Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Risposte migliori

Caio Ottavio

Ciao @santone, grazie per questa gradita segnalazione: ho letto il tuo scritto con vero piacere, come sempre. :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

santone

di nulla !!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Coronato molto particolare ed interessante data la mancanza di sigle.. 

Sarà dipeso dalla mancanza del mastro di zecca in un particolare periodo??

Bravo @santone..

Saluti Eliodoro

Modificato da eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Dato che la croce ha l'interno liscio, questo coronato fu tra i primi, di questa tipologia, ad essere coniati a Napoli, tra il 1458 ed il 1460. In questo periodo doveva essere Maestro di Zecca il napoletano Antonio Miroballo (sigle A ed M), nominato nel 1458, ma confermato definitivamente nell'incarico nel 1459.  Suo padre era il predecessore, banchiere Giovanni Miroballo. Come suo padre, anche Antonio fu Presidente della Regia Camera della Sommaria dal 1452. L'ipotesi di @eliodoro (assenza delle sigle = assenza del Maestro di Zecca) è molto simile a quella avanzata dal Prota per l'assenza delle sigle sullo scudo d'oro di Filippo III di cui mi sono occupato di recente in questa Sezione. Bisogna però tener conto che si conoscono altre tipologie di coronato per Ferrante I (con ritratto e croce potenziata) che non presentano alcuna sigla. Qui se ne possono vedere alcune (ad es. fig. 2 e fig. 4): http://www.ilportaledelsud.org/coronato_1.htm

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

C'era da fare un articolo complesso su questo importante coronato dell'incoronazione senza sigle .... ad esempio ci sarebbe da chiedersi perchè senza sigle.... eppure un nostro comune amico ha scritto libri interi sul fatto che la zecca di Lanciano abbia esclusivamente coniato coronati dell'incoronazione con sigla B del maestro di zecca Bossi, ora con una scoperta del genere il famoso castello di sabbia inizia a sgretolarsi. Ma il coronato è importante anche per altri fattori. Magari seguirà qualche altra pubblicazione in merito...

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Il Prota riporta Giovanni Miraballe o MIroballo che, come mastro di zecca  nel 1459, non siglava

http://www.socnumit.org/doc/BCNN/BCNN1914_MaestriIncZeccaNapo.pdf

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio
8 minuti fa, eliodoro dice:

Il Prota riporta Giovanni Miraballe o MIroballo che, come mastro di zecca  nel 1459, non siglava

http://www.socnumit.org/doc/BCNN/BCNN1914_MaestriIncZeccaNapo.pdf

Come detto dal Prota, Giovanni e suo figlio Antonio lavorarono insieme nel corso del 1459. Antonio fu confermato definitivamente nell'incarico nel 1459, ma sembra che fosse già Maestro di Zecca a titolo provvisorio dal 1458 (cfr. P. Magliocca, "Maestri di Zecca, di Prova ed Incisori della Zecca Napoletana dal 1278 al 1734", Cassino 2013, p. 49).  Mentre Antonio siglò le sue monete con le suddette lettere, suo padre Giovanni non appose nessun tipo di sigla, il che potrebbe giustificare, in questo caso specifico, l'assenza delle stesse dal coronato.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77
15 minuti fa, eliodoro dice:

Il Prota riporta Giovanni Miraballe o MIroballo che, come mastro di zecca  nel 1459, non siglava

http://www.socnumit.org/doc/BCNN/BCNN1914_MaestriIncZeccaNapo.pdf

Ma come? Un maestro di zecca che non appone le sue iniziali su una moneta? Che delusione! Ed io che pensavo fossero lancianesi le monete senza sigle! :P:)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter
1 minuto fa, francesco77 dice:

Ma come? Un maestro di zecca che non appone le sue iniziali su una moneta? Che delusione! Ed io che pensavo fossero lancianesi le monete senza sigle! :P:)

Che  Lanciano abbia coniato non vi è dubbio.. ,ma secondo recenti studi,  ha prodotto moneta cattiva, concepita , forse per speculare sul circuito fieristico.. ( monete Antiche m. 86 Giuliani/Fabrizi)..

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter
16 minuti fa, Caio Ottavio dice:

Come detto dal Prota, Giovanni e suo figlio Antonio lavorarono insieme nel corso del 1459. Antonio fu confermato definitivamente nell'incarico nel 1459, ma sembra che fosse già Maestro di Zecca a titolo provvisorio dal 1458 (cfr. P. Magliocca, "Maestri di Zecca, di Prova ed Incisori della Zecca Napoletana dal 1278 al 1734", Cassino 2013, p. 49).  Mentre Antonio siglò le sue monete con le suddette lettere, suo padre Giovanni non appose nessun tipo di sigla, il che potrebbe giustificare, in questo caso specifico, l'assenza delle stesse dal coronato.

L'attribuzione a Giovanni Miroballo renderebbe il coronato R4 /R5?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio
2 minuti fa, eliodoro dice:

L'attribuzione a Giovanni Miroballo renderebbe il coronato R4 /R5?

Non è l'attribuzione a Giovanni a rendere così raro questo coronato: l'attribuzione a questo Maestro di Zecca è un'ipotesi plausibile per spiegare, in questo caso, l'assenza delle stesse dalla moneta, ma non sufficiente per assegnargli un così alto grado di rarità. Quest'ultimo, da quanto ho letto nell'articolo, è stato applicato in quanto la moneta risulta inedita e, al momento, non se ne conoscono altre simili, con la stessa caratteristica, per questa medesima tipologia. Se ne deduce, quindi, che, qualora ne compaiano delle altre, il numero di esemplari rimarrà comunque esiguo. Il che potrebbe giustificare un tale indice di rarità.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap
1 minuto fa, eliodoro dice:

Che  Lanciano abbia coniato non vi è dubbio.. ,ma secondo recenti studi,  ha prodotto moneta cattiva, concepita , forse per speculare sul circuito fieristico.. ( monete Antiche m. 86 Giuliani/Fabrizi)..

... ma dai.... @eliodoro, un' altro studioso (?) ha addirittura scritto (anzi Inventato) che lo scudo d'oro di Filippo III di Spagna, (ammesso che sia genuino, ed unico esemplare conosciuto (anzi meglio scrivere "riportato"), sia stato battuto in quella zecca.

A Napoli sotto Filippo III moneta aurea non venne MAI battuta.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Parlavo, infatti, di moneta "cattiva" in epoca aragonese..Filippo Iii non afferisce al coronato di cui stiamo parlando

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap
7 minuti fa, eliodoro dice:

Parlavo, infatti, di moneta "cattiva" in epoca aragonese..Filippo Iii non afferisce al coronato di cui stiamo parlando

 

 

...era solo per far capire a chi legge che l'invenzione s.s.=Lanciano, è una sequenza che chissà quando si interrompe.....bhoòò !!

A parte questo, hai ragione, rimaniamo al Coronato: mi ero sempre chiesto......e sperato che accadesse (come è successo), che venisse fuori una moneta come questa senza le sigle. Ci sono sempre monete senza sigle....e questa tipologia mancava all'appello.... !!

Tutto a posto. ||

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Io..come detto prima ..non escluderei a priori..una coniazione in un periodo di assenza del mastro in zecca..quindi, una difficoltà oggettiva a contestualizzare il periodo di coniazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap
32 minuti fa, eliodoro dice:

Io..come detto prima ..non escluderei a priori..una coniazione in un periodo di assenza del mastro in zecca..quindi, una difficoltà oggettiva a contestualizzare il periodo di coniazione

.....a questo punto bisognerebbe "contestualizzare" anche tutte le altre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×