Jump to content
IGNORED

anellone sigile


jagd
 Share

Recommended Posts

prima di tutto,vi auguro una buona fine di ano...con massimo belle cose per ano nuovo che arriva...

ecco un grosso anello sigilatto,di bronzo e fatura antica.26mm di diametro...il castone scrito vodra certenamente significare qualcosa. se idea avete ,sara molta gradita.

DSC_1852.JPG

DSC_1859.JPG

DSC_1853.JPG

Edited by jagd
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao Jagd, un oggetto interessante.

Tirando ad indovinare, sul castone potrebbero esservi incise semplicemente le iniziali del proprietario.  Può darsi che gli altri segni abbiano un qualche significato...ma anche no. Nel sigillo in ceralacca dominano infatti le iniziali, la R e la A....Può darsi che la linea orizzontale sottostante le lettere, percettibile anche al tocco di un'unghia, possa servire ad indicare quale è il verso dell'anello come poi comparirà sul sigillo di ceralacca.

Un saluto e auguri !

Anello.jpg

Edited by sandokan
  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


ciao,grazie sand,piacere sentirti...  ottimi auguri per l'ano che viene!:)  stavo cercando,e trovatto che quello o con signo soppra puo essere un abbrevazione...mah???? giusto piccolo aviso.   iniziali nome e cognome penso soluzione la piu plausibile.

Link to comment
Share on other sites


Ciao @jagd ,buon anno anche a te ,si tratta di un anello sigillo romano del periodo tardo antico,probabilmente recante un monogramma piu' che le semplici iniziali di un nome,infatti,a mio parere,il pallino centrale non e' un segno di interpunzone ma una lettera vera e propria.

Secondo me potrebbe essere sciolto in ROMA ,ma se vuoi puoi chiedere ai curatori di spostare la discussione su "imperiali" o "barbariche" dove otterrai piu' visibilita' e pareri piu' autorevoli.

At'salud :).

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Grazie adelchi, piaccere conoscerti su quel forum..... Che Malorosamente non piu tempo seguire, ben Che ci tengo amici cari... Sai Che la Mia prima impressione fu questa.. Imediatamente Quando Visto quelle lettere, come si dice," la prima idea e sempre la buona"... Grazie tuo intervento, pace e salute  :)

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao Adelchi : la tua ipotesi è interessante. 

Io non ho riferimenti al riguardo, e cioè l'elisione della lettera M nella parola ROMA, ma la mia ignoranza è notevole riguardo al linguaggio usato nelle lapidi e dovunque siano necessarie abbreviazioni (monete, monumenti).  Tu hai qualche fonte ?

Anch'io ritengo che il segno circolare fra le due lettere possa essere letto come una O, scritta più in piccolo per ragioni di spazio, contemporaneamente però incidere il nome della città sul castone mi sembra un po' generico, per un sigillo....

Che ne pensi ? Grazie.

@adelchi

Link to comment
Share on other sites


Ciao @sandokan,la scritta Roma e' pervasiva in tutte le arti antiche ,suntuarie e non,specialmente su fibule e anelli ,proprio in virtu' della sua forza evocativa,della sua "potenza".

Quanto allo scioglimento la mia ipotesi e' la seguente (perdona la mia scarsa capacita' grafica) :

Screenshot_2018-01-01-21-06-52.jpeg

Screenshot_2018-01-01-21-08-58.jpeg

Screenshot_2018-01-01-21-09-06.jpeg

Screenshot_2018-01-01-21-09-21.jpeg

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


carissimi,

ammesso e non concesso che sia un anello del tardoantico (non sono proprio esperto, ma simili non ne ricordo), il monogramma con buona probabilità è da riferirsi ad un nome  proprio (spesso accade così)

non è imperiale, ovviamente, quindi come spesso accade questo  nome potrebbe rimanerci ignoto....

ci sono alcuni volumi che ho di anelli sigillo, ma sono bizantini e sono dal VI secolo in poi...e non mi pare ci sia nulla di simile, ma nei prossimi giorni mi ritaglio un minuto percontrollare :) 

Link to comment
Share on other sites


prova a dare un'occhiata qua

https://archive.org/details/catalogueoffinge00brituoft

 

https://gemology.se/gill-library/gemjewelry/Catalogue_of_the_Finger_Rings_Greek_Etruscan_and_Roman_F_H_Marshall_1907.pdf

 

mi permetto comunque di dire che mi pare una produzione moderna, come quelli che si vedono spesso in un paio di venditori da ebay... in vari punti , nel fondo etc, pare lavorato "a macchina" ....

