Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
torkill

se possibile

Risposte migliori

torkill
scusate ma sono ignorante e non ho capito nulla delle nuove normative potete spigarmi in poche parole che succede a noi colezionisti e che bisogna fare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giango60
Chiedo scusa per il ritardo........
E' che in due righe hai fatto una domanda mica da ridere!
Premesso che per essere soggette alla legge sui beni culturali le monete debbono avere più di 50 anni (?) ed avere un "valore storico culturale" (il che vuol dire tutto e niente!), personalmente non ho mai avuto notizia (ma in merito potrei non essere sufficientemente informato) di sequestri ecc. relativi a monete di epoca successiva a quella romana, a meno che non facessero parte di collezioni che comprendessero entrambe le tipologie (in caso di sequestro infatti, non credo che sul momento stiano a sottilizzare, secondo me sequestrano anche le lire della repubblica!).
Detto questo però occorre sottolineare anche il fatto che l' eventualità di un sequestro è altamente improbabile (pochi i casi verificatisi a quanto ne so) anche nei confronti di chi colleziona monete antiche, un po' forse perchè se davvero applicassero le norme alla lettera (vedi nota sulle documentazioni) si sconvolgerebbe il settore collezionistico numismatico...... un po' forse perchè nella stragrande maggioranza dei casi (relativi a semplici collezionisti) si solleverebbe un immenso polverone per poche monete antiche sì ma probabilmente comuni.... un po' perchè come ho già ipotizzato è sbagliato il metodo con cui è stata regolamentata la numismatica: equiparandola ad un palazzo storico o ad opere d' arte come sculture o dipinti (tutti pezzi unici mentre le monete generalmente sono coniate in esemplari multipli).
Ora la risposta, che alla fin fine poteva anche essere semplicissima:
Nel 99,9999 per cento dei casi a normali collezionisti non succede nulla (evitate di comprare direttamente dai tombaroli......!).
E poi non credo ci sia niente da fare..............
Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00
In primo luogo consiglio ai collezionisti di monete moderne(dal 1800 in avanti) di dormire sonni tranquilli :)
E' vero che le monete moderne con piu' di 50 anni sono soggette alla legge dei beni culturali , ma la dottrina non riconoscendo ad esse alcun interesse storico , archeologico, etnoantropologico o numismatico non le considera beni culturali
Infatti se chiedete a un qualsiasi negoziante numismatico vi potra' confermare che non ha alcun obbligo di tenere un registro per tali monete e non mi risulta che siano mai state sequestrate per tale motivo
Pertanto non vi e' alcun obbligo di presentarsi agli uffici della sopraintendenza dei Beni Culturali , ma quando mai :)
Al contrario per [color="blue"]tutte[/color] le monete romane i commercianti devono tenere un registro di carico e scarico (anche di quelle comuni che nei mercatini circolano liberamente , visto che non si tratta di ambito commerciale)
Inoltre per ogni moneta venduta sono obbligati a rilasciare all 'acquirente un certificato che identifichi univocamente la stessa e la sua provenienza
Tutto questo per evitare il mercato nero di questi beni
Trafugare un aureo o un comune bronzetto da parte di un tombarolo e' sempre un atto illecito da colpire

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67
[quote name='piergi00' date='29 gennaio 2005, 16:33']Al contrario per [color="blue"]tutte[/color] le monete romane i commercianti devono tenere un registro di carico e scarico (anche di quelle comuni che nei mercatini circolano liberamente , visto che non si tratta di ambito commerciale)[/quote]

A un recente convegno ho acquistato alcune monete (non rare) dell'800 e 900, e ho visto il venditore fare un'operazione (mai vista fare ad alcun altro) che assomiglia proprio a quella da te descritta: annotava su un quaderno/notes le monete che io acquistavo prelevandole dal suo album classificatore, e annotando anche il prezzo. Potrebbe trattarsi di un'operazione come quella da te descritta, oppure il venditore stava semplicemente aggiornando la propria lista come faccio anche io quando cedo qualche doppione? :blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00
In alcuni negozi numismatici (seri) questa procedura e' effettivamente attuata
Nei mercatini per le poche romane comprate il venditore non ha mai preso nota di nulla e tantomeno rilasciato un documento insieme alle monete

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×