Jump to content
IGNORED

Denaro piccolo?


Recommended Posts

Supporter
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

per cortesia, qualcuno riesce a darmi una mano nell'identificazione di questa piccolina (10mm, 0,2 g scarsi) in mistura molto povera

Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter
7 minuti fa, gigetto13 dice:

Padova?

Luigi anche io ad istinto pensavo a PD, ma non mi batte nulla :cray:: la legenda (si legge +/A/........), la stella a sei punte su entrambi i lati, .....

Edited by ak72
Link to comment
Share on other sites

Awards

Supporter

Una teoria che mi ha esposto @mfalier:

(cit.) PADVA al contrario, tipico errore di chi produce un falso. @Arka @AndreasPareri?

padova falso.png

Edited by ak72
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

Simpatica monetina.

Che voglia assomigliare ad una padovana è fuor di dubbio.

Nella prima foto si legge la leggenda retrograda, o meglio si intuisce, poiché appaiono chiaramente visibili solo la croce e le due A.

Nella seconda foto ad ore 2 si vede ancora una A, e anche qui si può pensare alla leggenda +PADVA.

Manca il cerchio lineare ( in entrambi le facce) intersecato dalla stella, i cui raggi sono troppo sottili ed inconsueti.

Non presenta scodellatura, per cui possiamo pensare a Francesco II.

Un falso d'epoca.

Come poi sia riuscita così, non lo so. Un lato con leggenda normale ma uno con leggenda retrograda, ma entrambi in rilievo e non, come cui si poteva aspettare, uno incuso.

Interessante.

 

Link to comment
Share on other sites


La legenda retrograda nasce perché il falsario inesperto incide il conio copiando fedelmente la moneta che ha davanti: partendo dalla croce in alto e procedendo in senso orario. Non essendo un incisore esperto non si accorge dell'errore e così il senso orario del negativo diventa senso antiorario del positivo. Poi bisognerebbe guardarla bene in mano, ma non è detto che quelle meno visibili siano proprio le lettere P D e V o che siano esattamente in quest'ordine. 

L'altro lato è molto più evanescente. Ho visto qualcosa di simile in un falso di Ancona. L'idea che mi sono fatto è che il falsario abbia inciso un solo conio e che l'abbia usato per ambo le facce. Coniato il primo lato, ha girato la moneta su una superficie rigida e ha martellato il lato non coniato. Così l'impronta già lasciata si è sbiadita.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Da quel che vedo l'esemplare è piatto. Giusto? Se è così poteva imitare solo i denari di Francesco II, essendo gli altri denari scodellati. Mi chiedo tuttavia chi, all'epoca, poteva essere tratto in inganno da un pezzo di tal fatta...

Arka

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.