Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
zaleukos

Ossidazione moneta AE

Recommended Posts

zaleukos

Buonasera.

Riordinando stamani la mia collezione numismatica, che conservo in fogli raccoglitori composti da tasche plastiche di varia grandezza, ho notato che una moneta bronzea bizantina presenta alcune piccole neoformazioni di ossidazione ("verderame").

Qualcuno può consigliarmi come intervenire risolvendo il dannoso problema (senza fastidiose conseguenze per la moneta) e, anche, prevenendolo per il futuro?

Grazie. 

 

Edited by zaleukos

Share this post


Link to post
Share on other sites

moneta66
Supporter

Potrebbe postare una o più foto della moneta ? Entrambi i lati se possibile anche se un solo presenta questo fenomeno, dalla sola descrizione scritta è molto più difficile comprendere il fenomeno.

X INFO : non dovrebbe essere un topic squisitamente tecnico ? Magari spostare nella sezione opportuna. Grazie.

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos

Questa è la moneta con i punti di ossidazione.

IMG_0729.JPG

IMG_1161.JPG

Edited by zaleukos

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos

Questo è il foglio raccoglitore plastificato.

IMG_1162.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97

Ciao zaleukos, mai conservare monete antiche nelle buste di plastica. A lungo andare si può formare cloruro rameoso, un composto verde dovuto all'ossidazione del rame tramite il cloro contenuto nelle bustine di plastica. La moneta è anche un po' spatinata, di conseguenza l'agente ossidante non ha ostacoli dovuti ad altri composti (patine) e ossida più facilmente e velocemente il rame. Assolutamente ti consiglio di trattarla poiché il cloruro rameoso è il precursore del cosiddetto cancro del bronzo. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos

Grazie.

Due domande:

1) come meglio conservare le monete?

2) quale trattamento è opportuno in tale caso?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spento
ANDREA1982
8 minuti fa, zaleukos dice:

Grazie.

Due domande:

1) come meglio conservare le monete?

2) quale trattamento è opportuno in tale caso?

Un metodo che ti consiglierei e' "usare" un monetiere..distese su velluto. Oppure se le vuoi preservare al meglio esistono in commercio le capsule..rallentano sicuramente l'ossidazione..

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spento
ANDREA1982

Per trattarla io userei un cotonfiok con 50/50 limone e acqua e strofinare con cotonfiok, oppure un bagno in acqua demineralizzata per qualche ora e stuzzicadenti...ma preferisco avere conferma da chi piu' esperto sicuramente di me.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97

La scelta migliore è metterle in un vassoio di floccato o velluto e conservarle in un luogo possibilmente privo di luce e umidità. 

La prima cosa che devi assolutamente fare è isolare la moneta in questione poiché potrebbe "contagiare" le altre monete. Per trattare l'ossidazione penso che un trattamento in acqua deionizzata + qualche goccia di EDTA (un agente complessante che cattura gli ioni metallici) con una successiva pulizia delicata basta e avanza. Un altro composto che viene utilizzato è benzotriazolo al 4 - 6% disciolto in alcol etilico (il migliore per trattare il cancro del bronzo poiché blocca una volta per tutte il processo corrosivo) ma sinceramente mi sembra troppo esagerato per trattare una ossidazione del genere, poi è un composto pericoloso e si devono usare molte precauzioni. 

Edited by Xenon97
Aggiunta di informazioni
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Xenon97

Ultimo avviso Zaleukos...Ti consiglio di aspettare altre risposte perché magari ti potranno consigliare altri metodi più semplici ed efficaci. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

moneta66
Supporter

Il follis bizantino presenta diversi punti di corrosione da cloruri/ossicloruri, ovvero sono in atto reazioni chimiche corrosive per la lega metallica, ovvero CDB.

La moneta è spatinata, quindi un trattamento con BZT sarebbe elegante e rispettoso della patina..ma totalmente inopportuno,  è comunque un trattamento da farsi con agenti chimici nocivi, quindi poco pratico in ambiente domestico, e non è detto che risolva il problema. 

Voglio verificare il tipo di trattamento più adatto e pratico, poi  la informo in un prossimo post.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

moneta66
Supporter

Proverei con questo metodo localizzato, poco invasivo e pratico. Rimozione meccanica con stuzzicadenti di tutto il composto verde e polverina residua possibile.

