Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
dareios it

Toscana Zecca di Prato

Risposte migliori

dareios it

Salve a tutti. Oggi sfogliando il libro "Le zecche italiane fino all'unità" a cura di Lucia Travaini, mi sono soffermato su ciò che stava scritto sulla zecca di Prato. 

P1030211.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Leggendo le notizie di cui sopra, mi si è accesa una lampadina nella testa. vuoi vedere che posseggo una moneta battuta nella zecca di Prato che nessuno conosce? Sono molti anni che chiedo in giro a molti studiosi di monete medievali, se hanno mai visto la mia moneta. Finora nessuno mi ha saputo dare una risposta. Certo non mi voglio illudere, ma è possibile, che una zecca a Prato abbia battuto solo gigliati d'argento? E per le piccole spese giornaliere? Nessuna monetina? Comunque anche se la mia moneta non dovesse essere uscita da quella officina, resta per me sempre valida questa mia ultima considerazione. Vengo alla descrizione di questa moneta, tenuta in un cassetto al buio per troppi anni. Si tratta di una imitazione del denaro tornese della grecia-franca. Sul lato del castello, la legenda marginale " +DE PRATEI(**).ATE" , dove la "I"  di pratei potrebbe essere anche una "N". Sul lato della Croce, la scritta marginale "+DS.A.PE.LI.ACTE(**)R  Gli asterischi tra le parentesi, sono le lettere che purtroppo non si leggono a causa di schiacciatura di conio e usura. La moneta sembra completamente in rame o comunque di fino trascurabile. Pesa grammi 0.43 per un diametro di 17 millimetri.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Ciao Lorenzo..tornese molto interessante...legenda che non ricordo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

magdi

condivido... e dalle leggende è difficile capire qualcosa di più su chi e dove l'abbia emessa...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

matteo95
Supporter

molto interessante ... la lettera prima della E al diritto sembrerebbe più una I che una T

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chievolan

Se può aiutare, do la mia lettura delle legenda, un po' diverse da come lette da @dareios it, che legge    +DE PRATEI--.ATE   e   +DS.A.PE.LI.ACTE--R

A me sembra di leggere (ma senza capirci niente :))   +DE P(D)A'IEN(S)I.ATE   e       +DSA.PE. LI.AC'IENS

Come ha detto @matteo95al D/ sembrerbbe esserci una I (precededuta da ' ) e non una T (che sarebbe, se fosse tale, molto differente da quella che c'è al R/ ).

Al D/ la quarta lettera non mi sembra una R ma una D.

Se dareios it , che ha la moneta in mano e ci ha probabilmente consumato gli occhi, ha ragione, al D/ ci potrebbe essere scritto + DE PRATENSI.ATE

In conclusione .... BOH !

Continuiamo a ragionarci su.

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

In questi giorni il tempo mi è tiranno e non ho avuto modo di controllare in maniera approfondita.

La mia lettura è più o meno quella indicata da @chievolan e mi sento di escludere con sicurezza che si tratti di una emissione di Prato.

La legenda non mi porta a nulla di noto e credo (sottolineo credo) che questo denaro tornese possa rientrare tra quelle contraffazioni con pseudo legenda. Anche il denaro tornese, per la sua diffusione in area mediterranea (al pari del gigliato e come quest'ultimo) subì il fenomeno della contraffazione. 

Contraffazioni che spesso si possono ricondurre ad emissioni note (per affinità di legenda) e che in alcuni casi (come questo) non vi è modo, almeno per me, di risalire a nulla di conosciuto.

A conferma della contraffazione ci sarebbe anche il tipo di lega utilizzata che, dalla foto, mi sembra che di argento ne abbia visto ben poco. Quest'ultimo particolare mi porterebbe ad escludere anche che si possa trattare di una emissione feudale francese.

In conclusione il mio parere è che di sicuro non si tratta di una emissione Toscana di un denaro tornese ma che rientra con molta probabilità in una delle tante contraffazioni dello stesso. 

 

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dareios it

Intanto ringrazio tutti per gli interventi fin'ora. Qualche altra considerazione fatta insieme a Caio Ottavio tempo fa, ci portò alla conclusione che, visto lo stile così fine e molto curate delle lettere della legenda, sicuramente non si tratta di un falso d'epoca. Chi ha inciso i coni di questa moneta era uno del mestiere. Il fatto poi che il metallo sia privo di fino, fa supporre una datazione molto più tarda rispetto alle coniazioni ufficiali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×