Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Malikalkamil

Ducato Andrea Dandolo

Recommended Posts

rorey36
50 minuti fa, 417sonia dice:

c'è qualche tipo simile!

no, niente che assomigli a questa. Di imitazioni bruttine ce ne sono sul Mazarakis, ma in confronto a questa sono una bellezza.

Notate : la faccia del Doge copiata da W.Disney per il grillo parlante, ma sopratutto l'acconciatura del Cristo che sta tra una protezione di maglia da soldato medioevale e il coperchio di certi frequentatori dei centri a-sociali che serve loro a impedire l'ingresso di idee. 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabry61

Carissimi, questa è un bellissimo esemplare perchè ha tutta una ragione sua.

E' niente po' po' di meno che la copia di un' imitazione. Alcuni ducati imitativi (dati a Chiarenza od alla Grecia) riportano come prima lettera sotto l'elittica del Cristo la famosa K che il Lambros dava a Chiarenza con Roberto D'anjou.

Qui è evidente l'errore dell'incisore che copiando un ducato imitativo aggiunge la V accanto alla K. 

Vi sembra plausibile la mia teoria? Tutto l'insieme è uno scopiazzamento. P.s. il doge è inginocchiato o gli hanno messo il piedino per farselo lavare?👣

Share this post


Link to post
Share on other sites

rorey36

Però quanto siamo cattivi ! e criticoni ! 

La moneta è classificata Good Very Fine e dunque è un bel BB. E' accattaBBile per 300 + 18% Totale 354 + posta.

Cosa volete di più ?

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

rorey36

Invenduto !

Non è piaciuto, forse non era abbastanza bello.

  • Like 1
  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

domenico.mura
Supporter

Complimenti a @Malikalkamil per questo interessantissimo lavoro, e a tutti gli altri per l'affascinante conversazione! 

Vorrei tornare alla domanda che fece @Malikalkamil tempo fa sulla Sardegna, ossia se considerarla nell'area di circolazione del ducato/zecchino. Mi pare da come si è evoluta la discussione che la risposta sia no. Premetto che non sono assolutamente un esperto, ma ti riporto un paio di brani del libro "La storia della moneta in Sardegna" di Antonio Lenza:

Pag. 120, La monetazione aragonese e spagnola:

"Per l'intero periodo aragonese ... Assai ristretta è la circolazione aurea, rappresentata nell'isola esclusivamente dal fiorino di Firenze prima e successivamente dal ducato di Venezia e dal fiorino d'Aragona."

Pag. 131, La monetazione aragonese e spagnola: 

"Nel febbraio del 1492, Giovanni Dusay, Luogotenente Generale per la Sardegna, propone a Ferdinando V (Ferdinando II d'Aragona) la coniazione di una moneta aurea, che viene battuta nella zecca di Cagliari con nome di ducato, scelto dal sovrano perché questa sua moneta doveva corrispondere per il titolo e il peso al ducato di Venezia, considerato il pezzo aureo più pregiato in circolazione."

Riguardo a questo secondo punto, non ho trovato alcuna menzione di tale ducato di Ferdinando II nel mio "Le monete della Sardegna" di E. Piras.

Cosa ne pensate? Essendo un collezionista delle monete circolate in Sardegna, devo cambiare il mio con un fiorino al più presto? :D

Edited by domenico.mura
corretto titolo del libro
  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Malikalkamil

Grazie a te @domenico.mura per le interessanti informazioni riguardanti la Sardegna!

All'epoca questa discussione fornì molti spunti interessanti, grazie alle mie domande e alle numerose risposte degli amici "venetici" del forum e non solo. Poi fui costretto a sospendere le mie "indagini" per cause di forza maggiore, ma non ti nascondo che vorrei riprendere il filo del discorso non appena riuscirò ad avere un po' più di tempo.

Anzi, mi piacerebbe che sul forum ci fosse una discussione del genere per ciascuna delle grandi monete internazionali della storia, ma questa è, almeno per ora, un'impresa troppo grande per le mie possibilità!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

domenico.mura
Supporter

Sarebbe un'iniziativa lodevole! intanto mi permetto di taggare utenti del forum assai più competenti di me per la monetazione sarda, @4mori @marmo87 voi cosa ne dite? Ha effettivamente circolato in Sardegna il ducato veneziano? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

gigetto13
44 minuti fa, domenico.mura dice:

Sarebbe un'iniziativa lodevole! intanto mi permetto di taggare utenti del forum assai più competenti di me per la monetazione sarda, @4mori @marmo87 voi cosa ne dite? Ha effettivamente circolato in Sardegna il ducato veneziano? 

Mi permetto di taggare anche @417sonia, venetico doc ma con "influenze" sarde 

Share this post


Link to post
Share on other sites

417sonia
Supporter
9 ore fa, gigetto13 dice:

Mi permetto di taggare anche @417sonia, venetico doc ma con "influenze" sarde 

Ciao!

Grazie per avermi taggato; mi hai consentito di rileggermi questa bella discussione. Personalmente sono d'accordo con quanto scrive @domenico.mura; la Sardegna apparteneva ad una differente area di circolazione monetaria, rispetto a quella veneziana; l'isola non era normalmente frequentata dai veneziani e non rientrava nemmeno tra gli approdi che le carovane di galee veneziane (Mude) facevano seguendo la rotta per le Fiandre.

2061754845_Mudeprincipaliveneziane.png.979dca0e5cdc5c77a17bd7dc20e760e8.png

Ciò non vuol dire che le monete veneziane, soprattutto i ducati/zecchini, fossero misconosciuti in Sardegna.

