Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Acqvavitus

approfondimento Opinioni sulla lira del 1867 torino

Risposte migliori

Acqvavitus

Buongiorno,

Ero incuriosito dalla rarità della lira del 1867 Torino e dalla sua bassissima tiratura.

E al suo prezzo di mercato nelle varie conservazioni.

Grazie a tutti a chi vorrà intervenire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Acqvavitus

Volevo acquistare questa moneta che è considerata abbastanza rara, ma in giro ho visto che si trovano numerosi pezzi ma tutti in bassa conservazione.

Volevo giusto capire come mai la moneta è stata coniata in soli 33000 pezzi e sul mercato si trovano per la maggior parte pezzi circolati? Non doveva essere il contrario?

Ma alla fine dei conti la moneta effettivamente quanto è rara?

E perché, visto che ha circolato, è stata coniata in così pochi pezzi?

Grazie a tutti, sperando che qualcuno possa risolvere i miei dubbi o le mie eventuali lacune in materia.

Modificato da Acqvavitus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vathek1984

Evidentemente i pochi pezzi coniati sono stati immessi tutti in circolazione, di talchè sul mercato sono reperibili perlopiù esemplari circolati.

In seguito all'unità d'Italia vi fu la necessità di  inondare la penisola nel più breve tempo possibile di monete della nuova valuta comune, sostituendo le monetazioni degli stati preunitari, è per questo che nei primi anni di regno di Vittorio Emanuele II sono stati coniati tutti i tagli in molti milioni di esemplari (grandi rarità a parte..).

Verso il 1867 il fabbisogno monetario della penisola era stato evidentemente raggiunto e non vi era particolare bisogno di nuove emissioni, atteso che, in seguito a questa data, vennero coniati solo i tagli "base" dello scudo in argento e del marengo in oro (oltre ai 100 lire in oro del 1872 e del 1878).

Soltanto negli anni 80 del XIX secolo, con Umberto I, si tornò a coniare regolarmente anche i tagli divisionali ed i centesimi in rame.

Ritengo che sia questa la ragione di fondo che giustifica la bassa tiratura della lira del 1867 zecca di Torino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×