Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Evento culturale Al CCNM: il multiplo d'oro di Giustiniano rubato a Parigi.

Risposte migliori

gpittini
Supporter

Era noto un solo esemplare del multiplo d'oro (36 solidi!) di Giustiniano I, conservato a Parigi nel Cabinet des Médailles des Rois, e rubato durante il famoso furto del 1831, con successiva probabile fusione di tutte le monete d'oro, che non furono più ritrovate. Il medaglione in questione rappresentava l'imperatore a cavallo, in una complessa iconografia (grande elmo piumato, ecc.) che anticipa in parte la successiva arte bizantina. Per fortuna ne erano stati fatti dei calchi, e ci restano ora alcune copie in galvanoplastica, che  consentono di ammirarne la bellezza e di studiarne le particolarità.

Giustiniano è figura essenziale nella storia dell'Oriente bizantino: non solo per il Codex Iuris Civilis Iustinianei, ma perchè fu l'ultimo a tentare seriamente una ricomposizione della romanità, riconquistando l'Occidente.

Di tutto questo ci parlerà al CCNM, martedì 18 settembre alle 20.45 (Via Terragio 1, Milano) Andrea Torno Ginnasi, che presso l'Università degli Studi di Milano si occupa di Storia dell'Arte Medievale e Bizantina, con particolare interesse per i temi imperiali e per la numismatica.

  • Mi piace 8

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cippal
Supporter

Dove è possibile osservare una delle copie in galvanoplastica?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Credo che ne esista quanto meno una a Parigi (Bibliothèque Nationale de France) e una al British Museum, però non ti so dire se sono visibili in rete. Forse potremmo "anticipare" un'immagine qui prima dell'incontro, se il conferenziere è d'accordo: glielo chiederò.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

L‘immagine e‘ riprodotta su un opuscolo del British Museum se ricordo bene 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ci sono due splendide foto delle copie in galvanoplastica sul n. 53 (2016) della "Rivista di studi bizantini e neo-ellenici", edita dall'Univ. di Roma, in un articolo appunto di Torno Ginnasi, ma non riesco ad estrarre le immagini. Chiedo direttamente a lui.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cippal
Supporter
DE GREGE EPICURI
Ci sono due splendide foto delle copie in galvanoplastica sul n. 53 (2016) della "Rivista di studi bizantini e neo-ellenici", edita dall'Univ. di Roma, in un articolo appunto di Torno Ginnasi, ma non riesco ad estrarre le immagini. Chiedo direttamente a lui.


Grazie Gianfranco per l'interessamento. L'articolo è disponibile in formato elettronico? È possibile scaricarlo?

Intanto ho appuntato in agenda l'evento..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Le notizie più dettagliate sul regno di Giustiniano ( e della potente moglie Teodora) ci provengono dalla "Storia delle Guerre" di Procopio di Cesarea, che descrive le guerre persiane, vandaliche e gotiche.

Un aspetto singolare della narrazione è che, fino agli eventi del 540 d.C., vengono espressi giudizi sostanzialmente favorevoli verso l'imperatore, mentre dopo quella data l'atteggiamento dello storico cambia: prima in modo velato, poi sempre più esplicito, le critiche diventano molto pesanti. Si sono fatte varie ipotesi:  scarsa soddisfazione di Procopio (che era personaggio importante a corte) per la "carriera"; insuccessi effettivi nella politica giustinianea; rancore verso Teodora.  Verso il 550 Procopio scrisse infine le "Carte Segrete", rese pubbliche diversi secoli più tardi, che sono una vera invettiva contro il regno di Giustiniano e Teodora, con giudizi estremamente negativi, che non salvano quasi nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Posso fornirvi la foto della copia in galvanoplastica del British Museum. Fa davvero rimpiangere che l'originale non ci sia più!

Giustiniano Londra.jpg

  • Mi piace 1
  • Triste 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Quel che colpisce al primo sguardo è sicuramente il copricapo dell'imperatore: un elmo crestato, con decorazione probabilmente di penne di pavone, denominato TOUPHA (ΤΥΦΑ), presente anche in molte altre raffigurazioni imperiali romane e bizantine, da Costantino in poi, ma qui di straordinaria dimensione e bellezza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

snam

Bello veramente! Grazie.

Chissà se fu rubato per commissione....vedrò se troverò delle informazioni sul furto. Speriamo che non sia stato fuso. 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ma Luca, l'hanno rubato durante il regno di Luigi Filippo (quello che "non era re di Francia, ma solo re dei francesi"), quasi 200 anni fa!  E' stato sicuramente fuso...pesava mezza libbra d'oro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×