ribadisco, non sono esperto, mi occupo di monete, ma visto così non mi dà belle sensazioni e sinceramente non ci metterei nemmeno 5 euro...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


6 ore fa, Poemenius dice:

prova a dare un'occhiata qua

https://archive.org/details/catalogueoffinge00brituoft

 

https://gemology.se/gill-library/gemjewelry/Catalogue_of_the_Finger_Rings_Greek_Etruscan_and_Roman_F_H_Marshall_1907.pdf

 

mi permetto comunque di dire che mi pare una produzione moderna, come quelli che si vedono spesso in un paio di venditori da ebay... in vari punti , nel fondo etc, pare lavorato "a macchina" ....

ribadisco, non sono esperto, mi occupo di monete, ma visto così non mi dà belle sensazioni e sinceramente non ci metterei nemmeno 5 euro...

Grazie quelli pdf, soppratuto l ultimo. Mi Sara di Ottima utilita... Peccato non posso postare altre foto, in rispetto a la legge italiana, ma anche a gli utenti, ma ti posso certificare a 100 per 100 autentico, in piu, era accompagnato di un indice monetale  Che Lo classifica del 300 ap christ, piu o Meno... Il metale di Ottima conservazione e fatto di bronzo dosato forte proporzione di stagno... Ma i disegni, o l opera del incisore, non a niente invidare a quelli Che incisavono cogni per le monete. Di quelli su eBay, Io vivo, non si ne trovano mai. ? 

Edited by jagd
Link to comment
Share on other sites


Ciao @Poemenius,grazie per il tuo intervento,sinceramente a me non dispiace,sia come manifattura sia come incisione e grafia.

Girando per I musei del nord Italia  se ne vedono di similari,vedro' di recuperare alcune foto,sarebbe interessante chiedere a @jagd come lo ha acquisito,sempre se non sono indiscreto.

Link to comment
Share on other sites


8 minuti fa, adelchi dice:

Ciao @Poemenius,grazie per il tuo intervento,sinceramente a me non dispiace,sia come manifattura sia come incisione e grafia.

Girando per I musei del nord Italia  se ne vedono di similari,vedro' di recuperare alcune foto,sarebbe interessante chiedere a @jagd come lo ha acquisito,sempre se non sono indiscreto.

No aquisto, ma Trovato. ? Trovato in corsica, con una moneta di valentiniano e un pezzo osso di braccio umano.... Se volete foto vi posto, ma come detto précédamente in riguardo la lègge, non voglio ne polimicare ne fare torto a Lo staff del forum... Adesso, con permesso, vi postero. 

Edited by jagd
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Reafirmo, Che Quando Visto a prima occhiata quella inscripzione, mi E saltato subito quella tua teoria.... Quel abrevazione, anche senza essere tanto spezialista.. Ci da subito la Sua significazione. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


guardando un po' di libri non ho trovato nulla di identico, ma qualcosa di simile come tipo di anello e genere di intaglio

la datazione va dal V al IX secolo (riporto ciò che ho letto e nulla più)

mi sento comunque di escludere la lettura ROMA perché sia gli anelli, che i sigilli, che le bolle in piombo, riportano principalmente i nomi del proprietario, del dignitario di riferimento, oppure riferimenti religiosi a santi e martiri....

monogrammi cittadini di Roma ne conosco, ma non ne ho mai visti su anelli anche perché non ne comprenderei l'utilità

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


27 minuti fa, Poemenius dice:

guardando un po' di libri non ho trovato nulla di identico, ma qualcosa di simile come tipo di anello e genere di intaglio

la datazione va dal V al IX secolo (riporto ciò che ho letto e nulla più)

mi sento comunque di escludere la lettura ROMA perché sia gli anelli, che i sigilli, che le bolle in piombo, riportano principalmente i nomi del proprietario, del dignitario di riferimento, oppure riferimenti religiosi a santi e martiri....

monogrammi cittadini di Roma ne conosco, ma non ne ho mai visti su anelli anche perché non ne comprenderei l'utilità

Grazie la tua analise Che prendo con molto considerazione... ?... Per rivenire, quella O sembre soppralineata, non Sara un abrevazione latina ??? A tutto asardo ??? 

