Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
miza

1 Lira 1906 Vittorio E. III

Recommended Posts

miza

Buon pomeriggio

Alcune settimane fa l'amico  @giuseppe ballauri  mi ha suggerito un metodo per pulire le nostre monete. Nel caso specifico si parlava di una  moneta da 1 lira 1906 motivo per cui scrivo in questa sezione... 

Con tutte le precauzioni: NO! su monete in FDC, NO! su monete importanti, NO!.... Ho provato il metodo e posso dire di essere rimasto soddisfatto. Vi mostro il risultato

Prima della pulizia:

190337119_Italia1lira1906aquilasabaudaqMB(3).JPG.6226af66affcef5bf7cff28d2671be6f.JPG1063903131_Italia1lira1906aquilasabaudaqMB(2).JPG.b947f2fb0c16d3784ca72dfc55525ce5.JPG

Dopo la pulizia: la patina è rimasta

1854636929_Italia1Lira1906pulita(1).JPG.42f7a2a26a1764174237de8bbb85fa33.JPG1086290406_Italia1Lira1906pulita(2).JPG.738263bb380b259e7e903a86cc528076.JPG

Metodo: posizionare il foglio di alluminio in una tazza, versare un cucchiaino di bicarbonato, posizionare la monete e ricoprirla con la polvere di bicarbonato e versare acqua bollente. Ripetere l'operazione se non si è soddisfatti.

IMG_4827.JPG.11edf4841229e9e6bb528c3bdab56075.JPG

saluti

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

Sono contento miza che sei soddisfatto. Il risultato mi sembra ottimo. Sono un estimatore della "vera patina" e quindi la mia priorità è mantenere il più possibile la moneta com'è. Però ci sono delle monete che sono incrostate e sporche che fanno anche un po' schifo a maneggiarle, in questo caso, dopo molte prove e molto studio e suggerimenti, ho trovato questo metodo che mi piace. Mio padre mi aveva lasciato una cassetta di monete del Regno che probabilmente erano state sepolte negli anni della guerra. Così ho potuto fare degli esperimenti. Per l'argento questo mi sembra un buon metodo perchè preserva anche la patina. Purtroppo sono anni che cerco un metodo per il rame, ma penso sia un'impresa impossibile ( se qualcuno ha dei suggerimenti..)

Ciao Beppe 

Share this post


Link to post
Share on other sites

gallo83

Per me invece era molto più accattivante prima che la lavassi

  • Like 2
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

dux-sab

mi sembra peggiorata con la pulizia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

lorluke
Supporter

Concordo con @gallo83 e @dux-sab. Secondo me aveva molto più carattere prima. Adesso mi sembra sinceramente un po’ spenta... Poi, magari, vedendola in mano dà tutt’altra impressione. 

Edited by lorluke

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scudo1901
28 minuti fa, gallo83 dice:

Per me invece era molto più accattivante prima che la lavassi

Anche per me. Nella mia personalissima sensibilità le monete non vanno MAI toccate, non sicuramente per lavarle ma neanche semplicemente per pulirle.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallienus

È questione di gusti. Personalmente la preferisco senza tutto quel lercio sopra.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sirlad

Se a te piace di più così @miza non discuto...

A mio parere hai commesso uno scempio, ha perso tutto il suo fascino, è diventata una moneta anonima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

tonycamp1978

i risultati ottenuti sono buoni, purtroppo quando si pulisce una moneta usurata non si può pretendere di più.. la patina su una moneta usurata è fondamentale perché lo sporco che si annida nelle poche cavità rimaste da' la sensazione del rilievo... in questo caso resta solo un colore omogeneo che non va ad accumularsi nei punti bassi... cmq a parte questa riflessione... non è che si può pretendere l'impossibile da un lavaggio.. quello ottenuto è già tanto... altra riflessione che vorrei fare... secondo me va bene sulle monete in bassa conservazione... sulle monete meglio conservate spl o fdc credo che possa danneggiarle perché la polvere bicarbonato bisogna riversarla sopra e può graffiare il metallo...poi con l'acqua bollente lo trovo molto aggressivo come metodo... per cui lo adotterei solo su monete molto mal messe e molto sporche

Edited by tonycamp1978

Share this post


Link to post
Share on other sites

pietromoney

Ottimo metodo per pulire le monete in argento

Certamente da preferire ad altre tecniche e procedure (succo di limone, liquido specifico per monete in argento di note marche, elettrolisi, etc etc)

In questo caso il metallo non viene minimamente graffiato pur riversandoci il bicarbonato di sodio sopra. Non avviene nessuna azione abrasiva.

La reazione chimica, fa si che lo sporco si stacchi dalla moneta attraverso piccole bollicine d'acqua che salgono verso la superfice. Infine sul fondo del recipiente andrà a depositarsi lo sporco.

Ho utilizzato anche io questo metodo con ottimi risultati ed aggiungo che però va fatto con acqua demineralizzata

Infine pure io convengo sul fatto che le monete non vanno mai pulite, salvo casi particolari

Share this post


Link to post
Share on other sites

miza

Ringrazio tutti per i vostri costruttivi commenti, riconosco che quello della pulizia delle monete è un tema molto  controverso. 

