Jump to content
IGNORED

Tarì


roman de la rose
 Share

Recommended Posts

Ho una discreta bibliografia numismatica in merito ma non sono riuscito a classificare esattamente questo tarì. La "cosa" che mi metet un pò in crisi è quella stella a sei punte sul rovescio. ringrazio tutti per l'attenzione.

tarì1.jpg

tarì2.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buona sera,

 ho letto ora di questo tarì. Probabilmente la moneta andava inserita tra le monete relative al regno di Sicilia.

Diversi regnanti emettono tarì con una stella con queste caratteristiche, in particolare Guglielmo II e Tancredi. Tuttavia la forma della croce in Tancredi è diversa, per cui presumo si tratti di Gugliemo II. Anche il testo in cufico parrebbe quello di Guglielmo II. 

Se guardi in asta cercando guglielmo II troverai diversi tarì analoghi: https://auctions.bertolamifinearts.com/it/auc/46/e-live-auction-52-numismatica-londra-4-febbraio-2018/1/

La classificazione dovrebbe essere il D'Andrea-Contreras 355c - Spahr 102. Inseriscilo tra le monete siciliane, mi aspetto che altri utenti diano il loro parere.

La moneta similare di Tancredi è il D'Andrea-Contreras 388, Spahr 121, ma come detto la croce è diversa, presentando 2 pallini sulla sommità, qui non visibili.

 

 

 

Edited by azaad
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, azaad dice:

Buona sera,

 ho letto ora di questo tarì. Probabilmente la moneta andava inserita tra le monete relative al regno di Sicilia.

Diversi regnanti emettono tarì con una stella con queste caratteristiche, in particolare Guglielmo II e Tancredi. Tuttavia la forma della croce in Tancredi è diversa, per cui presumo si tratti di Gugliemo II. Anche il testo in cufico parrebbe quello di Guglielmo II. 

Se guardi in asta cercando guglielmo II troverai diversi tarì analoghi: https://auctions.bertolamifinearts.com/it/auc/46/e-live-auction-52-numismatica-londra-4-febbraio-2018/1/

La classificazione dovrebbe essere il D'Andrea-Contreras 355c - Spahr 102. Inseriscilo tra le monete siciliane, mi aspetto che altri utenti diano il loro parere.

La moneta similare di Tancredi è il D'Andrea-Contreras 388, Spahr 121, ma come detto la croce è diversa, presentando 2 pallini sulla sommità, qui non visibili.

 

 

 

Agli inizio ho fatto un pò i casini, riguardo i topic  chiedo venia, andava inserito dove doveva, starò + attento . Posseggo il libro che tu citi, come ho consultato un'altra pubblicazione interessante " Le monete dei Normanni nell'Italia meridionale" di Isidoro Minniti (2008) credetemi fatto molto molto bene. Eppure in questi testi non ho trovato quello che cercavo. @eliodoro @azaad mi sono dimenticato di dire che questo tarì pesa circa 1,15 grammi e il problema non è tanto la legenda in cufico o la croce e la sua posizione , siamo tutti d'accordo che si tratti di un Guglielmo o addirittura Tancredi I° , di uno dei tre. Quello che mi lascia perplesso è la stelletta piccola a sei punte tipica dei Tarì di Enrico VI ma poi non ci siamo con la legenda continuerò ad indagare, vediamo se ci saranno ulteriori indizi, grazie a voi per l'intervento.

Devo ancora fare molta pratica  qui, per inserirlo in monete siciliane devo creare un'altro topic o da qui si può fare qualcosa.

dirai, direte; sei qui dal 2010 e non ancora sai bene come funziona qui ^___^ si sono iscritto dalla prima vera del 2010 ma ho cominciato a muovermi a fine gennaio di questo anno, saluto e ringrazio

il tarì con la stella grande è Gugliemo II, quello con la stella piccola e Enrico VI

guglielmoII.jpg

 

enricoVI.jpg

Edited by roman de la rose
precisazioni
Link to comment
Share on other sites


Supporter

 Non capisco il tuo ragionamento. La legenda pare essere quella di Guglielmo II (poi magari su questo possiamo discutere, dato che il cufico non è proprio il mio forte). Quelli che conta è la legenda indipendentemente da tutto. Cosa non ti torna? esistono diverse varianti della stella dei tarí di Guglielmo II. 

Link to comment
Share on other sites


10 ore fa, azaad dice:

 Non capisco il tuo ragionamento. La legenda pare essere quella di Guglielmo II (poi magari su questo possiamo discutere, dato che il cufico non è proprio il mio forte). Quelli che conta è la legenda indipendentemente da tutto. Cosa non ti torna? esistono diverse varianti della stella dei tarí di Guglielmo II. 

Forse non mi sono spiegato bene, la legenda è quella di Guglielmo II e non si discute, quello che non mi è chiaro è la dimensione o forma della stelletta al rovescio , nella monetazione di guglielmo II, non la ho trovata , ma forse non ne sono stato capace io, tutto qui. Saluti.

Link to comment
Share on other sites


5 ore fa, eliodoro dice:

Proviamo a comparare le legende:

1) Enrico Vi;

2) Guglielmo II

3) Tancredi

49 TarìRoman de la rose

Direi Tancredi, che ne pensate?

