Jump to content
IGNORED

Ossidazione 2€ commemorativi FDC


Recommended Posts

Ciao a tutti, 

ho una collezione di 2 euro commemorativi fdc che conservo in capsule contenute all'interno dei cofanetti della Leuchtturm. Non sono un grande esperto, ma ho letto su vari forum che dovrebbe essere il metodo migliore per preservare al meglio le monete (seppur molto costoso).

Tuttavia oggi ho fatto un'amara scoperta, perchè mettendo via le monete del 2016 che ho acquistato ho deciso di riguardare tutta la mia collezione, e ho scoperto che su numerose monete, in particolare quelle più vecchie (2006 - 2008) sono presenti delle vistose macchie scure. Penso che siano dovute all'ossidazione, ma come già detto non sono molto esperto. Altre monete, due in particolare, sono diventate omogeneamente più scure. Altre ancora presentano una sorta di impronta digitale scura...

Sono molto amareggiato perchè pensavo di riuscire a tenerle in buono stato con questo metodo...

Vi scrivo per chiedere qualche consiglio su che cosa è possibile fare.

E' possibile pulirle (alcune sono davvero brutte) o rischio di danneggiare le monete? Ci sono dei metodi sicuri per pulirle senza rovinarle? 

Avete qualche consiglio su accorgimenti particolari su come maneggiare/conservare le monete per prevenire ulteriori peggioramenti e per preservare quelle nuove?

Allego alcune foto come esempio, non sono di grande qualità, ma penso che per gente più esperta di me possano rendere bene l'idea della situazione...(se sono utili cerco di fare foto più accurate!)

 

Ringrazio anticipatamente tutti per la disponibilità.

Buona giornata

IMG_20170307_121101.jpg

IMG_20170307_121115.jpg

IMG_20170307_121212.jpg

IMG_20170307_115215_1.jpg

Link to comment
Share on other sites


Mi dispiace ma quelle macchie non penso tu possa recuperarle visto che sono ossidazioni del metallo. Forse le conservi in un ambiente un po' troppo umido? Se su altre sono affiorate impronte è perché sono state maneggiate con poca cura prima che le acquistassi, e anche per queste non credo tu possa porvi rimedio. Comunque la capsula rimane il miglior metodo per conservarle. 

Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, cristianaprilia dice:

Mi dispiace ma quelle macchie non penso tu possa recuperarle visto che sono ossidazioni del metallo. Forse le conservi in un ambiente un po' troppo umido? Se su altre sono affiorate impronte è perché sono state maneggiate con poca cura prima che le acquistassi, e anche per queste non credo tu possa porvi rimedio. Comunque la capsula rimane il miglior metodo per conservarle. 

Non saprei, le tengo in casa, all'interno del letto contenitore...forse dovrei usare delle bustine di silica gel per ridurre l'umidità...

Link to comment
Share on other sites


Pulirle è impossibile, anzi te lo sconsiglio.

 

Mi chiedo piuttosto dove hai recuperato le monete? Provengono da rotolini? In questo caso può drasi che un leggero contatto con un dito, ma anche la più semplice esposizione all'aria, abbiano dato il via a processo irreversibili, nel nostro caso l'ossidazione del metallo.

Link to comment
Share on other sites


39 minuti fa, Philip Roth dice:

Pulirle è impossibile, anzi te lo sconsiglio.

 

Mi chiedo piuttosto dove hai recuperato le monete? Provengono da rotolini? In questo caso può drasi che un leggero contatto con un dito, ma anche la più semplice esposizione all'aria, abbiano dato il via a processo irreversibili, nel nostro caso l'ossidazione del metallo.

Le ho prese da più rivenditori, tutte provenienti da rotolino in teoria...ma quindi è un problema che riguarda tutte le monete da rotolino? Scusa l'ignoranza, ma le monete fdc si possono prendere da rotolino oppure dove?

Per fermare il processo mantenendole almeno in questo stato e per proteggere quelle rimaste belle cosa posso fare?