Buona serata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Danielucci

Purtroppo anche a me piaceva molto ma molto di più prima, aveva su quel bel vestito di vissuto che la rendeva molto affascinante...peccato!!!

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

Sulla pulizia delle monete ognuno di voi ha ragione. Sono di "ampie vedute" in questo campo, avendo sperimentato con molte monete lercie o malandatissime varie puliture che potessero preservare la patina e pulissero lo sporco. Perchè apprezzo moltissimo la vera patina, ma quando sono sporche devi in qualche maniera pulirle, perchè possono anche essere dei vettori di malattie ( e scusate.. lo affermo in quanto ho svolto l'attività di medico per quasi 40 anni). Vi potrei raccontare del secchio di monete sepolte in una stalla e comperate da mio padre a peso. Ottimo affare. Solo che erano incrostate dai liquami... E da queste ho cominciato a sperimentare i metodi di pulizia, chiedendo, studiando, provando.

E' facile dire: " Era meglio prima...

3 ore fa, Danielucci dice:

aveva su quel bel vestito di vissuto che la rendeva molto affascinante...peccato!!!

 Rispetto la tua idea. Ma se tu comperi un oggetto d'epoca bellissimo, che però ha delle incrostazioni che potrebbero essere di materiale organico, oppure unto e bisunto, non lo porti da un esperto o da una restauratore, oppure se hai metodo valido non lo pulisci? Penso di sì.. se no tua moglie te lo fa buttare in discarica!

Mi sono permesso di consigliare a miza una metodica che, a mio parere è la migliore per le monete "sporche". Qualcuno la può apprezzare, altri no e va benissimo così, rispetto tutte le idee e ribadisco che la vera patina per le monete è il massimo e mai mi sognerei di pulirle. Comprendo anche che i più giovani ormai comperino solo monete alle Aste, dai Professionisti, magari "perfette e slabbate". Quando ero giovane si andava alla ricerca di monete dalle famiglie, dai falegnami ( ottima categoria per comperare le monete, perchè le trovavano nei cassetti dei mobili) e le comperavi come erano. Molte erano talmente sporche che potevi intuire solo quale moneta era. Quindi? Metteresti in raccolta una moneta che è stata per anni in un letamaio? 

Ciao Beppe

 

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

tonycamp1978
30 minuti fa, giuseppe ballauri dice:

Sulla pulizia delle monete ognuno di voi ha ragione. Sono di "ampie vedute" in questo campo, avendo sperimentato con molte monete lercie o malandatissime varie puliture che potessero preservare la patina e pulissero lo sporco. Perchè apprezzo moltissimo la vera patina, ma quando sono sporche devi in qualche maniera pulirle, perchè possono anche essere dei vettori di malattie ( e scusate.. lo affermo in quanto ho svolto l'attività di medico per quasi 40 anni). Vi potrei raccontare del secchio di monete sepolte in una stalla e comperate da mio padre a peso. Ottimo affare. Solo che erano incrostate dai liquami... E da queste ho cominciato a sperimentare i metodi di pulizia, chiedendo, studiando, provando.

E' facile dire: " Era meglio prima...

 Rispetto la tua idea. Ma se tu comperi un oggetto d'epoca bellissimo, che però ha delle incrostazioni che potrebbero essere di materiale organico, oppure unto e bisunto, non lo porti da un esperto o da una restauratore, oppure se hai metodo valido non lo pulisci? Penso di sì.. se no tua moglie te lo fa buttare in discarica!

Mi sono permesso di consigliare a miza una metodica che, a mio parere è la migliore per le monete "sporche". Qualcuno la può apprezzare, altri no e va benissimo così, rispetto tutte le idee e ribadisco che la vera patina per le monete è il massimo e mai mi sognerei di pulirle. Comprendo anche che i più giovani ormai comperino solo monete alle Aste, dai Professionisti, magari "perfette e slabbate". Quando ero giovane si andava alla ricerca di monete dalle famiglie, dai falegnami ( ottima categoria per comperare le monete, perchè le trovavano nei cassetti dei mobili) e le comperavi come erano. Molte erano talmente sporche che potevi intuire solo quale moneta era. Quindi? Metteresti in raccolta una moneta che è stata per anni in un letamaio? 

Ciao Beppe

 

 

se si ha la certezza che viene dalle fogne.. è un conto... negli altri casi qualsiasi moneta che abbia circolato  ha residui organici... ex sudore.. quindi... laviamo tutto? anche sulle banconote che abbiamo nel portafogli ci sono residui organici.. si rischia di trovarci anche qualche sostanza stupefacente 🤣

Edited by tonycamp1978

Share this post


Link to post
Share on other sites

miza

Ciao @giuseppe ballauri

Sono contento di aver fatto l'esperimento. (se provate, fatelo sempre su monete comuni e di pochissimo valore) Penso che un numismatico deve anche sapere intervenire su una moneta se necessario. Non dimentichiamo che in commercio diversi tondelli datati hanno subito un qualche trattamento, per esempio sono rimasto colpito dall'esperimento dell'uovo sodo (cosa ci si può inventare...) illustrato da @littleEvil se non ricordo male. Però  se si acquista esperienza con questi innocui esperimenti possiamo capire come sono intervenuti sulla moneta e decidere se acquistarla oppure no. Sono  del parere che le monete devono essere lasciate così come sono e questo lo sottolineo, Quasi mai intervengo su una moneta però ritengo che qualche esperimento non è sempre distruttivo. 

