Jump to content
IGNORED

Leone X quarto di giulio VICIT LEO DE TRIBV IVDA


anto R
 Share

Recommended Posts

Nella appena conclusasi asta della Numismatica Picena era presente questo quarto di giulio (mezzo grosso) di Leone X:

317D.thumb.jpg.64a1808fd8fa5a725f5b267a9d2dcb62.jpg

La moneta fa parte di una serie di nominali comprenendente giulio, mezzo giulio e quarto di giulio e tutti caratterizzati dalla particolare iconografia del leone incoronato dalla Vittoria alata. La nota a catalogo descriveva la moneta come "della più grande rarità", giudizio con cui non posso che concordare. Ho censito solamente un passaggio d'asta nella "solita" Leu 36 (coll. Cappelli). Mancava quindi perfino nella NAC 90, asta dove era presente una magnifica collezione di monete dei papi fiorentini, penso di aver detto tutto... 

Lo Scilla, che considerava "rarissime" monete come la piastra di Sisto V con la Pentecoste o il giulio di SV del 1700 con la colomba che guarda in alto, considera questa moneta come "singolare" (!!)

Diceva poco tempo fa l'amico @DARECTASAPERE "c'è più soddisfazione a mettere in collezione una moneta che non si vede mai piuttosto che pezzi che per quanto economicamente impegnativi si vedono ogni anno", concordo :D

Attendo segnalazioni (anche di non-conoscenza) dagli amici sella Sezione, un caro saluto,

Antonio

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites


"Ha vinto il leone della tribu' di Giuda"...... se l'hai vinta Tu hai aggiunto una grande rarita' in collezione, complimenti !

Daniele 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Ottimo acquisto ! L'ho vista solo durante il live dell'asta di ieri, mentre attendevo un altro lotto e immagino che per la "moda attuale" per molti collezionisti abbia prevalso il giudizio sulla conservazione rispetto a quello sulla rarità, che in questo caso è indiscutibile...

Non è l'unica grande rarità passata in asta da Numismatica Picena (così come nelle 2 aste precedenti) che mi lascia la stessa impressione... meglio per chi non si ferma all'apparenza ;)

ciao, RCAMIL.

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


Il mercato del momento permette di acquistare materiale veramente raro a relativamente poco. Erano molte le monete interessanti proposte ieri ma ho deciso di concentrarmi su questa proprio per la sua eccezionale rarità, quando ne capiterà una migliore? E a quanto? E' da quando è uscito il catalogo che ho inziato a studiare il pezzo e ho provato a censirne altri esemplari venduti oltre a quello passato da Leu ma... nulla! Altra moneta molto interessante - sempre del primo '500 - era il quattrino in rame di Clemente VII, che ho visto è stato piuttosto apprezzato dato il realizzo.

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Complimenti Anto! Pezzo pregevole per la sua esimia rarità! Mi permetto solo di segnalare la particolarità dello stemma dei banchieri Fugger sotto alla scritta ROMA.

Michele

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Esattamente Michele; i Fugger durante il pontificato di Leone X ebbero la zecca in appalto solamente fino al gennaio del 1515, quando l'appalto passò ai Consoli Fiorentini. Nella NAC 90 potete vedere il giulio simile a quello di questa serie, con giglio (simbolo appunto dei Consoli Fiorentini) sotto al leone :)

Link to comment
Share on other sites


complimenti per l'acquisto, devo dire che ci avevo fatto un pensierino. (negli invenduti ce ne una che mi dispiace lasciare, ma sono altre cifre)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Mi accodo alla sfilza di complimenti, W la rarità senza conservazione eccezionale. Volentieri a Verona la prenderò in mano....

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Complimenti Anto moneta molto rara

nella raccolta delle papali esitata nell'asta 16 da Kunst und Munzen (1976) al n. 1433 compariva un bel giulio per Leone X della stessa serie (Muntoni 27v.)

Ho solo il prezzo di stima (3000) ; la coll. Cappelli (Leu 36) aveva due giulii (di tipi diversi) di questa serie e il quarto di giulio (come il tuo) descritto 'molto raro'..

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


8 minuti fa, numa numa dice:

Complimenti Anto moneta molto rara

nella raccolta delle papali esitata nell'asta 16 da Kunst und Munzen (1976) al n. 1433 compariva un bel giulio per Leone X della stessa serie (Muntoni 27v.)

Ho solo il prezzo di stima (3000) ; la coll. Cappelli (Leu 36) aveva due giulii (di tipi diversi) di questa serie e il quarto di giulio (come il tuo) descritto 'molto raro'..

Giusto per completare il quadro della serie parliamo brevemente del mezzo giulio o grosso, con al diritto il leone e al rovescio S. Pietro seduto. Così a memoria ne ricordo solo un paio, uno nella Montenapoleone 4 (coll. Muntoni) e quello della NAC 90 (ex Kunst und Münzen XXI, es. illustrato sul Muntoni). Anche questa è una moneta certamente rarissima...

 

 

Link to comment
Share on other sites


Una domanda per i possessori del Serafini ( @rcamil):

Il Muntoni mette come riferimento per il quarto di giulio in questione, catalogato al n. 34, CNI 108. Il Corpus elenca solo due varianti per questa moneta, una appunto al 108 (coll. di Sua Maestà) e una al 109 (Museo Correr) la differenza è la presenza o meno di un punto tra DE e TRIBV :rolleyes:. Muntoni in nota ribadisce come la moneta sia un quarto e non un terzo di giulio, come invece riportato in CNI e in SER (vol. IV, Leone X, n. 251/a42).

Ora, vorrei capire se la moneta illustrata sul Muntoni sia per caso quella del Serafini, acquisita dopo la compilazione del tomo comprendente le monete di Leone X e quindi inserita nel vol. IV. Ho cercato la classificazione 251/a42 sul BAV ma non mi escono risultati, eppure dovrebbero aver schedato online tutti i materiali fino a Gregorio XIII... forse ad esclusione dei materiali cronologicamente compresi ma catalogati nel quarto volume del Serafini?

Link to comment
Share on other sites


Ciao, purtroppo non ho il volume IV del Serafini, ma spulciando la collezione messa online sul sito della BAV ho trovato la tua moneta:

imageresize-horz.thumb.jpg.4182a04cb562818f685b956540b12a72.jpg

Non si tratta dello stesso esemplare sulle tavole del Muntoni, che oltre al foro è mancante di una parte di tondello, dove il foro stesso venne praticato. Entrambi hanno il punto tra DE e TRIBV.

Nella classificazione che hanno fatto c'è solo il riferimento "n. A/42", e tra l'altro hanno confermato la classificazione del Serafini come terzo di giulio, ignorando i successivi studi del Muntoni :rolleyes:.

Ciao, RCAMIL.

Edited by rcamil
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Grazie, rivaluto la conservazione del mio esemplare :D

PS la mancanza del punto nell'esemplare del Correr (non illustrato nel Corpus) potrebbe essere dovuta a una schiacciatura o all'usura... sappiamo che nel CNI venivano contate come varianti difetti come salti di conio ecc

Edited by anto R
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.