Certamente c'erano più monete pisane, genovesi, catalane e aragonesi; monete che esprimevano i grandi interessi che questi stati, in varie epoche, hanno avuto, più o meno, nell'isola; indubbiamente le monete veneziane (ducati/zecchini in primis) erano conosciute dai grossi commercianti che avevano sede in Sardegna, dai banchieri e dai cambiavalute; l'appellativo dato al ducato/zecchino di moneta internazionale non era dato a caso, ma perché riconosciuto ed accettato ovunque, soprattutto nelle grandi transazioni di merci e servizi.

E' altrettanto certo che i nostri ducati/zecchini fossero più conosciuti negli stati centrali che avevano interessi in Sardegna, tant'è che alcuni dei quali - vedi Genova e le sue colonie greche e Aragona - coniavano non poche imitazioni e contraffazioni.

 Questo argomento mi fa ricordare una bella discussione che ha riguardato le monete veneziane in Sardegna; il periodo non è lo stesso, dal momento che il "caso" ha riguardato l'inizio del 1800, quando la Serenissima non c'era più, ma è illuminante circa la poca dimestichezza che il popolo e il Governo sardo avevano delle monete veneziane.

saluti

luciano

 

 

 

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

domenico.mura
Supporter

grazie mille @417sonia (e @gigetto13 !) per la risposta e la cartina, davvero informativa! direi allora che la risposta alla domanda sulla circolazione o meno del ducato in Sardegna risiede nella definizione di "specializzazione sociale dei metalli" introdotta dalla Balbi De Caro, ossia: 

le monete d'oro (e d'argento) sono destinate alle grosse operazioni finanziarie sia all'interno dello stato emittente che negli scambi internazionali tra diverse entità politiche; le monete di bronzo e rame rappresentano la quasi totalità del circolante effettivamente usato dalla gente comune/povera.

In questo senso mi pare si possa parlare di "circolazione" del ducato in Sardegna... e che io possa trovare la ragione di tenere il mio ducato in collezione :D

@417sonia avevo letto l'interessante discussione che hai citato, e mi aveva fatto venire in mente un altro "caso" del 1767, in cui il viceré di Sardegna Balio della Trinità emetteva un pregone (17 marzo) per la circolazione dei testoni. Questo perché (cito dallo stesso libro di prima) "avidi trafficanti e alcuni negozianti, specialmente genovesi, avevano infatti avviato un traffico di testoni scadenti, facilmente accettati per ignoranza del valore delle monete in circolazione nel Regno dai più poveri e sprovveduti" 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

fabry61
7 ore fa, 417sonia dice:

Ciao!

Grazie per avermi taggato; mi hai consentito di rileggermi questa bella discussione. Personalmente sono d'accordo con quanto scrive @domenico.mura; la Sardegna apparteneva ad una differente area di circolazione monetaria, rispetto a quella veneziana; l'isola non era normalmente frequentata dai veneziani e non rientrava nemmeno tra gli approdi che le carovane di galee veneziane (Mude) facevano seguendo la rotta per le Fiandre.

2061754845_Mudeprincipaliveneziane.png.979dca0e5cdc5c77a17bd7dc20e760e8.png

Ciò non vuol dire che le monete veneziane, soprattutto i ducati/zecchini, fossero misconosciuti in Sardegna.

Certamente c'erano più monete pisane, genovesi, catalane e aragonesi; monete che esprimevano i grandi interessi che questi stati, in varie epoche, hanno avuto, più o meno, nell'isola; indubbiamente le monete veneziane (ducati/zecchini in primis) erano conosciute dai grossi commercianti che avevano sede in Sardegna, dai banchieri e dai cambiavalute; l'appellativo dato al ducato/zecchino di moneta internazionale non era dato a caso, ma perché riconosciuto ed accettato ovunque, soprattutto nelle grandi transazioni di merci e servizi.

E' altrettanto certo che i nostri ducati/zecchini fossero più conosciuti negli stati centrali che avevano interessi in Sardegna, tant'è che alcuni dei quali - vedi Genova e le sue colonie greche e Aragona - coniavano non poche imitazioni e contraffazioni.

 Questo argomento mi fa ricordare una bella discussione che ha riguardato le monete veneziane in Sardegna; il periodo non è lo stesso, dal momento che il "caso" ha riguardato l'inizio del 1800, quando la Serenissima non c'era più, ma è illuminante circa la poca dimestichezza che il popolo e il Governo sardo avevano delle monete veneziane.

saluti

luciano

 

 

 

Ciao Luciano,

con piacere ho letto il tuo post, ma devo fare una piccola rettifica.

Non è completamente esatto che la Sardegna sia stata sempre fuori dalle linee commerciali veneziane. C'è una breve parentesi ed è la muda di Aigues-Mortes che portava le merci veneziane in Provenza. Nel 1412 dopo l'autorizzazione del Senato una galera autonoma, partiva in primavera e costeggiando l'Italia faceva rotta per la Provenza. E qui viene il bello. Non sempre, ma ogni tanto le tappe erano: Messina, Palermo, Napoli, Gaeta, Pisa, Aigues Mortes, Montpellier e Barcellona con puntate episodiche a Cagliari, Tortosa e Valenza. Ovviamente tutto questo durò fino alla guerra tra Genova e la Catalogna guerra che sconsigliò alla Serenissima di frequentare tutta l'area del Mar Tirreno e del Mar delle Baleari anche a causa dei corsari sia francesi sia catalani.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.