Grazie mille

 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Quelle macchiate se sono solo quelle ,sono molto comuni e ti conviene ricomprare e quelle le spendi , ci rimetterài un'euro l'una,quelle patinate se non ti piacciono puoi dargli una pulita con un panno delicato tipo quelli degli occhiali e ti migliorano,comunque prova a cambiargli posto emetti nel contenitore generale qualche bustina Anti ossidante,saluti Aldo.

Link to comment
Share on other sites


53 minuti fa, aldo marchesi dice:

Quelle macchiate se sono solo quelle ,sono molto comuni e ti conviene ricomprare e quelle le spendi , ci rimetterài un'euro l'una,quelle patinate se non ti piacciono puoi dargli una pulita con un panno delicato tipo quelli degli occhiali e ti migliorano,comunque prova a cambiargli posto emetti nel contenitore generale qualche bustina Anti ossidante,saluti Aldo.

No purtroppo non sono solo quelle. Quelle sono quelle con i problemi più vistosi ma ce ne sono almeno altre tre nelle stesse condizioni e molte altre con piccoli puntini sparsi......che delusione...speravo di avere preso tutti gli accorgimenti per tenerle in buono stato...

Mi sembra che siano tutte tra quelle abbastanza comuni, tranne un paio (mi sembra Germania 2006), ma comunque temo che siano un buon quantitavo di monete...

Per quelle patinate e per la conservazione in generale seguirò i tuoi consigli.

Grazie mille

Alberto

Link to comment
Share on other sites


Per evitare il problema alla radice, dovresti prendere tutte emissioni ufficiali, le quali vengono emesse in maniera che si conservino il più a lungo possibile nel tempo. Però la tua passione rischia così di diventare una cosa piuttosto onerosa!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Buona sera, 

io conservo nello stesso modo, che reputo il migliore,  i 2 € cc  e riscontro gli stessi problemi di @binho92

Sono giunto alla conclusione che, anche cambiando le monete , il problema si ripresenterà , essendo i 2€ da rotolino dei fdc "particolari".

Osservando con le lenti, si nota che nemmeno le tanto blasonate 2€ cc dei MiniStati sono FDC prive di difetti, graffi, colpi o peggio ditate.

Per quanto riguarda le macchioline, vi sono molte discussioni sul forum, io sono arrivato a pensare a residui di oli utilizzati durante la conazione che riaffiorano con il tempo.

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, b8b8 dice:

Buona sera, 

io conservo nello stesso modo, che reputo il migliore,  i 2 € cc  e riscontro gli stessi problemi di @binho92

Sono giunto alla conclusione che, anche cambiando le monete , il problema si ripresenterà , essendo i 2€ da rotolino dei fdc "particolari".

Osservando con le lenti, si nota che nemmeno le tanto blasonate 2€ cc dei MiniStati sono FDC prive di difetti, graffi, colpi o peggio ditate.

Per quanto riguarda le macchioline, vi sono molte discussioni sul forum, io sono arrivato a pensare a residui di oli utilizzati durante la conazione che riaffiorano con il tempo.

 

 

 

 

Buonasera,

da un lato il fatto di non essere l'unico mi consola (pensavo di avere fatto qualche errore io nella conservazione), ma allo stesso tempo è proprio quello che temevo, cioè di cambiare le monete rovinate per poi incappare nuovamente nello stesso problema con le stesse monete o magari con altre. Insomma che non ci sia molta speranza di mantenerle belle nel tempo.

Devo ammettere che questa cosa sta mettendo a dura prova la mia passione!

 

Link to comment
Share on other sites


Diciamo che sono monete fatte per circolare , questo a mio modo di vedere, aumenta il fascino di collezionarle.

Sono prodotte in milioni di pezzi, con l unico  scopo di metterle in circolazione e svolgere il loro compito, sono soldi ! monete a tutti gli effetti.

Noi ne conserviamo alcune per la loro storicità, bellezza, ma non dimentichiamoci che sono ben diverse da quelle monete/medaglie coniate appositamente per collezionisti , inscatolate, fondo specchio - FDC da collezione

 

Le 2 € commemorative sono 2€ e basta accettarle come sono ( tranne le ditate) :hi:

 

 

 

Edited by b8b8
Link to comment
Share on other sites


8 minuti fa, b8b8 dice:

Diciamo che sono monete fatte per circolare , questo a mio modo di vedere, aumenta il fascino di collezionarle.

