Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Augusto60

Arcadio

Recommended Posts

Augusto60

Buonasera, vorrei proporre all'attenzione questo follis di Arcadio mm. 17  gr. 2.53. zecca di Cizico VIRTVS-EXERCITI

In wildwins ho trovato due riferimenti che possono essere comparati con questa moneta e cioè

RIC X 66 A  oppure  RIC X 66 B.

A me sembra più compatibile il RIC X 66 B, cosa ne pensate ?

Grazie

s-l1600 (1).jpg

s-l1600.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nervoso
Stilicho
Supporter
28 minuti fa, Augusto60 dice:

Buonasera, vorrei proporre all'attenzione questo follis di Arcadio mm. 17  gr. 2.53. zecca di Cizico VIRTVS-EXERCITI

In wildwins ho trovato due riferimenti che possono essere comparati con questa moneta e cioè

RIC X 66 A  oppure  RIC X 66 B.

A me sembra più compatibile il RIC X 66 B, cosa ne pensate ?

Grazie

s-l1600 (1).jpg

s-l1600.jpg

A me pare di leggere, in esergo, SMKA.

Ciao da Stilicho

Share this post


Link to post
Share on other sites

Augusto60

SMKA è  la zecca di civico ? Ma la mia domanda era una altra...

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nervoso
Stilicho
Supporter
11 minuti fa, Augusto60 dice:

SMKA è  la zecca di civico ? Ma la mia domanda era una altra...

Saluti

SMKA dovrebbe significare "Sacra Moneta Kyzici (zecca di Cyzico) , prima officina (A)" così mi sembra.

Quindi potrebbe trattarsi della RIC X 66A?

Leggendo su Wildwinds a proposito della RIC X 66B però c'e' scritto "Known mintmarks SMKA and SMKB" 

Onestamente non capisco bene..

Sentiamo il parere di qualcuno esperto.

Buona notte.

Stilicho

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini

Buonasera, credo in una imprecisione di Wildwinds nel senso che la moneta, che penso sia un centenionalis per Cyzicus (395-402) e non un follis, andrebbe distinta in 66a e 66b solo per la marca di officina, che nella 66a è la A (prima), nella 66b dovrebbe essere  solamente la B (seconda).

SEAR, a comprova, unisce le officine A e B in un solo numero, 20831, specificando che per quella unica moneta, le marche possono essere giustamente A o B.

Perciò, come chiaramente si legge all'esergo, il centenionalis di @Augusto60 è quello detto 66"a", che  in RIC dovrebbe essere il 66, mentre quello con marca B dovrebbe essere il 67.

Data l'ora, non sono troppo chiaro. Insomma sbaglia Wildwinds a riportare sia SMKA che SMKB sotto lo stesso numero "66b". Sotto quel 66b dovremmo leggere solo SMKB.

Uffa, ce l'ho fatta!

CIAO

 

Edited by Hirpini
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Augusto60

Molte grazie, non si finisce mai di imparare qualcosa. A proposito che differenza c'è tra un follis e un centenionalis ?

 

Edited by Augusto60

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini

In poche parole, il "follis", plurale folles, è una moneta di bronzo introdotta da Diocleziano con la riforma monetaria del 294. Inizialmente era di grande diametro, aveva un peso di circa 10-15 grammi e conteneva una minima quantità di argento, intorno a 4% così come il "mezzo follis", del peso di 7-8 grammi. Lo stesso Diocleziano cercò di  calmierare i prezzi con un editto dei prezzi e del valore dei principali prodotti, ma la svalutazione monetaria non si fermò e col tempo il peso del follis  fu via via ridotto finché dovette essere sostituito con una moneta più piccola. Nel 346 fu infatti introdotto un bronzetto di circa 3 grammi di peso e 18-20 mm. di modulo. che fu chiamato "nummus centenionalis" in quanto equivalente, si pensa, ad 1/100 di "siliqua", la moneta d'argento a sua volta equivalente a 1/24 del "solido d'oro" (insieme nacque anche il "mezzo centenionalis").

Col tempo anche il valore del centenionalis andò via via diminuendo finché nel 354 fu "ridotto". Successivamente si dovette ricorrere a suoi sottomultipli ma qui le ipotesi sul nome di queste monete più piccole e sul loro peso non sono concordi.

Detto tutto e bene? Chi lo sa!

 

 

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97
9 minuti fa, Hirpini dice:

In poche parole, il "follis", plurale folles, è una moneta di bronzo introdotta da Diocleziano con la riforma monetaria del 294. Inizialmente era di grande diametro, aveva un peso di circa 10-15 grammi e conteneva una minima quantità di argento, intorno a 4% così come il "mezzo follis", del peso di 7-8 grammi. Lo stesso Diocleziano cercò di  calmierare i prezzi con un editto dei prezzi e del valore dei principali prodotti, ma la svalutazione monetaria non si fermò e col tempo il peso del follis  fu via via ridotto finché dovette essere sostituito con una moneta più piccola. Nel 346 fu infatti introdotto un bronzetto di circa 3 grammi di peso e 18-20 mm. di modulo. che fu chiamato "nummus centenionalis" in quanto equivalente, si pensa, ad 1/100 di "siliqua", la moneta d'argento a sua volta equivalente a 1/24 del "solido d'oro" (insieme nacque anche il "mezzo centenionalis").

