Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Risposte migliori

ciosky68
Supporter

Con mio grandissimo rammarico, causa malore, non ho potuto condividere con tutti voi questa grande ed importante visita.

Grazie ancora a chi si è prodigato per la riuscita di questo evento e un saluto a tutti quei volti, a me noti.

Un saluto particolare a Mario.

Roberto

Modificato da ciosky68
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ross14

Un 'evento straordinario:

 

- contesto suggestivo ed esclusivo

- esposizione dell'evoluzione dell'iconografia di Sant'Ambrogio, da parte del Monsignor Marco Navoni, chiara, coinvolgente e ricca di dettagli. Notevole per tutti gli appassionati di storia ed arte.

- E' stato emozionante poter vedere dal vivo la palma dopo tutte le spiegazioni  date da Mario qui sul forum.

 

Un grandissimo grazie a Mario per la sempre meravigliosa gentilezza e per l'enorme impegno nella diffusione della cultura.

Modificato da Ross14
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ross14

Per mantenerne la memoria, desidero pubblicare un breve riassunto di quanto illustrato da Monsignor Marco Navoni:

1 La prima rappresentazione conosciuta di Sant'Ambrogio è il mosaico del Sacello di San Vittore in Ciel d'Oro  nella Basilica di Sant'Ambrogio. Si ritiene che questo ritratto raffiguri la reale fisionomia del Santo dato che venne realizzato non molti anni dopo la sua morte. A conferma di ciò nel mosaico le due orbite oculari risultano non perfettamente allineate, un particolare che è stato confermato dall'analisi del cranio di Ambrogio. Inoltre i vestiti sono quelli tipici del funzionario romano di fine IV secolo con dalmatica e mantello e solo una croce appesa al collo va a distinguere la funzione religiosa. 

2 Ispirato a questo mosaico troviamo, sempre nella stessa basilica, un tondo del X secolo, citato persino da Petrarca. Gli occhi sono sempre disassati e l'abito ha assunto una connotazione pienamente vescovile.

3 Nella basilica di Sant'Ambrogio è presente un bassorilievo con mitra, pastorale e bastone con pigna e nastri svolazzanti sulla sommità. E' stato teorizzato che il Sant'Ambrogio con staffile, fustigatore degli Ariani, sia nato da un equivoco derivante da questi nastri. 

Su questi tre punti inserisco le 3 foto mostrate dal Monsignore che io ho ritrovato nel web.

Poi continuo con altri post...

1.jpg

2.jpg

3.jpg

Modificato da Ross14
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crescentiacum

Iniziative di questo tipo rappresentano, a mio giudizio, delle occasioni importanti per sviluppare il senso di appartenenza verso la nostra città. Ciò che più mi ha colpito è la forte pervasività della figura del Santo anche in contesti non strettamente ecclesiastici; si deve lavorare con impegno per non perdere questa cultura, specialmente in una città come Milano, per definizione proiettata verso il futuro e che quindi rischia di dimenticare il passato.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ross14

4 Quindi nel periodo successivo, pre-Rinascimento e Rinascimento, la fisionomia del Santo viene stravolta ed assume i canoni oggi più celebri: lunga barba bianca e staffile per percuotere gli eretici Ariani. Lo staffile da quel momento in poi sarà sempre il suo segno distintivo

5 La sua funzione di fustigatore viene adattata anche a vari casi contingenti dell'epoca: Sant'Ambrogio viene rappresentato ad esempio come fustigatore dei soldati mercenari tedeschi di Lodrisio Visconti che si opposero a Luchino Visconti nella battagli di Parabiago.

6 In seguito alla Controriforma Ambrogio viene raffigurato anche senza barba, con una somiglianza notevole a San Carlo. Quest'ultimo aveva infatti prescritto che il clero dovesse essere sempre ben rasata. Nel rinascimento la barba era infatti diventata un simbolo di mondanità.

7 Il Monsignore ha poi parlato dell'episodio leggendario in cui Sant'Ambrogio aveva impedito l'ingresso in chiesa a causa dell'Eccidio di Tessalonica. Si tratta tuttavia di un episodio leggendario che ebbe origine da una lettera che il Santo scrisse all'Imperatore, in seguito alla quale Teodosio chiese comunque pubblicamente perdono. L'allontanamento dell'imperatore dalla chiesa era solo un sogno di Ambrogio narrato nella lettera stessa, usato come espediente per ventilare (non apertamente) la scomunica di quest'ultimo.

8 Nell'abside della Basilica di Sant'Ambrogio compare la narrazione di un miracolo del Santo: San'Ambrogio sarebbe caduto in un sonno mistico durante una celebrazione per poi ricomparire a vegliare il corpo di San Martino appena deceduto.

9 Sant'Ambrogio è il protettore degli apicoltori: nel nord Europa viene spesso rappresentato con un favo. Ciò è dovuto ad un miracolo accaduto quando il Santo era ancora in fasce: sarebbe infatti stato circondato da uno sciame di api le quali, invece di attaccarlo, deposero del miele sulle sue labbra a prefigurazione della futura eloquenza.

