Jump to content
IGNORED

Di cosa si tratta


Recommended Posts

Se fosse possibile sarebbe opportuno vedere anche l'altro lato, ma sembrebbe una riproduzione in bronzo (?) di un tallero di Maria Teresa d'Austria, l'originale è in argento.

Pur non essendo le monete moderne o contemporanee il mio campo, aggiungo che sono assai numerose le riproduzioni e copie postume in argento, anche ufficiali, coniate sia per la circolazione (il Regno d'Italia le produsse per l'Africa) sia per il solo collezionismo (in tempi più recenti).

 

Nel tuo caso direi che si tratta solamente di un elemento decorativo usato come ciondolo quindi, ma attendiamo altri pareri più specializzati.

 

Edited by Archestrato
Link to comment
Share on other sites


Non solo è necessario vedere anche l'altro lato (magari con ingrandimento maggiore ed in posizione corretta), ma sarebbe opportuno anche il diametro e soprattutto lo spessore (il peso penso non si possa sapere...).

Esistono Talleri di convenzione coniati in rame con conio piedfort (spessore doppio) a Birmingham di cui non si conosce la data rari (24,1 g.) ed estremamente rari (8 esemplari conosciuti con peso 37,7 g.) riportati nella tabella Hafner rispettivamente H67c ed H67b.

 

 

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.