Sono prodotte in milioni di pezzi, con l unico  scopo di metterle in circolazione e svolgere il loro compito, sono soldi ! monete a tutti gli effetti.

Noi ne conserviamo alcune per la loro storicità, bellezza, ma non dimentichiamoci che sono ben diverse da quelle monete/medaglie coniate appositamente per collezionisti , inscatolate, fondo specchio - FDC da collezione

 

Le 2 € commemorative sono 2€ e basta accettarle come sono ( tranne le ditate) :hi:

 

 

 

Interessante punto di vista. Diciamo che cercherò di superare la delusione di oggi!

Le ditate sono proprio uno scempio!

Grazie mille

Buona serata

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


13 ore fa, b8b8 dice:

Diciamo che sono monete fatte per circolare , questo a mio modo di vedere, aumenta il fascino di collezionarle.

Sono prodotte in milioni di pezzi, con l unico  scopo di metterle in circolazione e svolgere il loro compito, sono soldi ! monete a tutti gli effetti.

Noi ne conserviamo alcune per la loro storicità, bellezza, ma non dimentichiamoci che sono ben diverse da quelle monete/medaglie coniate appositamente per collezionisti , inscatolate, fondo specchio - FDC da collezione

 

Le 2 € commemorative sono 2€ e basta accettarle come sono ( tranne le ditate) :hi:

 

 

 

Mi intrometto...

ho un paio di monete con delle ditate, posso utilizzare un panno per gli occhiali per rimuoverle oppure è meglio lasciarle come stanno?

Comunque a questo punto è meglio collezionare le circolate e poi tappare i buchi con delle FDC?

Edited by Axel996
Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, Axel996 dice:

Mi intrometto...

ho un paio di monete con delle ditate, posso utilizzare un panno per gli occhiali per rimuoverle oppure è meglio lasciarle come stanno?

Comunque a questo punto è meglio collezionare le circolate e poi tappare i buchi con delle FDC?

Purtroppo non riuscirai mai a rimuoverle mai del tutto!

Link to comment
Share on other sites


Comunque non riesco proprio a capire come mai sulle monete circolanti che vengono maltrattate ed esposte ad aria, umidità e quant'altro non si vedano fenomeni di questo genere e si vedano invece in monete trattate con estrema cura. Come può essere?

Link to comment
Share on other sites


32 minuti fa, binho92 dice:

Comunque non riesco proprio a capire come mai sulle monete circolanti che vengono maltrattate ed esposte ad aria, umidità e quant'altro non si vedano fenomeni di questo genere e si vedano invece in monete trattate con estrema cura. Come può essere?

Anche in quelle circolate si trovano macchie del genere, fenomeno secondo il mio parere dovuto al trattamento del metallo che le compone puo darsi un rivestimento piu leggero su alcune e invece piu consistente in altre.Infatti troviamo monete del 2002 circolate in ottimo stato e monete del 2016 che fanno paura bisognerebbe sapere se hanno usato la stessa percentuale di metallo e gli stessi trattamenti.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Giustamente su quelle che circolano questo fenomeno non si vede ,comunque le monete in euro si possono pulire in caso di bisogno,dal punto di vista numismatico non anno alcun valore,quindi non andiamo a fare nessun danno,per quanto riguarda il materiale,solo i tre spiccioli anno il bagno galvanico, sono di ferro ricoperte di rame,le altre il metallo è  di quel colore,non sono rivestite. Saluti Aldo.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Parlando di FDC , anche se per la circolazione...MAI PULIRE....cambiarle se proprio ci da fastidio qualche difetto....alla fine la maggioranza dei 2€ cc si trovanoa 3,00 € 3,50€....

pagando con il FDC  rovinato , basta agiungercene 1,50 € .... daiiiii .

