Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
grigioviola

Collezionare monete da Hoard (ripostiglio), esempio di indagine

Risposte migliori

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Non ci hai annoiati affatto, direi che hai raccontato in modo semplice ma dettagliatissimo una precisa modalità di ricerca. A me sembra che il tuo approccio sia "da ricercatore e da studioso", anche se alla fine sfocia in una particolare forma di collezionismo. Solo, credo che per fare tutto questo sia necessario avvertire fortemente il "piacere della ricerca", e non solo quello del collezionismo; il semplice e "comune" collezionista non si imbarcherebbe mai in un lavoro così complesso per una monetina abbastanza brutta e di valore commerciale sicuramente basso! Credo comunque che il tuo approccio sia indispensabile soprattutto per lo studio delle imitative.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

@gpittini hai perfettamente ragione. Per addentrarsi nelle imitative poi è fondamentale la conoscenza dei ripostigli per ricercare affinità stilistiche e ipotizzare aree di emissione.

Ciao n ogni caso questo mio approccio è dovuto al fatto che, in qualche misura, devo soddisfare la mancata realizzazione del mio sogno di bambino: fare l'archeologo! :)

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

antonio bernardo

Buonasera,

bellissima discussione e approccio che condivido. L'immagine della moneta di Claudio mi ha ricordato che ne ho una della stessa tipologia. La monetina l'ho acquistata a Roma nel giugno del 2006 presso il negozio ex romana numismatica adesso Diana numismatica. La ricordo bene perché è una delle prime monete romane della mia collezione. Ha un diametro di 18mm e un peso di 1,85 g.

buona serata

Antonio

 

Claudio il Gotico dr.jpg

rv.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rorey36
Supporter

5a59213ae6d10_IONIASamosTetr.d.png.513693a6634e33ee3643ae0b97f5325b.png5a59213bb2db6_IONIASamosTetr.r.png.307bbefe8549097e812c06c6c8b2378e.png  IONIA  Samos

TETRADRAMMA  D’ ARGENTO   ca.  410/365 a

D/ Spoglia leonina di fronte.

R/ Protome di toro a destra, a d. ramo d’olivo . In alto ΛΕΩΣ (LEOS, magistrato) In basso a d. ΣΑ (SA). Il tutto in quadrato incuso.

mm. 23  gr. 13,94   RR   BB+      Barron X, A? P 45 (Hecatomnus Hoard)

Asta 399 CNG n.190      14 giugno 2017                                                

Ex LANZ  26 n.250, 5 dic.1983.

 

The Hecatomnus Hoard (CH 5. 17, 8. 96, 9. 387)

R.H.J. ASHTON, P. KINNS, K. KONUK, A.R. MEADOWS

Pag. 109

 Tetradrachms of Barron Class X.

Obv: Lion's mask facing.

 Rev: Forepart of an ox r. wearing ornamental collar, r. leg bent; behind, an olive branch; below r. : ΣΑ - above, magistrate's name ΛΕΩΣ; the whole in incuse square

Barron —: A? P—.45

13,94 g. mm.23 Ax.180     Lanz 26 (1983), 250

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Curcuas

Il metodo che segue la passione. La stessa che traspare e ci trasmette @grigioviola da ogni suo post.

Complimenti!

Mi pongo però il problema opposto. Quante monete circolano da hoards noti e di cui si son perse le classificazioni originali? In tal caso, ricondurle al tesoretto di origine può suonare ancor più ostico... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quattrino
Supporter

Nel mio mondo ideale esiste un archivio on-line  con le foto ed i dati fisici di tutte le monete di ciascun ripostiglio, pubblicato prima della dispersione sul mercato...:rolleyes:

Nel mondo reale, ammiro il lavoro sicuramente interessante ma a volte faticoso e frustrante che ci ha illustrato Grigioviola...:clapping:

Ispirato da questa discussione, non ho aperta un'altra per rintracciare la provenienza di una siliqua acquistata alcuni anni fa. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola
Il 15/1/2018 alle 16:13, Curcuas dice:

Il metodo che segue la passione. La stessa che traspare e ci trasmette @grigioviola da ogni suo post.

Complimenti!

Mi pongo però il problema opposto. Quante monete circolano da hoards noti e di cui si son perse le classificazioni originali? In tal caso, ricondurle al tesoretto di origine può suonare ancor più ostico... 

già! ...ma talvolta si fa anche questo!!! :) 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola
Il 15/1/2018 alle 18:25, quattrino dice:

Nel mio mondo ideale esiste un archivio on-line  con le foto ed i dati fisici di tutte le monete di ciascun ripostiglio, pubblicato prima della dispersione sul mercato...:rolleyes:

Nel mondo reale, ammiro il lavoro sicuramente interessante ma a volte faticoso e frustrante che ci ha illustrato Grigioviola...:clapping:

Ispirato da questa discussione, non ho aperta un'altra per rintracciare la provenienza di una siliqua acquistata alcuni anni fa. 

Sarebbe una cosa meravigliosa!!! Un po' la somma tra quanto viene fatto in Inghilterra https://finds.org.uk e quanto si sta ambiziosamente tentando di fare qui (sempre in Inghilterra :)http://chre.ashmus.ox.ac.uk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×