portata rivoluzionaria, in cui l'unione economica era concepita solo come il primo passo da fare. L'impostazione era già di per sè molto rilevante perchè il carbone e l'acciaio all'epoca erano materie prime strategiche, fondamentali per una nazione: rapportando ad oggi è come se dei paesi che hanno finito da non molto di combattere una guerra mettessero in comune il loro petrolio e il loro gas, e gli stati europei uscivano da un conflitto enormemente devastante e sanguinoso. La prima parte della Dichiarazione Schuman è a suo modo una specie di costituzione che avvia il processo d'integrazione europea, specificando apertamente e chiaramente metodo e obiettivo finale: cominciare a rendere materialmente impossibile un'altra guerra e unificare economicamente l'Europa per creare la base concreta di una futura federazione europea.
Ogni paese vedeva in questo accordo anche un modo per voltare pagina e poter sperare in un futuro decente: la Francia non avrebbe dovuto più temere lo sviluppo della Germania, la Germania non sarebbe rimasta un paese sconfitto a sovranità limitata ma sarebbe diventata uno dei protagonisti del nuovo sistema europeo, l'Italia avrebbe avuto una grossa occasione di riscatto e sviluppo dopo la parentesi fascista e il gli stati del Benelux avrebbero visto garantita la loro sicurezza rispetto ai grandi vicini.

Nel testo c'è anche un riferimento al continente africano, in quanto all'epoca quasi tutta l'Africa era ancora sotto controllo coloniale europeo.

La Dichiarazione fu letta da Schuman al Salone dell'Orologio del Quai d'Orsay, sede del Ministero degli esteri francese, in presenza di Monnet e di un folto gruppo di giornalisti, alle ore 16.  



DICHIARAZIONE SCHUMAN, 9 MAGGIO 1950

La pace mondiale non potrà essere salvaguardata se non con sforzi creativi, proporzionali ai pericoli che la minacciano.
Il contributo che un'Europa organizzata e vitale può apportare alla civiltà è indispensabile per il mantenimento di relazioni pacifiche. La Francia, facendosi da oltre vent'anni antesignana di un'Europa unita, ha sempre avuto per obiettivo essenziale di servire la pace. L'Europa non è stata fatta: abbiamo avuto la guerra.

L'Europa non potrà farsi in un colpo solo, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto. L'unione delle nazioni esige l'eliminazione del contrasto secolare tra la Francia e la Germania: l'azione intrapresa deve concernere in prima linea la Francia e la Germania.
A tal fine, il governo francese propone di concentrare immediatamente l'azione su un punto limitato ma decisivo.

Il governo francese propone di mettere l'insieme della produzione franco-tedesca di carbone e di acciaio sotto una comune Alta Autorità, nel quadro di un'organizzazione alla quale possono aderire gli altri paesi europei.
La fusione della produzioni di carbone e di acciaio assicurerà subito la costituzione di basi comuni per lo sviluppo economico, prima tappa della Federazione europea, e cambierà il destino di queste regioni che per lungo tempo si sono dedicate alla fabbricazione di strumenti bellici di cui più costantemente sono state le vittime.

La solidarietà di produzione in tal modo realizzata farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile. La creazione di questa potente unità di produzione, aperta a tutti i paesi che vorranno aderirvi e intesa a fornire a tutti i paesi in essa riuniti gli elementi di base della produzione industriale a condizioni uguali, getterà le fondamenta reali della loro unificazione economica.

Questa produzione sarà offerta al mondo intero senza distinzione né esclusione per contribuire al rialzo del livello di vita e al progresso delle opere di pace. Se potrà contare su un rafforzamento dei mezzi, l'Europa sarà in grado di proseguire nella realizzazione di uno dei suoi compiti essenziali: lo sviluppo del continente africano. Sarà così effettuata, rapidamente e con mezzi semplici, la fusione di interessi necessari all'instaurazione di una comunità economica e si introdurrà il fermento di una comunità più profonda tra paesi lungamente contrapposti da sanguinose scissioni.