Instillare, sempre con lo stuzzicadenti 1 o 2 gocce di ammoniaca concentrata su ogni punto verde pulito, lasciare agire per 2 o 3 minuti. asciugare assorbendo con carta..igienica e ripetere sino a quando il blu intenso che si forma al momento del contatto tra la soluzione di ammoniaca e zone corrose non diventa minimo o quasi impercettibile al momento del contatto ammoniaca/moneta. Diciamo che il primo e secondo trattamento, anche con una sola goccia svilupperanno un blu intenso, scuro oltremare (BENE..la reazione procede come previsto)., i successivi dovrebbero sviluppare molto poco colore blu.

Ripetere sino a quando questo colore è pallido o inesistente, se dopo il 3 o 4 trattamento con gocce il blu è ancora molto intenso lasciare agire per almeno 10 min. ogni trattamento. Lasciare a riposo con le gocce di soluzione ammoniacale per 10 min. e tamponare con carta assorbente (igienica....) quando il colore blu è pallido o scomparso...diciamo alla fine.

Asciugare e controllare tra 3 o 4 giorni se ricompare il verde. Ci aggiorniamo per quei giorni...per vedere come è andata.

 

PS Potrei suggerire altri modi, molto più aggressivi ma vista la localizzazione dei punti ritengo superfluo utilizzare sistemi meno precisi e localizzati.  Oltre a un po' di puzza questo metodo eseguito fuori al balcone o in giardino non è pericoloso o nocivo. Basta tenere lontano il naso....dalla boccetta al momento dell'apertura e manipolazione boccetta, e dalla moneta....per sentire se puzza:!!🤣

L'ammoniaca concentrata si trova in farmacia a pochi euro. (basta il formato da 30 o 50 ml, la più piccola)

Usare guanti e bastoncini lunghi da BBQ.. Lo spandimento dell'ammoniaca sulla moneta non produce effetti, visto il tempo di contatto e il materiale. Ma NON immergerla nell'ammoniaca, bisogna osservare la variazione cromatica blu per capire come va il trattamento.

 

Non riporre le monete nelle taschine in PVC o altri materiali similari......

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos
6 minuti fa, moneta66 dice:

Proverei con questo metodo localizzato, poco invasivo e pratico. Rimozione meccanica con stuzzicadenti di tutto il composto verde e polverina residua possibile.

Instillare, sempre con lo stuzzicadenti 1 o 2 gocce di ammoniaca concentrata su ogni punto verde pulito, lasciare agire per 2 o 3 minuti. asciugare assorbendo con carta..igienica e ripetere sino a quando il blu intenso che si forma al momento del contatto tra la soluzione di ammoniaca e zone corrose non diventa minimo o quasi impercettibile al momento del contatto ammoniaca/moneta. Diciamo che il primo e secondo trattamento, anche con una sola goccia svilupperanno un blu intenso, scuro oltremare (BENE..la reazione procede come previsto)., i successivi dovrebbero sviluppare molto poco colore blu.

Ripetere sino a quando questo colore è pallido o inesistente, se dopo il 3 o 4 trattamento con gocce il blu è ancora molto intenso lasciare agire per almeno 10 min. ogni trattamento. Lasciare a riposo con le gocce di soluzione ammoniacale per 10 min. e tamponare con carta assorbente (igienica....) quando il colore blu è pallido o scomparso...diciamo alla fine.

Asciugare e controllare tra 3 o 4 giorni se ricompare il verde. Ci aggiorniamo per quei giorni...per vedere come è andata.

 

PS Potrei suggerire altri modi, molto più aggressivi ma vista la localizzazione dei punti ritengo superfluo utilizzare sistemi meno precisi e localizzati.  Oltre a un po' di puzza questo metodo eseguito fuori al balcone o in giardino non è pericoloso o nocivo. Basta tenere lontano il naso....dalla boccetta al momento dell'apertura e manipolazione boccetta, e dalla moneta....per sentire se puzza:!!🤣

L'ammoniaca concentrata si trova in farmacia a pochi euro. (basta il formato da 30 o 50 ml, la più piccola)

Usare guanti e bastoncini lunghi da BBQ.. Lo spandimento dell'ammoniaca sulla moneta non produce effetti, visto il tempo di contatto e il materiale. Ma NON immergerla nell'ammoniaca, bisogna osservare la variazione cromatica blu per capire come va il trattamento.