Link to comment
Share on other sites


il "titulus" ovvero il tratto posto sopra una lettera o un insieme di lettere, serve ad abbreviare o ad indicare che le lettere riconducono ad un nome e significato più ampio, come nei nomina sacra (un link giusto per vedere....https://it.wikipedia.org/wiki/Nomina_sacra )

se questo sia un titulus o meno non saprei...ma potrebbe essere , nel qual caso anche se breve potrebbe essere sopra l'intero gruppo, non solo sulla O

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Conscio dei miei limiti in materia, sono del parere di Poemenius e di Dux-sab. 

Un sigillo è un nome, una firma che viene impresso su un documento o altro, qualcosa di molto personale : il nome della città di Roma non mi sembra servire a questo scopo, è troppo generico.

Link to comment
Share on other sites


Buonasera a tutti,vediamo di fare un po' di chiarezza : abbiamo appurato che l'anello in questione e' autentico,bisogna ora stabilire se le lettere incise sono un monogramma oppure delle iniziali,se fossero iniziali risulterebbe R.A , nella mia modesta esperienza molto raramente ho visto incidere le iniziali di nomi propri su supporti antichi quali vasi ,piatti,monete , fibule o anelli,anzi devo dire che possibilmente I nomi venivano scritti per esteso o al massimo abbreviati,quasi mai,per quel che ricordo,ridotti alle semplici iniziali,in particolar modo su anelli sigillari tardo romani.

Non dobbiamo fare l'errore di interpretare tali manufatti secondo la nostra mentalita' moderna,individualista ed egocentrica,gli antichi raramente ponevano l'accento sulla propria persona,meglio esaltare il proprio status rifacendosi a divinita', allegorie o simbolismi,e quale metodo migliore se non quello di evocare collegamenti con il simbolo per eccellenza di autorita' e potere quale era ROMA ? Di questa pratica e' restata vestigia in molti etnici come I romaioi greci, I rom e I romeni,I Romagnoli italiani e non ultimo in casate nobiliari come I Romanoff.

Tale pratica acquista una valenza particolare nelle zone periferiche dell'impero ,dove piu' frequentemente vengono ritrovati tali oggetti.

Tornando al " nostro" sigillo @Poemenius stesso afferma che il tratto breve posto sopra la "o" potrebbe essere un titulus, cioe' una congiunzione tesa ad unificare un monogramma mutilo o non reso per esteso,aggiungo che il tratto lungo sotto l'insieme servirebbe ,probabilmente, a dare un senso direzionale alto -basso, al tutto.

Vorrei ora mostrarvi un paio di manufatti che ben si prestano alla pratica di ostentazione descritta poc'anzi ,noterete che si tratta di fibule e non di anelli ma la resa grafica e la contemporaneita' al nostro anello li rendono pertinenti al mio ragionamento e se due indizi fanno una prova...

Screenshot_2018-01-02-21-30-21.jpeg

Screenshot_2018-01-02-21-31-12.jpeg

Screenshot_2018-01-02-21-31-51.jpeg

Screenshot_2018-01-02-21-32-32.jpeg

Edited by adelchi
  • Like 2
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Cari amici,

alla luce di quanto emerso da tutti gli interessanti contributi postati finora, accolgo volentieri l'invito di spostare il topic da Araldica al forum che sembra più coerente con il probabile periodo di pertinenza dell'oggetto. ;)

Link to comment
Share on other sites


Un aiuto potrebbe arrivare dall'epigrafia.

Una lucerna (CIL XIII 10001, 267) e un recipiente in terracotta (CIL XIII, 10009, 216) riportano, incisa con uno stilo, la stessa sigla. Considerando che la lucerna riporta anche un Cristogramma, si tratta di reperti compatibili con l'arco temporale dell'anello corso.

5a4c00ad0b1c3_Screenshot(4).png.1f67fa69c6ea466df6e76b0f1e5c2299.png

5a4c00b13fc00_Screenshot(5).png.e0ef7b17d878592d2a152ae87508707d.png

 

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


18 minuti fa, Theodor Mommsen dice:

Un aiuto potrebbe arrivare dall'epigrafia.

Una lucerna (CIL XIII 10001, 267) e un recipiente in terracotta (CIL XIII, 10009, 216) riportano, incisa con uno stilo, la stessa sigla. Considerando che la lucerna riporta anche un Cristogramma, si tratta di reperti compatibili con l'arco temporale dell'anello corso.

5a4c00ad0b1c3_Screenshot(4).png.1f67fa69c6ea466df6e76b0f1e5c2299.png

5a4c00b13fc00_Screenshot(5).png.e0ef7b17d878592d2a152ae87508707d.png

 

 

Ora ti prego,qual'e'  la tua idea rispetto allo scioglimento di tali epigrafi ?

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.