Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
King John

DECADRAMMA DI SIRACUSA FIRMATO DA EUAINETOS: CONIO STANCO O ARRUGGINITO?

Risposte migliori

King John
Supporter

Rovistando nel mio piccolo archivio ho trovato le immagini di questo decadramma di Siracusa, firmato da Euainetos, dal diritto particolarmente rovinato. E' stato venduto nel 2004 da Gorny e Mosh a 16.000 euro.

Secondo voi come mai si trova in queste condizioni? E' stato ottenuto da un conio rovinato o addirittura arrugginito? Come spiegate tutti quei puntini che lo caratterizzano?

Ecco la descrizione fattane all'epoca:

Objekt-Nr.: 52
Dionysios I., 406 - 367 v.Chr.
Dekadrachme, (43,61 g.), um 400 v.Chr. Vs.: Nach links galoppierende Quadriga wird von Nike bekrönt, im Abschnitt Waffen. Rs.: SURAK[OSIWN],, Kopf der Arethusa n. l. umgeben von vier Delphinen, davor D, unter dem Hals [EU]AI[NE]. Rizzo Taf LIV 5 (stgl.); Franke-Hirmer 106 (stgl.); Dewing 898ff. (stgl.); Gallatin O IX R.D. II 31 (dieses Exemplar). Signiertes, herrlich getöntes Prachtexemplar des Euainetos! vz



Ex Egger Wien 7.1.1908, 102; ex Egger Wien 26.11.1909, 239, ex Ratto 4/4, 1927, 430; ex Helbing 24.10.1927, 2686.


Price: € 18.000,00
Hammer price: € 16.000,00

00052a00_bild.jpg

00052r00_bild.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Credo che i punzoni originali fossero in lega ferrosa, molto dura, ma facilmente aggredibile da ruggine, specialmente in ambiente umido, come Siracusa, situata sul mare. Ovviamente la ruggine in buona parte si sovrappone al fondo del punzone, ricoprendo alcuni spazi tra i rilievi, come le zampe e le teste dei cavalli, e in piccola parte causa anche piccoli incavi sempre sul fondo del punzone e quindi si vedono come delle bolle....

Evidentemente i punzoni erano stati ripresi a distanza di qualche anno, dopo essere stati conservati nell'officina della zecca, in ambiente umido. E' possibile che sia stato Dionisio I a riprendere la coniazione dei tetradrammi, quando serviva, senza rifare nuovi conii, che erano sì arrugginiti, ma ancora non rotti e quindi non buttati.

Non so se è possibile una spiegazione alternativa.....

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

King John
Supporter
21 minuti fa, acraf dice:

Non so se è possibile una spiegazione alternativa.....

Penso proprio di no... Grazie per il chiarimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×