Col tempo anche il valore del centenionalis andò via via diminuendo finché nel 354 fu "ridotto". Successivamente si dovette ricorrere a suoi sottomultipli ma qui le ipotesi sul nome di queste monete più piccole e sul loro peso non sono concordi.

Detto tutto e bene? Chi lo sa!

 

 

 

Alla grande! :good:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Augusto60

Grazie dela precisa ed esaustiva risposta !!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hirpini

PS: il "follis" fu reintrodotto nella monetazione bizantina da Anastasio I con la riforma del 498. Era una moneta di bronzo di grande modulo (diametro) e del valore di 40 nummi. Fu distinto da una grande :Greek_Mu: o m o in numeri romani da un :Greek_Chi::Greek_Chi::Greek_Chi::Greek_Chi:. I suoi sottomultipli erano indicati:

con la lettera :Greek_Lambda: o :Greek_Chi::Greek_Chi::Greek_Chi: (30 nummi); con la lettera :Greek_Kappa: o :Greek_Chi::Greek_Chi: (20 nummi); con la lettera :Greek_Iota: o :Greek_Chi: (10 nummi); e poi con le lettere :Greek_epsilon: (cinque nummi); :Greek_Beta: (2 nummi) e :Greek_Alpha: (un nummo).

Beh, ora vado a pranzo

Edited by Hirpini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nervoso
Stilicho
Supporter
19 ore fa, Hirpini dice:

Buonasera, credo in una imprecisione di Wildwinds nel senso che la moneta, che penso sia un centenionalis per Cyzicus (395-402) e non un follis, andrebbe distinta in 66a e 66b solo per la marca di officina, che nella 66a è la A (prima), nella 66b dovrebbe essere  solamente la B (seconda).

SEAR, a comprova, unisce le officine A e B in un solo numero, 20831, specificando che per quella unica moneta, le marche possono essere giustamente A o B.

Perciò, come chiaramente si legge all'esergo, il centenionalis di @Augusto60 è quello detto 66"a", che  in RIC dovrebbe essere il 66, mentre quello con marca B dovrebbe essere il 67.

Data l'ora, non sono troppo chiaro. Insomma sbaglia Wildwinds a riportare sia SMKA che SMKB sotto lo stesso numero "66b". Sotto quel 66b dovremmo leggere solo SMKB.

Uffa, ce l'ho fatta!

CIAO

 

Era quello che intendevo io, ovviamente in modo molto meno chiaro e fumoso.

Grazie Hirpini, buona serata.

Stilicho

Share this post


Link to post
Share on other sites

Massenzio
Il 3/4/2019 alle 12:59, Hirpini dice:

In poche parole, il "follis", plurale folles, è una moneta di bronzo introdotta da Diocleziano con la riforma monetaria del 294. Inizialmente era di grande diametro, aveva un peso di circa 10-15 grammi e conteneva una minima quantità di argento, intorno a 4% così come il "mezzo follis", del peso di 7-8 grammi. Lo stesso Diocleziano cercò di  calmierare i prezzi con un editto dei prezzi e del valore dei principali prodotti, ma la svalutazione monetaria non si fermò e col tempo il peso del follis  fu via via ridotto finché dovette essere sostituito con una moneta più piccola. Nel 346 fu infatti introdotto un bronzetto di circa 3 grammi di peso e 18-20 mm. di modulo. che fu chiamato "nummus centenionalis" in quanto equivalente, si pensa, ad 1/100 di "siliqua", la moneta d'argento a sua volta equivalente a 1/24 del "solido d'oro" (insieme nacque anche il "mezzo centenionalis").

Col tempo anche il valore del centenionalis andò via via diminuendo finché nel 354 fu "ridotto". Successivamente si dovette ricorrere a suoi sottomultipli ma qui le ipotesi sul nome di queste monete più piccole e sul loro peso non sono concordi.

Detto tutto e bene? Chi lo sa!

 

 

 

@Hirpini ci sono alcune imprecisioni, sui così detti mezzi Follis che non raggiunsero mai quel peso perché vennero coniati quando il peso del nummo aveva già di suo raggiunto i 6 grammi, inoltre questi non erano argentati, proprio come i radiati bronzei post riforma.

riguardo il centenionale che sembra essere stato introdotto molto prima (quasi 30 anni prima della data da te proposta) ti consiglio di leggere NUMMI E CENTENIONALES di Patrick Magnus Bruun.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.