Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  

Recommended Posts

Elio Olivari

Ho alcuni follari di Ruggero II per Bari e sul dritto, quello con San Demetrio,

sia alla destra che alla sinistra del santo si vedono i resti di alcune lettere.

Chiedo cortesemente che, se qualcuno conosce le legende per intero, me le

potesse trascrivere o almeno indicarmi dove posso trovarle on line.

Nei rovesci le scritte sono in arabo (cufico) ma nei dritti sembrano lettere

latine o greche. Grazie e buona serata. Elio

Share this post


Link to post
Share on other sites

odjob

Ma acquistare un libro sull'argomento pare brutto?

Salutoni

odjob

Share this post


Link to post
Share on other sites

eliodoro
Supporter

Le legende sono spesso in greco..segui gli ottimi di consigli di @odjob

Share this post


Link to post
Share on other sites

gennydbmoney
Supporter

@Elio Olivari

Ciao,sul nostro catalogo è fotografato solo un tipo dei 3 citati,magari è quello che cerchi...

https://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-WRIIB/4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Elio Olivari

Grazie a tutti e buona serata. Elio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio

Salve @Elio Olivari, esistono varie classi in cui sono classificati i follari a cui fai riferimento. Ho sottomano, adesso, il testo della Travaini, "Monetazione nell'Italia normanna", dove la tipologia monetale di tuo interesse è descritta alla p. 289, n° 203 e 203a. Nella descrizione riporta la legenda di D/ P-A-N, ma è anche probabile che altre tipologie riportino una legenda più estesa, anche nel campo dall'altro lato della figura stante. Sembra che la legenda PAN ... sia una corruzione della legenda greca DEMETRIOS che si trovava sui follari messinesi di Ruggero II coniati intorno al 1148-49 e descritti in Travaini, p. 300, n° 247. Per il rovescio il discorso è lo stesso: trattasi di legenda pseudo-cufica, quindi difficilmente decifrabile perché non è cufico corretto. Anche la legenda di rovescio imita quella identica presente sul suddetto follaro messinese di Ruggero II dove invece il cufico è corretto e si legge "...sanat 543" (cioè l'anno di coniazione espresso secondo il computo islamico dell'Egira). Sia in alto che in basso si trovano due crocette, proprio come negli esemplari pugliesi di tuo interesse. Ti consiglio, come hanno fatto altri utenti prima di me, di reperire dei testi più specializzati sull'argomento (si trovano anche a buon mercato). Io mi sento di suggerirti anche questi altri due titoli (ce ne saranno anche altri, ma al momento questi mi sovvengono, andando a memoria):

Luca Lombardi, "Sui follari normanni con san Demetrio", Tipolitografia Pontone, Cassino 2005, pp. 25-40. Contenuto in: "Quaderno di studi del Circolo numismatico Mario Rasile", n. LXIX, maggio-giugno 2005.

Lucia Travaini, "Un follaro inedito con San Demetrio e la monetazione in rame di Ruggero II in Sicilia". Contenuto in: "Revue Numismatique" vol. 6, n° 33, Parigi 1991, pp. 143 - 160.

 

Edited by Caio Ottavio
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

sicil_rex

Ecco una scansione del follaro di San Demetrio:

 

422D.jpg.1030e931afbdcb2c9796c3d53acbeadb.jpg

 

Non sono a casa per cui non posso consultare testi. Appena posso vi faccio sapere.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio
2 ore fa, sicil_rex dice:

Ecco una scansione del follaro di San Demetrio:

 

422D.jpg.1030e931afbdcb2c9796c3d53acbeadb.jpg

 

Non sono a casa per cui non posso consultare testi. Appena posso vi faccio sapere.

 

Ciao @sicil_rex, il follaro da te postato è lo stesso pubblicato nell'articolo di Lombardi: fig. 9, classe A. Al D/ ha la legenda in greco corretto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sicil_rex

Ma lo stesso tipo o intendi che è la stessa moneta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Caio Ottavio
4 ore fa, sicil_rex dice:

Ma lo stesso tipo o intendi che è la stessa moneta?

Credo proprio si tratti della stessa moneta, almeno da un primo paragone (perdona l'immagine piccola e a bassa risoluzione, ma al momento non ho di meglio da allegare): magari tu con l'esemplare alla mano riesci a confrontarlo più agevolmente. Va da sé che il tipo è lo stesso. Complimenti perché è davvero ben conservato!

Cattura.JPG.1fc7d094d767cb61404540a3dcfb57fe.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

sicil_rex

Per alcuni piccoli dettagli, non credo sia la stessa moneta (vedi lo scudo per esempio). È comunque molto simile. Addirittura il 'taglio' è uguale. Boh...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.