Poi per carità, su questo tema  ognuno ha il suo rispettabilissimo punto di vista

saluti 

Edited by miza
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

tonycamp1978

avete mai provato il dentifricio? una mia zia ci puliva le cose in argento ossidate.. ho provato a fare degli esperimenti e direi che i risultati non sono male.. ma non usate quello ai microgranuli🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites

miza
17 ore fa, tonycamp1978 dice:

avete mai provato il dentifricio? una mia zia ci puliva le cose in argento ossidate.. ho provato a fare degli esperimenti e direi che i risultati non sono male.. ma non usate quello ai microgranuli🤣

Ciao @tonycamp1978

Il dentifricio è solitamente  abrasivo e dona alla moneta  una lucentezza innaturale all'occhio esperto. Quindi il dentifricio va bene per le posate ma non va bene per le monete

Personalmente boccio l'utilizzo del dentifricio.

:hi:

 

Edited by miza
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gallienus

Io sono dell'idea che sia necessario fare una distinzione tra patina (fenomeno naturale di ossidazione del metallo a contatto con l'aria e di conseguenza segno del tempo e dell'ambiente in cui la moneta ha vissuto - come nel caso delle patine sulfuree di alcune zone del regno di Napoli e Sicilia) e lercio (quello della prima immagine).

Il primo fenomeno è un bell'abito, che può costituire un surplus di valore per la moneta e che va molto di moda in tempi recenti.

Il secondo resta lercio, equivale non a un bell'abito ma ad andare in giro puzzolenti, con i capelli unti e le incrostazioni di sudore e altre amenità corporee.

Confondere le due cose non mi pare cosa auspicabile, né in società né in numismatica.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Danielucci
16 ore fa, giuseppe ballauri dice:

Sulla pulizia delle monete ognuno di voi ha ragione. Sono di "ampie vedute" in questo campo, avendo sperimentato con molte monete lercie o malandatissime varie puliture che potessero preservare la patina e pulissero lo sporco. Perchè apprezzo moltissimo la vera patina, ma quando sono sporche devi in qualche maniera pulirle, perchè possono anche essere dei vettori di malattie ( e scusate.. lo affermo in quanto ho svolto l'attività di medico per quasi 40 anni). Vi potrei raccontare del secchio di monete sepolte in una stalla e comperate da mio padre a peso. Ottimo affare. Solo che erano incrostate dai liquami... E da queste ho cominciato a sperimentare i metodi di pulizia, chiedendo, studiando, provando.

E' facile dire: " Era meglio prima...

 Rispetto la tua idea. Ma se tu comperi un oggetto d'epoca bellissimo, che però ha delle incrostazioni che potrebbero essere di materiale organico, oppure unto e bisunto, non lo porti da un esperto o da una restauratore, oppure se hai metodo valido non lo pulisci? Penso di sì.. se no tua moglie te lo fa buttare in discarica!

Mi sono permesso di consigliare a miza una metodica che, a mio parere è la migliore per le monete "sporche". Qualcuno la può apprezzare, altri no e va benissimo così, rispetto tutte le idee e ribadisco che la vera patina per le monete è il massimo e mai mi sognerei di pulirle. Comprendo anche che i più giovani ormai comperino solo monete alle Aste, dai Professionisti, magari "perfette e slabbate". Quando ero giovane si andava alla ricerca di monete dalle famiglie, dai falegnami ( ottima categoria per comperare le monete, perchè le trovavano nei cassetti dei mobili) e le comperavi come erano. Molte erano talmente sporche che potevi intuire solo quale moneta era. Quindi? Metteresti in raccolta una moneta che è stata per anni in un letamaio? 

Ciao Beppe

 

 

Io ho giudicato dalle foto, e da quelle ho espresso il MIO parere...se sapevo che sopra ci avevano anche :moon:, allora ti avrei detto hai fatto benissimo a pulirla...anzi consigliere anche un po' di Amuchina.

Ciao Daniele

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

giuseppe ballauri
Supporter

Come ho scritto, rispetto tutti i pareri, soprattutto il tuo che hai scritto e risposto con equilibrio ad una questione molto dibattuta. 

43 minuti fa, Danielucci dice:

anzi consigliere anche un po' di Amuchina.

l'Amuchina sarebbe un disastro perchè è Ipoclorito di Sodio diluito ( la stessa cosa della Candeggina ). Per eliminare i batteri basta l'acqua bollente. 

Ciao Beppe 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cabanes
15 ore fa, Gallienus dice:

Il secondo resta lercio, equivale non a un bell'abito ma ad andare in giro puzzolenti, con i capelli unti e le incrostazioni di sudore e altre amenità corporee.

un po' drastico nell'analisi, ma un "mi piace" lo dò comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.