 

Se si collezionano circolate...fateci ciò che volete tanto valgo sempre 2,00€........ricordando che al 99,9% non si riuscirà ad avere una collezione completa nella vita :hi:

Link to comment
Share on other sites


Le monete con le ditate sono state ovviamente maneggiate. 
Le ditate possono essere recuperate se pulite in tempo. Quale sia questo tempo è difficile a dirsi, ma stiamo parlando di ore, non di giorni. Dopo una settimana la ditata si imprime e amen. 
Se presa in tempo, col panno per occhiali la ditata si leva. Nel tempo non noto ricomparse. Ad ogni modo questo testimonia che il tuo rivenditore maneggia le monete a mani nude. 
Io l'ho visto fare da tantissimi rivenditori... purtroppo devi trovare quello che ti dà più fiducia. 

Per le macchie il problema è semplice. O meglio, è di semplice identificazione e di difficilissima risoluzione. 
Le monete in euro sono fatte di metallo PESSIMO. Questo metallo reagisce ai pulviscoli, creando le macchie di cui parli tu. 
Questi pulviscoli possono essere di svariate nature, siano esse organiche che sintetiche: è uguale. Microframmenti di pelle, micropeletti, micropeletti di floccato o velluto o di panno per occhiali, microframmenti di plastica della capsula che si spacca leggermente quando la chiudi. 
Questi microframmenti, a lungo andare, causeranno quelle macchie. Alcune di quelle macchie sono recuperabili se prese in tempo, sempre col solito panno per occhiali. In questo caso il tempo è direttamente proporzionale all'umidità dell'ambiente in cui la moneta è contenuta (più è umido, più è rapida l'irrecuperabilità). 

Veniamo a come ovviare al problema. Personalmente ho avuto la stessa frustrazione che hai avuto tu quando ho visto le stesse macchie sulle prime monete che collezionavo (parliamo dei primi 5-7 anni dell'area euro). 
Cosa ho fatto? 
1) Ho cambiato marca di capsule. Da Safe sono passato a Leucchtturm: le capsule si spaccano di meno (quelle della Safe dopo anni si crepavano) e rischio meno pulviscolo sulla moneta. Ora ho sperimentato che le nuove capsule Leuchtturm (vedi mie precedenti discussioni) sono di qualità inferiore. Purtroppo ne ho molte da 2 euro, e mi sono ripromesso di NON usarle più per i 2 euro CC. Per quelle userò le capsule Leuchtturm PREMIUM che costano di più, ma al momento ho ancora una scorta di Leucchturm buone e aspetto di finirle. 
2) Ho acquistato 1kg di Silica Gel professionale con indicatore di umidità (quando il silica gel è saturo le perle sono verdi, quando è vuoto sono arancioni. Quando sono verdi metto le perle in un fornetto e le "svuoto" dell'umidità raccoltà. Usare Silica Gel senza indicatore di umidità è perfettamente inutile, perchè non hai un termine di riferimento per quando cambiarlo), e l'ho messo in bustine di carta forellate, una o due per ogni scatola/cassetto in cui ci sono monete.
3) Ho controllato al sole pieno (metà giornata, cielo assolutamente sereno, sole diretto che se stai in camicia sudi) tutte le monete che ho, recto e verso, riaprendo tutte le capsule in cui notavo, con controllo di lente di ingrandimento, un micropulviscolo. Peletto, microframmento di pelle, microframmento di plastica, microframmento di qualsiasi cosa. Ho riaperto la capsula, cercato di rimuovere la particella dalla moneta senza pulirla (quando possibile) e rimesso la moneta nella capsula dopo aver verificato che la stessa capsula fosse quanto più possibile libera di queste microparticelle. Laddove non fosse possibile liberarla, ho cambiato capsula. Le capsule nuove sono per lo più linde e pinte all'interno. Meno le si pulisce, e meglio è. 
4) Ho incapsulato le monete che acquisto/ottengo solo in orari di pieno sole (ergo solo la domenica ora di pranzo per ragioni di lavoro), in modo da fare questo controllo maniacale prima di chiuderle dentro. 
5) Se mi capitano periodi senza far nulla, ogni tanto dò una controllata alle monete (mediamente ogni 12-18 mesi, perchè ci vuole tempo :D)

Io fortunatamente non ne soffro ancora... ma questi metodi cozzano con la presbiopia... 