Questa proposta, mettendo in comune le produzioni di base e istituendo una nuova Alta Autorità, le cui decisioni saranno vincolanti per la Francia, la Germania e i paesi che vi aderiranno, costituirà il primo nucleo concreto di una Federazione europea indispensabile al mantenimento della pace.

 

 

______________________________________________

 

(Jean Monnet)

 

monnet.jpg

Modificato da ART
Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

9 e speriamo che non sia l'ultimo e che c'è ne siano ancora molte altre di giornate come questa..........

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

L'Euro

 

 

joint_comm_2009_Italy.jpg       joint_comm_2012_Italy.jpg

 

 

 

Come sappiamo è datata 1° gennaio 1999 la nascita della nostra valuta, una delle più importanti e diffuse del mondo.

Come sa chi visse quel momento di persona fu una nascita un po' "in sordina", dato che dal 1999 al 2002 si continuò ad utilizzare il contante delle vecchie valute trasformato in suddivisione non-centesimale dell'Euro, elemento tecnico su cui si basano molte delle ben note leggende metropolitane e teorie paranoiche varie circa il momento effettivo della sua nascita e i suoi effetti sull'economia. Nella cronologia che ho postato in questo thread (aggiornata al post #13)    http://www.lamoneta.it/topic/65910-cronologia-dellunione-monetaria-europea/     ho ripercorso i passi fondamentali dagli anni '50 alla fondazione dell'Euro dell'idea e dei primi tentativi di realizzazione concreta dell'unione monetaria attuale, qui invece mi concentrerò su un particolare di cui non avevo mai parlato prima: come si è giunti alla decisione di denominare Euro la nostra valuta.

 

In sè questo nome, che ufficialmente non è un prefisso ma un termine neutro e non declinabile, non è recente: possiamo dire che la sua "radice" risalga al 1960, quando Pierre Werner denominò "Euror" la progettata nuova valuta di conto con cui proponeva di rimpiazzare l'UCE (Unità di Conto Europea) in uso dal 1950. E' da pochi anni dopo che comincia a circolare il termine "Euro", inventato nell'ambito del Movimento Fedralista Europeo per le medaglie prodotte all'epoca al fine di promuovere l'idea dell'unione monetaria.

 

$_35.JPG

 

 

Ma come si arrivò alla scelta ufficiale?

 

Il Trattato di Maastricht, che avviò l'ultima fase del piano per l'adozione della valuta unica, parlava semplicemente di ECU (European Currency United), termine che in francese coincide con l'Ecu (Scudo), moneta creata verso il 1260 e coniata da diversi re di Francia a partire dal XVI secolo, mentre in tedesco suona come "E-Kuh"... mucca elettrica.

La questione cominciò ad essere affrontata seriamente nel giugno 1995 all'ECOFIN di Lussemburgo, in cui tedeschi e britannici
contestarono il nome ECU in quanto semplice sigla. Furono allora avanzate varie denominazioni, come Franco, Scellino, Corona o Fiorino, mentre gli inglesi proposero di mantenere invariato in ciascuno Stato il nome della valuta locale facendolo precedere dal prefisso “Euro-” (Eurofranco, Euromarco, Eurolira, ecc.)... senonchè all'ECOFIN informale di Valencia del settembre 1995 la Germania si dichiarò allineata alla proposta britannica mentre il Regno Unito nel frattempo aveva cambiato idea e puntava su una denominazione di valuta storica.

 

La questione fu definitivamente risolta al Consiglio europeo di Madrid del 15 e 16 dicembre 1995.

Il cancelliere tedesco Kohl era fermo nel sostenere che l’opinione pubblica tedesca non avrebbe accettato la denominazione ECU, perchè a prescindere dal significato ridicolo nella lingua tedesca la valuta di conto era stata messa in cattiva luce dalla crisi valutaria del 1992. Il presidente francese Chirac insistette, proponendo una consultazione popolare, ma Kohl non si fece convincere; inoltre anche il presidente del Consiglio italiano Dini era contrario, così ECU fu definitivamente abbandonato.

