Jump to content
IGNORED

Moneta di Vittorio Emanuele II trasformata in Gettone Satirico


piergi00
 Share

Recommended Posts

...Interessante, però... suscita qualche dubbio sull'autenticità, sia della moneta in se, sia del "prodotto finale satirico"

Ecco le mie umili e ingenue osservazioni.

1) Innanzitutto, il materiale. Un 10 cent (...Parigi, sembrerebbe...) solitamente è di rame, non di questo metallo grigiastro (Stagno? Piombo?...) A vederla così, non sembrerebbe "ricoperta"; quelle tracce giallo-marroncine mi sembrano solamente una sorta di patina, o di sporco, e non un affioramento del rame sottostante...

2) Se è stata ricoperta, perché questa sì e l'altra no? (Mi riferisco all'altro palancone, però di Umberto, della discussione "sorella").

 3) Rispetto alla zona "bulinata", che appare decisamente più "fresca", il resto della moneta è molto usurato; direi che non arriva neanche all'MB. Una bella discrepanza!  Questo può far pensare che la modifica sia stata eseguita in tempi più recenti rispetto al periodo di regno di Vittorio Emanuele II; e perché uno dovrebbe fare satira "postuma"? Di solito, la si fa su personaggi contemporanei, e soprattutto in vita...altrimenti, la vedo poco sensata (dal mio punto di vista).

4) Una domanda, più che un'osservazione: quello strano copricapo rappresenta qualcosa, o è solamente frutto della fantasia?

Quindi, riassumendo: 

Si ha notizia di falsi d'epoca del palancone di VE2 del 66-OM realizzati in questo materiale?

E si conoscono altri falsi (magari del 66-OM) trasformati in gettoni satirici? O si faceva soltanto con le monete autentiche?

 

Link to comment
Share on other sites


Se prendo una moneta che non vale niente e ci traccio un cappellino come su questa e la vendo a tot. euro, il lavoro di caricatura vale la spesa. Anche a me suscita dubbi sull'effettiva congruità della satira con la data della moneta o del periodo. Lo sfregio sembra fresco di giornata.

Link to comment
Share on other sites


4 minuti fa, prtgzn dice:

Se prendo una moneta che non vale niente e ci traccio un cappellino come su questa e la vendo a tot. euro, il lavoro di caricatura vale la spesa. Anche a me suscita dubbi sull'effettiva congruità della satira con la data della moneta o del periodo. Lo sfregio sembra fresco di giornata.

@piergi00, confessa, sei tu l'autore di questo lavoro! :acute:

Link to comment
Share on other sites


@Georg

1 Moneta autentica in rame  ma argentata. La parta lavorata ha subito inoltre una lucidatura

In piu' parti affiora il colore originale e il peso e' compatibile con la sua usura e con questa tipologia

 Solitamente la bulinatura veniva fatta su monete vissute  in bassa conservazione. Difficile trovare dei FDC o SPL

2Solo l'autore di questa manomissione potrebbe darci una risposta certa,  probabilmente per esigenze artistiche o semplicemente visto il buco per farla passare come una medaglia in materiale ricco come l'argento

3 Dei Palanconi Esistono falsi in bronzo e in stagno-piombo . Nal catalogo Ingrao e' citato un 1867 di questa zecca . Appena sento l' autore chiedero' se sono apparsi anche falsi con il millesimo 1866.

4 I copricapi presenti su queste monete traggono spesso ispirazione da copricapi reali in questo caso da quello dei dragoni

 

Edited by piergi00
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


buonasera

trattasi in realtà di elmo da pompiere ottocentesco...è una ben nota incisione satirica che allude alle numerose avventure amorose che ebbe Vittorio Emanuele II.

Ragion per cui il "pompiere" Vittorio Emanuele II "spegneva" i molti fuochi dovuti alle sue amanti...

https://www.kijiji.it/annunci/collezionismo-e-fai-da-te/pisa-annunci-pisa/elmo-da-pompiere-in-ottone-fine-800-primi-900/120583438

allego link di un tipico elmo ottocentesco da pompiere,si noterà la notevole somiglianza con quello inciso.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Questa spiegazione e' molto suggestiva e mi piace  !

Tuttavia nel catatologo francese sulle monete satiriche molti esemplari simili a questo sono definiti come elmo dei dragoni

13 ore fa, alessandro2960 dice:

buonasera

trattasi in realtà di elmo da pompiere ottocentesco...è una ben nota incisione satirica che allude alle numerose avventure amorose che ebbe Vittorio Emanuele II.

Ragion per cui il "pompiere" Vittorio Emanuele II "spegneva" i molti fuochi dovuti alle sue amanti...

https://www.kijiji.it/annunci/collezionismo-e-fai-da-te/pisa-annunci-pisa/elmo-da-pompiere-in-ottone-fine-800-primi-900/120583438

allego link di un tipico elmo ottocentesco da pompiere,si noterà la notevole somiglianza con quello inciso.

 

Link to comment
Share on other sites


Si è vero già un altra persona mi citò questa pubblicazione francese,dicendomi che lo ritengono un elmo da dragone...ma come sono giunti alla conclusione che si tratti di tale tipo di elmo?

Premetto che a riguardo della "mia" ipotesi non ho testi da segnalare se non le chiacchiere che feci anni fa con un noto professionista da tempo scomparso che non di rado trattava questi pezzi satirici e che mi "ammalò" su queste curiosità:D

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.