Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
adelchi

Tremisse NOVATARI ?

Recommended Posts

adelchi

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.e-periodica.ch/cntmng%3Fpid%3Dsmb-001:1968:18::1247&ved=2ahUKEwiqs9f2xYXkAhUS3aQKHSZ2BlQQFjAAegQIARAB&usg=AOvVaw0G3xgBJXFljd_tims0-ywe&cshid=1565895162084

Buonasera a tutti.

Sulla questione del tremisse stellato di Desiderio con legenda NOVATARI gli studiosi sembrano dare per scontata l'attribuzione a novate e non a Novara (ipotesi ventilata dal Bernareggi ma subito scartata da quest'ultimo ).

La teoria dominante poggia sul presupposto che molte "zecche" flavie presentano legende con varie desinenze ,soprattutto Castelseprio .

Posto che molte di tali desinenze non facciano riferimento a officine ,NOVATE  con circa sei esemplari ,non ne presenta nessuna , in tutti I casi si cita il toponimo con chiarezza .

Quindi non vedo motivo per non dare la stessa dignita' anche all'ipotesi di una eventuale "FLAVIA NOVARA" visto che effettivamente tale citta' era sicuramente una piazzaforte di notevole importanza nel circuito difensivo longobardo.

Voi che ne pensate?

Saluti ,Adelchi.

 

IMG_20190815_204844.jpg

Edited by adelchi
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi

Salve Adelchi, la provenienza di questo tremisse ?

Edited by Alberto Varesi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Testone68

Dall' articolo del Bernareggi:

Questi tremissi, a prescindere da pochi esemplari (e molti falsi) già noti nella
seconda metà del secolo scorso, provengono dal ripostiglio di Ilanz del 1904, gelosamente
custodito nel museo di Coirà e dal ripostiglio di Mezzomerico (in provincia
di Novara) venuto alla luce intorno al 1915 e subito sciaguratamente disperso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Claudius

io voto Novara, non fosse altro per la vicinanza con Mezzomerico (che è in provincia di Novara e a pochi km dalla stessa).

Inoltre Novara aveva un ruolo importante nel periodo longobardo, ha senso che avesse una zecca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66
9 ore fa, Alberto Varesi dice:

Salve Adelchi, la provenienza di questo tremisse ?

Ciao Alberto, il Bernareggi lo situa in una collezione privata. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66
9 ore fa, Testone68 dice:

Dall' articolo del Bernareggi:

Questi tremissi, a prescindere da pochi esemplari (e molti falsi) già noti nella
seconda metà del secolo scorso, provengono dal ripostiglio di Ilanz del 1904, gelosamente
custodito nel museo di Coirà e dal ripostiglio di Mezzomerico (in provincia
di Novara) venuto alla luce intorno al 1915 e subito sciaguratamente disperso.

Si, ma si riferiva alla tipologia delle flavie in generale e non alla "Novatari" in particolare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66
5 ore fa, Claudius dice:

io voto Novara, non fosse altro per la vicinanza con Mezzomerico (che è in provincia di Novara e a pochi km dalla stessa).

Inoltre Novara aveva un ruolo importante nel periodo longobardo, ha senso che avesse una zecca

Attenzione : non c'è nessun nesso tra il tremisse in questione e il ripostiglio di Mezzomerico, non facciamoci fuorviare da associazioni inesistenti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi
Il 15/8/2019 alle 21:14, adelchi dice:

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.e-periodica.ch/cntmng%3Fpid%3Dsmb-001:1968:18::1247&ved=2ahUKEwiqs9f2xYXkAhUS3aQKHSZ2BlQQFjAAegQIARAB&usg=AOvVaw0G3xgBJXFljd_tims0-ywe&cshid=1565895162084

Buonasera a tutti.

Sulla questione del tremisse stellato di Desiderio con legenda NOVATARI gli studiosi sembrano dare per scontata l'attribuzione a novate e non a Novara (ipotesi ventilata dal Bernareggi ma subito scartata da quest'ultimo ).

La teoria dominante poggia sul presupposto che molte "zecche" flavie presentano legende con varie desinenze ,soprattutto Castelseprio .

Posto che molte di tali desinenze non facciano riferimento a officine ,NOVATE  con circa sei esemplari ,non ne presenta nessuna , in tutti I casi si cita il toponimo con chiarezza .

Quindi non vedo motivo per non dare la stessa dignita' anche all'ipotesi di una eventuale "FLAVIA NOVARA" visto che effettivamente tale citta' era sicuramente una piazzaforte di notevole importanza nel circuito difensivo longobardo.

Voi che ne pensate?

Saluti ,Adelchi.

 

IMG_20190815_204844.jpg

Appena torno in ufficio guardo il Bernareggi. La Pardi che dice in merito ?

personalmente non mi convince al 100%

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66

La Pardi cita la legenda ma mi pare che non faccia commenti a tal proposito. 

Quale delle due ipotesi non ti convince? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66

Secondo me un buon precedente è dato dall'unicum da Ivrea con legenda EBORGIA, in quanto il toponimo flavio discosta notevolmente da quello romano (Eporedia), nel nostro caso un'eventuale NOVATARIA non sarebbe idea peregrina magari contando sul fatto che, per problemi di spazio, la legenda non sia stata scritta per intero. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi

Dalla foto non sono convinto della autenticità, ma mi riservo di guardare con calma il Bernareggi

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adelchi66

Ah Beh  Certo!  Tutti i nostri ragionamenti dando per scontato che sia autentico, tutto può essere, ma la tipologia dovrebbe esistere visto che il Bernareggi cita un frammento da lui precedentemente attribuito ad Ovada sulla base della legenda incompleta

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi

Dando per scontata l’autenticità del pezzo o, quantomeno, dell'esistenza della moneta con tale legenda, non ti sembra strano che la lettera R e I siano in nesso ? A memoria non ricordo altri esemplari con tale forma

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alberto Varesi

Rimanendo nella mia posizione critica in merito all'autenticità dell'esemplare integro (ben altra cosa mi sembra invece quello spezzato riportato a pag. 182 del Bernareggi), rimane la difficoltà ad indicarne la zecca.

La Pardi illustra l'esemplare frammentato indicandolo come appartenente a NOVATE (Castelnovate) e, nella tabella dei nomi delle zecche, riporta alcune desinenze che ne giustificherebbero tale attribuzione.

Si tratterebbe quindi di una desinenza "particolare" di difficile interpretazione.

Così come esiste SebrioPAV (in nesso) al posto di SEBRIO seguita da lettera (C, I, S o T), NovatARI (o NOVATARV ??) costituirebbe quindi una variante di legenda degli esemplari con NOVATE.
 

 

 

 

 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.