La Commissione europea fino a quel momento non aveva espresso simpatia per la denominazione Euro, anzi, nelle settimane precedenti aveva proposto Fiorino e Ducato, o addirittura nomi dell'antichità come Solido e Asse: il presidente Prodi riteneva Euro un nome banale ed era favorevole a quelli delle più famose monete rinascimentali. Intanto nei corridoi del Consiglio il presidente del Comitato monetario Nigel Wicks spingeva per il Fiorino, mentre il primo ministro britannico Major, dopo aver proposto il nome Ducato insistette anche lui per la denominazione Fiorino, che però non ebbe successo.

 

La questione si protrasse nella nottata del 16 dicembre e si racconta che arrivata quasi ora di colazione il primo ministro spagnolo Gonzáles ricordò che negli incontri preparatori del Consiglio europeo la maggioranza si era espressa a favore di Euro, nome che richiama per troncamento dell’ultima sillaba il nome Europa, invariabile in tutte le lingue e che non pone grandi problemi di pronuncia... così a quel punto nella sala tutti pronunciarono ad alta voce: Euro.

Modificato da ART

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

La bandiera

 

2euro2015_bandiera.jpg

 

 

« Sullo sfondo blu del cielo, una corona di dodici stelle dorate rappresenta l'unione dei popoli europei. Il numero delle stelle, invariabile, è simbolo di perfezione e unità. »

 

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare quella della paternità e dello sviluppo della bandiera dell'UE è una faccenda piuttosto lunga e complessa, di cui sono incerti tutt'ora alcuni punti nonostante la documentazione e le testimonianze orali in materia, quindi in questo post citerò alcune cose importanti senza pretesa di esaustività.

Fondamentale da sapere è che la nascita del vessillo europeo è avvenuta fuori dall'ambito di quella che in seguito sarebbe diventata la Comunità europea: la blu stellata venne proposta per il Consiglio d'Europa, organizzazione internazionale di cooperazione fondata nel 1949 e ancor oggi esistente (tanto che viene spesso confusa col Consiglio europeo e in generale con l'UE). Cosa poco nota è che nella sua prima versione ufficiale, adottata nel 1953, aveva 15 stelle rappresentanti i membri del Consiglio d'Europa all'epoca. Fu scelta a partire da molte idee di massima o bozzetti, presentati fin dagli anni'40 da privati cittadini e da funzionari delle prime istituzioni internazionali europee, per assumere in seguito la configurazione attuale.

A proposito del numero di stelle, ancora oggi è molto diffusa una leggenda metropolitana che attribuisce le 12 attuali nientemeno che all'aureola della Madonna: questa sciocchezza deriva da un'interpretazione a posteriori fornita probabilmente per scherzo negli anni '80 da Arsène Heitz, funzionario del Servizio di posta interna del Consiglio d'Europa, che ne fu effettivamente il co-ideatore su ispirazione di Paul M.G. Levy, direttore del Servizio stampa del Consiglio d'Europa, ma che non ha riscontro in alcun documento nè ricordo dell'epoca.

 

Alcune proposte:

non_retenus-1.jpg

 

Ma come si è arrivati all'adozione da parte della Comunità europea?


In origine la CECA (Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio, si veda il post sul 9 maggio), l'organismo precursore della Comunità Europea, non volle adottare la stessa bandiera del Consiglio d'Europa per sottolineare la propria vocazione federale rispetto a quella internazionale del Consiglio, quindi si dotò di un emblema composto da sei stelle d'oro su fondo per metà inferiore nero e per quella superiore blu. Nel 1959, un anno dopo la creazione della Comunità europea, si pose per ovvi motivi il problema di dotarla di una bandiera ufficiale: il Segretario generale del Consiglio d'Europa propose al Presidente dell'Assemblea parlamentare europea Robert Schuman di adottare la stessa bandiera del Consiglio con l'inserzione al centro del cerchio di 12 stelle di simboli particolari per indicare le varie istituzioni comunitarie. La proposta però venne scartata e si decise di indire un concorso pubblico. Anche questa idea cadde e la questione venne lasciata in sospeso, con le diverse istituzioni europee che negli anni adottarono diversi modelli di emblemi, fino al 1979, quando fu risollevata dal Parlamento europeo dopo le prime elezioni europee a suffragio universale diretto.