Purtroppo, per esperienza, non c'è altro da fare. Ho verificato anche in PROOF queste macchie (PROOF belga, ma il metallo è lo stesso): l'euro è una moneta che NON TOLLERA NULLA. 

Poi nel corso degli anni ho imparato ad abbassare le mie pretese, perchè altrimenti se sei maniacale devi rivolgerti ad altri tipi di collezione.

Edited by TychoBrahe
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


16 ore fa, TychoBrahe dice:

Le monete con le ditate sono state ovviamente maneggiate. 
Le ditate possono essere recuperate se pulite in tempo. Quale sia questo tempo è difficile a dirsi, ma stiamo parlando di ore, non di giorni. Dopo una settimana la ditata si imprime e amen. 
Se presa in tempo, col panno per occhiali la ditata si leva. Nel tempo non noto ricomparse. Ad ogni modo questo testimonia che il tuo rivenditore maneggia le monete a mani nude. 
Io l'ho visto fare da tantissimi rivenditori... purtroppo devi trovare quello che ti dà più fiducia. 

Per le macchie il problema è semplice. O meglio, è di semplice identificazione e di difficilissima risoluzione. 
Le monete in euro sono fatte di metallo PESSIMO. Questo metallo reagisce ai pulviscoli, creando le macchie di cui parli tu. 
Questi pulviscoli possono essere di svariate nature, siano esse organiche che sintetiche: è uguale. Microframmenti di pelle, micropeletti, micropeletti di floccato o velluto o di panno per occhiali, microframmenti di plastica della capsula che si spacca leggermente quando la chiudi. 
Questi microframmenti, a lungo andare, causeranno quelle macchie. Alcune di quelle macchie sono recuperabili se prese in tempo, sempre col solito panno per occhiali. In questo caso il tempo è direttamente proporzionale all'umidità dell'ambiente in cui la moneta è contenuta (più è umido, più è rapida l'irrecuperabilità). 

Veniamo a come ovviare al problema. Personalmente ho avuto la stessa frustrazione che hai avuto tu quando ho visto le stesse macchie sulle prime monete che collezionavo (parliamo dei primi 5-7 anni dell'area euro). 
Cosa ho fatto? 
1) Ho cambiato marca di capsule. Da Safe sono passato a Leucchtturm: le capsule si spaccano di meno (quelle della Safe dopo anni si crepavano) e rischio meno pulviscolo sulla moneta. Ora ho sperimentato che le nuove capsule Leuchtturm (vedi mie precedenti discussioni) sono di qualità inferiore. Purtroppo ne ho molte da 2 euro, e mi sono ripromesso di NON usarle più per i 2 euro CC. Per quelle userò le capsule Leuchtturm PREMIUM che costano di più, ma al momento ho ancora una scorta di Leucchturm buone e aspetto di finirle. 
2) Ho acquistato 1kg di Silica Gel professionale con indicatore di umidità (quando il silica gel è saturo le perle sono verdi, quando è vuoto sono arancioni. Quando sono verdi metto le perle in un fornetto e le "svuoto" dell'umidità raccoltà. Usare Silica Gel senza indicatore di umidità è perfettamente inutile, perchè non hai un termine di riferimento per quando cambiarlo), e l'ho messo in bustine di carta forellate, una o due per ogni scatola/cassetto in cui ci sono monete.
3) Ho controllato al sole pieno (metà giornata, cielo assolutamente sereno, sole diretto che se stai in camicia sudi) tutte le monete che ho, recto e verso, riaprendo tutte le capsule in cui notavo, con controllo di lente di ingrandimento, un micropulviscolo. Peletto, microframmento di pelle, microframmento di plastica, microframmento di qualsiasi cosa. Ho riaperto la capsula, cercato di rimuovere la particella dalla moneta senza pulirla (quando possibile) e rimesso la moneta nella capsula dopo aver verificato che la stessa capsula fosse quanto più possibile libera di queste microparticelle. Laddove non fosse possibile liberarla, ho cambiato capsula. Le capsule nuove sono per lo più linde e pinte all'interno. Meno le si pulisce, e meglio è. 
4) Ho incapsulato le monete che acquisto/ottengo solo in orari di pieno sole (ergo solo la domenica ora di pranzo per ragioni di lavoro), in modo da fare questo controllo maniacale prima di chiuderle dentro. 
5) Se mi capitano periodi senza far nulla, ogni tanto dò una controllata alle monete (mediamente ogni 12-18 mesi, perchè ci vuole tempo :D)

Io fortunatamente non ne soffro ancora... ma questi metodi cozzano con la presbiopia... 