 

Non riporre le monete nelle taschine in PVC o altri materiali similari......

 

Grazie!.

Il tempo necessario per attrezzarmi e procederò in tal guisa, notiziando sull'esito (... che auspico risolutivo).

P.S. Qualche ulteriore consiglio per adeguatamente conservare le monete dopo averle estratte dalle taschine in pvc? Esistono in commercio diversi appositi contenitori (anche cartonati) ?

 

Edited by zaleukos

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos
19 ore fa, moneta66 dice:

Proverei con questo metodo localizzato, poco invasivo e pratico. Rimozione meccanica con stuzzicadenti di tutto il composto verde e polverina residua possibile.

Instillare, sempre con lo stuzzicadenti 1 o 2 gocce di ammoniaca concentrata su ogni punto verde pulito, lasciare agire per 2 o 3 minuti. asciugare assorbendo con carta..igienica e ripetere sino a quando il blu intenso che si forma al momento del contatto tra la soluzione di ammoniaca e zone corrose non diventa minimo o quasi impercettibile al momento del contatto ammoniaca/moneta. Diciamo che il primo e secondo trattamento, anche con una sola goccia svilupperanno un blu intenso, scuro oltremare (BENE..la reazione procede come previsto)., i successivi dovrebbero sviluppare molto poco colore blu.

Ripetere sino a quando questo colore è pallido o inesistente, se dopo il 3 o 4 trattamento con gocce il blu è ancora molto intenso lasciare agire per almeno 10 min. ogni trattamento. Lasciare a riposo con le gocce di soluzione ammoniacale per 10 min. e tamponare con carta assorbente (igienica....) quando il colore blu è pallido o scomparso...diciamo alla fine.

Asciugare e controllare tra 3 o 4 giorni se ricompare il verde. Ci aggiorniamo per quei giorni...per vedere come è andata.

 

PS Potrei suggerire altri modi, molto più aggressivi ma vista la localizzazione dei punti ritengo superfluo utilizzare sistemi meno precisi e localizzati.  Oltre a un po' di puzza questo metodo eseguito fuori al balcone o in giardino non è pericoloso o nocivo. Basta tenere lontano il naso....dalla boccetta al momento dell'apertura e manipolazione boccetta, e dalla moneta....per sentire se puzza:!!🤣

L'ammoniaca concentrata si trova in farmacia a pochi euro. (basta il formato da 30 o 50 ml, la più piccola)

Usare guanti e bastoncini lunghi da BBQ.. Lo spandimento dell'ammoniaca sulla moneta non produce effetti, visto il tempo di contatto e il materiale. Ma NON immergerla nell'ammoniaca, bisogna osservare la variazione cromatica blu per capire come va il trattamento.

 

Non riporre le monete nelle taschine in PVC o altri materiali similari......

 

Missione compiuta, ossidazione scomparsa.

Grazie mille.

 

 

Edited by zaleukos

Share this post


Link to post
Share on other sites

moneta66
Supporter

E' possibile postare una foto del dopo trattamento ? Vorrei vedere se ci sono state altre variazioni di colore anomale .....(anche se sono escludersi a priori dal punto di vista chimico).

Bisogna attendere qualche giorno per valutare il risultato finale ottenuto.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos
3 ore fa, moneta66 dice:

E' possibile postare una foto del dopo trattamento ? Vorrei vedere se ci sono state altre variazioni di colore anomale .....(anche se sono escludersi a priori dal punto di vista chimico).

Bisogna attendere qualche giorno per valutare il risultato finale ottenuto.

 

 

Ecco l'AE follis anonimo bizantino di classe B dell'età di Romano III Agiro (1028 - 1034) dopo il trattamento.

Ho ricollocato la moneta in un contenitore cartonato, che ho dotato di piano vellutato e, comunque, dovrò ancora intervenire per rimuovere qualche residua traccia di ossidazione, ma il più è stato fatto, auspicando il non riformarsi del problema.

Grazie ancora per la proficua consulenza.

 

 

Edited by zaleukos

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaleukos

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.