Saluti Eliodoro

 

tarì enrico VI.jpg

tarì guglielmo II 2.jpg

tarì tancredi.jpg

1.JPG

Utilissimo grazie comincia a diradarsi un pò la nebbia, scusatemi ma sono piuttosto pignolo a riguardo le esatte classificazioni delle mie monete. Allora per quanto riguarda il tarì da mè postato la leggenda è la seguente;D; al_malik_guyhalim_al-mùsta'izz_bi.llah (Il Re potente Guglielmo per grazia di Dio) Le monete 

nei 4 quarti IC - XC - NI - KA

R; Croce su lunga astaSi

dalla forma della stelletta del tarì di che tu @eliodoro hai gentilmente postato sembrerebbe tancredi, ma bisogna indagare non sembrerebbe lui.

Quindi o è Guglielmo II (1166/1189) come è molto probabile o si tratta di un tarì di Guglielmo III°

ringrazio sentitamente per le delucidazioni, auguro una buona giornata e a rileggerci @eliodoro

Sotto Tarì di Guglielmo III°

Guglielmo III (1194). Messina o Palermo. AV Tarì. Legenda cufica intorno stella / Croce; nei quarti, IC XC / NI KA. Cf. Spahr 143; MEC –; MIR 47, 49, 454, 456. 1.23g, 10mm. BB.

https://www.sixbid.com/browse.html?auction=923&category=19245&lot=885523

885523l.jpg

Edited by roman de la rose
aggiunta link
Link to comment
Share on other sites


Supporter
2 ore fa, eliodoro dice:

Tu come l'hai preso? Come Guglielmo II?

In effetti sembra combaciare con Guglielmo III più che con guglielmo II. Ieri sera in effetti ho saltato la parte di catalogo relativa a Guglielmo III. dovrei/dovremmo imparare a trascrivere la legenda delle monete in cufico così da interpretarle seduta stante. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, azaad dice:

In effetti sembra combaciare con Guglielmo III più che con guglielmo II. Ieri sera in effetti ho saltato la parte di catalogo relativa a Guglielmo III. dovrei/dovremmo imparare a trascrivere la legenda delle monete in cufico così da interpretarle seduta stante. 

Ringrazio , mi state dando una grosso aiuto a cercare di catalogare questo tarì. a suo tempo quando li presi ce ne erano 2 , uno era di guglielmo II senza alcun dubbio e poi cera quest'altro. Con il cufico ci attrezzeremo, in effetti è molto difficile distinguere ad esempio guglielmo da tancredi, cambiano solo 2 o 3 segni ma non ancora individuo bene quali. auguro una buona serata

Link to comment
Share on other sites


4 ore fa, eliodoro dice:

Tu come l'hai preso? Come Guglielmo II?

Se ti stai riferendo anche  alle mie osservazioni, mi sto basando su questo testo. Le monete Siciliane dei Normanni Guglielmo II(1166/1189) Quaderno di studi  del Circolo Numismatico Mario Rasile _ Gennaio Febbraio 2002

auguro una buona serata

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...
Supporter

Salve, certo che bisognerebbe saper leggere il cufico come il compianto Tarascio per poter parlare con coscienza di questa monetazione. In questo caso é poi determinante poiché sul secondo giro, sia al dritto che al rovescio, é incisa l'indicazione della zecca e data di coniazione.

Comunque la moneta da te postata é un tarí di Ruggero II Re di cui anche lo Spahr osserva la lamentata incuria degli incisori visibile nelle sigle di Cristo in cui la N di Nika ha spesso la forma di una H  (Spahr 71, Biaggi 1220, Tarascio 78).

D: In centro una stella a sei punte; 1º giro di legg. cufica: Il Re Ruggero esaltato da Dio. 2º giro: Battuta nella capitale di Sicilia l'anno settimo e trentesimo e cinquantesimo ( visibile solo in parte in questo caso, meglio al rovescio)

R: Croce astile entro cerchio lineare accostata dalle sigle IC  XC  NI KA. Leggenda cufica marginale indicante zecca e data (sempre in parte ma piú completa rispetto al dritto).

Un bell'esemplare di questo tipo é passato in asta da Heritage nel 2013

 

1479988.jpg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


36 minuti fa, scalptor dice:

Salve, certo che bisognerebbe saper leggere il cufico come il compianto Tarascio per poter parlare con coscienza di questa monetazione. In questo caso é poi determinante poiché sul secondo giro, sia al dritto che al rovescio, é incisa l'indicazione della zecca e data di coniazione.

Comunque la moneta da te postata é un tarí di Ruggero II Re di cui anche lo Spahr osserva la lamentata incuria degli incisori visibile nelle sigle di Cristo in cui la N di Nika ha spesso la forma di una H  (Spahr 71, Biaggi 1220, Tarascio 78).

D: In centro una stella a sei punte; 1º giro di legg. cufica: Il Re Ruggero esaltato da Dio. 2º giro: Battuta nella capitale di Sicilia l'anno settimo e trentesimo e cinquantesimo ( visibile solo in parte in questo caso, meglio al rovescio)

R: Croce astile entro cerchio lineare accostata dalle sigle IC  XC  NI KA. Leggenda cufica marginale indicante zecca e data (sempre in parte ma piú completa rispetto al dritto).

Un bell'esemplare di questo tipo é passato in asta da Heritage nel 2013

 

1479988.jpg

Grazie mille ma , e scusami se ti faccio perdere tempo, come o in cosa differisce dal tarì di Guglielmo III ?

Edited by roman de la rose
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.