Una proposta di quell'anno di un gruppo di parlamentari del Partito Popolare Europeo chideva l'adozione di una bandiera "di colore blu con dodici stelle d'oro disposte in cerchio", ovvero identica a quella del Consiglio d'Europa, senza che questo venisse citato. Nel 1983 si presero accordi col Consiglio d'Europa per l'adozione comune di questo vessillo e il Consiglio europeo di Milano del guigno 1985 gettò le basi per chiudere definitivamente questione nel 1986, con l'approvazione del progetto.

A mezzogiorno del 29 maggio 1986 la bandiera blu fu issata per la prima volta davanti al palazzo Berlaymont, sede della Commissione europea, durante l'esecuzione dell'Inno alla Gioia di Beethoven e alla presenza del Presidente del Parlamento europeo, di un rappresentante del Consiglio europeo e di Jacques Delors, all'epoca Presidente della Commissione, che si era battuto per anni affinchè il problema di dotare la Comunità di un simbolo ufficiale fosse finalmente risolto.

255px-Flag_of_Europe.svg.png

 

5.jpg

 

 

 

Modificato da ART
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

L'ESA

 

gold-coin.jpg

 

 

Un evento che a mio avviso si meritava ben più di una serie di monete non circolanti francesi è quello dei 50 anni di cooperazione spaziale europea. Si è preferito festeggiare questo evento più generico che non la fondazione dell'ESA perchè pur risalendo quest'ultima al 1975 si è voluto ricordare che l'attività e la collaborazione europea in questo settore è di molto precedente.

 

Come in altri campi importanti, la storia dell'Europa nello spazio ha seguito un po' la scia di quella generale del processo d'integrazione europea: dopo la devastazione e lo sconforto della seconda guerra mondiale la ripresa e l'azione.

Dal 1958, anno in cui gli USA fondarono la NASA, in Europa occidentale diversi scienziati cominciavano a discutere di collaborazione europea e agenzie spaziali europee, in sostanza di fine dell'inerzia e sudditanza europea in campo spaziale. Questo portò nel 1964 alla fondazione dell'ELDO (European Launcher Development Organisation), incaricata dello sviluppo di un lanciatore a partire dall'abbandonato programma britannico Blue Streak per un missile nucleare, e l'ESRO (European Space Research Organization), incaricata dello sviluppo di satelliti. Queste due organizzazioni vennero fuse nel 1975 a formare l'attuale Agenzia Spaziale Europea, che pur non essendo un organismo comunitario è composta quasi totalmente da stati dell'UE ed è strettamente legata sia a questa che alle agenzie spaziali minori mantenute autonomamente da alcuni stati.

Malgrado le sue ragguardevoli dimensioni e capacità, che ne fanno la seconda agenzia spaziale al mondo dopo la NASA, l'ESA è l'unica maggiore a non aver ancora mandato astronauti nello spazio con mezzi propri. Questo non è dovuto alla mancanza di tecnologia ma in parte all'assenza di stimoli dal livello governativo, di cui americani e sovietici avevano sempre goduto per i loro progetti più importanti, e soprattutto all'abbandono di Hermes, programma avviato nel 1987 e cessato nel 1993 che avrebbe dovuto portare a una navetta spaziale europea.

http://www.buran.ru/images/jpg/hermes2.jpg

http://spaceinimages.esa.int/var/esa/storage/images/esa_multimedia/images/2009/12/ariane_5_in_hermes_configuration_1991/9657602-3-eng-GB/Ariane_5_in_Hermes_configuration_1991.jpg

 

Nonostante questo è indiscutibile l'importanza tecnologica e scientifica dei programmi spaziali europei passati e presenti, nonchè le ambizioni future, fra cui anche l'esplorazione umana di Marte. Tutto ciò si scontra con questioni europee di vecchia data: la mancanza di unità politica e una quantità di risorse a disposizione non scarsa ma che considerando la statura complessiva d'Europa si meriterebbe un bell'incremento... magari stornato dai molti, grossi sprechi generati dal primo problema.

03_logo_dark_blue.bmp

Modificato da ART

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?