Purtroppo, per esperienza, non c'è altro da fare. Ho verificato anche in PROOF queste macchie (PROOF belga, ma il metallo è lo stesso): l'euro è una moneta che NON TOLLERA NULLA. 

Poi nel corso degli anni ho imparato ad abbassare le mie pretese, perchè altrimenti se sei maniacale devi rivolgerti ad altri tipi di collezione.

Grazie mille davvero per i numerosi e preziosi consigli. Cercherò di seguirli tutti al meglio delle mie possibilità!

Ti faccio anche un'altra domanda stupida che spero non risulti quasi una bestemmia! Mi scuso in anticipo per l'ignoranza in materia!

Ho provato a pulire un due euro circolante italiano, che aveva delle belle macchie di ossidazione come quelle che ho sui 2 € commemorativi, con del sidol. La moneta è diventata bellissima e lucente. Ora mi chiedo: il problema di usare il sidol è sugli effetti a lungo termine? Oppure rimuove degli strati dalla moneta perdendo la qualità fdc? Cioè quello che mi chiedo è il vero motivo per cui il sidol è demonizzato, che conseguenze ha...

Grazie mille per la disponibilità

Alberto

Link to comment
Share on other sites


Sidol = disastro. 

Se devi pulire monete circolate di cui ti interessa poco, puoi provare con un bagno in acqua demineralizzata (occhio però, io ce le ho lasciate 7 giorni e si sono scurite...) giusto per rimuovere sporco superficiale laddove presente (gomma o schifezze). Se la moneta non ha residui sulla superficie, ogni tentativo di pulizia può solo peggiorare le cose. 

Qualsiasi solvente, lucidante, dentifricio, limone o cose simili rovina irrimediabilmente la moneta. Nel tuo caso credo che il sidol sia anche abrasivo, oltre che deturpante dei colori.

Assolutamente impossibile classificare più di BB una moneta pulita con Sidol (o con altri di questi prodotti). Il FDC è irrimediabilmente andato (ma pure se la lavi sotto acqua corrente è andato).

Come ti ho detto, quel tipo di macchiette non si pulisce in nessun modo. 

Edited by TychoBrahe
Link to comment
Share on other sites


Io ho una collezione completa (ministati solo Vaticano) che conservo in album Abafil. Ancora non noto macchie scure, ma spesso vedo un'opacizzazione diffusa che rattrista anche me, anche perchè non è che le abbia acquistate tutte a buon mercato, molte superano i 10 euro. Concordo con chi sostiene la bassisima qualità dei metalli utilizzati, rimpiango il nostro stupendo acmonital che rimane integro a 50 anni di distanza anche su monete circolate.

Io sul bordo noto delle piccole macchie non colorate e temo che siano i segni delle pinzette che utilizzo per metterle nelle tasche. I fogli Abafil appaiono oleosi, non so se sia normale, la casa garantisce che non sono prodotti con agenti aggressivi.

Ne riparliamo tra qualche anno.

 

Tra le mie collezioni, quella dei 2 euro, grazie a questi album per collezionisti, rendono gradevolissima la consultazione. E' una cura per l'anima e spero che tra qualche tempo non mi ritroverò con monete interamente ossidate.

Confermo quanto detto sui rivenditori, mi è capitato di acquistare più esemplari e vedermeli infilare nelle stessa bustina trasprente, maneggiati con le mani senza un minimo di rispetto per la moneta e per l'acquirente. Ho sempre la sensazione che quando vai a comprare monete da 2 euro è meglio non andare dalle "grandi firme" della numismatica in quanto proiettati verso monete dal valore differente. E' come andare in un ristorante 5 stelle e ordinare un hot dog, lo chef ti guarda con disgusto! I 2 euro non entreranno nella numismatica d'elite ancora per qualche anno.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.