 

Modificato da Ross14
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Edoardo91

Grazie mille agli organizzatori dell'evento per tutto il lavoro e l'impegno che hanno dedicato a rendere possibile l'evento di ieri. È stato affascinante ascoltare e imparare da monsignor Navoni: la sua presentazione mi è piaciuta moltissimo e la ho trovata davvero istruttiva. Molto bella anche l’occasione di poter visitare zone dell’Ambrosiana normalmente chiuse ai visitatori. Veramente un bell’evento, grazie ancora di aver reso possibile la bella mattinata di ieri.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Ringrazio gli ultimi tre giovani presenti ieri con questa straordinari commenti, il futuro e’ loro e questi commenti ci fanno ancora sperare, ringrazio però anche i nostri soci onorari che ci hanno regalato pagine emozionanti e altissime, la Prof.ssa Travaini e Mons. Navoni , un grande grazie a loro.... Onorari non e’ poi solo un titolo simbolico ma devono anche loro con le loro professionalità essere parte integrante e attiva del gruppo e delle iniziative e quindi un grande grazie a loro due che quest’anno ci hanno regalato immagini divulgative a dir poco  straordinarie.

Vi omaggio con una quasi poetica e suggestiva immagine del Cortile degli Spiriti Magni la cui visione di ieri e’ stata un altro grande momento esclusivo e solo per noi ...una chicca nelle chicche ...

7B17FBAC-013B-4E68-9B5F-520524437E23.jpeg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Tra le immagini viste particolari c’e’ sicuramente questa...

Siamo nel mosaico in Sant’Ambrogio in basso a destra si intravede la sagoma del Santo, poi ingrandita la vediamo in una posa inusuale ricurva, quasi cadente, forse in meditazione profonda imageproxy.php?img=&key=5e0bb1c4d3ea1258...

5A5A41DF-FB50-4FA7-93AE-35520B9D9133.jpeg

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

E dall’alto dal Medagliere dove c’e’ l’esposizione fissa di Monete della zecca di Milano, il Cortile degli Spiriti Magni diventa ancora più magico ...

4D6FDDEE-86D1-4D93-AED0-270E11E420FB.jpeg

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sirlad

Complimenti anche da parte mia per il bellissimo evento organizzato dall'Associazione culturale "Quelli del Cordusio", sono questi gli eventi che avvicinano sempre più persone al meraviglioso mondo della numismatica.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Testone68

L'intreccio storico tra Milano,  S Ambrogio e numismatica, per di più in una location privilegiata (sacrestia di San Sepolcro),  ha reso piacevolissimo l 'evento, di un tema non frequente strutturato in una così ampia interdisciplinarietá.

Grande ed autorevole l' intervento di mons.  NavonI. 

Ottimo!!! ( COME SEMPRE, ....) il tutto. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4mori

Domenica mattina in un luogo suggestivo e rapito dalle spiegazioni del Mons. Navoni, ho scoperto tantissime cose su Sant'Ambrogio, sulla sua storia politica e spirituale e su come il Santo sia diventato col tempo il simbolo identificativo di Milano, quindi Milano e Sant'Ambrogio sono praticamente una simbiosi inscindibile.

Su come il Santo sia stato anche preso come difensore di Milano e del suo popolo, con le varie leggende che nel tempo si sono susseguite.

Bellissima giornata.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Vi porto i saluti e i ringraziamenti da parte di Mons. Navoni Marco per la splendida e numerosa partecipazione e il grande interesse dimostrato  per l’occasione

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter

Sabato lo aveva detto anche Mons. Navoni oggi viene riportato anche sui giornali.

Il reale ritratto di Sant’Ambrogio dovrebbe essere questo in mosaico.

Cristina Cattaneo, prof. Medicina Legale Statale di Milano tramite le nuove tecnologie anche di TAC risale ai problemi ossei del Santo , la brutta frattura alla clavicola, gli occhi non in linea...quindi questo fu probabilmente il Santo ,un metro e settanta circa, 60 anni circa, forse oggi possiamo dire e’ lui ....

5741D1B1-9383-4FF0-962D-9F33EE81B99B.jpeg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4mori

Ho sentito ieri la notizia al tg regionale del fatto che siano state fatte le tac ai resti dei tre santi che si trovano nella cripta della chiesa di Sant'Ambrogio, quindi si puo avere un idea molto chiara della fisionomia di Sant'Ambrogio.

Bello vedere l'immagine di Ambrogio nella sua realtà, come avere una foto attuale, visto che di molti Santi si conoscono solo le fattezze che sono state tramandate nel tempo magari proio tramite le monete, ma poi come insegna Sant'Ambrogio la vera immagine discosta da quella che nel tempo è apparsa sulle monete.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dabbene
Supporter
6 minuti fa, 4mori dice:

Ho sentito ieri la notizia al tg regionale del fatto che siano state fatte le tac ai resti dei tre santi che si trovano nella cripta della chiesa di Sant'Ambrogio, quindi si puo avere un idea molto chiara della fisionomia di Sant'Ambrogio.

Bello vedere l'immagine di Ambrogio nella sua realtà, come avere una foto attuale, visto che di molti Santi si conoscono solo le fattezze che sono state tramandate nel tempo magari proio tramite le monete, ma poi come insegna Sant'Ambrogio la vera immagine discosta da quella che nel tempo è apparsa sulle monete.

Praticamente abbiamo assistito sabato a uno scoop storico e culturale in diretta, una perla nella perla del sabato ambrosiano ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×